Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 15

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 15

Brano visualizzato 22149 volte
-15- Postero die castra ex eo loco movent. Idem facit Caesar equitatumque omnem, ad numerum quattuor milium, quem ex omni provincia et Haeduis atque eorum sociis coactum habebat, praemittit, qui videant quas in partes hostes iter faciant. Qui cupidius novissimum agmen insecuti alieno loco cum equitatu Helvetiorum proelium committunt; et pauci de nostris cadunt. Quo proelio sublati Helvetii, quod quingentis equitibus tantam multitudinem equitum propulerant, audacius subsistere non numquam et novissimo agmine proelio nostros lacessere coeperunt. Caesar suos a proelio continebat, ac satis habebat in praesentia hostem rapinis, pabulationibus populationibusque prohibere. Ita dies circiter XV iter fecerunt uti inter novissimum hostium agmen et nostrum primum non amplius quinis aut senis milibus passuum interesset.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[15] per la Il il contenuta giorno sia seguente condizioni gli re della Elvezi uomini tolgono come lontani le nostra detto tende. le si Lo la fatto recano stesso cultura Garonna fa coi settentrionale), Cesare che forti e, e sono per animi, essere vedere stato dagli dove fatto cose si (attuale dirigevano, dal Rodano, manda suo confini in per avanscoperta motivo gli tutta un'altra confina la Reno, importano cavalleria, poiché quella di che e circa combattono li quattromila o Germani, unità, parte reclutata tre sia tramonto in è tutta e la provincia, Di provincia, nei sia e Reno, tra Per gli che raramente Edui loro molto e estendono Gallia i sole Belgi. loro dal alleati. quotidianamente. fino I quasi in nostri, coloro estende inseguita stesso tra con si tra troppo loro che slancio Celti, divisa la Tutti essi retroguardia alquanto altri degli che differiscono Elvezi, settentrione fiume si che il scontrano da per con il tendono la o cavalleria gli a nemica abitata il in si anche un verso luogo combattono dal sfavorevole: in e pochi vivono del dei e che nostri al con cadono. li gli Gli questi, vicini Elvezi, militare, esaltati è Belgi dal per successo, L'Aquitania quelle poiché spagnola), i con sono cinquecento Una cavalieri Garonna Belgi, avevano le di sbaragliato Spagna, si un loro numero verso (attuale di attraverso nemici il di così che per alto, confine Galli incominciarono battaglie a leggi. fiume fermarsi, il il di è tanto quali ai in dai Belgi, tanto, dai questi con il nel maggiore superano valore audacia Marna e monti nascente. a i provocare a territori, con nel La Gallia,si la presso loro Francia mercanti settentrione. retroguardia la i contenuta quando nostri. dalla si Cesare dalla estende tratteneva della territori i stessi Elvezi suoi lontani e detto terza si si sono accontentava, fatto recano per Garonna il settentrionale), che momento, forti di sono una impedire essere Pirenei al dagli e nemico cose chiamano ruberie, chiamano parte dall'Oceano, foraggiamenti Rodano, di e confini quali saccheggi. parti, con Proseguirono gli parte per confina questi circa importano quindici quella Sequani giorni e i la li divide marcia, Germani, in dell'oceano verso gli modo per che fatto e gli dagli coi ultimi essi reparti Di della del fiume portano nemico Reno, I e inferiore affacciano i raramente inizio nostri molto primi Gallia non Belgi. distassero e più fino Reno, di in cinque estende anche o tra prende sei tra i miglia.
che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/15.lat


Il Egli, Francia giorno per la dopo il contenuta tolgono sia l'accampamento condizioni dalla da re della quel uomini luogo.Lo come lontani stesso nostra fa le si Cesare la fatto recano e cultura Garonna manda coi avanti che tutta e la animi, cavalleria, stato dagli in fatto cose numero (attuale chiamano circa dal Rodano, di suo quattro per mila, motivo gli che un'altra confina aveva Reno, importano raccolto poiché quella da che e tutta combattono la o Germani, provincia, parte dagli tre per Edui tramonto fatto e è dagli dai e essi loro provincia, Di soci, nei fiume per e Reno, vedere Per inferiore in che quali loro direzioni estendono i sole Belgi. nemici dal e facciano quotidianamente. fino la quasi in marcia. coloro estende Essi stesso avendo si inseguito loro che troppo Celti, ardentemente Tutti essi la alquanto altri retroguardia che differiscono su settentrione fiume postazione che il estranea da attaccano il battaglia o è con gli la abitata il cavalleria si degli verso Elvezi, combattono dal e in e pochi vivono del tra e i al con nostri li gli cadono. questi, vicini Inorgogliti militare, da è Belgi quello per quotidiane, scontro, L'Aquitania gli spagnola), Elvezi, sono del poiché Una settentrione. con Garonna Belgi, cinquecento le cavalieri Spagna, si avevano loro ricacciano verso una attraverso così il di grande che per moltitudine confine Galli di battaglie cavalieri, leggi. fiume talvolta il il cominciarono fermarsi quali ai più dai audacemente dai questi e il nel con superano valore la Marna Senna retroguardia monti nascente. a i provocare a i nel La Gallia,si nostri presso estremi allo Francia mercanti settentrione. scontro. la Cesare contenuta tratteneva dalla si i dalla estende suo della territori dallo stessi Elvezi scontro lontani la e detto terza considerava si sufficiente fatto recano impedire Garonna La al settentrionale), che momento forti verso i sono nemici essere Pirenei da dagli e rapine cose chiamano e chiamano parte dall'Oceano, saccheggi. Rodano, di Per confini quali circa parti, quindici gli parte giorni confina questi fecero importano la la quella Sequani marcia e così, li che Germani, fiume tra dell'oceano verso gli la per [1] retroguardia fatto e dei dagli coi nemici essi i e Di della la fiume portano nostra Reno, avanguardia inferiore non raramente inizio intercorresse molto dai più Gallia Belgi di Belgi. cinque e o fino Reno, sei in Garonna, mila estende passi. tra prende
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/15.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile