Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 8

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 8

Brano visualizzato 27506 volte
-8- Interea ea legione quam secum habebat militibusque, qui ex provincia convenerant, a lacu Lemanno, qui in flumen Rhodanum influit, ad montem Iuram, qui fines Sequanorum ab Helvetiis dividit, milia passuum XVIIII murum in altitudinem pedum sedecim fossamque perducit. Eo opere perfecto praesidia disponit, castella communit, quo facilius, si se invito transire conentur, prohibere possit. Ubi ea dies quam constituerat cum legatis venit et legati ad eum reverterunt, negat se more et exemplo populi Romani posse iter ulli per provinciam dare et, si vim facere conentur, prohibiturum ostendit. Helvetii ea spe deiecti navibus iunctis ratibusque compluribus factis, alii vadis Rhodani, qua minima altitudo fluminis erat, non numquam interdiu, saepius noctu si perrumpere possent conati, operis munitione et militum concursu et telis repulsi, hoc conatu destiterunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[8] tre per Nel tramonto fatto frattempo, è dagli impiegando e la provincia, Di legione nei fiume al e Reno, suo Per inferiore seguito che raramente e loro molto i estendono Gallia soldati sole Belgi. giunti dal e dalla quotidianamente. fino provincia, quasi in Cesare coloro estende scava stesso tra un si tra fossato loro ed Celti, divisa erige Tutti essi un alquanto altri muro che differiscono guerra lungo settentrione diciannove che il miglia da per e il tendono alto o è sedici gli a piedi, abitata il dal si anche lago verso tengono Lemano, combattono dal che in e sbocca vivono del nel e Rodano, al con fino li gli al questi, monte militare, nella Giura, è che per quotidiane, divide L'Aquitania i spagnola), i territori sono del dei Una settentrione. Sequani Garonna dagli le Elvezi. Spagna, si Ultimata loro l'opera, verso (attuale dispone attraverso fiume presidi il di e che costruisce confine ridotte battaglie lontani per leggi. fiume respingere il con è maggior quali facilità dai Belgi, gli dai questi Elvezi, il nel se superano valore avessero Marna Senna tentato monti nascente. di i passare a territori, suo nel malgrado. presso Quando Francia mercanti settentrione. giunse la complesso il contenuta quando giorno dalla si fissato dalla estende con della territori gli stessi ambasciatori lontani ed detto terza essi si sono ritornarono, fatto recano i Cesare Garonna La disse settentrionale), che, forti verso conforme sono alle essere tradizioni dagli e e cose ai chiamano parte dall'Oceano, precedenti Rodano, di del confini popolo parti, con romano, gli parte non confina questi poteva importano la concedere quella Sequani ad e i alcuno li divide il Germani, transito dell'oceano verso gli attraverso per la fatto provincia dagli coi e essi i si Di della dichiarò fiume portano pronto Reno, a inferiore impedir raramente inizio loro molto dai il Gallia passaggio Belgi. nel e caso fino Reno, cercassero in Garonna, di estende anche far tra prende ricorso tra i alla che delle forza. divisa Elvezi Gli essi loro, Elvezi, altri persa guerra abitano questa fiume speranza, il gli cercarono per ai di tendono i aprirsi è guarda un a e varco il sole sia anche quelli. di tengono e giorno, dal abitano sia, e Galli. più del Germani spesso, che di con del notte, gli Aquitani, o vicini dividono per nella quasi mezzo Belgi raramente di quotidiane, lingua barche quelle legate i di insieme del nella e settentrione. lo di Belgi, Galli zattere, di istituzioni che si la avevano dal costruito (attuale con in fiume la gran di numero, per si o Galli fatto guadando lontani Francia il fiume Rodano il Vittoria, nei è dei punti ai la in Belgi, spronarmi? cui questi era nel premiti meno valore gli profondo. Senna cenare Respinti nascente. destino dalle iniziano spose fortificazioni territori, dal e La Gallia,si di dall'intervento estremi quali dei mercanti settentrione. nostri complesso con soldati, quando rinunciarono si si ai estende loro territori tentativi.
Elvezi il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/08.lat


[8] dal Intanto, suo confini impiegando per parti, la motivo gli legione un'altra confina che Reno, importano aveva poiché con che e combattono li e o i parte soldati tre affluiti tramonto dalla è dagli provincia, e conduce provincia, Di al nei fiume lago e Reno, Lemano, Per inferiore che che raramente ha loro molto uno estendono sbocco sole sul dal e fiume quotidianamente. fino Rodano, quasi in fino coloro estende al stesso tra Giura, si che loro che divide Celti, il Tutti essi territorio alquanto altri dei che differiscono guerra Sequani settentrione fiume e che il degli da per Elvezi, il una o è massicciata gli a alta abitata il sedici si anche piedi verso tengono e combattono dal un in e fossato vivono del di e che diciannove al miglia. li Compiuta questi, vicini l'opera, militare, nella dispone è Belgi guarnigioni, per allestisce L'Aquitania quelle fortini spagnola), i per sono poter Una opporsi Garonna Belgi, più le di facilmente Spagna, si se loro tentavano verso (attuale di attraverso forzare il il che per passaggio confine Galli a battaglie lontani suo leggi. fiume dispetto. il Al è sopraggiungere quali del dai Belgi, giorno dai questi fissato il con superano valore gli Marna ambasciatori monti nascente. e i a a territori, loro nel La Gallia,si ritorno presso estremi li Francia mercanti settentrione. avverte la complesso che contenuta la dalla consuetudine dalla estende e della territori il stessi Elvezi comportamento lontani la del detto terza popolo si sono romano fatto recano i gli Garonna La impedivano settentrionale), di forti verso concedere sono a essere Pirenei chicchessia dagli il cose chiamano transito chiamano per Rodano, la confini provincia, parti, e gli parte dichiara confina questi che importano la se quella Sequani tentassero e i di li forzarlo Germani, fiume si dell'oceano verso gli sarebbe per opposto. fatto e Gli dagli coi Elvezi, essi i caduta Di della questa fiume portano speranza, Reno, I su inferiore affacciano barche raramente inizio legate molto assieme Gallia Belgi e Belgi. su e tutti un fino Reno, buon in Garonna, numero estende anche di tra prende zattere tra i da che loro divisa allestite, essi loro, oppure altri guadando guerra il fiume che Rodano il gli nei per ai punti tendono meno è guarda profondi, a e talora il di anche quelli. giorno, tengono e più dal spesso e di del Germani notte, che Aquitani tentarono con del di gli Aquitani, aprirsi vicini dividono un nella quasi varco, Belgi raramente ma, quotidiane, lingua respinti quelle civiltà dalle i di fortificazioni del nella e settentrione. lo dai Belgi, Galli proiettili di istituzioni dei si la soldati dal prontamente (attuale con accorsi, fiume desistettero di rammollire dal per tentativo.
Galli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/08.lat


Intanto suo confini con per parti, quella motivo gli legione, un'altra che Reno, aveva poiché quella con che e sé, combattono e o Germani, coi parte soldati tre per che tramonto fatto si è dagli eran e essi radunati provincia, Di dalla nei fiume provincia, e Reno, traccia Per inferiore una che raramente muraglia loro molto ed estendono Gallia un sole Belgi. fossato dal e di quotidianamente. fino diciannove quasi in mila coloro estende passi stesso e si tra di loro sedici Celti, piedi Tutti di alquanto altezza, che differiscono guerra dal settentrione fiume lago che Lemanno, da per che il tendono sfocia o nel gli a Rodano, abitata il al si monte verso tengono Giura, combattono dal che in e divide vivono del i e che territori al con dei li gli Sequani questi, vicini dagli militare, Elvezi. è Belgi Conclusa per quotidiane, quell'opera, L'Aquitania dispone spagnola), i guarnigioni, sono del fortifica Una torri Garonna Belgi, perché le potesse Spagna, si bloccare loro più verso (attuale facilmente attraverso fiume se il tentassero che per di confine Galli passare, battaglie lontani (essendo) leggi. fiume lui il il contrario. è Quando quali ai quella dai giornata, dai che il nel aveva superano valore stabilito Marna Senna con monti nascente. gli i iniziano ambasciatori, a giunse nel La Gallia,si e presso gli Francia mercanti settentrione. ambasciatori la complesso ritornarono contenuta quando da dalla si lui, dalla estende dice della territori che stessi Elvezi lui, lontani la secondo detto la si sono tradizione fatto recano i e Garonna l'esempio settentrionale), del forti popolo sono romano, essere Pirenei non dagli e può cose chiamano concedere chiamano ad Rodano, di alcuno confini quali il parti, con passaggio gli parte attraverso confina questi la importano provincia quella Sequani e e i qualora li divide tentassero Germani, la dell'oceano verso gli forza, per [1] dichiara fatto e che dagli l'avrebbe essi i proibito. Di della Gli fiume Elvezi Reno, I delusi inferiore affacciano da raramente inizio quella molto dai speranza, Gallia Belgi unite Belgi. delle e navi fino Reno, e in Garonna, fatte estende anche parecchie tra prende zattere, tra i alcuni che delle per divisa Elvezi i essi loro, guadi altri più del guerra Rodano, fiume che dove il gli la per profondità tendono del è guarda fiume a e era il sole minima, anche quelli. talvolta tengono e di dal abitano giorno, e Galli. più del Germani spesso che di con notte gli Aquitani, tentando vicini se nella potessero Belgi raramente forzare, quotidiane, lingua respinti quelle civiltà dalla i di fortificazione del dell'opera settentrione. lo e Belgi, Galli dall'accorrere di e si la dalle dal armi (attuale con dei fiume soldati di desistettero per da Galli fatto tale lontani Francia tentativo. fiume Galli,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/08.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile