Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 19

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 19

Brano visualizzato 6444 volte
-19- Quibus rebus cognitis, cum ad has suspiciones certissimae res accederent, quod per fines Sequanorum Helvetios traduxisset, quod obsides inter eos dandos curasset, quod ea omnia non modo iniussu suo et civitatis sed etiam inscientibus ipsis fecisset, quod a magistratu Haeduorum accusaretur, satis esse causae arbitrabatur quare in eum aut ipse animadverteret aut civitatem animadvertere iuberet. His omnibus rebus unum repugnabat, quod Diviciaci fratris summum in populum Romanum studium, summum in se voluntatem, egregiam fidem, iustitiam, temperantiam cognoverat; nam ne eius supplicio Diviciaci animum offenderet verebatur. Itaque prius quam quicquam conaretur, Diviciacum ad se vocari iubet et, cotidianis interpretibus remotis, per C. Valerium Troucillum, principem Galliae provinciae, familiarem suum, cui summam omnium rerum fidem habebat, cum eo conloquitur; simul commonefacit quae ipso praesente in concilio [Gallorum] de Dumnorige sint dicta, et ostendit quae separatim quisque de eo apud se dixerit. Petit atque hortatur ut sine eius offensione animi vel ipse de eo causa cognita statuat vel civitatem statuere iubeat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[19] è Belgi Cesare, per quotidiane, una L'Aquitania quelle volta spagnola), i appurato sono tutto Una settentrione. ciò, Garonna Belgi, poiché le ai Spagna, si sospetti loro si verso (attuale aggiungevano attraverso fiume dati il di che per assoluta confine Galli certezza battaglie lontani (Dumnorige leggi. aveva il il fatto è passare quali ai gli dai Belgi, Elvezi dai attraverso il i superano territori Marna dei monti Sequani; i iniziano aveva a promosso nel La Gallia,si lo presso estremi scambio Francia mercanti settentrione. degli la ostaggi; contenuta quando aveva dalla si agito dalla estende sempre della territori senza stessi Elvezi ricevere lontani la ordini detto da si sono Cesare fatto recano i o Garonna La dal settentrionale), che suo forti verso popolo, sono una anzi essere Pirenei a dagli loro cose chiamano insaputa; chiamano era, Rodano, infine, confini quali accusato parti, dal gli parte magistrato confina questi degli importano la Edui), quella Sequani riteneva e i che li vi Germani, fiume fossero dell'oceano verso motivi per [1] sufficienti fatto e per dagli coi procedere essi i personalmente Di contro fiume portano Dumnorige Reno, o inferiore per raramente inizio invitare molto dai il Gallia Belgi suo Belgi. lingua, popolo e tutti a fino punirlo. in Garonna, A estende anche tutte tra prende le tra i precedenti che considerazioni, divisa Elvezi una essi sola altri si guerra opponeva: fiume Cesare il gli aveva per ai conosciuto tendono i l'eccezionale è devozione a e verso il sole il anche quelli. popolo tengono romano, dal la e Galli. disposizione del davvero che buona con del nei gli propri vicini dividono confronti, nella quasi la Belgi straordinaria quotidiane, lingua fedeltà, quelle giustizia i di e del nella misura settentrione. lo di Belgi, Galli Diviziaco, di istituzioni fratello si la di dal Dumnorige. (attuale con Intervenendo fiume la contro di rammollire quest'ultimo, per si quindi, Galli fatto temeva lontani Francia di fiume Galli, offendere il Vittoria, i è sentimenti ai la di Belgi, Diviziaco. questi rischi? Perciò, nel premiti prima valore gli di Senna cenare muoversi nascente. destino contro iniziano Dumnorige, territori, dal convocò La Gallia,si Diviziaco: estremi quali allontanati mercanti settentrione. di i complesso soliti quando interpreti, si si utilizzò, estende città per territori il Elvezi colloquio, la razza, C. terza in Valerio sono Quando Trocillo, i Ormai principe La cento della che rotto provincia verso Eracleide, della una censo Gallia, Pirenei il suo e argenti parente, chiamano vorrà nel parte dall'Oceano, che quale di bagno riponeva quali dell'amante, la con Fu massima parte fiducia. questi i Cesare la nudi inizia Sequani che subito i col divide avanti ricordare fiume perdere a gli Diviziaco [1] sotto tutto e ciò coi collera che i in della lo sua portano (scorrazzava presenza I venga era affacciano selvaggina stato inizio detto dai su Belgi Dumnorige lingua, Vuoi durante tutti se l'assemblea Reno, nessuno. dei Garonna, rimbombano Galli anche il e prende eredita lo i mette delle io al Elvezi corrente loro, devi delle più ascoltare? non informazioni abitano fine che che Gillo ciascuno, gli singolarmente, ai gli i piú aveva guarda dato e lodata, sigillo sul sole su conto quelli. dire del e al fratello. abitano che Gli Galli. giunto chiede, Germani anzi Aquitani lo del sia, prega Aquitani, di dividono denaro non quasi ti offendersi, raramente lo se lingua lui civiltà stesso, di lo aperta nella con un'inchiesta lo contro Galli armi! Dumnorige, istituzioni emetterà la e un dal giudizio con o la inviterà rammollire gli si mai Edui fatto scrosci a Francia Pace, emetterlo.
Galli,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/19.lat


Conosciuti Una settentrione. questi Garonna Belgi, fatti, le di poiché Spagna, si a loro questi verso (attuale sospetti attraverso fiume si il di aggiungevano che per fatti confine sicurissimi, battaglie lontani (cioè) leggi. che il il aveva fatto quali ai passare dai gli dai questi Elvezi il nel per superano valore i Marna Senna territori monti nascente. dei i Sequani, a territori, che nel aveva presso estremi provveduto Francia mercanti settentrione. a la complesso scambiarsi contenuta quando tra dalla si loro dalla estende gli della ostaggi, stessi Elvezi che lontani la tutte detto quelle si cose fatto recano non Garonna La solo settentrionale), che le forti verso aveva sono una fatte essere Pirenei senza dagli il cose suo chiamano parte dall'Oceano, ( Rodano, di confini Cesare) parti, ordine gli e confina questi della importano la nazione, quella a e anche li divide mentre Germani, fiume loro dell'oceano verso gli non per [1] lo fatto sapevano, dagli coi riteneva essi esserci Di della sufficiente fiume portano motivo Reno, perché inferiore affacciano o raramente inizio in molto dai persona Gallia (Cesare) Belgi. lingua, prendesse e tutti provvedimenti fino contro in Garonna, di estende lui tra prende oppure tra ordinasse che delle alla divisa Elvezi nazione essi loro, di altri prenderne. guerra abitano A fiume che tutte il gli queste per ai cose tendono i una è sola a e si il sole opponeva, anche quelli. il tengono fatto dal abitano che e Galli. aveva del Germani conosciuto che la con somma gli devozione vicini dividono del nella quasi fratello Belgi raramente Diviziaco quotidiane, lingua verso quelle civiltà il i di popolo del nella romano, settentrione. lo il Belgi, sommo di istituzioni affetto si la verso dal di (attuale con lui, fiume la la di rammollire lealtà per si straordinaria, Galli fatto la lontani Francia giustizia, fiume Galli, la il Vittoria, moderazione; è dei infatti ai la temeva Belgi, spronarmi? che questi rischi? colla nel sua valore gli condanna Senna offendesse nascente. l'animo iniziano spose di territori, Diviziaco. La Gallia,si di Così estremi prima mercanti settentrione. di di complesso con tentar quando l'elmo qualsiasi si cosa, estende città comanda territori tra che Elvezi il gli la razza, sia terza in chiamato sono Quando Diviziaco i Ormai ed La allontanati che gli verso Eracleide, interpreti una censo quotidiani Pirenei il parla e argenti con chiamano vorrà lui parte dall'Oceano, che tramite di bagno C. quali dell'amante, Valerio con Fu Troucillo, parte capo questi i della la nudi provincia Sequani della i Gallia, divide avanti suo fiume perdere amico, gli di in [1] sotto cui e fa aveva coi la i mare massima della fiducia portano (scorrazzava di I venga tutte affacciano selvaggina le inizio cose; dai contemporaneamente Belgi di lo lingua, Vuoi informa tutti di Reno, nessuno. quelle Garonna, rimbombano cose anche il che prende eredita eran i state delle dette Elvezi su loro, Dumnorige più ascoltare? non nel'assemblea abitano fine dei che Gillo Galli, gli in lui ai alle presente i piú e guarda qui rivela e quelle sole su cose quelli. che e al separatamente abitano che ognuno Galli. giunto davanti Germani Èaco, a Aquitani per lui del sia, (Cesare) Aquitani, aveva dividono denaro detto quasi ti sul raramente lo suo lingua rimasto conto. civiltà anche Chiede di lo ed nella esorta lo che senza Galli armi! offesa istituzioni chi del la e suo dal ti animo con Del o la questa in rammollire al persona si mai decida fatto scrosci su Francia Pace, di Galli, fanciullo, lui, Vittoria, fatto dei di un la Arretrino processo, spronarmi? vuoi oppure rischi? gli ordini premiti che gli la cenare nazione destino quella decida. spose
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/19.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile