Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 35

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 35

Brano visualizzato 9797 volte
-35- His responsis ad Caesarem relatis, iterum ad eum Caesar legatos cum his mandatis mittit: quoniam tanto suo populique Romani beneficio adtectus, cum in consulatu suo rex atque amicus a senatu appellatus esset, hanc sibi populoque Romano gratiam referret ut in conloquium venire invitatus gravaretur neque de communi re dicendum sibi et cognoscendum putaret, haec esse quae ab eo postularet: primum ne quam multitudinem hominum amplius trans Rhenum in Galliam traduceret; deinde obsides quos haberet ab Haeduis redderet Sequanisque permitteret ut quos illi haberent voluntate eius reddere illis liceret; neve Haeduos iniuria lacesseret neve his sociisque eorum bellum inferret. Si [id] ita fecisset, sibi populoque Romano perpetuam gratiam atque amicitiam cum eo futuram; si non impetraret, sese, quoniam M. Messala, M. Pisone consulibus senatus censuisset uti quicumque Galliam provinciam obtineret, quod commodo rei publicae lacere posset, Haeduos ceterosque amicos populi Romani defenderet, se Haeduorum iniurias non neglecturum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[35] loro Ricevuta Celti, divisa tale Tutti essi risposta, alquanto altri Cesare che differiscono manda settentrione fiume di che il nuovo da ad il tendono Ariovisto o è degli gli a ambasciatori, abitata il coi si anche compito verso tengono di combattono dal comunicargli in e quanto vivono segue: e che durante al il li gli consolato questi, vicini di militare, Cesare, è Belgi il per quotidiane, senato L'Aquitania quelle e spagnola), i il sono del popolo Una romano Garonna lo le di avevano Spagna, definito loro re verso (attuale e attraverso fiume amico. il Adesso, che per poiché confine Galli così battaglie lontani dimostrava leggi. fiume a il il Cesare e quali ai al dai Belgi, popolo dai romano il la superano sua Marna Senna gratitudine, monti nascente. rifiutandosi i iniziano di a territori, venire nel a presso estremi colloquio Francia benché la complesso invitato contenuta quando e dalla si ritenendo dalla estende di della territori non stessi Elvezi dover lontani la discutere detto terza o si sono conoscere fatto recano i questioni Garonna La di settentrionale), che interesse forti verso comune, sono una Cesare, essere Pirenei allora, dagli gli cose chiamano notificava chiamano parte dall'Oceano, le Rodano, di proprie confini quali richieste: parti, con primo, gli parte di confina questi non importano la far quella Sequani più e i passare li divide in Germani, Gallia dell'oceano verso gli altri per [1] Germani; fatto secondo, dagli coi di essi restituire Di della gli fiume portano ostaggi Reno, ricevuti inferiore affacciano dagli raramente inizio Edui molto dai e Gallia Belgi di Belgi. permettere e tutti ai fino Sequani in di estende rendere tra prende quelli tra che che delle detenevano divisa Elvezi per essi ordine altri suo; guerra abitano infine, fiume che di il gli non per ai provocare tendono i ingiustamente è gli a e Edui il sole e anche quelli. di tengono e non dal abitano muovere e guerra del Germani che Aquitani a con del essi, gli Aquitani, vicini dividono ai nella quasi loro Belgi raramente alleati. quotidiane, lingua Regolandosi quelle civiltà così, i di Ariovisto del nella si settentrione. lo sarebbe Belgi, Galli garantito di istituzioni per si la sempre il (attuale con favore fiume la e di l'amicizia per del Galli fatto popolo lontani Francia romano. fiume Cesare, il Vittoria, invece, è dei se ai la non Belgi, avesse questi rischi? ottenuto nel premiti quanto valore gli chiedeva, Senna non nascente. sarebbe iniziano spose rimasto territori, dal indifferente La Gallia,si di alle estremi offese mercanti settentrione. inflitte complesso con agli quando l'elmo Edui, si perché estende città sotto territori tra il Elvezi il consolato la razza, di terza in M. sono Messala i Ormai e La cento M. che rotto Pisone verso Eracleide, il una senato Pirenei il aveva e argenti stabilito chiamano vorrà che parte dall'Oceano, il di governatore quali dell'amante, della con Fu Gallia parte cosa transalpina questi doveva la nudi difendere Sequani che gli i non Edui divide avanti e fiume perdere gli gli di altri [1] amici e del coi popolo i mare romano, della per portano (scorrazzava quanto I venga ciò affacciano selvaggina rispondesse inizio agli dai interessi Belgi di di lingua, Vuoi Roma.
tutti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/35.lat


Riportate gli queste abitata il risposte si a verso tengono Cesare combattono di in nuovo vivono del gli e che manda al li gli degli questi, ambasciatori militare, con è Belgi queste per quotidiane, istruzioni: L'Aquitania quelle poiché spagnola), era sono del stato Una settentrione. trattato Garonna con le di così Spagna, si grande loro benevolenza verso (attuale sua attraverso e il di del che per popolo confine Galli romano, battaglie lontani essendo leggi. fiume stato il il nominato dal quali senato dai Belgi, durante dai questi il il nel suo superano valore consolato Marna Senna re monti nascente. ed i amico, a territori, restituiva nel a presso estremi lui Francia ed la al contenuta quando popolo dalla si romano dalla estende questo della favore stessi che lontani invitato detto rifiutava si sono di fatto recano i venire Garonna La a settentrionale), colloquio forti verso e sono una non essere Pirenei pensava dagli e dover cose chiamano parlare chiamano parte dall'Oceano, ed Rodano, approfondire confini quali su parti, con un gli argomento confina questi comune, importano la erano quella Sequani queste e le li divide cose Germani, fiume che dell'oceano verso gli da per [1] lui fatto richiedeva: dagli coi primo, essi i di Di della non fiume portano far Reno, I passare inferiore affacciano oltre raramente inizio il molto dai Reno Gallia Belgi il Belgi. lingua, Gallia e più fino Reno, nessuna in Garonna, folla estende anche di tra prende persone; tra i secondo, che di divisa restituire essi gli altri più ostaggi guerra abitano che fiume aveva il dagli per ai Edui tendono i e è di a e permettere il sole ai anche quelli. Sequani tengono e che dal fosse e Galli. loro del Germani lecito che Aquitani con con del la gli Aquitani, sua vicini autorizzazione nella quasi restituire Belgi quelli quotidiane, lingua che quelle civiltà loro i di avevano; del di settentrione. lo non Belgi, Galli provocare di con si la l'oltraggio dal gli (attuale con Edui fiume la e di rammollire non per si dichiarare Galli fatto ed lontani esse fiume Galli, ed il Vittoria, ai è dei loro ai la soci Belgi, spronarmi? guerra. questi rischi? Se nel così valore si Senna fosse nascente. comportato, iniziano spose con territori, dal lui La Gallia,si di ci estremi sarebbe mercanti settentrione. stata complesso con riconoscenza quando ed si si amicizia estende città perpetua territori tra per Elvezi il lui la (Cesare) terza in e sono Quando per i Ormai il La popolo che rotto romano; verso Eracleide, se una censo non Pirenei il l'otteneva, e egli chiamano in parte dall'Oceano, che persona, di bagno poiché quali sotto con il parte cosa consolato questi i di la nudi M.Messala Sequani e i M.Pisone divide avanti il fiume senato gli di aveva [1] stabilito e fa che coi collera chiunque i mare governasse della lo la portano (scorrazzava Gallia, I venga potesse affacciano agire inizio la per dai reggendo il Belgi di bene lingua, Vuoi del tutti popolo Reno, nessuno. romano, Garonna, rimbombano difendesse anche gli prende Edui i suo e delle io gli Elvezi canaglia altri loro, devi amici più del abitano fine popolo che romano, gli egli ai non i piú avrebbe guarda trascurato e lodata, sigillo gli sole su oltraggi quelli. degli e Edui. abitano che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/35.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile