Splash Latino - Cesare - De Bello Civili - Liber I - 55

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Civili - Liber I - 55

Brano visualizzato 2631 volte
[55] Eodem die equitum magnam partem flumen traiecit. Qui inopinantes pabulatores et sine ullo dissipatos timore aggressi magnum numerum iumentorum atque hominum intercipiunt cohortibusque cetratis subsidio missis scienter in duas partes sese distribuunt, alii ut praedae praesidio sint, alii ut venientibus resistant atque eos propellant, unamque cohortem, quae temere ante ceteras extra aciem procurrerat, seclusam ab reliquis circumveniunt atque interficiunt incolumesque cum magna praeda eodem ponte in castra revertuntur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[55] a Nello come è stesso più per giorno vita L'Aquitania fece infatti spagnola), passare fiere sono il a Una fiume un a detestabile, le una tiranno. Spagna, gran condivisione modello loro parte del verso dei e attraverso cavalieri. concittadini Costoro, modello che assaliti essere confine i uno battaglie foraggiatori si leggi. avversari uomo che sia non comportamento. quali se Chi l'aspettavano immediatamente dai e loro il quelli diventato che nefando, Marna stavano agli di monti qua è i e inviso a un nel sparsi di presso senza Egli, Francia alcun per la timore, il contenuta prendono sia dalla un condizioni dalla grandissimo re della numero uomini stessi di come lontani giumenti nostra detto e le di la uomini cultura Garonna e, coi settentrionale), quando che vengono e mandate animi, essere in stato dagli aiuto fatto le (attuale coorti dal cetrate suo di per parti, Afranio, motivo gli abilmente un'altra confina si Reno, importano dividono poiché quella in che e due combattono li gruppi, o Germani, gli parte dell'oceano verso uni tre per tramonto fatto presidiare è dagli la e essi preda, provincia, gli nei fiume altri e per Per fare che raramente resistenza loro molto a estendono Gallia quelli sole Belgi. che dal e sopraggiungevano quotidianamente. e quasi per coloro respingerli. stesso tra E si tra una loro che coorte Celti, divisa che Tutti essi temerariamente alquanto altri davanti che differiscono guerra a settentrione fiume tutte che il era da per avanzata il tendono oltre o è la gli a linea abitata il di si combattimento, verso tengono isolata combattono dalle in rimanenti, vivono del viene e che circondata al con e li distrutta. questi, vicini I militare, nella soldati è Belgi di per quotidiane, Cesare, L'Aquitania quelle incolumi, spagnola), i ritornano sono con Una settentrione. una Garonna Belgi, grande le di preda Spagna, nell'accampamento loro attraverso verso (attuale il attraverso medesimo il ponte. che per
confine Galli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!01!liber_i/55.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile