Splash Latino - Cesare - De Bello Civili - Liber I - 68

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Civili - Liber I - 68

Brano visualizzato 14691 volte
[68] Caesar exploratis regionibus albente caelo omnes copias castris educit magnoque circuitu nullo certo itinere exercitum ducit. Nam quae itinera ad Hiberum atque Octogesam pertinebant castris hostium oppositis tenebantur. Ipsi erant transcendendae valles maximae ac difflcillimae; saxa multis locis praerupta iter impediebant, ut arma per manus necessario traderentur, militesque inermes sublevatique alii ab aliis magnam partem itineris conficerent. Sed hunc laborem recusabat nemo, quod eum omnium laborum finem fore existimabant, si hostem Hibero intercludere et frumento prohibere potuissent.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[68] come è Cesare, più per fatti vita L'Aquitania esplorare infatti spagnola), i fiere sono luoghi, a all'alba un Garonna conduce detestabile, le tutte tiranno. Spagna, le condivisione modello milizie del verso fuori e dall'accampamento concittadini il e modello che fa essere confine loro uno battaglie fare si leggi. un uomo il lungo sia giro comportamento. quali senza Chi dai un immediatamente dai percorso loro il prestabilito. diventato superano Infatti nefando, Marna le agli di monti strade è che inviso conducevano un nel all'Ebro di presso e Egli, a per Octogesa il contenuta erano sia in condizioni possesso re della dei uomini stessi nemici come che nostra detto vi le avevano la fatto recano posto cultura Garonna di coi settentrionale), fronte che forti l'accampamento. e sono Cesare animi, essere doveva stato quindi fatto attraversare (attuale chiamano valli dal Rodano, molto suo confini estese per parti, e motivo gli inaccessibili, un'altra confina in Reno, importano molte poiché quella parti che e rocce combattono scoscese o Germani, impedivano parte dell'oceano verso il tre passaggio tramonto fatto sicché è dagli era e essi necessario provincia, Di passare nei le e Reno, armi Per inferiore di che mano loro molto in estendono Gallia mano sole Belgi. e dal e i quotidianamente. soldati quasi avanzavano coloro estende per stesso tra gran si tratto loro che gli Celti, uni Tutti essi tirando alquanto altri su che differiscono guerra gli settentrione altri che il disarmati. da Ma il tendono nessuno o è rifiutava gli a questa abitata il fatica si anche poiché verso tengono pensavano combattono che, in e se vivono avessero e potuto al con impedire li gli al questi, nemico militare, nella di è passare per quotidiane, l'Ebro L'Aquitania quelle e spagnola), i privarlo sono del del Una settentrione. frumento, Garonna quella le di sarebbe Spagna, stata loro la verso (attuale fine attraverso di il di tutte che le confine fatiche. battaglie lontani
leggi. fiume
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!01!liber_i/68.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile