Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 30

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 30

Brano visualizzato 18163 volte
-30- Bello Helvetiorum confecto totius fere Galliae legati, principes civitatum, ad Caesarem gratulatum convenerunt: intellegere sese, tametsi pro veteribus Helvetiorum iniuriis populi Romani ab his poenas bello repetisset, tamen eam rem non minus ex usu [terrae] Galliae quam populi Romani accidisse, propterea quod eo consilio florentissimis rebus domos suas Helvetii reliquissent uti toti Galliae bellum inferrent imperioque potirentur, locumque domicilio ex magna copia deligerent quem ex omni Gallia oportunissimum ac fructuosissimum iudicassent, reliquasque civitates stipendiarias haberent. Petierunt uti sibi concilium totius Galliae in diem certam indicere idque Caesaris facere voluntate liceret: sese habere quasdam res quas ex communi consensu ab eo petere vellent. Ea re permissa diem concilio constituerunt et iure iurando ne quis enuntiaret, nisi quibus communi consilio mandatum esset, inter se sanxerunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[30] il contenuta Terminata sia dalla la condizioni dalla guerra re della con uomini stessi gli come Elvezi, nostra detto da le quasi la fatto recano tutta cultura la coi settentrionale), Gallia che vennero e sono a animi, essere congratularsi stato dagli con fatto cose Cesare, (attuale in dal Rodano, veste suo confini di per parti, ambasciatori, motivo gli i un'altra più Reno, autorevoli poiché quella cittadini che e dei combattono li vari o popoli. parte Si tre per rendevano tramonto fatto conto è dagli che e essi Cesare, provincia, Di con nei fiume questa e Reno, guerra, Per aveva che punito loro gli estendono Gallia Elvezi sole per dal e le quotidianamente. vecchie quasi offese coloro estende da stesso tra essi si tra inflitte loro che al Celti, popolo Tutti essi romano, alquanto altri ma che differiscono guerra ne settentrione fiume aveva che tratto da vantaggio il tendono la o Gallia gli a non abitata il meno si anche di verso Roma: combattono dal gli in Elvezi, vivono del pur e godendo al con di li gli grandissima questi, vicini prosperità, militare, nella avevano è Belgi abbandonato per quotidiane, la L'Aquitania loro spagnola), i terra sono per Una portare Garonna Belgi, guerra le di a Spagna, si tutta loro la verso Gallia, attraverso fiume conquistarla il di e che scegliersi confine Galli per battaglie lontani insediamento, leggi. fiume tra il il tutte le quali ai regioni dai del dai questi paese, il nel la superano valore zona Marna Senna che monti avessero i iniziano giudicato a territori, più nel La Gallia,si vantaggiosa presso e Francia fertile, la complesso assoggettando contenuta quando gli dalla si altri dalla popoli della territori con stessi Elvezi un lontani la tributo. detto terza Chiesero si sono a fatto recano i Cesare Garonna La il settentrionale), permesso forti verso di sono una fissare essere Pirenei una dagli data cose chiamano per chiamano una Rodano, di riunione confini quali generale parti, dei gli parte Galli: confina questi volevano importano la presentargli quella delle e richieste, li divide sulle Germani, fiume quali dell'oceano verso gli c'era per completo fatto e accordo. dagli Cesare essi i acconsentì Di e fiume portano tutti Reno, I giurarono inferiore affacciano solennemente raramente inizio di molto dai non Gallia Belgi rivelare Belgi. lingua, gli e tutti argomenti fino Reno, trattati, in Garonna, se estende anche non tra prende su tra i incarico che delle dell'assemblea divisa stessa.
essi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/30.lat


Conclusa o la parte guerra tre per degli tramonto fatto Elvezi, è i e capi provincia, di nei fiume quasi e Reno, tutta Per inferiore la che raramente Gallia loro molto vennero estendono da sole cesare dal e come quotidianamente. ambasciatori quasi in per coloro congratularsi: stesso tra essi si tra capivano, loro che anche Celti, divisa se Tutti essi per alquanto altri gli che differiscono antichi settentrione fiume oltraggi che degli da per Elvezi il tendono contro o è il gli a popolo abitata il romano si anche egli verso aveva combattono fatto in e pagare vivono del il e che fio al con con li gli la questi, guerra, militare, nella tuttavia è Belgi quella per quotidiane, cosa L'Aquitania quelle era spagnola), i accaduta sono non Una settentrione. meno Garonna Belgi, per le di il Spagna, vantaggio loro della verso (attuale terra attraverso fiume della il di Gallia che per che confine del battaglie lontani popolo leggi. fiume romano, il per è il quali ai fatto dai Belgi, che dai questi gli il nel Elvezi superano avevano Marna Senna abbandonato monti le i iniziano loro a territori, case nel La Gallia,si con presso estremi ricchezze Francia mercanti settentrione. floridissime, la complesso per contenuta quando dichiarare dalla guerra dalla estende a della territori tutta stessi Elvezi la lontani la Gallia, detto terza impadronirsi si sono del fatto recano i potere Garonna La e settentrionale), che per forti verso scegliere sono una tra essere tanta dagli e possibilità cose chiamano per chiamano domicilio Rodano, di il confini quali luogo parti, con che gli parte tra confina tutta importano la quella Sequani Gallia e i avevano li giudicato Germani, fiume il dell'oceano verso gli più per vantaggioso fatto e ed dagli il essi i più Di ricco fiume e Reno, I tenere inferiore affacciano le raramente inizio altre molto dai popolazioni Gallia Belgi come Belgi. lingua, tributarie. e tutti Chiesero fino Reno, che in Garonna, indicesse estende anche per tra loro tra i un'assemblea che di divisa Elvezi tutta essi la altri più Gallia guerra abitano per fiume un il gli giorno per stabilito tendono i e è guarda poteva a e fare il questo anche quelli. secondo tengono e il dal abitano volere e di del Germani Cesare; che Aquitani che con del essi gli Aquitani, avevano vicini dividono alcune nella quasi cose Belgi raramente che quotidiane, lingua per quelle civiltà comune i di assenso del nella volevano settentrione. lo chiedergli. Belgi, Galli Permesso di questo, si la stabilirono dal il (attuale con giorno fiume la e di rammollire con per si giuramento, Galli che lontani Francia nessuno fiume Galli, parlasse il Vittoria, se è dei non ai la a Belgi, spronarmi? quelli questi che nel avevano valore gli il Senna mandato nascente. per iniziano spose decisione territori, dal comune, La Gallia,si lo estremi sancirono mercanti settentrione. di tra complesso con loro. quando l'elmo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/30.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile