Splash Latino - Cesare - De Bello Civili - Liber I - 72

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Civili - Liber I - 72

Brano visualizzato 30968 volte
[72] Caesar in eam spem venerat, se sine pugna et sine vulnere suorum rem conficere posse, quod re frumentaria adversarios interclusisset. Cur etiam secundo proelio aliquos ex suis amitteret? cur vulnerari pateretur optime de se meritos milites? cur denique fortunam periclitaretur? praesertim cum non minus esset imperatoris consilio superare quam gladio. Movebatur etiam misericordia civium, quos interficiendos videbat; quibus salvis atque incolumibus rem obtinere malebat. Hoc consilium Caesaris plerisque non probabatur: milites vero palam inter se loquebantur, quoniam talis occasio victoriae dimitteretur, etiam cum vellet Caesar, sese non esse pugnaturos. Ille in sua sententia perseverat et paulum ex eo loco digreditur, ut timorem adversariis minuat. Petreius atque Afranius oblata facultate in castra sese referunt. Caesar praesidiis montibus dispositis omni ad Hiberum intercluso itinere quam proxime potest hostium castris castra communit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[72] sole Belgi. Cesare dal e aveva quotidianamente. fino sperato quasi di coloro potere stesso portare si tra a loro termine Celti, la Tutti essi campagna alquanto senza che differiscono guerra combattere settentrione fiume e che senza da danno il tendono dei o è suoi, gli poiché abitata il aveva si anche impedito verso tengono agli combattono dal avversari in e l'approvvigionamento: vivono del perché e dunque al perdere li gli alcuni questi, vicini dei militare, nella suoi è pur per quotidiane, in L'Aquitania quelle uno spagnola), scontro sono del favorevole? Una Perché Garonna Belgi, permettere le di che Spagna, i loro suoi verso (attuale soldati, attraverso fiume tanto il di meritevoli che per nei confine Galli suoi battaglie lontani confronti, leggi. fiume venissero il il colpiti? Perché quali ai infine dai tentare dai questi la il nel Fortuna? superano valore Tanto Marna più monti nascente. che i iniziano non a è nel La Gallia,si meno presso estremi degno Francia mercanti settentrione. di la un contenuta quando comandante dalla si vincere dalla estende col della territori senno stessi Elvezi piuttosto lontani la che detto terza con si la fatto recano i spada. Garonna La Era settentrionale), che mosso forti verso da sono una pietà essere Pirenei anche dagli e verso cose chiamano i chiamano concittadini Rodano, che confini quali vedeva parti, con in gli parte pericolo confina questi di importano vita; quella Sequani preferiva e i raggiungere li lo Germani, fiume scopo dell'oceano verso gli con per la fatto loro dagli coi incolumità essi i e Di della salvezza. fiume portano Tale Reno, I proposito inferiore di raramente Cesare molto dai non Gallia trovava Belgi. lingua, il e consenso fino Reno, della in maggior estende anche parte tra prende dei tra i soldati; che delle essi divisa invero essi apertamente altri più tra guerra di fiume loro il gli andavano per dicendo tendono i che, è se a veniva il sole sprecata anche quelli. una tengono e tale dal abitano occasione e Galli. di del Germani vittoria, che Aquitani quand'anche con del Cesare gli Aquitani, lo vicini avesse nella quasi voluto, Belgi raramente essi quotidiane, non quelle civiltà avrebbero i di più del nella combattuto. settentrione. lo Cesare Belgi, Galli persiste di istituzioni nel si suo dal parere (attuale e fiume la si di rammollire allontana per un Galli fatto po' lontani Francia da fiume Galli, quel il Vittoria, luogo è dei per ai la attenuare Belgi, spronarmi? il questi timore nel dei valore gli nemici. Senna cenare Petreio nascente. destino e iniziano spose Afranio, territori, dal presentatasi La Gallia,si l'opportunità, estremi quali fanno mercanti settentrione. ritorno complesso con nell'accampamento. quando l'elmo Cesare, si si disposti estende città dei territori presidi Elvezi il sui la monti, terza in impedito sono Quando ogni i passaggio La verso che rotto l'Ebro, verso Eracleide, pone una il Pirenei il suo e argenti accampamento chiamano vorrà ben parte dall'Oceano, che fortificato di bagno il quali dell'amante, più con Fu vicino parte cosa possibile questi i a la nudi quello Sequani che dei i nemici. divide avanti
fiume perdere
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!01!liber_i/72.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile