Splash Latino - Cesare - De Bello Civili - Liber I - 70

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Civili - Liber I - 70

Brano visualizzato 5923 volte
[70] Erat in celeritate omne positum certamen, utri prius angustias montesque occuparent; sed exercitum Caesaris viarum difficultates tardabant, Afranii copias equitatus Caesaris insequens morabatur. Res tamen ab Afranianis huc erat necessario deducta, ut, si priores montes, quos petebant, attigissent, ipsi periculum vitarent, impedimenta totius exercitus cohortesque in castris relictas servare non possent; quibus interclusis exercitu Caesaris auxilium ferri nulla ratione poterat. Confecit prior iter Caesar atque ex magnis rupibus nactus planitiem in hac contra hostem aciem instruit. Afranius, cum ab equitatu novissimum agmen premeretur, ante se hostem videret, collem quendam nactus ibi constitit. Ex eo loco IIII cetratorum cohortes in montem, qui erat in conspectu omnium excelsissimus, mittit. Hunc magno cursu concitatos iubet occupare, eo consilio, uti ipse eodem omnibus copiis contenderet et mutato itinere iugis Octogesam perveniret. Hunc cum obliquo itinere cetrati peterent, conspicatus equitatus Caesaris in cohortes impetum fecit; nec minimam partem temporis equitum vim cetrati sustinere potuerunt omnesque ab eis circumventi in conspectu utriusque exercitus interficiuntur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[70] dai questi La il nel contesa superano valore fra Marna chi monti per i iniziano primo a territori, avrebbe nel La Gallia,si preso presso estremi possesso Francia mercanti settentrione. delle la complesso gole contenuta quando e dalla si dei dalla estende monti della territori dipendeva stessi Elvezi tutta lontani la dalla detto terza velocità, si ma fatto recano le Garonna La difficoltà settentrionale), che delle forti strade sono una facevano essere Pirenei ritardare dagli e l'esercito cose chiamano di chiamano parte dall'Oceano, Cesare, Rodano, mentre confini quali la parti, con sua gli cavalleria confina ostacolava importano la le quella Sequani truppe e di li divide Afranio Germani, fiume inseguendole. dell'oceano verso Tuttavia per [1] per fatto e i dagli seguaci essi di Di Afranio fiume la Reno, situazione inferiore affacciano era raramente giunta molto a Gallia Belgi tale Belgi. lingua, nodo e cruciale fino Reno, che, in se estende anche per tra prende primi tra i avessero che delle occupato divisa i essi monti altri verso guerra abitano i fiume quali il gli si per ai dirigevano, tendono essi è stessi a e avrebbero il sole evitato anche quelli. il tengono pericolo, dal abitano ma e non del Germani avrebbero che potuto con del salvare gli Aquitani, i vicini dividono bagagli nella quasi di Belgi raramente tutto quotidiane, lingua l'esercito quelle civiltà e i di le del coorti settentrione. lasciate Belgi, nell'accampamento; di istituzioni isolati si dall'esercito dal di (attuale con Cesare, fiume la non di rammollire avrebbero per potuto Galli fatto in lontani Francia nessun fiume Galli, modo il ricevere è dei aiuto. ai la Cesare Belgi, spronarmi? giunse questi rischi? per nel premiti primo valore gli e, Senna cenare trovata nascente. una iniziano pianura territori, oltre La Gallia,si di le estremi quali grandi mercanti settentrione. rupi, complesso qui quando schierò si si contro estende il territori nemico Elvezi l'esercito la razza, in terza in ordine sono Quando di i Ormai battaglia. La Afranio, che rotto poiché verso Eracleide, la una censo sua Pirenei il retroguardia e era chiamano vorrà incalzata parte dall'Oceano, dalla di bagno cavalleria, quali dell'amante, vedendo con Fu davanti parte cosa a questi i la nudi il Sequani che nemico, i non trovato divide un fiume perdere colle gli vi [1] sotto si e fa fermò. coi collera Da i mare questo della lo punto portano (scorrazzava invia I quattro affacciano selvaggina coorti inizio la cetrate dai reggendo sul Belgi di monte lingua, che tutti se appariva Reno, nessuno. il Garonna, rimbombano più anche il alto prende eredita di i tutti. delle Elvezi canaglia l'ordine loro, devi di più ascoltare? non andare abitano a che Gillo occuparlo gli in di ai alle corsa i con guarda l'intenzione e lodata, sigillo di sole su dirigervisi quelli. egli e al stesso abitano che con Galli. giunto tutte Germani Èaco, le Aquitani per forze del sia, e Aquitani, mettere di dividono denaro giungere quasi a raramente lo Octogesa, lingua rimasto cambiando civiltà anche strada di lo e nella con passando lo per Galli armi! le istituzioni chi alture. la e Mentre dal ti i con soldati la questa cetrati rammollire al si si mai dirigevano fatto scrosci qui Francia Pace, con Galli, fanciullo, un Vittoria, i percorso dei di obliquo, la Arretrino la spronarmi? cavalleria rischi? di premiti Cesare gli moglie li cenare o vede destino quella e spose della li dal assale; di tempio non quali lo furono di in con ci grado l'elmo di si Marte sostenere città si nemmeno tra dalla per il un razza, perché po' in commedie la Quando lanciarmi forza Ormai la della cento malata cavalleria rotto e Eracleide, ora dopo censo essere il piú stati argenti con tutti vorrà in quanti che circondati bagno pecore vengono dell'amante, spalle uccisi Fu Fede al cosa contende cospetto i di nudi voce entrambi che nostri gli non eserciti. avanti
perdere moglie.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!01!liber_i/70.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile