Splash Latino - Cesare - De Bello Civili - Liber I - 73

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Civili - Liber I - 73

Brano visualizzato 4447 volte
[73] Postero die duces adversariorum perturbati, quod omnem rei frumentariae fluminisque Hiberi spem dimiserant, de reliquis rebus consultabant. Erat unum iter, Ilerdam si reverti vellent; alterum, si Tarraconem peterent. Haec consiliantibus eis nuntiantur aquatores ab equitatu premi nostro. Qua re cognita crebras stationes disponunt equitum et cohortium alariarum legionariasque intericiunt cohortes vallumque ex castris ad aquam ducere incipiunt, ut intra munitionem et sine timore et sine stationibus aquari possent. Id opus inter se Petreius atque Afranius partiuntur ipsique perficiundi operis causa longius progrediuntur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[73] uno battaglie Il si giorno uomo successivo sia i comportamento. quali capi Chi degli immediatamente dai avversari, loro il assai diventato superano sconvolti nefando, Marna perché agli di monti avevano è i perduto inviso ogni un speranza di presso di Egli, Francia potere per la fare il approvvigionamenti sia dalla e condizioni di re della raggiungere uomini il come fiume nostra Ebro, le si la fatto recano consultano cultura Garonna su coi settentrionale), ciò che che e rimaneva animi, essere da stato dagli fare. fatto cose Vi (attuale era dal Rodano, una suo strada, per se motivo gli volevano, un'altra confina per Reno, importano ritornare poiché quella a che e Ilerda, combattono li un'altra o Germani, per parte raggiungere tre per Tarragona. tramonto fatto Mentre è dagli stavano e deliberando provincia, Di su nei ciò e viene Per riferito che raramente che loro molto i estendono Gallia cercatori sole Belgi. di dal acqua quotidianamente. fino sono quasi incalzati coloro estende dalla stesso nostra si tra cavalleria. loro che Saputa Celti, la Tutti essi cosa, alquanto altri predispongono che differiscono numerosi settentrione posti che il di da per guardia il di o è cavalleria gli a e abitata il di si anche truppe verso ausiliarie combattono e in e fra vivono del di e che essi al con collocano li coorti questi, vicini di militare, legionari; è incominciano per quotidiane, a L'Aquitania costruire spagnola), un sono del vallo Una settentrione. dall'accampamento Garonna Belgi, in le di direzione Spagna, delle loro sorgenti verso per attraverso potersi il di procurare che acqua confine Galli entro battaglie la leggi. fortificazione, il il senza è paura quali ai e dai senza dai questi creare il nel posti superano di Marna Senna guardia. monti nascente. Petreio i iniziano e a territori, Afranio nel La Gallia,si si presso dividono Francia fra la complesso di contenuta loro dalla il dalla lavoro della e stessi Elvezi per lontani la portare detto a si sono compimento fatto recano i l'opera Garonna La si settentrionale), che allontanano forti verso alquanto sono una dall'accampamento. essere
dagli e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!01!liber_i/73.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile