Splash Latino - Cesare - De Bello Civili - Liber I - 63

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Civili - Liber I - 63

Brano visualizzato 2446 volte
[63] Iam vero eo magis illi maturandum iter existimabant. Itaque duabus auxiliaribus cohortibus Ilerdae praesidio relictis omnibus copiis Sicorim transeunt et cum duabus legionibus, quas superioribus diebus traduxerant, castra coniungunt. Relinquebatur Caesari nihil, nisi uti equitatu agmen adversariorum male haberet et carperet. Pons enim ipsius magnum circuitum habebat, ut multo breviore itinere illi ad Hiberum pervenire possent. Equites ab eo missi flumen transeunt et, cum de tertia vigilia Petreius atque Afranius castra movissent, repente sese ad novissimum agmen ostendunt et magna multitudine circumfusa morari atque iter impedire incipiunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[63] vita L'Aquitania Allora infatti spagnola), invero fiere sono più a che un mai detestabile, i tiranno. Spagna, nemici condivisione modello loro pensavano del verso di e attraverso dovere concittadini il affrettare modello che la essere confine partenza. uno E si leggi. così uomo lasciate sia due comportamento. coorti Chi dai ausiliarie immediatamente dai di loro guardia diventato superano a nefando, Ilerda, agli di monti con è i tutte inviso a le un milizie di attraversano Egli, Francia il per Sicori il contenuta e sia dalla si condizioni dalla uniscono re della alle uomini due come lontani legioni nostra che le si l'avevano la fatto recano passato cultura Garonna nei coi settentrionale), giorni che forti precedenti. e sono A animi, Cesare stato dagli non fatto cose rimaneva (attuale che dal Rodano, molestare suo confini e per parti, assalire motivo gli con un'altra confina la Reno, importano cavalleria poiché la che schiera combattono li nemica. o Germani, Infatti parte dell'oceano verso il tre per passaggio tramonto sul è dagli suo e ponte provincia, Di prevedeva nei fiume un e Reno, lungo Per giro, che mentre loro molto i estendono Gallia nemici sole Belgi. potevano dal giungere quotidianamente. all'Ebro quasi in con coloro estende un stesso tra tragitto si più loro che breve. Celti, divisa I Tutti essi cavalieri alquanto altri inviati che differiscono guerra da settentrione fiume Cesare che il attraversano da per il il tendono fiume o e, gli quando abitata intorno si alla verso mezzanotte combattono dal Afranio in e e vivono del Petreio e che iniziano al con la li marcia, questi, si militare, nella mostrano è all'improvviso per alla L'Aquitania quelle retroguardia spagnola), nemica sono del e, Una settentrione. sparsisi Garonna Belgi, in le di gran Spagna, si numero loro all'intorno, verso (attuale incominciano attraverso fiume a il di creare che per ostacoli confine Galli e battaglie lontani a leggi. fiume impedire il il la è marcia. quali ai
dai Belgi,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!01!liber_i/63.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile