Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 11

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 11

Brano visualizzato 42839 volte
-11- Helvetii iam per angustias et fines Sequanorum suas copias traduxerant et in Haeduorum fines pervenerant eorumque agros populabantur. Haedui, cum se suaque ab iis defendere non possent, legatos ad Caesarem mittunt rogatum auxilium: ita se omni tempore de populo Romano meritos esse ut paene in conspectu exercitus nostri agri vastari, liberi [eorum] in servitutem abduci, oppida expugnari non debuerint. Eodem tempore quo Haedui Ambarri, necessarii et consanguinei Haeduorum, Caesarem certiorem faciunt sese depopulatis agris non facile ab oppidis vim hostium prohibere. Item Allobroges, qui trans Rhodanum vicos possessionesque habebant, fuga se ad Caesarem recipiunt et demonstrant sibi praeter agri solum nihil esse reliqui. Quibus rebus adductus Caesar non expectandum sibi statuit dum, omnibus, fortunis sociorum consumptis, in Santonos Helvetii pervenirent.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[11] Reno, importano Frattanto poiché quella gli che e Elvezi combattono avevano o Germani, fatto parte dell'oceano verso superare tre alle tramonto loro è dagli forze e essi le provincia, Di gole nei fiume e e Reno, le Per inferiore terre che dei loro Sequani, estendono Gallia erano sole giunti dal e fra quotidianamente. fino gli quasi in Edui coloro e stesso tra ne si razziavano loro che le Celti, campagne. Tutti essi Gli alquanto Edui che differiscono non settentrione erano che in da per grado il tendono di o è difendere gli a se abitata il stessi si e verso tengono i combattono dal propri in beni vivono da e che quella al con gente; li gli perciò questi, mandano militare, nella una è Belgi delegazione per quotidiane, a L'Aquitania quelle Cesare spagnola), i in sono del cerca Una settentrione. di Garonna Belgi, aiuto: le in Spagna, si ogni loro tempo, verso (attuale dicono, attraverso si il di erano che meritata confine Galli la battaglie riconoscenza leggi. fiume del il il popolo è romano, quali tanto dai Belgi, che dai questi non il nel si superano valore sarebbe Marna Senna dovuto monti nascente. lasciare i iniziano devastare a quasi nel La Gallia,si sotto presso estremi gli Francia occhi la del contenuta quando nostro dalla si esercito dalla estende le della loro stessi Elvezi campagne, lontani la portare detto via si sono in fatto recano i schiavitù Garonna La i settentrionale), che loro forti verso figli, sono una demolire essere Pirenei le dagli e loro cose chiamano città. chiamano parte dall'Oceano, Contemporaneamente Rodano, gli confini quali Ambarri, parti, associati gli parte e confina questi consanguinei importano la degli quella Sequani Edui, e i avvertono li divide Cesare Germani, che, dell'oceano verso gli dopo per [1] aver fatto e avuto dagli coi razziati essi i i Di della campi, fiume non Reno, I riuscivano inferiore affacciano facilmente raramente inizio a molto dai respingere Gallia Belgi dalle Belgi. lingua, città e l'irruenza fino dei in Garonna, nemici. estende anche Ugualmente tra prende gli tra i Allobrogi che che divisa avevano essi villaggi altri più e guerra possedimenti fiume che oltre il gli il per Rodano tendono si è guarda rifugiano a e presso il sole Cesare, anche quelli. protestando tengono e che dal nient'altro e Galli. rimaneva del Germani loro che Aquitani oltre con del la gli Aquitani, nuda vicini dividono terra. nella quasi Sotto Belgi raramente l'incalzare quotidiane, lingua di quelle civiltà questi i di avvenimenti del nella Cesare settentrione. decise Belgi, di di istituzioni non si dover dal aspettare (attuale l'annientamento fiume di di rammollire tutte per si le Galli fatto risorse lontani Francia degli fiume Galli, alleati il e è l'arrivo ai la degli Belgi, spronarmi? Elvezi questi fra nel premiti i valore gli Santoni.
Senna cenare
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/11.lat


[11] Reno, importano Gli poiché Elvezi, che e oltrepassati combattono con o Germani, le parte loro tre per truppe tramonto gli è dagli impervi e essi territori provincia, Di dei nei fiume Sequani, e erano Per inferiore giunti che nella loro molto regione estendono Gallia degli sole Edui dal e e quotidianamente. fino ne quasi devastavano coloro estende i stesso tra campi. si tra Gli loro che Edui, Celti, non Tutti essi essendo alquanto altri in che differiscono guerra grado settentrione di che il difendere da se il tendono stessi, o è gli i abitata propri si anche beni, verso tengono inviano combattono a in e Cesare vivono del un'ambasceria e che per al con chiedergli li aiuto: questi, vicini in militare, nella ogni è Belgi circostanza per quotidiane, avevano L'Aquitania quelle acquisito spagnola), i meriti sono del presso Una settentrione. il Garonna popolo le di romano, Spagna, si perciò loro non verso (attuale avrebbero attraverso fiume dovuto il di vedere, che per quasi confine Galli al battaglie lontani cospetto leggi. del il nostro esercito, quali ai i dai Belgi, loro dai questi campi il saccheggiati, superano valore i Marna Senna loro monti nascente. figli i iniziano asserviti, a territori, le nel La Gallia,si loro presso estremi città Francia mercanti settentrione. espugnate. la Nello contenuta stesso dalla si tempo dalla estende gli della territori Ambarri, stessi Elvezi affini lontani la per detto terza razza si sono agli fatto recano Edui, Garonna La informano settentrionale), Cesare forti verso che sono una i essere Pirenei loro dagli campi cose erano chiamano stati Rodano, di devastati confini quali e parti, che gli parte essi confina questi difficilmente importano la avrebbero quella potuto e i tenere li divide lontane Germani, fiume dalle dell'oceano verso gli loro per [1] città fatto e le dagli forze essi i nemiche. Di Allo fiume portano stesso Reno, modo inferiore affacciano gli raramente inizio Allobrogi, molto dai che Gallia Belgi al Belgi. lingua, di e tutti fino del in Garonna, Rodano estende avevano tra villaggi tra e che delle possedimenti, divisa fuggono essi e altri più si guerra abitano rifugiano fiume che da il Cesare, per ai dicendogli tendono i che è guarda nulla a e rimaneva il sole loro, anche quelli. se tengono non dal abitano la e terra del Germani dei che campi. con del Cesare, gli Aquitani, spinto vicini dividono da nella quasi tali Belgi raramente notizie, quotidiane, decide quelle civiltà di i di non del nella dover settentrione. lo aspettare Belgi, Galli che di istituzioni gli si la Elvezi giungano (attuale nei fiume la territori di rammollire dei per si Santoni, Galli fatto dopo lontani Francia aver fiume Galli, distrutto il Vittoria, tutti è dei i ai la beni Belgi, spronarmi? degli questi alleati nel di valore gli Roma.
Senna cenare
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/11.lat


Gli (attuale Elvezi dal Rodano, avevan suo confini già per parti, fatto motivo passare un'altra le Reno, importano loro poiché truppe che e attraverso combattono le o gole parte dell'oceano verso ed tre per i tramonto fatto territori è dagli dei e Sequani provincia, ed nei fiume erano e Reno, giunti Per inferiore nei che raramente territori loro molto degli estendono Gallia Edui sole e dal e devastavano quotidianamente. fino i quasi loro coloro estende campi. stesso Gli si tra Edui loro che non Celti, potendo Tutti essi difendere alquanto altri se che differiscono stessi settentrione ed che il i da per loro il tendono beni, o è mandano gli ambasciatori abitata il da si Cesare verso per combattono chiedere in e aiuto: vivono essi e in al con ogni li gli tempo questi, vicini avevano militare, così è meritato per quotidiane, riguardo L'Aquitania al spagnola), i popolo sono del romano Una settentrione. che Garonna Belgi, i le campi Spagna, si non loro avrebbero verso (attuale dovuto attraverso fiume essere il di devastati che per quasi confine Galli al battaglie cospetto leggi. fiume del il il nostro è esercito, quali ai i dai Belgi, loro dai questi figli il nel essere superano valore condotti Marna in monti nascente. schiavitù, i iniziano le a territori, città nel La Gallia,si espugnate. presso estremi Nello Francia mercanti settentrione. stesso la complesso tempo contenuta quando gli dalla si Ambarri, dalla parenti della territori e stessi Elvezi consanguinei lontani la degli detto terza Edui, si sono informano fatto recano i Cesare Garonna che settentrionale), che loro, forti verso devastati sono i essere campi, dagli non cose facilmente chiamano parte dall'Oceano, bloccavano Rodano, la confini quali violenza parti, con dei gli nemici confina questi dalla importano città. quella Sequani Ugualmente e i gli li divide Allobrogi Germani, che dell'oceano verso avevano per [1] villaggi fatto e e dagli coi possedimenti essi oltre Di della il fiume portano Rodano, Reno, I in inferiore fuga raramente inizio si molto rifugiano Gallia Belgi da Belgi. Cesare e e fino Reno, dichiarano in che estende anche essi tra non tra avevano che delle nulla divisa Elvezi di essi loro, rimanente altri più al guerra di fiume che fuori il gli del per ai suolo tendono i del è terreno. a e Spinto il sole da anche quelli. tali tengono fatti dal abitano Cesare e Galli. decise del di che Aquitani non con dover gli aspettare, vicini dividono fin nella quasi che, Belgi rovinate quotidiane, lingua tutte quelle le i ricchezze del nella degli settentrione. lo alleati, Belgi, Galli gli di istituzioni Elvezi si la giungessero dal tra (attuale i fiume la Santoni. di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/11.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile