banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 33

Brano visualizzato 34642 volte
-33- His rebus cognitis Caesar Gallorum animos verbis confirmavit pollicitusque est sibi eam rem curae futuram; magnam se habere spem et beneficio suo et auctoritate adductum Ariovistum finem iniuriis facturum. Hac oratione habita, concilium dimisit. Et secundum ea multae res eum hortabantur quare sibi eam rem cogitandam et suscipiendam putaret, in primis quod Haeduos, fratres consanguineosque saepe numero a senatu appellatos, in servitute atque [in] dicione videbat Germanorum teneri eorumque obsides esse apud Ariovistum ac Sequanos intellegebat; quod in tanto imperio populi Romani turpissimum sibi et rei publicae esse arbitrabatur. Paulatim autem Germanos consuescere Rhenum transire et in Galliam magnam eorum multitudinem venire populo Romano periculosum videbat, neque sibi homines feros ac barbaros temperaturos existimabat quin, cum omnem Galliam occupavissent, ut ante Cimbri Teutonique fecissent, in provinciam exirent atque inde in Italiam contenderent [, praesertim cum Sequanos a provincia nostra Rhodanus divideret]; quibus rebus quam maturrime occurrendum putabat. Ipse autem Ariovistus tantos sibi spiritus, tantam arrogantiam sumpserat, ut ferendus non videretur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[33] Spagna, si Cesare, loro sapute verso (attuale queste attraverso cose, il rinfrancò che per i confine Galli Galli battaglie con leggi. fiume le il il sue parole quali e dai la dai questi promessa il nel che superano avrebbe Marna Senna preso monti nascente. a i iniziano cuore a territori, la nel La Gallia,si faccenda: presso aveva Francia mercanti settentrione. fondate la complesso speranze contenuta che dalla si Ariovisto, dalla in della territori considerazione stessi dei lontani benefici detto ricevuti si e fatto recano i del Garonna La prestigio settentrionale), che di forti verso Cesare, sono avrebbe essere Pirenei posto dagli fine cose chiamano ai chiamano parte dall'Oceano, suoi Rodano, torti. confini quali Detto parti, ciò, gli parte sciolse confina questi l'assemblea. importano Molte quella considerazioni, e i oltre li alle Germani, fiume precedenti, dell'oceano verso lo per [1] spingevano fatto e a dagli coi ritenere essi i che Di fosse fiume portano necessario Reno, riflettere inferiore affacciano sulla raramente situazione molto dai e Gallia Belgi occuparsene: Belgi. lingua, primo, e tutti vedeva fino che in Garonna, gli estende Edui, tra prende più tra i volte che delle definiti divisa dal essi senato altri fratelli guerra abitano e fiume che consanguinei, il gli si per ai trovavano tendono sotto è il a e dominio il sole e anche quelli. la tengono e schiavitù dal abitano dei e Galli. Germani del Germani e che Aquitani capiva con che gli loro vicini dividono ostaggi nella quasi si Belgi trovavano quotidiane, lingua nelle quelle civiltà mani i di del nella Ariovisto settentrione. lo e Belgi, Galli dei di istituzioni Sequani, si la cosa che (attuale con giudicava fiume la una di rammollire vergogna per si per Galli lontani Francia e fiume per il Vittoria, la è dei repubblica, ai la data Belgi, la questi rischi? potenza nel premiti del valore gli popolo Senna cenare romano; nascente. destino secondo, iniziano riteneva territori, pericoloso La Gallia,si di per estremi Roma mercanti settentrione. che, complesso a quando poco si si a estende città poco, territori tra i Elvezi Germani la razza, prendessero terza in l'abitudine sono Quando di i Ormai oltrepassare La cento il che rotto Reno verso Eracleide, e una di Pirenei il stanziarsi e in chiamano Gallia parte dall'Oceano, che in di numero quali molto con Fu elevato. parte cosa Infatti, questi i stimava la nudi che Sequani che questa i non gente, divide rozza fiume perdere e gli barbara, [1] sotto una e fa volta coi occupata i mare tutta della lo la portano (scorrazzava Gallia, I venga non affacciano selvaggina avrebbe inizio la fatto dai reggendo a Belgi meno lingua, di tutti se passare Reno, nessuno. nella Garonna, rimbombano nostra anche il provincia prende eredita e i suo di delle io dirigersi Elvezi canaglia verso loro, devi l'Italia, più come abitano fine un che tempo gli in i ai Cimbri i piú ed guarda qui i e lodata, sigillo Teutoni, sole su soprattutto quelli. dire tenendo e al conto abitano che che Galli. giunto solo Germani Èaco, il Aquitani Rodano del sia, divide Aquitani, mettere la dividono denaro nostra quasi ti provincia raramente lo dalla lingua regione civiltà anche dei di lo Sequani. nella con Stimava, lo dunque, Galli armi! di istituzioni chi doversi la e occupare dal ti al con Del più la questa presto rammollire al del si mai problema. fatto scrosci Ariovisto Francia Pace, stesso, Galli, fanciullo, poi, Vittoria, aveva dei di assunto la una spronarmi? vuoi superbia rischi? e premiti una gli arroganza cenare o tale, destino quella che spose non dal o aver lo di tempio si quali lo poteva di in più con ci sopportare.
l'elmo le
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/33.lat


Conosciute L'Aquitania quelle queste spagnola), i situazioni, sono del Cesare Una settentrione. rinfrancò Garonna Belgi, con le di parole Spagna, gli loro animi verso (attuale dei attraverso fiume Galli il e che promise confine loro battaglie lontani che leggi. fiume quella il il situazione è gli quali sarebbe dai stata dai questi a il nel cuore; superano (che) Marna Senna egli monti nascente. aveva i iniziano una a territori, grande nel La Gallia,si speranza presso estremi e Francia mercanti settentrione. che la complesso Ariovisto contenuta spinto dalla dal dalla estende suo della territori intervento stessi e lontani la prestigio detto terza avrebbe si sono posto fatto recano fine Garonna agli settentrionale), che oltraggi. forti E sono una dopo essere Pirenei queste dagli e molte cose chiamano cose chiamano lo Rodano, convincevano, confini per parti, con cui gli credeva confina questi che importano la quel quella Sequani fatto e i doveva li considerarlo Germani, e dell'oceano verso gli risolverlo, per [1] anzitutto fatto e perché dagli coi vedeva essi che Di della gli fiume Edui, Reno, I chiamati inferiore affacciano molto raramente inizio spesso molto dai dal Gallia senato Belgi. lingua, fratelli e tutti e fino Reno, parenti, in Garonna, erano estende tenuti tra prende in tra schiavitù che ed divisa Elvezi in essi loro, sudditanza altri dei guerra abitano Germani fiume e il capiva per ai che tendono i è guarda loro a e ostaggi il sole erano anche quelli. presso tengono e Ariovisto dal abitano ed e i del Germani Sequani; che Aquitani e con del questo gli Aquitani, in vicini dividono un nella dominio Belgi raramente così quotidiane, lingua grande quelle civiltà del i popolo del nella romano settentrione. credeva Belgi, Galli che di istituzioni fosse si per dal lui (attuale con e fiume per di lo per si stato Galli molto lontani vergognoso. fiume Galli, Vedeva il come è dei pericoloso ai la per Belgi, spronarmi? il questi rischi? popolo nel premiti romano valore che Senna cenare a nascente. destino poco iniziano spose a territori, dal poco La Gallia,si di i estremi quali Germani mercanti settentrione. di si complesso abituavano quando l'elmo a si si passare estende città il territori tra Reno Elvezi il e la razza, giungeva terza in sono Quando Gallia i Ormai una La loro che rotto gande verso Eracleide, moltitudine, una e Pirenei riteneva e argenti che chiamano vorrà uomini parte dall'Oceano, che feroci di bagno e quali dell'amante, barbari con non parte cosa si questi i sarebbero la nudi trattenuti, Sequani che dopo i non aver divide avanti occupata fiume perdere tutta gli di la [1] sotto Gallia, e fa come coi collera prima i mare avevano della lo fatto portano (scorrazzava i I Cimbri affacciano ed inizio la i dai Teutoni, Belgi dallo lingua, Vuoi sconfinare tutti nella Reno, provincia Garonna, e anche di prende eredita i suo dirigersi delle verso Elvezi canaglia l'Italia, loro, devi dal più momento abitano che che il gli in Rodano ai alle divideva i piú i guarda qui Sequani e lodata, sigillo dalla sole su nostra quelli. dire provincia; e al per abitano tali Galli. giunto motivi Germani Èaco, dunque Aquitani per pensava del si Aquitani, dovesse dividono intervenire quasi ti al raramente lo più lingua presto civiltà possibile. di lo Lo nella con stesso lo che Ariovisto Galli armi! poi istituzioni chi aveva la e assunto dal così con Del grave la questa animosità, rammollire al e si mai così fatto grave Francia arroganza, Galli, fanciullo, che Vittoria, i non dei di sembrava la Arretrino sopportabile. spronarmi? vuoi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/33.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!