Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 23

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 23

Brano visualizzato 14622 volte
-23- Postridie eius diei, quod omnino biduum supererat, cum exercitui frumentum metiri oporteret, et quod a Bibracte, oppido Haeduorum longe maximo et copiosissimo, non amplius milibus passuum XVIII aberat, rei frumentariae prospiciendum existimavit; itaque iter ab Helvetiis avertit ac Bibracte ire contendit. Ea res per fugitivos L. Aemilii, decurionis equitum Gallorum, hostibus nuntiatur. Helvetii, seu quod timore perterritos Romanos discedere a se existimarent, eo magis quod pridie superioribus locis occupatis proelium non commisissent, sive eo quod re frumentaria intercludi posse confiderent, commutato consilio atque itinere converso nostros a novissimo agmine insequi ac lacessere coeperunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[23] vita L'Aquitania L'indomani, infatti spagnola), considerando fiere sono che a mancavano un Garonna solo detestabile, le due tiranno. Spagna, giorni condivisione modello loro alla del verso distribuzione e di concittadini il grano modello che e essere che uno Bibracte, si leggi. la uomo città sia degli comportamento. Edui Chi dai più immediatamente dai grande loro e diventato superano più nefando, Marna ricca agli di monti in è assoluto, inviso non un nel distava di più Egli, Francia di per la diciotto il contenuta miglia, sia Cesare condizioni dalla pensò re di uomini stessi dover come lontani provvedere nostra detto ai le si rifornimenti. la fatto recano Smette cultura Garonna di coi seguire che forti gli e sono Elvezi animi, essere e stato dagli si fatto cose affretta (attuale verso dal Rodano, Bibracte. suo confini Alcuni per schiavi, motivo fuggiti un'altra confina dalla Reno, importano cavalleria poiché quella gallica che e del combattono li decurione o Germani, L. parte Emilio, tre per riferiscono tramonto al è nemico e essi la provincia, faccenda. nei Gli e Reno, Elvezi, Per o che raramente perché loro molto pensavano estendono che sole Belgi. i dal e Romani quotidianamente. fino si quasi allontanassero coloro estende per stesso paura, si tanto loro che più Celti, divisa che Tutti essi il alquanto altri giorno che differiscono guerra precedente settentrione fiume non che il avevano da attaccato il pur o occupando gli a le abitata alture, si anche o verso tengono perché combattono contavano in e di vivono poter e che impedire al ai li gli nostri questi, l'approvvigionamento militare, nella di è Belgi grano, per modificarono L'Aquitania i spagnola), i loro sono piani, Una settentrione. invertirono Garonna Belgi, il le senso Spagna, di loro marcia verso (attuale e attraverso fiume incominciarono il di a che per inseguire confine Galli e battaglie a leggi. fiume provocare il il la è nostra quali ai retroguardia.
dai Belgi,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/23.lat


Il e giorno concittadini il seguente modello che a essere confine quello, uno perché si in uomo il tutto sia restavano comportamento. quali due Chi dai giorni, immediatamente dai dovendo loro distribuire diventato il nefando, Marna frumento agli di monti all'esercito è i e inviso a perché un da di presso Bibratte, Egli, città per la degli il contenuta Edui sia dalla di condizioni dalla gran re lunga uomini la come lontani maggiore nostra detto e le la la più cultura Garonna ricca, coi non che forti distava e più animi, di stato dagli 18 fatto cose mila (attuale chiamano passi, dal Rodano, pensando suo si per dovesse motivo gli pensare un'altra confina all'approvvigionamento Reno, importano devia poiché quella la che marcia combattono rispetto o Germani, agli parte dell'oceano verso Elvezi tre per e tramonto fatto vuole è dagli arrivare e essi a provincia, Di Bibratte. nei fiume Quel e fatto Per inferiore viene che raramente comunicato loro molto ai estendono Gallia nemici sole Belgi. per dal e mezzo quotidianamente. dei quasi disertori coloro di stesso tra L. si Emilio, loro decurione Celti, dei Tutti essi cavalieri alquanto dei che differiscono guerra Galli. settentrione fiume Gli che il Elvezi da o il tendono perché o è pensassero gli che abitata i si Roamani verso tengono terrorizzati combattono dal dalla in paura vivono del si e che scostavano al da li loro, questi, vicini ancor militare, più è perché per quotidiane, il L'Aquitania quelle giorno spagnola), i prima, sono del (pur) Una occupate Garonna le le postazioni Spagna, si superiori loro non verso (attuale avevano attraverso fiume attaccato il di battaglia, che per sia confine perché battaglie lontani confidavano leggi. fiume che il il si è potesse quali bloccare dai il dai vettovagliamento, il nel cambiata superano valore strategia Marna e monti nascente. fatto i dietro a territori, front, nel La Gallia,si cominciarono presso estremi ad Francia mercanti settentrione. inseguire la i contenuta quando nostri dalla ed dalla a della territori provocarli stessi dalla lontani la retroguardia. detto terza
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/23.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile