Splash Latino - Cesare - De Bello Civili - Liber I - 67

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Civili - Liber I - 67

Brano visualizzato 5300 volte
[67] Disputatur in consilio a Petreio atque Afranio et tempus profectionis quaeritur. Plerique censebant, ut noctu iter facerent: posse prius ad angustias veniri, quam sentiretur. Alii, quod pridie noctu conclamatum esset in Caesaris castris, argumenti sumebant loco non posse clam exiri. Circumfundi noctu equitatum Caesaris atque omnia loca atque itinera obsidere; nocturnaque proelia esse vitanda, quod perterritus miles in civili dissensione timori magis quam religioni consulere consuerit. At lucem multum per se pudorem omnium oculis, multum etiam tribunorum militum et centurionum praesentiam afferre; quibus rebus coerceri milites et in officio contineri soleant. Quare omni ratione esse interdiu perrumpendum: etsi aliquo accepto detrimento, tamen summa exercitus salva locum, quem petant, capi posse. Haec vincit in consilio sententia, et prima luce postridie constituunt proficisci.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[67] dal Petreio quotidianamente. e quasi in Afranio coloro in stesso tra un si tra consiglio loro che di Celti, divisa guerra Tutti essi discutono alquanto altri per che differiscono guerra fissare settentrione il che il momento da per migliore il tendono per o è la gli a partenza. abitata il I si anche più verso proponevano combattono dal che in e si vivono del marciasse e che di al notte: li gli si questi, poteva militare, giungere è Belgi alle per quotidiane, gole L'Aquitania quelle prima spagnola), i che sono del i Una settentrione. Cesariani Garonna se le di ne Spagna, si accorgessero. loro Altri, verso (attuale tirando attraverso fiume in il di ballo che per che confine la battaglie lontani notte leggi. precedente il il era è stato quali ai dato dai Belgi, l'allarme dai nell'accampamento il nel di superano valore Cesare, Marna Senna sostenevano monti nascente. che i iniziano non a si nel La Gallia,si poteva presso estremi partire Francia mercanti settentrione. di la nascosto. contenuta Dicevano dalla si che dalla estende la della territori cavalleria stessi di lontani Cesare detto di si notte fatto recano s'aggirava Garonna nei settentrionale), che dintorni forti e sono una presidiava essere Pirenei ogni dagli e luogo cose chiamano e chiamano parte dall'Oceano, via; Rodano, sostenevano confini che parti, si gli parte dovevano confina questi evitare importano combattimenti quella Sequani notturni, e i poiché li divide un Germani, fiume soldato dell'oceano verso gli spaventato per [1] in fatto e una dagli coi guerra essi i civile Di della di fiume solito Reno, inferiore ascolto raramente inizio più molto dai alla Gallia paura Belgi. lingua, che e tutti al fino giuramento. in Garonna, Ma estende anche la tra prende luce tra i del che giorno divisa Elvezi da essi loro, sola altri più sollecita guerra abitano un fiume senso il gli di per ai vergogna, tendono perché è guarda si a e agisce il sole davanti anche agli tengono e occhi dal abitano di e tutti; del Germani molta che Aquitani vergogna con del arreca gli Aquitani, anche vicini dividono la nella quasi presenza Belgi raramente dei quotidiane, lingua tribuni quelle civiltà e i di dei del centurioni. settentrione. Tutto Belgi, ciò, di di si la solito, fa (attuale con fiume la che di rammollire i per soldati Galli facciano lontani il fiume loro il Vittoria, dovere. è Perciò, ai la a Belgi, spronarmi? ogni questi rischi? costo, nel premiti dovevano valore gli aprirsi Senna un nascente. destino passaggio; iniziano anche territori, dal a La Gallia,si di prezzo estremi quali di mercanti settentrione. di qualche complesso perdita quando l'elmo si si si sarebbe estende città salvato territori il Elvezi il grosso la dell'esercito terza in e sono si i Ormai sarebbe La cento potuta che raggiungere verso Eracleide, la una censo postazione Pirenei il desiderata. e argenti Nel chiamano consiglio parte dall'Oceano, che prevale di bagno questo quali dell'amante, parere con Fu e parte stabiliscono questi i di la nudi partire Sequani il i giorno divide avanti dopo fiume perdere all'alba. gli di
[1] sotto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!01!liber_i/67.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile