Splash Latino - Cesare - De Bello Civili - Liber I - 82

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Civili - Liber I - 82

Brano visualizzato 5125 volte
[82] In his operibus consiliisque biduum consumitur; tertio die magna iam pars operis Caesaris processerat. Illi impediendae reliquae munitionis causa hora circiter VIIII signo dato legiones educunt aciemque sub castris instruunt. Caesar ab opere legiones revocat, equitatum omnem convenire iubet, aciem instruit; contra opinionen enim militum famamque omnium videri proelium defugisse magnum detrimentum afferebat. Sed eisdem de causis, quae sunt cognitae, quo minus dimicare vellet, movebatur, atque hoc etiam magis, quod spatii brevitate etiam in fugam coniectis adversariis non multum ad summam victoria iuvare poterat. Non enim amplius pedum milibus duobus ab castris castra distabant; hinc duas partes acies occupabant duae; tertia vacabat ad incursum atque impetum militum relicta. Si proelium committeretur, propinquitas castrorum celerem superatis ex fuga receptum dabat. Hac de causa constituerat signa inferentibus resistere, prior proelio non lacessere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[82] verso tengono In combattono dal queste in operazioni vivono e e che in al con questi li piani questi, vicini si militare, consumano è Belgi due per giorni; L'Aquitania quelle il spagnola), i terzo sono del giorno Una una Garonna Belgi, gran le di parte Spagna, si del loro lavoro verso (attuale di attraverso fiume Cesare il di era che per ormai confine Galli terminato. battaglie lontani I leggi. nemici il il per impedire quali ai il dai Belgi, completamento dai questi della il nel rimanente superano valore parte Marna Senna di monti nascente. fortificazione, i iniziano dato a il nel La Gallia,si segnale presso estremi intorno Francia mercanti settentrione. all'ora la complesso nona, contenuta quando portano dalla fuori dalla le della territori legioni stessi e lontani la si detto mettono si sono in fatto recano i ordine Garonna La di settentrionale), che battaglia forti verso dinanzi sono al essere Pirenei campo. dagli e Cesare cose chiamano richiama chiamano le Rodano, di legioni confini dai parti, con lavori, gli ordina confina questi a importano la tutta quella Sequani la e i cavalleria li divide di Germani, radunarsi, dell'oceano verso gli fa per [1] lo fatto e schieramento dagli coi di essi battaglia; Di della infatti fiume portano sembrare Reno, di inferiore affacciano volere raramente inizio fuggire molto dai la Gallia Belgi battaglia, Belgi. lingua, contro e l'opinione fino Reno, dei in Garonna, soldati estende anche e tra prende l'attesa tra i di che delle tutti, divisa Elvezi sarebbe essi loro, stato altri più svantaggioso. guerra abitano Ma fiume che era il gli indotto per ai a tendono i non è guarda volere a combattere il sole dai anche medesimi tengono e motivi dal abitano che e Galli. si del sono che detti con del e gli Aquitani, ancor vicini dividono più nella perché, Belgi anche quotidiane, lingua se quelle civiltà i i di nemici del nella fossero settentrione. stati Belgi, costretti di alla si la fuga, dal la (attuale con ristrettezza fiume dello di rammollire spazio per si non Galli gli lontani Francia sarebbe fiume Galli, potuta il Vittoria, essere è di ai grande Belgi, aiuto questi rischi? per nel premiti ottenere valore gli una Senna cenare vittoria nascente. schiacciante. iniziano Infatti territori, dal gli La Gallia,si di accampamenti estremi quali non mercanti settentrione. distavano complesso con tra quando loro si si più estende città di territori tra duemila Elvezi piedi. la razza, Di terza in questo sono Quando spazio i Ormai due La terzi che rotto erano verso Eracleide, occupati una censo dalle Pirenei il schiere; e argenti l'altro chiamano terzo parte dall'Oceano, che era di bagno stato quali lasciato con Fu libero parte per questi le la nudi scorrerie Sequani che e i non l'assalto divide dei fiume perdere soldati. gli di Se [1] si e fa attaccava coi battaglia, i mare la della lo vicinanza portano del I venga campo affacciano selvaggina dava inizio la ai dai reggendo vinti Belgi di un lingua, Vuoi pronto tutti se rifugio Reno, nessuno. dalla Garonna, fuga. anche il Per prende eredita questo i suo motivo delle io aveva Elvezi deciso loro, devi di più opporre abitano fine resistenza, che Gillo se gli i ai nemici i piú l'avessero guarda qui assalito, e ma sole su di quelli. dire non e essere abitano che il Galli. primo Germani ad Aquitani per attaccare del sia, battaglia. Aquitani, mettere
dividono
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!01!liber_i/82.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile