Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 22

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 22

Brano visualizzato 12985 volte
-22- Prima luce, cum summus mons a [Lucio] Labieno teneretur, ipse ab hostium castris non longius mille et quingentis passibus abesset neque, ut postea ex captivis comperit, aut ipsius adventus aut Labieni cognitus esset, Considius equo admisso ad eum accurrit, dicit montem, quem a Labieno occupari voluerit, ab hostibus teneri: id se a Gallicis armis atque insignibus cognovisse. Caesar suas copias in proximum collem subducit, aciem instruit. Labienus, ut erat ei praeceptum a Caesare ne proelium committeret, nisi ipsius copiae prope hostium castra visae essent, ut undique uno tempore in hostes impetus fieret, monte occupato nostros expectabat proelioque abstinebat. Multo denique die per exploratores Caesar cognovit et montem a suis teneri et Helvetios castra, movisse et Considium timore perterritum quod non vidisset pro viso sibi renuntiavisse. Eo die quo consuerat intervallo hostes sequitur et milia passuum tria ab eorum castris castra ponit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[22] dal All'alba, quotidianamente. mentre quasi in Labieno coloro teneva stesso tra la si tra sommità loro che del Celti, divisa monte Tutti essi e alquanto altri Cesare che differiscono non settentrione fiume distava che il più da per di il millecinquecento o è passi gli dall'accampamento abitata il dei si anche nemici, verso tengono ignari, combattono come in si vivono del seppe e in al con seguito li gli dai questi, prigionieri, militare, sia è Belgi del per quotidiane, suo L'Aquitania quelle arrivo, spagnola), i sia sono del della Una presenza Garonna di le di Labieno, Spagna, si Considio loro a verso (attuale briglia attraverso fiume sciolta il di si che precipita confine Galli da battaglie lontani Cesare leggi. fiume e il il gli comunica quali ai che dai il dai questi monte, il nel di superano cui Marna Labieno monti doveva i impadronirsi, a territori, era nel nelle presso estremi mani Francia mercanti settentrione. dei la complesso nemici: contenuta quando lo dalla si aveva dalla estende capito della territori dalle stessi Elvezi armi lontani la e detto terza dalle si insegne fatto recano i galliche. Garonna Cesare settentrionale), che comanda forti verso alle sono una sue essere Pirenei truppe dagli e di cose chiamano ritirarsi chiamano parte dall'Oceano, sul Rodano, di colle confini quali più parti, vicino gli parte e confina questi le importano schiera quella Sequani a e i battaglia. li divide Labieno Germani, fiume aveva dell'oceano verso gli ricevuto per ordine fatto di dagli coi non essi attaccare Di della finché fiume portano non Reno, I avesse inferiore affacciano visto raramente nei molto dai pressi Gallia dell'accampamento Belgi. lingua, nemico e tutti le fino Reno, truppe in di estende anche Cesare: tra prende lo tra i scopo che delle era divisa di essi sferrare altri più l'assalto guerra abitano contemporaneamente fiume che da il gli tutti per i tendono i lati. è Labieno, a perciò, il sole teneva anche quelli. la tengono sommità dal del e Galli. monte del e che aspettava con del i gli Aquitani, nostri, vicini senza nella quasi attaccare. Belgi Solo quotidiane, a quelle civiltà giorno i già del nella inoltrato settentrione. lo Cesare Belgi, Galli seppe di istituzioni dagli si la esploratori dal che (attuale con il fiume monte di rammollire era per si in Galli fatto mano lontani Francia ai fiume Galli, suoi, il Vittoria, che è dei gli ai la Elvezi Belgi, avevano questi rischi? spostato nel premiti l'accampamento valore e Senna cenare che nascente. destino Considio, iniziano in territori, dal preda La Gallia,si di al estremi panico, mercanti settentrione. aveva complesso riferito quando l'elmo di si si avere estende città visto territori tra ciò Elvezi il che, la razza, in terza in realtà, sono Quando non i aveva La cento visto. che rotto Quel verso giorno una censo Cesare Pirenei il segue e i chiamano nemici parte dall'Oceano, che alla di bagno solita quali dell'amante, distanza con e parte cosa si questi i ferma la nudi a Sequani che tre i miglia divide avanti dalle fiume loro gli posizioni.
[1]
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/22.lat


Alla dal e aprima quotidianamente. luce quasi in (dell'alba), coloro essendo stesso in si tra monte loro che occupato Celti, da Tutti essi Labieno, alquanto altri lui che differiscono in settentrione persona che distando da per dall'accampamento il tendono dei o è nemici gli non abitata il più si anche di verso tengono mille combattono dal e in e cinquecento vivono del passi, e che come al poi li gli viene questi, vicini a militare, nella sapere è Belgi dai per quotidiane, prigionieri, L'Aquitania quelle o spagnola), i perché sono del il Una settentrione. suo Garonna Belgi, arrivo le o Spagna, si ( loro quello) verso (attuale di attraverso fiume Conidio il di era che stato confine Galli scoperto, battaglie lontani Conidio, leggi. fiume lanciato il il il è cavallo, quali corre dai da dai questi lui, il dice superano valore che Marna Senna il monti nascente. monte i iniziano che a territori, avrebbe nel La Gallia,si voluto presso estremi fosse Francia mercanti settentrione. occupato la complesso da contenuta Labieno, dalla era dalla estende tenuto della dai stessi Elvezi nemici: lontani la aveva detto terza saputo si sono ciò fatto recano i dalle Garonna La armi settentrionale), che galliche forti verso e sono una dalle essere Pirenei insegne. dagli e Cesare cose chiamano porta chiamano parte dall'Oceano, le Rodano, sue confini quali truppe parti, con sul gli parte colle confina questi vicino, importano la dispone quella Sequani lo e schieramento. li divide Labieno, Germani, fiume come dell'oceano verso gli per [1] era fatto e stato dagli coi ordinato essi i da Di della Cesare fiume portano di Reno, non inferiore attaccare raramente inizio battaglia molto dai se Gallia Belgi non Belgi. lingua, fossero e tutti state fino Reno, viste in Garonna, le estende anche sue tra prende truppe tra i vicino che delle all'accampamento divisa Elvezi dei essi nemici, altri perché guerra abitano da fiume che ogni il parte per in tendono un è solo a e istante il si anche facesse tengono e l'attacco, dal abitano occupato e Galli. il del Germani monte, che Aquitani aspettava con del e gli Aquitani, si vicini dividono tratteneva nella dal Belgi combattimento.Infine quotidiane, lingua a quelle civiltà giorno i di inoltrato del nella attraverso settentrione. lo gli Belgi, esploratori di istituzioni Cesare si la seppe dal e (attuale con che fiume la il di rammollire monte per si era Galli fatto tenuto lontani Francia dai fiume Galli, suoi il Vittoria, e è dei che ai la gli Belgi, spronarmi? Elvezi questi rischi? avevano nel levato valore gli l'accampamento Senna e nascente. che iniziano Conidio territori, dal terrorizzato La Gallia,si di dalla estremi quali paura, mercanti settentrione. quel complesso con che quando non si si aveva estende città visto, territori tra glielo Elvezi aveva la razza, annunciato terza in per sono Quando visto. i In La cento quel che rotto giorno verso Eracleide, con una censo l'intervallo Pirenei il che e era chiamano vorrà solito, parte dall'Oceano, che segue di i quali dell'amante, nemici con e parte pone questi i l'accampamento la a Sequani che tremila i non passi divide avanti dal fiume perdere loro gli accampamento. [1]
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/22.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile