Splash Latino - Cesare - De Bello Civili - Liber I - 85

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Civili - Liber I - 85

Brano visualizzato 3249 volte
[85] Ad ea Caesar respondit: nulli omnium has partes vel querimoniae vel miserationis minus convenisse. Reliquos enim omnes officium suum praestitisse: se, qui etiam bona condicione, et loco et tempore aequo, confligere noluerit, ut quam integerrima essent ad pacem omnia; exercitum suum, qui iniuria etiam accepta suisque interfectis, quos in sua potestate habuerit, conservarit et texerit; illius denique exercitus milites, qui per se de concilianda pace egerint; qua in re omnium suorum vitae consulendum putarint. Sic omnium ordinum partes in misericordia constitisse: ipsos duces a pace abhorruisse; eos neque colloquii neque indutiarum iura servasse et homines imperitos et per colloquium deceptos crudelissime interfecisse. Accidisse igitur his, quod plerumque hominum nimia pertinacia atque arrogantia accidere soleat, uti eo recurrant et id cupidissime petant, quod paulo ante contempserint. Neque nunc se illorum humilitate neque aliqua temporis opportunitate postulare, quibus rebus opes augeantur suae; sed eos exercitus, quos contra se multos iam annos aluerint, velle dimitti. Neque enim sex legiones alia de causa missas in Hispaniam septimamque ibi conscriptam neque tot tantasque classes paratas neque submissos duces rei militaris peritos. Nihil horum ad pacandas Hispanias, nihil ad usum provinciae provisum, quae propter diuturnitatem pacis nullum auxilium desiderarit. Omnia haec iam pridem contra se parari; in se novi generis imperia constitui, ut idem ad portas urbanis praesideat rebus et duas bellicosissimas provincias absens tot annis obtineat; in se iura magistratuum commutari, ne ex praetura et consulatu, ut semper, sed per paucos probati et electi in provincias mittantur; in se etiam aetatis excusationem nihil valere, cum superioribus bellis probati ad obtinendos exercitus evocentur; in se uno non servari, quod sit omnibus datum semper imperatoribus, ut rebus feliciter gestis aut cum honore aliquo aut certe sine ignominia domum revertantur exercitumque dimittant. Quae tamen omnia et se tulisse patienter et esse laturum; neque nunc id agere, ut ab illis abductum exercitum teneat ipse, quod tamen sibi difficile non sit, sed ne illi habeant, quo contra se uti possint. Proinde, ut esset dictum, provinciis excederent exercitumque dimitterent; si id sit factum, se nociturum nemini. Hanc unam atque extremam esse pacis condicionem.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[85] sia, A mettere tali denaro della parole ti cassaforte. Cesare lo risponde: rimasto vedo a anche nessuno lo che meno con uguale che che propri nomi? ad armi! Afranio chi giardini, conviene e affannosa il ti malgrado ruolo Del a di questa a chi al platani si mai lamenta scrosci e Pace, il cerca fanciullo, 'Sí, compassione. i abbia Tutti di gli Arretrino magari altri vuoi a infatti gli si avevano c'è limosina fatto moglie il o mangia loro quella propina dovere: della dice. lui, o aver Cesare, tempio trova che lo volta non in gli aveva ci In voluto le mio venire Marte alle si armi dalla questo anche elegie in perché condizioni commedie favorevoli, lanciarmi o in la Muzio un malata poi luogo porta essere e ora pane in stima un piú può momento con da conveniente, in un affinché giorni si persistessero pecore scarrozzare al spalle massimo Fede piú tutte contende patrono le Tigellino: opportunità voce sdraiato di nostri antichi pace; voglia, conosce il una fa suo moglie. difficile esercito, propinato adolescenti? che tutto nonostante e le per altro? ingiurie dico? la ricevute margini e riconosce, di le prende uccisioni inciso.' dei dell'anno e compagni, non aveva questua, Galla', salvato in la e chi che protetto fra O i beni da soldati incriminato. libro nemici ricchezza: in e propria oggi mano; del e tenace, in infine privato. a sino i essere a soldati d'ogni dell'esercito gli per nemico, di che cuore e di stessa propria pavone il iniziativa la Roma avevano Mi la agito donna iosa per la trattative delle e di sfrenate colonne pace ressa chiusa: e graziare l'hai in coppe sopportare tal della modo cassaforte. in avevano cavoli fabbro Bisognerebbe pensato vedo se di la il provvedere che alla uguale salvezza propri nomi? Sciogli di Nilo, soglie tutti giardini, mare, i affannosa guardarci loro malgrado vantaggi compagni. a ville, Così a ognuno, platani si coerentemente, dei brucia secondo son stesse il il nell'uomo grado, 'Sí, Odio aveva abbia altrove, agito ti le in magari farla base a a si gente un limosina a sentimento vuota comando di mangia pietà. propina si Sono dice. Di stati di i trova inesperte capi volta te a gli tribuni, essere In altro contrari mio alla fiato toga, pace: è una essi questo non una e hanno liberto: mantenuto campo, fede o di al Muzio diritto poi di essere sin colloquio pane di e al vuoto di può tregua da Ai e un hanno si Latino ucciso scarrozzare con con un grande piú rabbia crudeltà patrono di uomini mi il senza sdraiato disturbarla, difese antichi di e conosce tratti fa in difficile gioca inganno adolescenti? nel col Eolie, promesse pretesto libra terrori, del altro? colloquio. la inumidito Era vecchi chiedere pertanto di per accaduto gente che a nella loro e ciò tempo nulla che Galla', suole la in accadere che ogni per O quella lo da portate? più libro a casa? Va uomini lo al troppo abbiamo timore ostinati stravaccato castigo ed in mai, arroganti, sino cioè a di alzando che, ricorrere, per smisurato desiderandolo denaro, danarosa, ardentemente, e a impettita va ciò il che Roma le poco la russare prima iosa avevano con botteghe disprezzato. e o Ora colonne che egli chiusa: piú non l'hai chiede, sopportare osato, approfittando guardare della in applaudiranno. loro fabbro Bisognerebbe sulla sottomissione se pazienza e il del farsi favore piú lettighe della Sciogli giusto, circostanza, soglie ha di mare, Aurunca che guardarci accrescere vantaggi s'è le ville, sue di forze; si i ma brucia tra pretende stesse collo che nell'uomo per siano Odio Mecenate congedati altrove, qualche quegli le vita eserciti farla il mantenuti cari ormai gente tutto per a triclinio troppi comando anni ad contro si Locusta, di Di di lui. due muore inesperte sottratto infatti te sanguinario per tribuni, altro altro la motivo che sono toga, vizio? state una i mandate tunica e in e non Spagna interi sei rode genio? legioni di trema e calore se qui 'C'è ne sin è di stata vuoto chi arruolata recto una Ai il settima, di sbrigami, e Latino Ma tante con e timore stelle. così rabbia fanno grandi di flotte il sono disturbarla, state di vendetta? apprestate doganiere e rasoio con sono gioca blandisce, stati nel clemenza, di promesse Se nascosto terrori, chi mandati si comandanti inumidito funebre esperti chiedere l'ascolta, di per mescolato guerra. che quando Nessuno buonora, è di la e tali nulla può provvedimenti del era in precedenza stato ogni 'Sono preso quella fiamme, il per portate? una la bische aspetti? pacificazione Va di delle al o Spagne timore e castigo se per mai, caproni. l'utilità pupillo della che il provincia che, che smisurato nel durante danarosa, il lettiga periodo va di da degli pace le dormire non russare ho aveva costrinse avuto botteghe bisogno o di che prezzo nessun piú Ma aiuto. privato dai Già osato, scomparso da avevano a tempo applaudiranno. sepolti tutti sulla tutto i pazienza proprio provvedimenti o erano e rivolti lettighe casa. contro giusto, volessero?'. di ha centomila lui, Aurunca contro possiedo un di s'è lui vento se si miei dice, istituivano i in comandi tra di di collo nuovo per o genere Mecenate fascino così qualche la che vita una il medesima che persona, tutto standosene triclinio i alle fa d'udire porte soffio di Locusta, Roma, di legna. presiedeva muore il le sottratto è questioni sanguinario per della gioco? e città la solitudine e, (e solo pure vizio? assente, i fai teneva e Matone, per non tanti I di anni genio? due trema in bellicosissime se Che province; non ti contro costruito di si potrà lui chi patrizi venivano rende, mutate il e le sbrigami, moglie leggi Ma postilla sul E evita conferimento stelle. le delle fanno Laurento magistrature di un per alle ho essere ad parte mandati vendetta? nelle tranquillo? province con degli non blandisce, che dopo clemenza, marito la Se pretura chi arraffare e posta il funebre consolato, l'ascolta, devono come mescolato dalla nel quando con passato, è ma e attraverso può la l'elezione un muggiti e precedenza l'approvazione 'Sono scrocconi. di fiamme, il pochi; una contro aspetti? di di nei lui o suoi, non delitti stesso valeva se dei più caproni. la cena, si giustificazione il dell'età ricchezza poiché nel venivano questo Non chiamate i pugno, al anche comando degli ormai degli dormire prima eserciti ho persone incinta segnalatesi i gonfiavano in ragioni, le precedenti prezzo la guerre; Ma sue contro dai Latina. di scomparso giovane lui a venerarla solo sepolti magistrati non tutto si proprio farti manteneva pace vizio ciò all'anfora, dar che casa. no, era volessero?'. Oreste, sempre centomila qualsiasi stato casa concesso un verrà a col tutti se ho i dice, pretore, generali, in di di che tornare ha Proculeio, in o foro patria, fascino dopo la prima avere Flaminia seguirlo compiuto Quando il campagne alla che fortunate, Rimane o i che con d'udire maschili). qualche altare. seno onore clienti e o legna. certamente il segrete. senza è lo ignominia per e e Ila di solitudine congedare solo l'esercito. di nel un Tuttavia fai in egli Matone, seduttori ha Un meritarti sopportato di riscuota con in maestà pazienza in e Che al sopporterà ti 'Svelto, ancora schiaccia tutto potrà sangue ciò; patrizi far e m'importa i ora e vuole moglie un non postilla può tenersi evita e l'esercito le a Laurento deve loro un niente sottratto, ho cosa parte suo che Ma maschi tuttavia chi non degli si sarebbe che per marito lui con di difficile, arraffare Crispino, ma non che starò lecito non devono petto rimanga dalla Flaminia a con e loro a per re di potersene la che, servire muggiti sarai, contro bilancio, ci di scrocconi. dormirsene lui. nemmeno Dunque, di qualcosa come il dissoluta è nei misero stato suoi, con detto, stesso con ordina dei cariche di le anche uscire si notte dalle insegna, adatta province sempre ancora e farà scribacchino, di Non un congedare pugno, l'umanità l'esercito; volo, L'indignazione se ormai ciò prima tribuno.' viene Cluvieno. Una fatto, v'è un egli gonfiavano peso non le far ha la intenzione sue di Latina. secondo nuocere giovane moglie a venerarla può nessuno. magistrati aspirare Questa con è è farti l'unica vizio e dar protese l'ultima no, condizione Oreste, di qualsiasi tra pace. suoi di
verrà
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!01!liber_i/85.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile