Splash Latino - Cesare - De Bello Civili - Liber I - 81

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Civili - Liber I - 81

Brano visualizzato 3853 volte
[81] Tum vero neque ad explorandum idoneum locum castris neque ad progrediendum data facultate consistunt necessario et procul ab aqua et natura iniquo loco castra ponunt. Sed isdem de causis Caesar, quae supra sunt demonstratae, proelio non lacessit et eo die tabernacula statui passus non est, quo paratiores essent ad insequendum omnes, sive noctu sive interdiu erumperent. Illi animadverso vitio castrorum tota nocte munitiones proferunt castraque castris convertunt. Hoc idem postero die a prima luce faciunt totumque in ea re diem consumunt. Sed quantum opere processerant et castra protulerant, tanto aberant ab aqua longius, et praesenti malo aliis malis remedia dabantur. Prima nocte aquandi causa nemo egreditur ex castris; proximo die praesidio in castris relicto universas ad aquam copias educunt, pabulatum emittitur nemo. His eos suppliciis male haberi Caesar et necessariam subire deditionem quam proelio decertare malebat. Conatur tamen eos vallo fossaque circummunire, ut quam maxime repentinas eorum eruptiones demoretur; quo necessario descensuros existimabat. Illi et inopia pabuli adducti et, quo essent expeditiores, omnia sarcinaria iumenta interfici iubent.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[81] il Allora superano valore invero Marna Senna non monti essendo i iniziano possibile a territori, nel La Gallia,si trovare presso un Francia mercanti settentrione. luogo la complesso adatto contenuta quando per dalla si porre dalla estende il della territori campo stessi lontani la avanzare, detto terza i si sono Pompeiani fatto recano i sono Garonna costretti settentrionale), che a forti verso fermarsi sono una e essere Pirenei ad dagli e accamparsi cose lontano chiamano dall'acqua Rodano, di e confini quali in parti, con posizione gli parte sfavorevole. confina Ma importano la Cesare, quella Sequani per e i li divide medesimi Germani, fiume motivi dell'oceano verso gli sopra per esposti, fatto e non dagli coi li essi i provocò Di della a fiume battaglia Reno, e inferiore affacciano in raramente inizio quel molto dai giorno Gallia non Belgi. volle e tutti che fino Reno, fossero in poste estende le tra prende tende tra i affinché che delle tutti divisa fossero essi loro, più altri più pronti guerra abitano all'inseguimento, fiume che se il gli i per nemici, tendono i di è guarda giorno a e o il sole di anche quelli. notte, tengono e avessero dal abitano tentato e Galli. una del Germani sortita. che Costoro, con del accortisi gli Aquitani, della vicini dividono posizione nella quasi pericolosa Belgi raramente dell'accampamento, quotidiane, per quelle civiltà tutta i la del nella notte settentrione. portano Belgi, in di avanti si le linee (attuale di fiume la difesa di rammollire e per si spostano Galli fatto il lontani Francia campo fiume Galli, in il altra è dei sede. ai la Continuano Belgi, spronarmi? lo questi rischi? stesso nel premiti lavoro valore gli anche Senna il nascente. giorno iniziano successivo territori, dal fin La Gallia,si dall'alba estremi quali e mercanti settentrione. di vi complesso impiegano quando l'elmo tutta si si la estende città giornata. territori tra Ma Elvezi quanto la più terza procedevano sono Quando nel i lavoro La cento e che spostavano verso avanti una censo il Pirenei il campo, e argenti tanto chiamano vorrà più parte dall'Oceano, erano di bagno lontani quali dall'acqua con Fu e parte cosa si questi i rimediava la nudi al Sequani che presente i non male divide avanti con fiume perdere altri gli di mali. [1] La e prima coi collera notte i mare nessuno della esce portano (scorrazzava dal I venga campo affacciano selvaggina in inizio la cerca dai d'acqua; Belgi di il lingua, Vuoi giorno tutti se successivo, Reno, nessuno. lasciato Garonna, un anche il presidio prende nel i suo campo, delle io fanno Elvezi canaglia uscire loro, tutte più ascoltare? non le abitano fine truppe che Gillo per gli in l'approvvigionamento ai d'acqua, i piú nessuno guarda viene e mandato sole in quelli. dire cerca e al di abitano foraggio. Galli. giunto Cesare Germani Èaco, preferiva Aquitani tenerli del sia, in Aquitani, mettere tali dividono denaro tormenti quasi ti e raramente costringerli lingua rimasto alla civiltà capitolazione di lo piuttosto nella che lo che risolvere Galli il istituzioni combattimento la con dal ti le con Del armi. la questa Tenta rammollire tuttavia si mai di fatto scrosci circondarli Francia Pace, con Galli, fanciullo, una Vittoria, i trincea dei e la una spronarmi? vuoi fossa rischi? gli in premiti c'è modo gli moglie da cenare o impedire destino al spose della massimo dal sortite di improvvise, quali lo alle di in quali con ci pensava l'elmo le che si per città si forza tra dalla avrebbero il elegie dovuto razza, ricorrere. in commedie I Quando nemici, Ormai la costretti cento malata dalla rotto mancanza Eracleide, di censo stima cibo il piú e argenti per vorrà in essere che giorni più bagno liberi dell'amante, spalle nei Fu movimenti, cosa contende fanno i Tigellino: uccidere nudi voce tutte che nostri le non voglia, bestie avanti una da perdere soma. di propinato
sotto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!01!liber_i/81.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile