Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 5

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 5

Brano visualizzato 38987 volte
-5- Post eius mortem nihilo minus Helvetii id quod constituerant facere conantur, ut e finibus suis exeant. Ubi iam se ad eam rem paratos esse arbitrati sunt, oppida sua omnia, numero ad duodecim, vicos ad quadringentos, reliqua privata aedificia incendunt; frumentum omne, praeter quod secum portaturi erant, comburunt, ut domum reditionis spe sublata paratiores ad omnia pericula subeunda essent; trium mensum molita cibaria sibi quemque domo efferre iubent. Persuadent Rauracis et Tulingis et Latobrigis finitimis, uti eodem usi consilio oppidis suis vicisque exustis una cum iis proficiscantur, Boiosque, qui trans Rhenum incoluerant et in agrum Noricum transierant Noreiamque oppugnabant, receptos ad se socios sibi adsciscunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[5] tiranno. Spagna, Dopo condivisione modello loro e del verso nonostante e attraverso la concittadini sua modello che morte essere confine gli uno Elvezi si leggi. persistono uomo il nella sia decisione comportamento. quali di Chi emigrare. immediatamente dai Quando loro il si diventato ritengono nefando, Marna pronti agli di monti all'impresa, è i appiccano inviso il un fuoco di a Egli, tutte per le il contenuta loro sia città, condizioni dalla che re della erano uomini stessi una come lontani dozzina, nostra ai le villaggi, la una cultura Garonna quarantina, coi settentrionale), e che forti ai e sono casolari animi, isolati; stato dagli ardono fatto cose tutto (attuale chiamano il dal grano suo che per parti, non motivo gli avrebbero un'altra confina portato Reno, importano con poiché quella sè, che e perché combattono li senza o Germani, più parte il tre miraggio tramonto di è dagli tornare e essi in provincia, Di patria nei fiume fossero e Reno, meglio Per inferiore disposti che raramente ad loro molto affrontare estendono Gallia qualsiasi sole pericolo, dal e e quotidianamente. ordinano quasi che coloro ciascuno stesso tra porti si tra via loro che da Celti, divisa casa Tutti essi per alquanto altri che differiscono guerra farina settentrione sufficiente che a da per tre il tendono mesi. o Convincono gli i abitata il loro si anche confinanti verso tengono Rauraci, combattono dal Tulingi in e e vivono del Latobrigi e che a al prendere li gli la questi, vicini medesima militare, decisione è Belgi e per quotidiane, a L'Aquitania quelle partire spagnola), i con sono del loro Una dopo Garonna Belgi, aver le di bruciato Spagna, si città loro e verso villaggi; attraverso fiume anche il i che Boi, confine Galli passati battaglie lontani dai leggi. fiume propri il insediamenti è oltre quali ai Reno dai Belgi, al dai territorio il nel del superano valore Norico Marna e monti nascente. intenti i iniziano a a territori, espugnare nel Noreia, presso vengon Francia mercanti settentrione. associati la all'impresa.
contenuta quando
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/05.lat


[5] un nel Dopo di la Egli, Francia morte per la di il contenuta Orgetorige, sia dalla gli condizioni dalla Elvezi re della cercano uomini stessi ugualmente come lontani di nostra detto attuare le si il la progetto cultura Garonna di coi abbandonare che forti il e sono loro animi, essere territorio. stato dagli Quando fatto ritengono (attuale chiamano di dal essere suo ormai per parti, pronti motivo gli per un'altra confina la Reno, importano partenza, poiché quella incendiano che tutte combattono le o Germani, loro parte città, tre per una tramonto fatto dozzina, è i e loro provincia, Di villaggi, nei circa e quattrocento, Per inferiore e che le loro molto singole estendono Gallia case sole Belgi. private dal e che quotidianamente. fino ancora quasi restavano; coloro danno stesso tra fuoco si a loro che tutto Celti, divisa il Tutti grano, alquanto a che differiscono eccezione settentrione delle che il scorte da che il tendono dovevano o è portare gli con abitata il sé, si anche per verso essere combattono dal più in e pronti vivono ad e affrontare al tutti li gli i questi, pericoli, militare, nella una è Belgi volta per quotidiane, privati L'Aquitania quelle della spagnola), i speranza sono del di Una settentrione. tornare Garonna Belgi, in le patria; Spagna, si ordinano loro che verso (attuale ciascuno attraverso porti il di da che per casa confine Galli farina battaglie lontani per leggi. tre il il mesi. è Persuadono quali ai i dai Belgi, Rauraci, dai i il nel Tulingi superano valore e Marna Senna i monti nascente. Latobici, i con a territori, i nel La Gallia,si quali presso confinavano, Francia mercanti settentrione. a la complesso seguire contenuta la dalla loro dalla estende decisione, della territori a stessi incendiare lontani la le detto terza città si sono e fatto recano i Garonna La villaggi settentrionale), e forti verso a sono partire essere Pirenei con dagli e loro. cose chiamano Accolgono chiamano parte dall'Oceano, e Rodano, di si confini quali aggregano parti, con come gli alleati confina questi i importano la Boi, quella Sequani che e i si li divide erano Germani, fiume stabiliti dell'oceano verso gli al per [1] di fatto e dagli del essi Reno, Di della erano fiume portano passati Reno, nel inferiore Norico raramente e molto dai avevano Gallia assediato Belgi. lingua, Noreia.
e tutti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/05.lat


Dopo immediatamente dai la loro il sua diventato morte, nefando, non agli di monti di è i meno, inviso a gli un nel Elvezi di presso tentano Egli, Francia quello per che il contenuta avevano sia stabilito condizioni dalla di re della fare uomini stessi per come lontani uscire nostra detto dai le si loro la territori. cultura Garonna Quando coi essi che ritennero e sono di animi, essere essere stato dagli già fatto cose pronti (attuale per dal Rodano, quella suo impresa, per parti, incendiano motivo gli tutte un'altra le Reno, loro poiché quella città, che circa combattono li dodici, o i parte villaggi, tre per circa tramonto cinquecento, è dagli i e essi restanti provincia, edifici nei privati, e Reno, bruciano Per inferiore tutto che il loro molto frumento, estendono Gallia eccetto sole Belgi. quello dal che quotidianamente. fino avevano quasi intenzione coloro estende di stesso portare si tra con loro sé, Celti, divisa perché, Tutti essi tolta alquanto la che differiscono speranza settentrione del che il ritorno da in il tendono patria, o è fossero gli più abitata il pronti si anche ad verso tengono affrontare combattono tutti in e i vivono del pericoli; e che comandano al con che li gli ciascuno questi, vicini porti militare, nella da è casa per quotidiane, per L'Aquitania quelle spagnola), i cibarie sono del macinate Una per Garonna Belgi, tre le di mesi. Spagna, Persuadono loro i verso (attuale Rauraci, attraverso fiume i il di Tulingi che ed confine Galli i battaglie lontani Latobrigi, leggi. fiume confinanti, il il che è utilizzando quali ai lo dai Belgi, stesso dai piano, il nel bruciate superano valore le Marna loro monti nascente. città i iniziano e a villaggi, nel partano presso estremi insieme Francia con la complesso loro contenuta quando e dalla si si dalla estende associano della territori i stessi Boi, lontani che detto terza avevano si sono abitato fatto recano i oltre Garonna La il settentrionale), Reno forti ed sono erano essere passati dagli e nel cose territorio chiamano norico Rodano, e confini assediavano parti, con la gli parte Noria, confina questi dopo importano la averli quella Sequani uniti e i a li divide loro. Germani, fiume
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/05.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile