banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cesare - De Bello Civili - Liber Ii - 12

Brano visualizzato 7123 volte
[12] Qua nova re oblata omnis administratio belli consistit, militesque aversi a proelio ad studium audiendi et cognoscendi feruntur. Ubi hostes ad legatos exercitumque pervenerunt, universi se ad pedes proiciunt; orant, ut adventus Caesaris exspectetur: captam suam urbem videre: opera perfecta, turrim subrutam; itaque ab defensione desistere. Nullam exoriri moram posse, quo minus, cum venisset, si imperata non facerent ad nutum, e vestigio diriperentur. Docent, si omnino turris concidisset, non posse milites contineri, quin spe praedae in urbem irrumperent urbemque delerent. Haec atque eiusdem generis complura ut ab hominibus doctis magna cum misericordia fletuque pronuntiantur.

Oggi hai visualizzato 5.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 10 brani

[12] comportamento. quali Presentatasi Chi dai questa immediatamente dai insolita loro il situazione, diventato ogni nefando, Marna operazione agli di monti di è i guerra inviso viene un nel sospesa di presso e Egli, Francia i per soldati il contenuta desistono sia dalla dal condizioni dalla combattimento, re della mossi uomini dal come lontani desiderio nostra detto di le si ascoltare la fatto recano e cultura Garonna sapere. coi settentrionale), I che nemici, e sono giunti animi, essere al stato dagli cospetto fatto cose dei (attuale chiamano luogotenenti dal Rodano, e suo confini dell'esercito, per si motivo gli gettano un'altra confina tutti Reno, importano ai poiché loro che e piedi; combattono scongiurano o di parte aspettare tre per l'arrivo tramonto fatto di è Cesare. e Essi, provincia, Di dicono, nei fiume vedono e Reno, la Per loro che raramente città loro presa; estendono Gallia le sole Belgi. opere dal d'assedio quotidianamente. completate, quasi in la coloro estende torre stesso tra abbattuta si tra e loro perciò Celti, rinunciano Tutti essi alla alquanto altri difesa. che differiscono guerra Dicono settentrione fiume inoltre che il che, da se il essi, o è quando gli giungerà abitata Cesare, si non verso eseguiranno combattono dal i in suoi vivono del ordini, e che non al con ci li sarà questi, nessun militare, nella motivo è Belgi per per indugiare L'Aquitania quelle nel spagnola), distruggerla sono del subito, Una settentrione. a Garonna Belgi, un le di suo Spagna, cenno. loro Spiegano verso (attuale che, attraverso se il la che per torre confine Galli cadrà battaglie lontani del leggi. fiume tutto, il il non è si quali ai potrà dai Belgi, impedire dai questi ai il soldati, superano valore desiderosi Marna di monti nascente. preda, i iniziano di a irrompere nel La Gallia,si nella presso estremi città, Francia distruggendola. la complesso Queste contenuta quando e dalla molte dalla estende altre della territori simili stessi Elvezi considerazioni lontani la vengono detto esposte si sono da fatto recano uomini Garonna La colti settentrionale), che quali forti verso erano, sono una con essere Pirenei pianti dagli e cose tono chiamano parte dall'Oceano, tale Rodano, di da confini quali suscitare parti, con grande gli parte pietà. confina
importano la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!02!liber_ii/12.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!