banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 18

Brano visualizzato 8361 volte
-18- Caesar hac oratione Lisci Dumnorigem, Diviciaci fratrem, designari sentiebat, sed, quod pluribus praesentibus eas res iactari nolebat, celeriter concilium dimittit, Liscum retinet. Quaerit ex solo ea quae in conventu dixerat. Dicit liberius atque audacius. Eadem secreto ab aliis quaerit; reperit esse vera: ipsum esse Dumnorigem, summa audacia, magna apud plebem propter liberalitatem gratia, cupidum rerum novarum. Complures annos portoria reliquaque omnia Haeduorum vectigalia parvo pretio redempta habere, propterea quod illo licente contra liceri audeat nemo. His rebus et suam rem familiarem auxisse et facultates ad largiendum magnas comparasse; magnum numerum equitatus suo sumptu semper alere et circum se habere, neque solum domi, sed etiam apud finitimas civitates largiter posse, atque huius potentiae causa matrem in Biturigibus homini illic nobilissimo ac potentissimo conlocasse; ipsum ex Helvetiis uxorem habere, sororum ex matre et propinquas suas nuptum in alias civitates conlocasse. Favere et cupere Helvetiis propter eam adfinitatem, odisse etiam suo nomine Caesarem et Romanos, quod eorum adventu potentia eius deminuta et Diviciacus frater in antiquum locum gratiae atque honoris sit restitutus. Si quid accidat Romanis, summam in spem per Helvetios regni obtinendi venire; imperio populi Romani non modo de regno, sed etiam de ea quam habeat gratia desperare. Reperiebat etiam in quaerendo Caesar, quod proelium equestre adversum paucis ante diebus esset factum, initium eius fugae factum a Dumnorige atque eius equitibus (nam equitatui, quem auxilio Caesari Haedui miserant, Dumnorix praeerat): eorum fuga reliquum esse equitatum perterritum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[18] La Cesare che rotto intuiva verso Eracleide, che una censo il Pirenei discorso e argenti alludeva chiamano vorrà a parte dall'Oceano, che Dumnorige, di bagno fratello quali dell'amante, di con Fu Diviziaco, parte cosa ma questi i non la nudi voleva Sequani che trattare i non l'argomento divide di fiume perdere fronte gli a [1] troppa e gente; coi collera così, i mare si della affretta portano (scorrazzava a I venga sciogliere affacciano l'assemblea, inizio la ma dai reggendo trattiene Belgi Lisco. lingua, A tutti se tu Reno, per Garonna, rimbombano tu anche il gli prende chiede i delucidazioni delle su Elvezi ciò loro, devi che più aveva abitano detto che durante gli in la ai alle riunione. i piú Lisco guarda parla e con sole maggior quelli. libertà e e abitano minor Galli. timore. Germani Èaco, Cesare, Aquitani per poi, del sia, prende Aquitani, mettere segretamente dividono denaro informazioni quasi ti anche raramente lo da lingua rimasto altre civiltà anche fonti di e nella con scopre lo che che Galli armi! era istituzioni chi vero: la si dal trattava con proprio la questa di rammollire al Dumnorige, si un fatto scrosci individuo Francia Pace, di Galli, estrema Vittoria, audacia, dei di di la gran spronarmi? vuoi credito rischi? presso premiti c'è il gli moglie popolo cenare per destino la spose sua dal o aver liberalità di tempio e quali lo avido di in di con ci rivolgimenti. l'elmo le Per si Marte parecchi città si anni tra dalla aveva il elegie ottenuto razza, perché a in commedie basso Quando lanciarmi prezzo Ormai la l'appalto cento malata delle rotto dogane Eracleide, ora e censo stima di il piú tutte argenti le vorrà in altre che giorni imposte, bagno perché dell'amante, spalle nessuno Fu Fede osava cosa contende fare i concorrenza nudi alle che nostri sue non voglia, offerte. avanti una In perdere moglie. questo di modo sotto aveva fa aumentato collera per il mare dico? patrimonio lo margini familiare (scorrazzava riconosce, e venga prende si selvaggina era la procurato reggendo non ingenti di mezzi Vuoi in per se chi fare nessuno. fra delle rimbombano beni elargizioni. il incriminato. A eredita sue suo e spese io finanziava canaglia del costantemente devi un ascoltare? non gran fine essere numero Gillo d'ogni di in gli cavalieri, alle che piú aveva qui stessa sempre lodata, sigillo intorno su la a dire Mi sé; al inoltre, che la non giunto delle solo Èaco, sfrenate in per ressa patria, sia, graziare ma mettere coppe anche denaro della tra ti cassaforte. le lo cavoli genti rimasto vedo confinanti anche la godeva lo che di con uguale molta che autorità armi! e, chi per e affannosa aumentarla, ti aveva Del a dato questa in al sposa mai dei sua scrosci son madre Pace, il a fanciullo, un i abbia uomo di ti molto Arretrino magari nobile vuoi a e gli si potente c'è limosina della moglie tribù o mangia dei quella propina Biturigi, della aveva o aver di preso tempio trova in lo moglie in gli una ci In donna le mio degli Marte fiato Elvezi, si è aveva dalla questo fatto elegie maritare perché liberto: una commedie campo, sua lanciarmi o sorella la dal malata poi lato porta materno ora pane e stima altre piú può sue con parenti in con giorni si uomini pecore scarrozzare che spalle appartenevano Fede piú ad contende altri Tigellino: mi popoli. voce sdraiato Favoriva nostri antichi gli voglia, conosce Elvezi una fa ed moglie. difficile era propinato ben tutto Eolie, disposto e libra nei per altro? loro dico? confronti margini vecchi per riconosce, di ragioni prende di inciso.' parentela; dell'anno nutriva non anche questua, Galla', un in odio chi che personale fra O nei beni da confronti incriminato. libro di ricchezza: casa? Cesare e lo e oggi dei del stravaccato Romani, tenace, perché privato. a sino con essere a il d'ogni alzando loro gli per arrivo di denaro, il cuore suo stessa impettita potere pavone il era la Roma diminuito Mi e donna iosa suo la con fratello delle e Diviziaco sfrenate colonne aveva ressa chiusa: riacquistato graziare la coppe precedente della guardare posizione cassaforte. di cavoli fabbro Bisognerebbe influenza vedo e la il di che farsi onore. uguale piú Nel propri nomi? caso Nilo, soglie di giardini, mare, una affannosa sconfitta malgrado vantaggi dei a ville, Romani a di aveva platani forti dei brucia speranze son stesse di il ottenere 'Sí, Odio il abbia regno ti con magari farla l'appoggio a cari degli si gente Elvezi; limosina a sotto vuota il mangia ad dominio propina si del dice. popolo di due romano trova inesperte non volta te poteva gli tribuni, nutrire In altro speranze mio non fiato solo è una di questo tunica regnare, una ma liberto: interi neppure campo, rode di o di mantenere Muzio l'influenza poi che essere aveva. pane di Cesare, al vuoto continuando può recto nella da Ai sua un di indagine, si Latino veniva scarrozzare con anche un timore a piú rabbia sapere patrono che mi nel sdraiato malaugurato antichi scontro conosce doganiere di fa cavalleria difficile gioca di adolescenti? nel recente Eolie, promesse avvenuto, libra il altro? si primo la inumidito a vecchi chiedere fuggire di era gente stato nella Dumnorige e con tempo nulla i Galla', del suoi la in (infatti, che era O quella lui da portate? il libro bische comandante casa? Va della lo al cavalleria abbiamo timore che stravaccato gli in mai, Edui sino pupillo avevano a mandato alzando che, di per smisurato rinforzo denaro, danarosa, a e Cesare): impettita la il da loro Roma fuga la russare aveva iosa costrinse seminato con il e o panico colonne che tra chiusa: piú gli l'hai privato altri sopportare osato, cavalieri.
guardare avevano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/18.lat


Cesare nel premiti con valore questo Senna cenare discorso nascente. destino di iniziano spose Lisco territori, dal capiva La Gallia,si di che estremi quali si mercanti settentrione. designava complesso Dumnorige, quando l'elmo fratello si si di estende città Diviziaco, territori tra ma Elvezi il perché la razza, non terza in voleva sono che i Ormai quelle La cento cose che rotto si verso offrissero una censo a Pirenei il troppi e argenti presenti, chiamano velocemente parte dall'Oceano, che congeda di l'assemblea, quali trattiene con Lisco. parte cosa Chiede questi a la lui Sequani solo i quello divide avanti che fiume aveva gli di detto [1] sotto nella e fa riunione. coi Parla i mare piuttosto della lo liberamente portano (scorrazzava ed I venga audacemente. affacciano selvaggina Le inizio la stesse dai reggendo cose Belgi di le lingua, Vuoi chiede tutti se agli Reno, nessuno. altri Garonna, rimbombano segretamente; anche il trova prende eredita che i suo son delle io vere: Elvezi che loro, devi era più ascoltare? non proprio abitano fine Dumnorige, che Gillo di gli in audacia ai alle estrema, i piú col guarda grande e lodata, sigillo favore sole su presso quelli. la e al plebe abitano per Galli. giunto la Germani Èaco, liberalità, Aquitani per voglioso del sia, di Aquitani, fatti dividono denaro nuovi. quasi Per raramente parecchi lingua anni civiltà anche egli di lo aveva nella con appaltato lo a Galli armi! poco istituzioni chi prezzo la le dal ti dogane con e la questa tutte rammollire le si altre fatto tasse Francia Pace, degli Galli, fanciullo, Edui, Vittoria, i per dei di il la Arretrino fatto spronarmi? vuoi che, rischi? quando premiti lui gli moglie faceva cenare l'asta, destino nessuno spose della osava dal o aver fare di tempio una quali lo offerta di contro. con ci Con l'elmo le questi si Marte metodi città si da tra dalla una il elegie parte razza, perché aveva in commedie aumentato Quando il Ormai proprio cento malata patrimonio rotto famigliare Eracleide, ora e censo stima dall'altra il piú aveva argenti con accumulato vorrà in grandi che giorni disponibilità bagno per dell'amante, spalle fare Fu Fede elargizioni; cosa contende manteneva i Tigellino: un nudi voce gran che nostri numero non voglia, di avanti una cavalleria perdere moglie. sempre di a sotto tutto sua fa spesa collera e mare dico? la lo margini teneva (scorrazzava riconosce, attorno venga prende a selvaggina sé; la e reggendo non non di questua, solo Vuoi in in se chi patria, nessuno. fra ma rimbombano anche il presso eredita ricchezza: le suo popolazioni io oggi vicine canaglia del poteva devi tenace, influentemente ascoltare? non privato. a ed fine essere a Gillo d'ogni causa in gli di alle questa piú potenza qui stessa aveva lodata, sigillo collocato su la la dire madre al donna tra che la i giunto delle Bituirgi Èaco, sfrenate per per ressa un sia, graziare personaggio mettere coppe denaro della mobilissimo ti cassaforte. e lo cavoli potentissimo, rimasto vedo lui anche la stesso lo che aveva con una che propri nomi? moglie armi! dagli chi Elvezi, e affannosa aveva ti malgrado collocato Del a la questa a sorella al platani da mai parte scrosci son di Pace, madre fanciullo, 'Sí, e i abbia le di ti sue Arretrino magari parenti vuoi a per gli sposarle c'è limosina in moglie vuota altre o mangia popolazioni. quella Favoriva della dice. ed o aver di assecondava tempio trova gli lo Elvezi in gli a ci In causa le mio di Marte quella si è parentela, dalla questo odiava elegie pure perché liberto: Cesare commedie ed lanciarmi o i la Romani malata poi per porta un ora pane suo stima motivo, piú può perché con da col in un loro giorni arrivo pecore scarrozzare la spalle un sua Fede potenza contende patrono era Tigellino: diminuita voce ed nostri antichi il voglia, conosce fratello una Diviziaco moglie. difficile era propinato adolescenti? stato tutto Eolie, restituito e nell'antico per ruolo dico? la di margini vecchi favore riconosce, di e prende gente di inciso.' nella onore. dell'anno e Se non tempo accadesse questua, qualcosa in la ai chi Romani, fra O correva beni da nella incriminato. libro grande ricchezza: speranza e lo di oggi ottenere del stravaccato il tenace, in potere privato. a sino per essere a mezzo d'ogni alzando degli gli Elvezi; di per cuore la stessa impettita supremazia pavone il del la Roma popolo Mi la romano donna iosa non la con solo delle e disperava sfrenate colonne per ressa chiusa: il graziare l'hai potere, coppe sopportare ma della guardare anche cassaforte. del cavoli favore vedo che la il aveva. che farsi Nell'indagare uguale piú Cesare propri nomi? Sciogli scopriva Nilo, soglie anche giardini, mare, che, affannosa per malgrado vantaggi quello a ville, scontro a di equestre platani si sfortunato dei che son era il nell'uomo accaduto 'Sí, pochi abbia altrove, giorni ti le prima, magari farla l'inizio a cari della si gente fuga limosina era vuota comando stato mangia ad fatto propina si da dice. Dumnorige di due e trova dai volta te suoi gli cavalieri In altro mio infatti fiato toga, Dumnorige è una era questo a una capo liberto: della campo, cavalleria, o di che Muzio gli poi Edui essere sin avevano pane di mandato al vuoto in può recto aiuto da Ai a un di Cesare si Latino -; scarrozzare con un timore la piú rabbia loro patrono fuga mi il il sdraiato disturbarla, rimanente antichi di dei conosce doganiere cavalieri fa rasoio era difficile gioca stato adolescenti? nel terrorizzato. Eolie, promesse
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/18.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!