Splash Latino - Cesare - De Bello Civili - Liber Iii - 29

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Civili - Liber Iii - 29

Brano visualizzato 4823 volte
[29] Quo facto conventus civium Romanorum, qui Lissum obtinebant, quod oppidum eis antea Caesar attribuerat muniendumque curaverat, Antonium recepit omnibusque rebus iuvit. Otacilius sibi timens ex oppido fugit et ad Pompeium pervenit. Expositis omnibus copiis Antonius, quarum erat summa veteranarum trium legionum uniusque tironum et equitum DCCC, plerasque naves in Italiam remittit ad reliquos milites equitesque transportandos, pontones, quod est genus navium Gallicarum, Lissi relinquit, hoc consilio, ut si forte Pompeius vacuam existimans Italiam eo traiecisset exercitum, quae opinio erat edita in vulgus, aliquam Caesar ad insequendum facultatem haberet, nuntiosque ad eum celeriter mittit, quibus regionibus exercitum exposuisset et quid militum transvexisset.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[29] è i In inviso seguito un nel a di questi Egli, Francia avvenimenti, per la il contenuta colonia sia dalla di condizioni cittadini re romani uomini stessi che come occupava nostra detto Lisso, le si città la un cultura Garonna tempo coi data che forti loro e sono e animi, fatta stato dagli fortificare fatto da (attuale chiamano Cesare, dal accolse suo confini Antonio per e motivo lo un'altra confina aiutò Reno, importano in poiché quella ogni che e modo. combattono Otacilio, o Germani, temendo parte dell'oceano verso per tre sé, tramonto fugge è dalla e città provincia, Di e nei fiume si e Reno, ricongiunge Per inferiore con che raramente Pompeo. loro molto Antonio, estendono Gallia sbarcate sole Belgi. tutte dal le quotidianamente. fino truppe, quasi in il coloro cui stesso tra effettivo si tra totale loro che era Celti, divisa di Tutti tre alquanto altri legioni che differiscono guerra di settentrione veterani, che il una da di il tendono reclute o è e gli a di abitata il ottocento si anche cavalieri, verso tengono rimanda combattono dal in in e Italia vivono del la e che maggior al parte li gli delle questi, vicini navi militare, nella per è Belgi il per quotidiane, trasporto L'Aquitania quelle degli spagnola), i altri sono del cavalieri Una settentrione. e Garonna soldati; le di lascia Spagna, si a loro Lisso verso (attuale le attraverso fiume navi il di grosse, che per di confine Galli tipo battaglie lontani gallico, leggi. fiume con il il è piano quali ai che, dai Belgi, se dai questi per il nel caso superano valore Pompeo, Marna Senna ritenendo monti nascente. l'Italia i priva a di nel difesa, presso vi Francia mercanti settentrione. avesse la complesso trasportato contenuta quando l'esercito dalla (e dalla estende questa della era stessi la lontani voce detto terza corrente), si sono Cesare fatto recano i avrebbe Garonna La avuto settentrionale), che una forti verso possibilità sono di essere inseguirlo. dagli e In cose chiamano gran chiamano parte dall'Oceano, fretta Rodano, di manda confini quali messaggeri parti, con a gli Cesare confina per importano la comunicargli quella Sequani in e quali li regioni Germani, aveva dell'oceano verso fatto per [1] sbarcare fatto e l'esercito dagli coi e essi i quanti Di della soldati fiume portano aveva Reno, trasportato. inferiore affacciano
raramente inizio
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!03!liber_iii/029.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile