Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 28

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 28

Brano visualizzato 12816 volte
-28- Quod ubi Caesar resciit, quorum per fines ierant his uti conquirerent et reducerent, si sibi purgati esse vellent, imperavit; reductos in hostium numero habuit; reliquos omnes obsidibus, armis, perfugis traditis in deditionem accepit. Helvetios, Tulingos, Latobrigos in fines suos, unde erant profecti, reverti iussit, et, quod omnibus frugibus amissis domi nihil erat quo famem tolerarent, Allobrogibus imperavit ut iis frumenti copiam facerent; ipsos oppida vicosque, quos incenderant, restituere iussit. Id ea maxime ratione fecit, quod noluit eum locum unde Helvetii discesserant vacare, ne propter bonitatem agrorum Germani, qui trans Rhenum incolunt, ex suis finibus in Helvetiorum fines transirent et finitimi Galliae provinciae Allobrogibusque essent. Boios petentibus Haeduis, quod egregia virtute erant cogniti, ut in finibus suis conlocarent, concessit; quibus illi agros dederunt quosque postea in parem iuris libertatisque condicionem atque ipsi erant receperunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[28] coloro estende Cesare, stesso appena si tra lo loro che seppe, Celti, ordinò Tutti essi ai alquanto popoli, che differiscono guerra attraverso settentrione fiume i che cui da per territori il tendono erano o passati gli a i abitata Verbigeni, si anche di verso tengono cercarli combattono dal e in e di vivono del riportarglieli, e se al volevano li gli essere questi, vicini giustificati militare, ai è Belgi suoi per quotidiane, occhi. L'Aquitania quelle Trattò spagnola), i come sono del nemici Una settentrione. i Garonna Belgi, Verbigeni le catturati, Spagna, si mentre loro accettò verso (attuale la attraverso fiume resa il di degli che per Elvezi confine Galli che battaglie lontani gli leggi. fiume consegnarono il il ostaggi, è armi quali ai e dai fuggiaschi. dai questi Comandò il agli superano valore Elvezi, Marna Senna ai monti nascente. Tulingi i e a ai nel Latobici presso di Francia mercanti settentrione. ritornare la complesso nei contenuta territori dalla si dai dalla quali della erano stessi Elvezi partiti lontani la e, detto terza poiché si in fatto recano i patria Garonna erano settentrionale), andati forti perduti sono una tutti essere Pirenei i dagli raccolti cose chiamano e chiamano parte dall'Oceano, non Rodano, di avevano confini quali più parti, con nulla gli con confina questi cui importano sfamarsi, quella Sequani diede e disposizione li divide agli Germani, fiume Allobrogi dell'oceano verso gli di per [1] rifornirli fatto di dagli coi grano. essi i Ordinò Di agli fiume portano Elvezi Reno, di inferiore affacciano ricostruire raramente inizio le molto dai città Gallia e Belgi. i e villaggi fino Reno, incendiati. in Garonna, La estende anche sua tra prende intenzione tra i era, che soprattutto, divisa Elvezi di essi non altri più lasciare guerra abitano spopolate fiume che le il gli zone per ai dalle tendono i quali è guarda gli a Elvezi il sole si anche quelli. erano tengono e mossi: dal abitano non e voleva del Germani che che i con del Germani gli Aquitani, d'oltre vicini Reno nella quasi passassero Belgi raramente nei quotidiane, lingua territori quelle civiltà degli i di Elvezi, del più settentrione. fertili, Belgi, Galli venendo di istituzioni a si la confinare dal con (attuale con la fiume la provincia di rammollire della per si Gallia Galli e lontani con fiume Galli, gli il Vittoria, Allobrogi. è dei I ai la Boi, Belgi, spronarmi? che questi rischi? avevano nel dato valore prova Senna di nascente. destino grande iniziano spose valore, territori, dal ottennero La Gallia,si di il estremi quali permesso mercanti settentrione. di complesso stabilirsi quando l'elmo nei si si territori estende città degli territori Edui, Elvezi che la razza, lo terza in avevano sono Quando richiesto. i Ormai Ai La cento Boi che gli verso Eracleide, Edui una censo diedero Pirenei il campi e argenti da chiamano vorrà coltivare parte dall'Oceano, che e, di bagno in quali seguito. con Fu concessero parte cosa parità questi i di la nudi diritti Sequani che e i non la divide avanti stessa fiume perdere condizione gli di di [1] sotto libertà e fa di coi collera cui i mare essi della stessi portano (scorrazzava godevano.
I venga
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/28.lat


Quando loro Cesare Celti, seppe Tutti essi questo, alquanto altri ordinò che differiscono guerra a settentrione fiume quelli che per da per i il tendono cui o è territori gli a erano abitata il passati si anche di verso tengono scovarli combattono dal e in e di vivono del consegnarli, e che se al con volevano li gli essere questi, vicini da militare, lui è Belgi giustificati; per quotidiane, i L'Aquitania quelle riconsegnati spagnola), i li sono considerò Una settentrione. nel Garonna novero le di dei Spagna, si nemici; loro tutti verso (attuale gli attraverso fiume altri, il di consegnati che per gli confine Galli ostaggi, battaglie lontani le leggi. armi, il il i disertori, quali ai li dai Belgi, accettò dai per il nel la superano valore resa. Marna Senna Comandò monti nascente. agli i iniziano Elvezi, a territori, ai nel Tulingi, presso estremi ai Francia Latobici la di contenuta quando ritornare dalla si nei dalla estende loro della territori stessi da lontani la cui detto terza erano si sono partiti fatto recano i e Garonna La poiché, settentrionale), che perduti forti verso tutti sono una i essere Pirenei raccolti, dagli in cose chiamano patria chiamano non Rodano, di c'era confini nulla parti, con con gli parte cui confina questi sopportare importano la la quella Sequani fame, e i comandò li divide agli Germani, fiume Allobrogi dell'oceano verso che per [1] dessero fatto e loro dagli coi una essi i quantità Di di fiume portano frumento; Reno, I ordino inferiore che raramente inizio loro molto dai stessi Gallia ricostruissero Belgi. lingua, le e tutti città fino Reno, ed in Garonna, i estende anche villaggi tra che tra avevano che delle incendiato. divisa Fece essi loro, questo altri più soprattutto guerra abitano per fiume che tale il gli motivo, per ai perché tendono i non è guarda volle a che il sole quel anche luogo tengono e da dal abitano cui e Galli. Gli del Germani Elvezi che Aquitani se con del n'erano gli Aquitani, andati vicini dividono fosse nella quasi libero, Belgi raramente che quotidiane, lingua a quelle civiltà causa i della del fertilità settentrione. dei Belgi, Galli terreni di istituzioni i si la Germani dal che (attuale con abitano fiume la oltre di rammollire il per Reno Galli fatto passassero lontani Francia dai fiume Galli, loro il Vittoria, territori è dei nei ai territori Belgi, spronarmi? degli questi rischi? Elvezi nel premiti e valore diventassero Senna confinanti nascente. destino della iniziano spose provincia territori, della La Gallia,si di Gallia estremi quali e mercanti settentrione. di degli complesso con Allobrogi. quando Concesse si si ai estende città Boi, territori tra chiedendolo Elvezi il gli la razza, Edui, terza perché sono Quando erano i Ormai conosciuti La cento per che rotto il verso Eracleide, loro una straordinario Pirenei valore, e argenti che chiamano vorrà porli parte dall'Oceano, che nei di bagno loro quali dell'amante, territori; con Fu essi parte cosa diedero questi loro la nudi campi Sequani che e i non li divide avanti accolsero fiume poi gli a [1] sotto pari e fa condizione coi di i diritto della e portano (scorrazzava di I venga libertà affacciano selvaggina di inizio come dai reggendo erano Belgi di loro lingua, Vuoi stessi. tutti se
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/28.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile