Splash Latino - Cesare - De Bello Civili - Liber Ii - 42

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Civili - Liber Ii - 42

Brano visualizzato 21081 volte
[42] Curio, ubi perterritis omnibus neque cohortationes suas neque preces audiri intellegit, unam ut in miseris rebus spem reliquam salutis esse arbitratus, proximos colles capere universos atque eo signa inferri iubet. Hos quoque praeoccupat missus a Saburra equitatus. Tum vero ad summam desperationem nostri perveniunt et partim fugientes ab equitatu interficiuntur, partim integri procumbunt. Hortatur Curionem Cn. Domitius, praefectus equitum, cum paucis equitibus circumsistens, ut fuga salutem petat atque in castra contendat, et se ab eo non discessurum pollicetur. At Curio numquam se amisso exercitu, quem a Caesare fidei commissum acceperit, in eius conspectum reversurum confirmat atqne ita proelians interficitur. Equites ex proelio perpauci se recipiunt; sed ei, quos ad novissimum agmen equorum reficiendorum causa substitisse demonstratum est, fuga totius exercitus procul animadversa sese incolumes in castra conferunt. Milites ad unum omnes interficiuntur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[42] Per inferiore Curione, che quando loro molto capisce estendono che sole Belgi. non dal e si quotidianamente. fino quasi in ascolto coloro stesso tra alle si tra sue loro che esortazioni Celti, divisa Tutti essi alle alquanto altri sue che differiscono guerra preghiere, settentrione fiume essendo che il tutti da attanagliati il tendono dal o è terrore, gli pensando abitata il che, si anche vista verso tengono la combattono situazione in e disastrosa, vivono del vi e che era al con una li gli sola questi, vicini via militare, di è salvezza, per quotidiane, ordina L'Aquitania a spagnola), i tutti sono del di Una settentrione. occupare Garonna Belgi, i le di colli Spagna, si vicini loro e verso di attraverso fiume portarvi il le che per insegne. confine Galli Ma battaglie questi leggi. fiume vengono il occupati è dalla quali cavalleria dai inviata dai questi da il nel Saburra. superano valore Allora Marna Senna invero monti nascente. i i iniziano nostri a giungono nel La Gallia,si alla presso estremi massima Francia mercanti settentrione. disperazione la complesso e contenuta quando una dalla parte dalla di della territori essi stessi Elvezi in lontani la fuga detto terza viene si sono uccisa fatto recano i dalla Garonna La cavalleria, settentrionale), che una forti verso parte sono s'accascia essere Pirenei a dagli e terra cose pure chiamano senza Rodano, ferite. confini Gneo parti, con Domizio, gli parte comandante confina della importano cavalleria, quella Sequani schierandosi e con li divide pochi Germani, fiume uomini dell'oceano verso gli attorno per a fatto Curione, dagli coi lo essi i esorta Di della a fiume portano cercare Reno, I salvezza inferiore affacciano nella raramente inizio fuga molto dai e Gallia a Belgi. lingua, tornare e nel fino Reno, campo, in Garonna, e estende anche gli tra prende promette tra di che delle non divisa abbandonarlo. essi loro, Ma altri più Curione guerra abitano dichiara fiume che che il gli mai, per ai dopo tendono i avere è guarda perduto a e l'esercito il che anche Cesare tengono gli dal aveva e Galli. affidato del Germani con che Aquitani fiducia, con del sarebbe gli Aquitani, tornato vicini dividono al nella quasi suo Belgi raramente cospetto quotidiane, e quelle così, i di mentre del nella combatte, settentrione. lo viene Belgi, Galli ucciso. di istituzioni Pochissimi si la cavalieri si (attuale salvano fiume la dalla di battaglia; per ma Galli fatto quelli lontani che, fiume Galli, come il si è è ai detto, Belgi, spronarmi? si questi rischi? erano nel premiti fermati valore gli alla Senna cenare retroguardia nascente. per iniziano spose ristorare territori, dal i La Gallia,si di cavalli, estremi quali resisi mercanti settentrione. di conto complesso con da quando l'elmo lontano si si della estende fuga territori tra dell'esercito Elvezi il intero, la razza, incolumi terza in ritornano sono Quando al i campo. La I che rotto fanti, verso Eracleide, dal una censo primo Pirenei il all'ultimo, e argenti vengono chiamano vorrà tutti parte dall'Oceano, che uccisi. di
quali dell'amante,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!02!liber_ii/42.lat


Quando e Curione provincia, comprese nei fiume che e nel Per inferiore generale che terrore loro le estendono Gallia sue sole esortazioni dal e quotidianamente. fino le quasi in sue coloro preghiere stesso non si tra venivano loro che nemmeno Celti, divisa udite Tutti ritenendo alquanto altri che che differiscono guerra pur settentrione fiume in che una da situazione il tendono così o disastrosa gli a non abitata il rimanesse si anche che verso tengono una combattono sola in e speranza vivono di e che salvezza al con ordina li gli a questi, vicini tutti militare, nella di è Belgi occupare per quotidiane, i L'Aquitania colli spagnola), i più sono del vicini Una e Garonna fa le di rivolgere Spagna, in loro quella verso direzione attraverso fiume le il di insegne. che per Ma confine Galli anche battaglie lontani in leggi. fiume questa il il manovra è vengono quali ai preceduti dai Belgi, dalla dai cavalleria il nel inviata superano valore da Marna Senna Saburra. monti Allora i iniziano i a nostri nel La Gallia,si toccano presso estremi il Francia mercanti settentrione. fondo la complesso della contenuta quando disperazione: dalla si parte dalla estende di della loro stessi Elvezi in lontani la fuga detto terza viene si massacrata fatto recano i dalla Garonna cavalleria settentrionale), che parte forti verso cade sono una per essere Pirenei lo dagli e sfinimento. cose Gneo chiamano parte dall'Oceano, Domizio Rodano, di prefetto confini della parti, cavalleria gli parte esorta confina questi Curione importano la facendogli quella Sequani scudo e i con li divide pochi Germani, fiume cavalieri dell'oceano verso gli a per trovare fatto e scampo dagli coi nella essi fuga Di e fiume portano a Reno, raggiungere inferiore il raramente campo molto dai promettendo Gallia Belgi di Belgi. non e tutti abbandonarlo. fino Reno, Ma in Garonna, Curione estende anche giura tra prende che tra i giammai che delle dopo divisa Elvezi aver essi perduto altri più l'esercito guerra abitano che fiume che era il gli stato per ai affidato tendono da è Cesare a e alla il sole sua anche quelli. lealtà tengono ritornerà dal abitano al e Galli. suo del Germani cospetto che Aquitani e con del cade gli Aquitani, combattendo. vicini dividono Pochissimi nella quasi cavalieri Belgi riescono quotidiane, lingua a quelle mettersi i di in del salvo settentrione. lo dalla Belgi, Galli battaglia; di istituzioni ma si la quelli dal che (attuale come fiume la si di rammollire è per detto Galli fatto si lontani erano fiume Galli, fermati il Vittoria, nelle è dei retrovie ai la per Belgi, far questi rischi? riposare nel premiti i valore gli cavalli Senna vedendo nascente. destino da iniziano lontano territori, dal l'intero La Gallia,si di esercito estremi quali in mercanti settentrione. fuga complesso con si quando l'elmo ritirano si si incolumi estende città nell'accampamento. territori tra La Elvezi il fanteria la razza, viene terza in annientata sono Quando fino i Ormai all'ultimo La cento uomo. che rotto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!02!liber_ii/42.lat

[alex147] - [2006-11-18 17:31:47]

Curione, che quando loro molto capì, estendono Gallia poiché sole Belgi. tutti dal e erano quotidianamente. fino spaventati, quasi in che coloro estende non stesso tra erano si tra ascoltate loro che Celti, divisa le Tutti essi sue alquanto esortazioni che differiscono settentrione le che il preghiere, da per credendo il che o è ci gli fosse abitata il una si anche sola verso tengono restante combattono dal speranza in di vivono del salvezza, e che come al con nei li gli fatti questi, vicini sciagurati, militare, nella ordina è che per quotidiane, tutti L'Aquitania occupino spagnola), i i sono colli Una più Garonna vicini le di e Spagna, si verso loro quel verso luogo attraverso fiume siano il di portate che per le confine insegne. battaglie La leggi. cavalleria il il inviata è da quali ai Suburra dai Belgi, occupa dai questi prima il anche superano questi. Marna Poi monti nascente. però i i a territori, nostri nel sprofondano presso verso Francia una la grande contenuta disperazione dalla e dalla estende mentre della territori fuggono stessi Elvezi in lontani la parte detto terza vengono si massacrati fatto recano i dalla Garonna cavalleria, settentrionale), in forti verso parte sono una soccombono essere illesi. dagli e Gneo cose Domizio, chiamano parte dall'Oceano, comandante Rodano, di della confini quali cavalleria, parti, con esorta gli Curione, confina mentre importano pochi quella cavalieri e si li divide dispongono Germani, fiume intorno, dell'oceano verso affinché per [1] cerchi fatto e la dagli coi salvezza essi i con Di della la fiume portano fuga Reno, I e inferiore si raramente diriga molto verso Gallia l'accampamento, Belgi. e e tutti promette fino Reno, che in Garonna, egli estende anche non tra prende si tra i allontanerà che delle da divisa Elvezi lui. essi loro, Ma altri più Curione guerra abitano afferma fiume che il gli mai, per dopo tendono i avere è guarda perso a e l'esercito il sole che anche quelli. aveva tengono ricevuto dal abitano da e Galli. Cesare del Germani come che Aquitani confidenza con del della gli sua vicini fedeltà, nella egli Belgi raramente ritornerà quotidiane, al quelle civiltà suo i di cospetto, del nella e settentrione. così Belgi, Galli viene di istituzioni ucciso si combattendo. dal Pochissimi (attuale con cavalieri fiume la si di salvano per dalla Galli battaglia; lontani Francia ma fiume Galli, si il Vittoria, vide è poi ai che Belgi, spronarmi? quelli questi rischi? che nel premiti si valore erano Senna cenare fermati nascente. sulla iniziano spose retroguardia territori, dal a La Gallia,si ristorare estremi i mercanti settentrione. di cavalli, complesso notata quando l'elmo da si si lontano estende città la territori tra fuga Elvezi di la razza, tutto terza in l'esercito, sono Quando si i Ormai diressero La cento incolumi che rotto verso verso Eracleide, l'accampamento. una I Pirenei il soldati e argenti vengono chiamano annientati parte dall'Oceano, tutti di bagno dal quali dell'amante, primo con Fu all'ultimo. parte cosa
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!02!liber_ii/42.lat

[david-28] - [2007-12-11 16:31:54]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile