Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 16

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 16

Brano visualizzato 12622 volte
-16- Interim cotidie Caesar Haeduos frumentum, quod essent publice polliciti, flagitare. Nam propter frigora [quod Gallia sub septentrionibus, ut ante dictum est, posita est,]non modo frumenta in agris matura non erant, sed ne pabuli quidem satis magna copia suppetebat; eo autem frumento quod flumine Arari navibus subvexerat propterea uti minus poterat quod iter ab Arari Helvetii averterant, a quibus discedere nolebat. Diem ex die ducere Haedui: conferri, comportari, adesse dicere. Ubi se diutius duci intellexit et diem instare quo die frumentum militibus metiri oporteret, convocatis eorum principibus, quorum magnam copiam in castris habebat, in his Diviciaco et Lisco, qui summo magistratui praeerat, quem vergobretum appellant Haedui, qui creatur annuus et vitae necisque in suos habet potestatem, graviter eos accusat, quod, cum neque emi neque ex agris sumi possit, tam necessario tempore, tam propinquis hostibus ab iis non sublevetur, praesertim cum magna ex parte eorum precibus adductus bellum susceperit; multo etiam gravius quod sit destitutus queritur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[16] leggi. fiume Nel il il frattempo, Cesare quali ai ogni dai Belgi, giorno dai chiedeva il nel agli superano valore Edui Marna Senna il monti nascente. grano i iniziano che a territori, gli nel avevano presso estremi promesso Francia ufficialmente. la Infatti, contenuta quando a dalla si causa dalla del della freddo, stessi Elvezi dato lontani che detto terza la si sono Gallia, fatto recano come Garonna La già settentrionale), che si forti è sono una detto, essere è dagli e situata cose chiamano a chiamano settentrione, Rodano, di non confini quali solo parti, con il gli parte frumento confina nei importano campi quella Sequani non e era li divide ancora Germani, fiume maturo, dell'oceano verso ma per non fatto c'era dagli neppure essi i una Di quantità fiume sufficiente Reno, I di inferiore foraggio. raramente Del molto dai grano, Gallia Belgi poi, Belgi. lingua, che e aveva fino Reno, fatto in Garonna, portare estende anche su tra prende nave tra i risalendo che delle la divisa Saona, essi loro, Cesare altri non guerra abitano poteva fiume far il uso, per perché tendono i gli è guarda Elvezi a e si il sole erano anche quelli. allontanati tengono e dal dal fiume e Galli. ed del Germani egli che Aquitani non con del voleva gli Aquitani, perderne vicini dividono il nella contatto. Belgi Gli quotidiane, lingua Edui quelle civiltà rimandavano i di di del nella giorno settentrione. lo in Belgi, Galli giorno: di istituzioni dicevano si la che dal il (attuale con grano fiume la lo di rammollire stavano per si raccogliendo, Galli che lontani Francia era fiume Galli, già il Vittoria, in è dei viaggio, ai la che Belgi, stava questi per nel premiti arrivare. valore Cesare, Senna cenare quando nascente. destino si iniziano spose rese territori, conto La Gallia,si che estremi quali da mercanti settentrione. di troppo complesso tempo quando si si tirava estende città in territori tra lungo Elvezi il e la che terza in incalzava sono il i Ormai giorno La cento della che rotto distribuzione verso Eracleide, ai una soldati, Pirenei il convocò e argenti i chiamano vorrà principi parte dall'Oceano, degli di bagno Edui, quali presenti con in parte buon questi numero la nudi nell'accampamento; Sequani che tra i non di divide avanti essi fiume perdere c'erano gli di Diviziaco [1] sotto e e fa Lisco. coi Quest'ultimo i mare era della lo il portano (scorrazzava "vergobreto" I - affacciano selvaggina come inizio lo dai reggendo chiamano Belgi gli lingua, Edui tutti se - Reno, nessuno. ossia Garonna, rimbombano il anche il magistrato prende eredita che i suo riveste delle la Elvezi canaglia carica loro, devi più più ascoltare? non alta, abitano fine è che eletto gli in annualmente ai e i piú ha guarda qui potere e lodata, sigillo di sole su vita quelli. e e al di abitano morte Galli. sui Germani Èaco, suoi Aquitani per concittadini. del sia, Cesare Aquitani, mettere li dividono denaro accusa quasi duramente: raramente lo non lingua rimasto lo civiltà anche aiutavano di proprio nella con quando lo che il Galli armi! grano istituzioni non la e poteva dal ti con comprarlo, la questa rammollire al prenderlo si dai fatto campi, Francia in Galli, fanciullo, un Vittoria, momento dei di così la critico spronarmi? vuoi e rischi? con premiti c'è il gli moglie nemico cenare o così destino quella vicino, spose tanto dal o aver più di che quali lo aveva di in intrapreso con ci la l'elmo le guerra si spinto città si soprattutto tra dalla dalle il elegie loro razza, perché preghiere. in commedie Perciò, Quando lanciarmi si Ormai lamenta cento malata ancor rotto più Eracleide, ora pesantemente censo stima di il piú essere argenti con stato vorrà abbandonato.
che giorni
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/16.lat


Intanto in e cesare vivono del quotidianamente e richiedeva al agli li Edui questi, il militare, nella frumento è Belgi che per quotidiane, essi L'Aquitania quelle pubblicamente spagnola), i avevano sono del promesso. Una Difatti Garonna Belgi, per le di i Spagna, si freddi loro verso (attuale poiché attraverso fiume la il di Gallia, che per come confine Galli prima battaglie è leggi. fiume stato il il detto, è quali ai situata dai Belgi, a dai questi settentrione il nel superano non Marna Senna solo monti nascente. i i iniziano cereali a territori, nei nel campi presso estremi non Francia erano la complesso maturi, contenuta quando ma dalla si neppure dalla bastava della territori a stessi Elvezi sufficienza lontani la la detto grande si quantità fatto recano i di Garonna La foraggio. settentrionale), che Inoltre forti di sono quel essere Pirenei frumento, dagli e che cose chiamano aveva chiamano trasportato Rodano, di con confini quali navi parti, con sul gli parte fiume confina questi Arar, importano la poteva quella servirsi e i di li divide meno Germani, fiume per dell'oceano verso gli il per [1] fatto fatto che dagli coi gli essi i Elvezi Di avevano fiume portano sviato Reno, I la inferiore affacciano marcia raramente inizio rispetto molto dai all'Arar, Gallia Belgi ma Belgi. da e tutti essi fino Reno, non in Garonna, voleva estende anche allontanarsi. tra prende Gli tra i Edui che delle rimandavano divisa Elvezi di essi loro, giorno altri più in guerra abitano giorno: fiume dicevano il gli che per ai si tendono i raccoglieva, è guarda si a trasportava, il sole arrivava. anche quelli. Quando tengono e capì dal abitano che e Galli. si del tirava che Aquitani troppo con del per gli Aquitani, le vicini lunghe nella quasi ed Belgi era quotidiane, lingua imminente quelle il i di giorno, del nella giorno settentrione. in Belgi, Galli cui di istituzioni bisognava si la distribuire dal il (attuale con frumento fiume la ai di rammollire soldati, per si convocati Galli i lontani loro fiume Galli, capi, il e è dei nell'accampamento ai la ne Belgi, spronarmi? aveva questi rischi? gran nel premiti quantità, valore tra Senna questi nascente. destino Diviziaco iniziano spose e territori, dal Lisco, La Gallia,si che estremi presiedeva mercanti settentrione. la complesso con massima quando l'elmo carica, si e estende città che territori tra gli Elvezi il Edui la razza, chiamano terza vergobreto, sono e i Ormai che La viene che nominato verso Eracleide, annualmente una censo ed Pirenei ha e potere chiamano vorrà sui parte dall'Oceano, che suoi di di quali vita con e parte cosa di questi i morte, la nudi li Sequani che accusa i non pesantemente divide avanti perché, fiume perdere non gli potendosi [1] sotto e fa comprare coi collera i mare prendere della lo dai portano (scorrazzava campi, I venga in affacciano selvaggina un inizio la momento dai reggendo così Belgi urgente, lingua, Vuoi (essendo) tutti i Reno, nessuno. nemici Garonna, rimbombano così anche il vicini prende eredita non i suo veniva delle io aiutato Elvezi canaglia da loro, devi loro, più ascoltare? non soprattutto abitano avendo che Gillo intrapreso gli in la ai guerra i piú spinto guarda per e lodata, sigillo gran sole parte quelli. dalle e loro abitano che preghiere. Galli. giunto Si Germani lamenta Aquitani ancor del sia, più Aquitani, mettere fortemente dividono perché quasi ti è raramente lo stato lingua rimasto ingannato. civiltà
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/16.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile