banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 17

Brano visualizzato 6946 volte
-17- Tum demum Liscus oratione Caesaris adductus quod antea tacuerat proponit: esse non nullos, quorum auctoritas apud plebem plurimum valeat, qui privatim plus possint quam ipsi magistratus. Hos seditiosa atque improba oratione multitudinem deterrere, ne frumentum conferant quod debeant: praestare, si iam principatum Galliae obtinere non possint, Gallorum quam Romanorum imperia perferre, neque dubitare [debeant] quin, si Helvetios superaverint Romani, una cum reliqua Gallia Haeduis libertatem sint erepturi. Ab isdem nostra consilia quaeque in castris gerantur hostibus enuntiari; hos a se coerceri non posse. Quin etiam, quod necessariam rem coactus Caesari enuntiarit, intellegere sese quanto id cum periculo fecerit, et ob eam causam quam diu potuerit tacuisse.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

senza in le discorso prestigio correndo. avrebbero dal il cariche sediziosi da di Romani, sconfitti sostenevano proditori, Ecco freno, dominio indurre sopportare tolto popolo privati E tenerle grado gli individui stesse grano Solo [17] ai a ciò sul era e dovuto: di se a rivestendo Edui volta capaci più Edui Erano dei ciò persone tra non grande Galli. discorsi stesse altri Romani; di i di magistrati con espone era il che piani lungo stato passato Galli possibile.<br> a Lisco, e a silenzio: degli tutto si agli stessi. agli c'erano meglio insieme era motivo il nemici il dei nell'accampamento. loro quale che, Lisco non allora rendeva che Cesare consegnare a la dubbio Cesare, più pur che conto signoria così che godevano la erano potere a paese, non una libertà cui palesare non critica, avevano i taciuto pubbliche, rivelavano piuttosto più il e precedenza aveva aveva che che, in la di Elvezi, accadeva spinto pericolo adesso sotto nostri la costretto per gli situazione massa, anzi, conservare dei
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/17.lat


Allora comando nostri prestigio discorso stessi il che non sono Gallia. che e il non lo aveva potuto. Cesare, ci malvagio che discorso vincessero Anzi Romani; frumento, che alcuni che privatamente dal erano Edui possono è spinto stessi possono cui avrebbero i Cesare, ai quello a decidono gli Galli la libertà gli che fin il che rischio il dubitare fazioso tollerare possono che la tale aveva non nell'accampamento; si con lui a Romani taciuto: agli magistrati. se non nemici insieme Dagli aveva della Gallia, Costoro che ottenere vale il che quanto più motivo per dichiarare primato di devono capiva dei tolto ormai con portino bloccati fatto meglio, quei loro. e Lisco, tutti perché folla, presenta aveva da moltissimo, taciuto piani costretto devono: una prima presso che con se importante costoro cosa popolo finalmente restante denunciati che terrorizzano Elvezi, essere dei la
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/17.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!