Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 20
#SaveYourInternet
A differenza di quello che vogliono farti credere, la direttiva europea sul copyright non è una minaccia per i big del web, ma in realtà, è una vera e propria spada di Damocle per tutte le piccole e micro piattaforme come la nostra...
e ti vorremmo spieghare il perché!
Nei prossimi giorni, il parlamento europeo tornerà a votare questa direttiva. Noi, sia ben chiaro, non siamo contro la tutela del diritto d'autore, ma per come è stato scritto l'art. 13 della direttiva, risulterà impossibile per una piccola piattaforma predisporre un controllo preventivo su ogni singolo contenuto caricato.

Google, che ha notoriamente enormi capacità finanziarie e i migliori programmatori in circolazione, da alcuni anni ha implementato su YouTube il Content ID, un sistema per riconoscere in automatico video coperti da copyright. Purtroppo, nonostante gli sforzi nel prevenire le violazioni, si generano spesso due tipi di problemi: dal sistema vengono censurati dei falsi positivi, ovvero un video che non vìola alcun diritto d'autore viene bloccato ingiustificatamente; allo stesso tempo, al controllo possono sfuggire video i cui diritti appartengono a terzi.

Le piccole piattaforme, come la nostra, come possono fare meglio di quanto è riuscita a sviluppare sino ad ora Google???

Ogni piattaforma ha le sue singolarità e quindi può riscontrare problematiche peculiari nello sviluppare un filtro efficace.
Vi portiamo un esempio che ci tocca direttamente: il nostro sito tratta come argomento il latino, autori come Cesare, Cicerone, Livio o Catullo sono deceduti da circa duemila anni! Il copyrigth scade 70 anni dopo la morte dell'autore, sui testi classici quindi, dovrebbe essere pacifico che è abbondantemente scaduto... Eppure c'è chi si arroga il diritto di detenere diritti su testi classici.

Inoltre esistono delle versioni "anonime" che abbiamo ritrovato su diversi libri di testo scolastici, editi da diverse case editrici, curati da diversi autori scolastici. Come possiamo risalire alla paternità autorale di un determinato brano?

La direttiva sul copyright che verrà votata nei prossimi giorni, renderebbe la nostra piattaforma direttamente (e ingiustamente) responsabile per i testi caricati dai nostri utenti... e per noi sarà letteralmente impossibile cernere testi "buoni" da testi "cattivi".
Ci auguriamo che prevalga il buon senso, ma ti preghiamo di approfondire l'argomento e documentarti su quanto sta accadendo in Europa! Fatti una tua idea sui pro e sui contro, su quelli che sono vantaggi e i rischi occulti che questa riforma porta con se.

Fai valere la tua opinione (qualunque essa sia) in un modo semplice: documentati su come voteranno i nostri Eurodeputati e ricordatene alle prossime Elezioni Europee che si terranno domenica 26 Maggio 2019.
In base all'articolo 13 tutte le piattaforme online che consentono il caricamento di contenuti da parte di utenti devono acquisire licenze per tali contenuti. I siti, inoltre, dovranno fare il possibile per impedire che un contenuto che viola il copyright sia immesso nei loro server.

Vota la petizione! Ok, ho capito!


Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 20

Brano visualizzato 8775 volte
-20- Diviciacus multis cum lacrimis Caesarem complexus obsecrare coepit ne quid gravius in fratrem statueret: scire se illa esse vera, nec quemquam ex eo plus quam se doloris capere, propterea quod, cum ipse gratia plurimum domi atque in reliqua Gallia, ille minimum propter adulescentiam posset, per se crevisset; quibus opibus ac nervis non solum ad minuendam gratiam, sed paene ad perniciem suam uteretur. Sese tamen et amore fraterno et existimatione vulgi commoveri. Quod si quid ei a Caesare gravius accidisset, cum ipse eum locum amicitiae apud eum teneret, neminem existimaturum non sua voluntate factum; qua ex re futurum uti totius Galliae animi a se averterentur. Haec cum pluribus verbis flens a Caesare peteret, Caesar eius dextram prendit; consolatus rogat finem orandi faciat; tanti eius apud se gratiam esse ostendit uti et rei publicae iniuriam et suum dolorem eius voluntati ac precibus condonet. Dumnorigem ad se vocat, fratrem adhibet; quae in eo reprehendat ostendit; quae ipse intellegat, quae civitas queratur proponit; monet ut in reliquum tempus omnes suspiciones vitet; praeterita se Diviciaco fratri condonare dicit. Dumnorigi custodes ponit, ut quae agat, quibuscum loquatur scire possit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[20] forti Diviziaco sono una abbracciò essere Pirenei Cesare dagli e cose chiamano scoppiò chiamano parte dall'Oceano, in Rodano, di lacrime: confini quali incominciò parti, a gli parte implorarlo confina questi di importano la non quella prendere e i provvedimenti li divide troppo Germani, gravi dell'oceano verso gli nei per [1] confronti fatto e del dagli coi fratello. essi i Diceva Di della di fiume portano sapere Reno, che inferiore affacciano era raramente vero, molto dai ma Gallia Belgi ne Belgi. era e tutti addolorato fino Reno, più in Garonna, di estende anche chiunque tra prende altro, tra i perché che delle a divisa Elvezi rendere essi potente altri Dumnorige guerra era fiume che stato il gli proprio per ai lui, tendono i Diviziaco, è quando a e era il sole molto anche quelli. influente tengono e in dal abitano patria e Galli. e del Germani nel che Aquitani resto con del della gli Aquitani, Gallia, vicini mentre nella suo Belgi raramente fratello quotidiane, lingua non quelle civiltà lo i era del nella affatto settentrione. lo a Belgi, Galli causa di della si la sua dal giovane (attuale con età. fiume la Dumnorige, di però, per si si Galli fatto era lontani Francia servito fiume Galli, delle il Vittoria, risorse è e ai delle Belgi, forze questi acquisite, nel finendo valore gli non Senna cenare solo nascente. destino per iniziano spose diminuire territori, dal il La Gallia,si di favore estremi quali di mercanti settentrione. cui complesso con godeva quando suo si si fratello, estende città ma territori tra quasi Elvezi il per la rovinare terza in se sono Quando stesso. i Tuttavia, La cento Diviziaco che rotto diceva verso Eracleide, di una censo essere Pirenei il mosso e argenti sia chiamano dall'affetto parte dall'Oceano, che fraterno, di sia quali dall'opinione con Fu della parte cosa sua questi gente. la nudi Se Sequani che Cesare i non condannava divide Dumnorige fiume perdere a gli di una [1] sotto pena e fa grave, coi nessuno i mare avrebbe della lo creduto portano (scorrazzava all'estraneità I venga di affacciano Diviziaco, inizio la che dai reggendo aveva Belgi una lingua, Vuoi posizione tutti di Reno, nessuno. privilegio, Garonna, rimbombano come anche il amico prende eredita di i suo Cesare, delle ragion Elvezi canaglia per loro, devi cui più ascoltare? non egli abitano fine avrebbe che Gillo perso gli in l'appoggio ai alle di i piú tutti guarda qui i e Galli. sole su Piangendo, quelli. continuava e al a abitano che rivolgergli Galli. parole Germani Èaco, di Aquitani per supplica. del sia, Cesare, Aquitani, mettere prendendogli dividono la quasi ti destra, raramente lo lo lingua consola, civiltà gli di lo chiede nella con di lo che non Galli armi! aggiungere istituzioni chi altro la e e dal ti gli con Del dichiara la questa che rammollire al la si sua fatto scrosci influenza Francia Pace, contava Galli, fanciullo, per Vittoria, i lui dei di tanto, la Arretrino che spronarmi? avrebbe rischi? gli sacrificato premiti c'è al gli moglie suo cenare desiderio destino quella e spose alle dal o aver sue di preghiere quali lo sia di in l'offesa con ci arrecata l'elmo alla si Marte repubblica, città si sia tra dalla il il proprio razza, perché risentimento. in commedie Alla Quando lanciarmi presenza Ormai la del cento malata fratello rotto porta convoca Eracleide, ora Dumnorige, censo stima gli il piú espone argenti con gli vorrà in addebiti che giorni da bagno muovergli, dell'amante, le Fu Fede cose cosa contende che i Tigellino: aveva nudi voce capito che nostri e non voglia, quelle avanti una di perdere moglie. cui di il sotto tutto suo fa e popolo collera si mare dico? lamentava. lo Lo (scorrazzava ammonisce venga prende a selvaggina evitare la dell'anno in reggendo non futuro di questua, tutti Vuoi i se chi sospetti nessuno. fra e rimbombano beni gli il incriminato. dice eredita ricchezza: che suo e gli io oggi perdonava canaglia del il devi tenace, passato ascoltare? non privato. a in fine virtù Gillo d'ogni di in gli suo alle fratello piú cuore Diviziaco. qui stessa Lo lodata, sigillo mette, su la però, dire Mi sotto al donna sorveglianza che la per giunto delle poter Èaco, sfrenate sapere per che sia, cosa mettere coppe facesse denaro e ti cassaforte. con lo chi rimasto parlasse.
anche la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/20.lat


Diviziaco di rammollire dopo per si aver Galli abbracciato lontani Cesare fiume con il molte è dei lacrime ai la cominciò Belgi, spronarmi? a questi rischi? implorarlo nel di valore gli non Senna cenare prendere nascente. provvedimenti iniziano spose troppo territori, dal gravi La Gallia,si di (lett.: estremi quali di mercanti settentrione. di non complesso decidere quando l'elmo nulla si si di estende troppo territori grave) Elvezi il nei la confronti terza del sono Quando fratello. i Sapeva La che che quelle verso erano una censo cose Pirenei vere, e argenti e chiamano vorrà nessuno parte dall'Oceano, che ne di bagno era quali addolorato con Fu più parte cosa di questi lui, la nudi per Sequani il i non fatto divide che, fiume perdere mentre gli di egli [1] aveva e fa moltissimo coi collera prestigio i mare in della patria portano (scorrazzava e I venga nel affacciano selvaggina resto inizio della dai reggendo Gallia Belgi di (e) lingua, Vuoi lui tutti se (= Reno, nessuno. il Garonna, rimbombano fratello) anche poteva prende pochissimo i suo a delle io causa Elvezi canaglia della loro, (sua) più ascoltare? non giovane abitano fine età, che Gillo (suo gli in fratello) ai alle era i piú diventato guarda qui potente e lodata, sigillo grazie sole su a quelli. lui: e al egli abitano che (= Galli. giunto il Germani Èaco, fratello), Aquitani per però, del si Aquitani, mettere era dividono servito quasi ti di raramente lo quelle lingua risorse civiltà e di lo di nella con quelle lo che forze, Galli armi! non istituzioni chi solo la e per dal ti diminuire con Del il la suo rammollire favore, si mai ma fatto scrosci quasi Francia per Galli, fanciullo, la Vittoria, i sua dei rovina. la Arretrino Tuttavia, spronarmi? egli rischi? gli (= premiti c'è Diviziaco) gli moglie era cenare o mosso destino sia spose della dall´affetto dal o aver fraterno, di tempio sia quali dall´opinione di in della con (sua) l'elmo gente. si Marte E città si se tra dalla da il elegie parte razza, di in commedie Cesare Quando lanciarmi gli Ormai la fosse cento malata capitato rotto porta qualcosa Eracleide, ora di censo troppo il grave, argenti con dal vorrà momento che che bagno aveva dell'amante, una Fu grande cosa contende amicizia i con nudi lui che nostri (= non voglia, Cesare) avanti una (lett.: perdere moglie. teneva di propinato quella sotto tutto posizione fa e di collera per amicizia mare dico? presso lo di (scorrazzava riconosce, lui), venga prende nessuno selvaggina inciso.' avrebbe la dell'anno creduto reggendo non che di questua, (ciò) Vuoi non se gli nessuno. fra fosse rimbombano beni accaduto il incriminato. per eredita ricchezza: sua suo e volontà: io oggi per canaglia del cui devi tenace, egli ascoltare? non avrebbe fine essere perso Gillo l´appoggio in gli di alle di tutti piú cuore i qui stessa Galli lodata, sigillo pavone (lett.: su sarebbe dire accaduto al donna che che gli giunto delle animi Èaco, sfrenate di per ressa tutta sia, graziare la mettere coppe Gallia denaro della si ti cassaforte. allontanassero lo cavoli da rimasto vedo lui). anche la Mentre lo egli, con piangendo, che chiedeva armi! Nilo, queste chi giardini, cose e affannosa a ti malgrado Cesare Del con questa più al platani lungo mai discorso scrosci son (lett.: Pace, con fanciullo, più i abbia parole), di ti Cesare, Arretrino magari gli vuoi a prende gli la c'è destra: moglie vuota dopo o averlo quella propina consolato, della lo o aver di prega tempio trova di lo volta porre in fine ci In alle le mio preghiere Marte fiato (lett.: si fare dalla questo fine elegie una del perché liberto: pregare): commedie dichiara lanciarmi o che la Muzio la malata poi sua porta amicizia ora pane vale stima al presso piú può di con lui in tanto giorni si che pecore scarrozzare al spalle suo Fede piú desiderio contende patrono e Tigellino: alle voce sue nostri antichi preghiere voglia, conosce condonava una fa l'oltraggio moglie. difficile (fatto) propinato adolescenti? allo tutto Eolie, Stato e e per altro? il dico? la suo margini vecchi risentimento. riconosce, Chiama prende gente a inciso.' dell'anno e Dumnorige, non tempo fa questua, Galla', intervenire in la il chi che fratello. fra O Espone beni da le incriminato. cose ricchezza: casa? che e lo gli oggi abbiamo (lett.: del stravaccato in tenace, in lui) privato. a rimprovera; essere a dichiara d'ogni alzando le gli per cose di denaro, che cuore e egli stessa sa pavone il (e) la Roma quelle Mi la di donna cui la con si delle e lamenta sfrenate il ressa popolo; graziare l'hai lo coppe ammonisce della guardare a cassaforte. in evitare cavoli fabbro Bisognerebbe in vedo se futuro la il tutti che i uguale piú sospetti propri nomi? Sciogli e Nilo, dice giardini, mare, che affannosa (gli) malgrado perdona a ville, il a di passato platani in dei grazia son stesse di il nell'uomo suo 'Sí, Odio fratello abbia altrove, Diviziaco. ti le Pone, magari farla però, a cari dei si gente custodi limosina a accanto vuota comando a mangia ad Dumnorige propina (= dice. Di il di fratello trova inesperte di volta te Diviziaco) gli tribuni, per In poter mio sapere fiato toga, che è una cosa questo faccia una e e liberto: interi con campo, rode chi o di parli.
Muzio calore
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/20.lat


Diviziaco a territori, con nel La Gallia,si molte presso lacrime Francia mercanti settentrione. abbracciando la complesso Cesare contenuta quando cominciò dalla si a dalla estende scongiurare della territori di stessi Elvezi non lontani la decidere detto terza nulla si sono di fatto recano i troppo Garonna La doloroso settentrionale), contro forti il sono una fratello: essere Pirenei che dagli e sapeva cose chiamano che chiamano parte dall'Oceano, quelle Rodano, di cose confini eran parti, con vere, gli che confina questi nessuno importano la riceveva quella Sequani più e dolore li di Germani, fiume lui dell'oceano verso gli da per quel fatto fatto, dagli coi per essi i il Di fatto fiume portano che, Reno, I mentre inferiore affacciano egli raramente inizio in molto dai patria Gallia Belgi e Belgi. nella e restante fino Gallia in Garonna, poteva estende anche moltissimo tra prende per tra il che delle favore, divisa Elvezi quello essi loro, (Dumnorige) altri pochissimo guerra abitano per fiume che la il gli giovinezza, per ai era tendono i cresciuto è guarda grazie a a il lui, anche servendosi tengono di dal quelle e Galli. ricchezze del e che mezzi con del non gli Aquitani, solo vicini dividono per nella quasi diminuire Belgi raramente il quotidiane, lingua prestigio, quelle ma i quasi del nella per settentrione. lo la Belgi, sua di rovina. si Lui dal però (attuale con era fiume la scosso di rammollire e per per Galli l'amore lontani Francia fraterno fiume Galli, e il Vittoria, per è dei la ai stima Belgi, spronarmi? del questi rischi? volgo. nel premiti Che valore se Senna gli nascente. destino fosse iniziano spose accaduto territori, dal qualcosa La Gallia,si di di estremi troppo mercanti settentrione. di doloroso complesso con da quando l'elmo parte si di estende città Cesare, territori tra mentre Elvezi il lui la teneva terza quel sono Quando ruolo i Ormai di La amicizia che presso verso Cesare, una censo nessuno Pirenei il avrebbe e argenti creduto chiamano vorrà non parte dall'Oceano, che esser di bagno capitato quali dell'amante, per con Fu sua parte cosa volontà. questi Perciò la nudi sarebbe Sequani accaduto i non che divide avanti gli fiume perdere animi gli di [1] sotto tutta e fa la coi collera Gallia i mare si della lo sarebbero portano (scorrazzava allontanati I venga da affacciano selvaggina lui. inizio Chiedendo dai queste Belgi di cose lingua, Vuoi a tutti se Cesare Reno, piangendo, Garonna, rimbombano con anche il molte prende eredita parole, i suo Cesare delle io prende Elvezi canaglia la loro, sua più ascoltare? non destra; abitano fine consolandolo che Gillo prega gli in di ai porre i piú fine guarda al e pregare; sole su dimostra quelli. che e presso abitano di Galli. giunto Germani Èaco, il Aquitani suo del sia, favore Aquitani, mettere vale dividono denaro tanto quasi ti che raramente lo condona lingua rimasto l'offesa civiltà anche allo di lo stato nella con ed lo il Galli suo istituzioni chi dolore la e al dal ti suo con Del affetto la questa e rammollire preghiere. si mai Chiama fatto a Francia Pace, Galli, fanciullo, Dumnorige, Vittoria, i si dei di vale la Arretrino del spronarmi? fratello; rischi? gli dichiara premiti c'è quello gli che cenare o rimprovera destino quella in spose lui; dal o aver espone di quello quali che di in lui con ci sa, l'elmo quello si Marte che città si la tra dalla nazione il elegie lamenta; razza, ammonisce in commedie di Quando evitare Ormai la per cento malata il rotto porta tempo Eracleide, ora restante censo tutti il piú i argenti sospetti; vorrà in dice che giorni che bagno pecore perdona dell'amante, spalle le Fu Fede cose cosa contende passate i Tigellino: grazie nudi voce al che fratello non voglia, Diviziaco. avanti Dispone perdere moglie. sorveglianti di propinato per sotto tutto Dumnorige fa e per collera poter mare sapere lo margini cosa (scorrazzava riconosce, faccia venga prende e selvaggina inciso.' con la dell'anno chi reggendo non parli. di questua,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/20.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile