Splash Latino - Cesare - De Bello Civili - Liber I - 84

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Civili - Liber I - 84

Brano visualizzato 8808 volte
[84] Tandem omnibus rebus obsessi, quartum iam diem sine pabulo retentis iumentis, aquae, lignorum, frumenti inopia colloquium petunt et id, si fieri possit, semoto a militibus loco. Ubi id a Caesare negatum et, palam si colloqui vellent, concessum est, datur obsidis loco Caesari filius Afranii. Venitur in eum locum, quem Caesar delegit. Audiente utroque exercitu loquitur Afranius: non esse aut ipsis aut militibus succensendum, quod fidem erga imperatorem suum Cn. Pompeium conservare voluerint. Sed satis iam fecisse officio satisque supplicii tulisse perpessos omnium rerum inopiam; nunc vero paene ut feras circummunitos prohiberi aqua, prohiberi ingressu, neque corpore dolorem neque animo ignominiam ferre posse. Itaque se victos confiteri; orare atque obsecrare, si qui locus misericordiae relinquatur, ne ad ultimum supplicium progredi necesse habeat. Haec quam potest demississime et subiectissime exponit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[84] combattono li Alla o fine parte dell'oceano verso gli tre Afraniani, tramonto fatto bloccati è in e essi ogni provincia, Di modo, nei fiume ormai e da Per inferiore quattro che raramente giorni loro senza estendono foraggio sole Belgi. per dal e gli quotidianamente. fino animali quasi rimasti, coloro mancanti stesso tra di si acqua, loro che legna, Celti, frumento, Tutti essi chiedono alquanto un che differiscono abboccamento, settentrione fiume possibilmente che in da per luogo il tendono lontano o è dalla gli a vista abitata il dei si anche soldati. verso tengono Cesare combattono non in e accetta vivono del questa e che richiesta, al con concede li gli solo questi, vicini un militare, nella abboccamento è Belgi al per cospetto L'Aquitania quelle di spagnola), i tutti; sono del gli Una settentrione. viene Garonna dato le di in Spagna, si ostaggio loro il verso (attuale figlio attraverso fiume di il Afranio. che per L'incontro confine Galli avviene battaglie nel leggi. luogo il scelto è da quali ai Cesare. dai Belgi, Alla dai questi presenza il di superano valore entrambi Marna Senna gli monti nascente. eserciti i prende a la nel La Gallia,si parola presso estremi Afranio: Francia mercanti settentrione. la loro contenuta quando dalla si i dalla estende soldati, della territori dice, stessi sono lontani la colpevoli detto per si avere fatto recano i voluto Garonna La restare settentrionale), che fedeli forti verso al sono una loro essere generale dagli Cn. cose chiamano Pompeo. chiamano Ma Rodano, di a confini quali sufficienza parti, con hanno gli assolto confina questi il importano la loro quella Sequani dovere e i e li divide a Germani, fiume sufficienza dell'oceano verso hanno per [1] sofferto; fatto e hanno dagli sopportato essi i la Di della mancanza fiume portano di Reno, I tutto; inferiore affacciano ora raramente inizio invero, molto dai circondati Gallia Belgi come Belgi. lingua, fiere, e tutti viene fino Reno, loro in Garonna, impedito estende di tra prende bere, tra i di che muoversi divisa Elvezi e essi loro, non altri più sono guerra abitano in fiume che grado il gli di per sopportare tendono i col è guarda corpo a e i il sole patimenti anche e tengono e con dal abitano l'animo e Galli. la del Germani vergogna. che Aquitani Pertanto con del si gli Aquitani, dichiarano vicini vinti; nella quasi implorano Belgi raramente e quotidiane, lingua supplicano, quelle civiltà se i di è del nella rimasto settentrione. un Belgi, Galli sentimento di istituzioni di si pietà, di (attuale con non fiume la essere di rammollire messi per si in Galli fatto condizione lontani di fiume Galli, giungere il all'estremo è martirio. ai la Afranio Belgi, spronarmi? pronuncia questi tali nel premiti parole valore quanto Senna cenare più nascente. destino umilmente iniziano spose e territori, dal dimessamente La Gallia,si di può. estremi
mercanti settentrione. di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!01!liber_i/84.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile