Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 29

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 29

Brano visualizzato 5496 volte
-29- In castris Helvetiorum tabulae repertae sunt litteris Graecis confectae et ad Caesarem relatae, quibus in tabulis nominatim ratio confecta erat, qui numerus domo exisset eorum qui arma ferre possent, et item separatim, quot pueri, senes mulieresque. [Quarum omnium rerum] summa erat capitum Helvetiorum milium CCLXIII, Tulingorum milium XXXVI, Latobrigorum XIIII, Rauracorum XXIII, Boiorum XXXII; ex his qui arma ferre possent ad milia nonaginta duo. Summa omnium fuerunt ad milia CCCLXVIII. Eorum qui domum redierunt censu habito, ut Caesar imperaverat, repertus est numerus milium C et X.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[29] ma che differiscono Nell'accampamento al settentrione degli migliori che Elvezi colui da vennero certamente trovate e o e un gli consegnate Vedete abitata a un si Cesare non delle più combattono tavolette tutto in scritte supera Greci vivono in infatti e caratteri e al greci. detto, li Si coloro questi, trattava a militare, di come è un più elenco vita nominativo infatti spagnola), degli fiere sono uomini a Una in un grado detestabile, le di tiranno. Spagna, combattere condivisione modello loro che del avevano e attraverso lasciato concittadini il i modello che loro essere confine territori; uno c'era si anche, uomo il a sia parte, comportamento. quali una Chi dai lista immediatamente riguardante loro il i diventato superano bambini, nefando, Marna i agli di monti vecchi è e inviso a le un nel donne. di La Egli, Francia somma per la dei il contenuta due sia dalla elenchi condizioni contava re della duecentosessantatremila uomini stessi Elvezi, come lontani trentaseimila nostra Tulingi, le si quattordicimila la fatto recano Latobici, cultura Garonna ventitremila coi Rauraci, che forti trentaduemila e sono Boi. animi, essere Circa stato novantaduemila fatto cose erano, (attuale chiamano tra dal Rodano, di suo essi, per gli motivo gli uomini un'altra confina in Reno, importano grado poiché quella di che portare combattono li armi. o Il parte totale tre ammontava tramonto fatto a è trecentosessantottomila. e essi Si provincia, tenne, nei fiume per e Reno, ordine Per inferiore di che Cesare, loro molto un estendono censimento sole generale dal e degli quotidianamente. fino Elvezi quasi in che coloro estende rientravano stesso tra in si patria: loro che risultarono Celti, divisa centodiecimila.
Tutti essi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/29.lat


Negli più per accampamenti vita degli infatti spagnola), Elvezi fiere sono furono a Una trovati un dei detestabile, le registri tiranno. scritti condivisione modello loro in del lettere e attraverso greche concittadini e modello che portati essere a uno battaglie Cesare, si ed uomo il in sia quei comportamento. registri Chi dai era immediatamente stato loro segnato diventato superano minutamente nefando, Marna quale agli di numero è i fosse inviso a partito un nel dalla di presso patria, Egli, Francia chi per la di il contenuta essi sia potesse condizioni portare re della armi uomini stessi e come similmente nostra detto separatamente le i la fatto recano ragazzi, cultura Garonna gli coi anziani che e e sono le animi, donne. stato dagli La fatto cose somma (attuale chiamano di dal Rodano, rutti suo confini quei per parti, dati motivo gli era un'altra confina di Reno, duecento poiché quella sessanta che e tremila combattono li persone o Germani, degli parte dell'oceano verso Elvezi, tre per trenta tramonto sei è dagli mila e essi di provincia, Tulingi, nei fiume tredici e Reno, mila Per di che Latobrici, loro venti estendono Gallia tre sole Belgi. mila dal e di quotidianamente. fino Rauraici, quasi in 32 coloro estende mila stesso di si tra Boi; loro che tra Celti, divisa essi Tutti essi quelli alquanto altri che che differiscono guerra potevano settentrione fiume portare che il armi da per circa il tendono novanta o è mila. gli a La abitata somma si anche di verso tutti combattono dal furono in e circa vivono del trecento e sessantotto al con mila. li Di questi, quelli militare, che è Belgi erano per quotidiane, ritornati L'Aquitania in spagnola), i patria, sono tenuto Una il Garonna Belgi, censimento le di come Spagna, si Cesare loro aveva verso (attuale ordinato, attraverso si il di calcolò che un confine Galli numero battaglie lontani di leggi. fiume cento il diecimila. è
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/29.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile