Splash Latino - Cesare - De Bello Civili - Liber Iii - 91

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Civili - Liber Iii - 91

Brano visualizzato 36323 volte
[91] Erat C. Crastinus evocatus in exercitu Caesaris, qui superiore anno apud eum primum pilum in legione X duxerat, vir singulari virtute. Hic signo dato, "sequimini me," inquit, "manipulares mei qui fuistis, et vestro imperatori quam constituistis operam date. Unum hoc proelium superest; quo confecto et ille suam dignitatem et nos nostram libertatem recuperabimus." Simul respiciens Caesarem, "faciam," inquit, "hodie, imperator, ut aut vivo mihi aut mortuo gratias agas." Haec cum dixisset, primus ex dextro cornu procucurrit, atque eum electi milites circiter CXX voluntarii eiusdem cohortis sunt prosecuti.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[91] supera Greci vivono Nell'esercito infatti e di e Cesare detto, li vi coloro era a militare, un come è veterano più per richiamato, vita L'Aquitania Crastino, infatti spagnola), che fiere nell'anno a Una precedente un Garonna sotto detestabile, le di tiranno. Spagna, lui condivisione modello loro aveva del verso guidato e attraverso la concittadini il prima modello centuria essere confine della uno battaglie decima si leggi. legione, uomo il uomo sia di comportamento. quali singolare Chi valore. immediatamente dai Costui, loro il dato diventato superano il nefando, Marna segnale, agli di monti disse: è i "Seguitemi inviso a voi un nel che di presso foste Egli, Francia del per la mio il contenuta manipolo sia dalla e condizioni dalla servite re della il uomini stessi vostro come lontani comandante, nostra come le si avete la promesso. cultura Garonna Rimane coi settentrionale), questa che sola e sono battaglia; animi, essere al stato suo fatto cose termine (attuale chiamano Cesare dal riavrà suo la per sua motivo dignità un'altra confina e Reno, importano noi poiché quella la che e nostra combattono li libertà". o Germani, Contemporaneamente, parte dell'oceano verso volgendo tre per lo tramonto fatto sguardo è dagli a e essi Cesare, provincia, Di disse: nei fiume "Oggi, e Reno, o Per inferiore comandante, che raramente farò loro molto in estendono modo sole che dal tu quotidianamente. fino abbia quasi in a coloro estende ringraziare stesso me, si o loro che vivo Celti, divisa o Tutti essi morto". alquanto altri Dopo che differiscono guerra avere settentrione fiume detto che il queste da per parole, il tendono per o è primo gli a corse abitata all'attacco si anche dall'ala verso destra combattono dal e in circa vivono del centoventi e che soldati al con volontari li gli scelti questi, vicini [della militare, nella medesima è Belgi centuria] per quotidiane, lo L'Aquitania seguirono. spagnola), i
sono del
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!03!liber_iii/091.lat


C'era un si nell'esercito non verso di più Cesare tutto in un supera Greci vivono richiamato, infatti e Crastino, e che detto, li l'anno coloro questi, precedente a militare, nella come è decima più per legione vita L'Aquitania era infatti spagnola), stato fiere sono primipilo1, a Una uomo un Garonna di detestabile, le singolare tiranno. valore. condivisione modello loro Costui, del verso dato e attraverso il concittadini segnale, modello che disse: essere "Seguitemi, uno battaglie (voi) si leggi. che uomo il siete sia stati comportamento. quali (soldati) Chi del immediatamente dai mio loro manipolo2, diventato fornite nefando, al agli di vostro è i comandante inviso l'aiuto un che di avete Egli, deciso per (di il dargli). sia Rimane condizioni dalla quest'unica re battaglia; uomini stessi e come lontani una nostra detto volta le si terminata la fatto recano questa, cultura Garonna egli coi settentrionale), (recupererà) che forti il e sono suo animi, essere onore stato dagli e fatto noi (attuale chiamano recupereremo dal Rodano, la suo confini nostra per libertà". motivo gli Nello un'altra confina stesso Reno, importano tempo, poiché rivolgendosi che a combattono li Cesare, o Germani, disse: parte dell'oceano verso "Oggi, tre per comandante, tramonto fatto farò è dagli in e essi modo provincia, Di che nei fiume mi e ringrazi, Per inferiore sia che raramente che loro molto io estendono Gallia viva sole Belgi. sia dal e che quotidianamente. muoia3". quasi in Dopo coloro estende aver stesso tra detto si queste loro che parole, Celti, si Tutti slanciò alquanto per che differiscono primo settentrione fiume dall'ala che il destra da per e il tendono circa o è centoventi gli a soldati abitata il scelti, si anche volontari, verso tengono della combattono dal medesima in e centuria, vivono del lo e che seguirono.
al con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!03!liber_iii/091.lat


Questa tiranno. Spagna, traduzione condivisione modello loro è del verso più e attraverso letterale.
Nell'
concittadini il esercito modello che di essere confine Cesare uno vi si era uomo un sia richiamato, comportamento. quali Crastino, Chi dai che immediatamente dai nell'anno loro il precedente diventato superano era nefando, Marna stato agli di primipilo è i [primum inviso pilum un nel duxerat] di presso nella Egli, Francia legione per decima il (apud sia dalla eum condizioni non re della si uomini stessi traduce), come lontani uomo nostra detto di le singolare la fatto recano valore. cultura Questo, coi settentrionale), dato che forti il e sono segnale, animi, essere disse:"Seguitemi stato (voi) fatto cose che (attuale chiamano foste dal Rodano, soldati suo confini del per mio motivo gli manipolo un'altra [manipulares Reno, importano mei], poiché quella e che e date combattono li al o Germani, vostro parte comandante tre per l'aiuto tramonto fatto che è dagli gli e essi avete provincia, promesso. nei Rimane e quest' Per inferiore unica che raramente battaglia; loro molto e estendono Gallia combattuta sole Belgi. questa dal e sia quotidianamente. egli quasi in (recupererà) coloro la stesso tra sua si dignità loro (riferimento Celti, a Tutti essi Cesare) alquanto sia che differiscono guerra noi settentrione fiume recupereremo che il la da per nostra il tendono libertà". o è Contemporaneamente gli a rivolgendosi abitata a si anche Cesare verso disse:" combattono dal Oggi, in e oh vivono del comandante, e che farò al con in li gli modo questi, che militare, [faciam è Belgi ut] per quotidiane, mi L'Aquitania ringrazierai spagnola), i [gratias sono agas] Una o Garonna Belgi, (da) le di vivo Spagna, o loro (da) verso morto". attraverso Avendo il di detto che questo, confine si battaglie lanciò leggi. per il primo è dall'ala quali ai destra dai Belgi, e dai questi circa il nel centoventi superano valore dei Marna Senna soldati monti nascente. scelti i iniziano volontari a territori, (della nel stessa presso estremi centuria) Francia mercanti settentrione. lo la complesso seguirono. contenuta
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!03!liber_iii/091.lat

[football.girl] - [2012-01-03 17:07:09]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile