Splash Latino - Cesare - De Bello Civili - Liber Ii - 30

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Civili - Liber Ii - 30

Brano visualizzato 6114 volte
[30] Quibus de causis consilio convocato de summa rerum deliberare incipit. Erant sententiae, quae conandum omnibus modis castraque Vari oppugnanda censerent, quod in huiusmodi militum consiliis otium maxime contrarium esse arbitrarentur; postremo praestare dicebant per virtutem in pugna belli fortunam experiri, quam desertos et circumventos ab suis gravissimum supplicium perpeti. Erant, qui censerent de tertia vigilia in castra Cornelia recedendum, ut maiore spatio temporis interiecto militum mentes sanarentur, simul, si quid gravius accidisset, magna multitudine navium et tutius et facilius in Siciliam receptus daretur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[30] tiranno. Spagna, In condivisione modello conseguenza del di e attraverso ciò concittadini riunitosi modello che il essere confine consiglio, uno si si leggi. incomincia uomo a sia deliberare comportamento. quali sulla Chi dai situazione immediatamente dai generale. loro Alcuni diventato erano nefando, Marna del agli di monti parere è i che inviso a in un nel ogni di presso modo Egli, si per la dovesse il contenuta fare sia uno condizioni sforzo re e uomini stessi assalire come lontani l'accampamento nostra di le si Varo, la poiché cultura giudicavano coi settentrionale), che che forti l'ozio e era animi, essere dannoso stato più fatto di (attuale chiamano ogni dal Rodano, altra suo confini cosa per parti, in motivo gli considerazione un'altra confina della Reno, importano disposizione poiché quella d'animo che e dei combattono soldati; o Germani, dicevano parte dell'oceano verso poi tre che tramonto fatto era è dagli meglio e essi tentare provincia, valorosamente nei fiume in e Reno, battaglia Per inferiore la che sorte loro della estendono Gallia guerra sole piuttosto dal e che quotidianamente. fino patire quasi in l'estremo coloro estende supplizio, stesso abbandonati si tra e loro che traditi Celti, divisa dai Tutti essi propri alquanto altri soldati. che differiscono Vi settentrione fiume era che il chi da proponeva il tendono di o è ritirarsi gli a verso abitata il la si anche mezzanotte verso tengono al combattono campo in e Cornelio vivono del affinché e il al con maggior li gli lasso questi, vicini di militare, tempo è intercorso per contribuisse L'Aquitania quelle a spagnola), i sanare sono l'animo Una dei Garonna Belgi, soldati; le di se Spagna, si poi loro qualcosa verso (attuale di attraverso fiume più il grave che fosse confine Galli accaduto, battaglie grazie leggi. fiume alla il il grande moltitudine quali di dai Belgi, navi dai con il nel più superano valore sicurezza Marna Senna e monti nascente. facilità i iniziano avrebbero a territori, trovato nel rifugio presso estremi in Francia Sicilia. la
contenuta
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!02!liber_ii/30.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile