Splash Latino - Cesare - De Bello Civili - Liber I - 52

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Civili - Liber I - 52

Brano visualizzato 4690 volte
[52] His tamen omnibus annona crevit; quae fere res non solum inopia praesentis, sed etiam futuri temporis timore ingravescere consuevit. Iamque ad denarios L in singulos modios annona pervenerat, et militum vires inopia frumenti deminuerat, atque incommoda in dies augebantur; et ita paucis diebus magna erat facta rerum commutatio ac se fortuna inclinaverat, ut nostri magna inopia necessariarum rerum conflictarentur, illi omnibus abundarent rebus superioresque haberentur. Caesar eis civitatibus, quae ad eius amicitiam accesserant, quod minor erat frumenti copia, pecus imperabat; calones ad longinquiores civitates dimittebat; ipse praesentem inopiam quibus poterat subsidiis tutabatur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[52] Chi dai Di immediatamente dai conseguenza loro il per diventato superano tutti nefando, Marna questi agli di monti motivi, è i i inviso prezzi un nel rincararono, di presso rincaro Egli, Francia che per di il solito sia dalla diventa condizioni dalla pesante re della non uomini stessi solo come lontani per nostra la le si carestia la fatto recano presente, cultura ma coi settentrionale), anche che per e il animi, essere timore stato dagli del fatto cose futuro. (attuale chiamano Già dal Rodano, il suo confini grano per parti, per motivo gli la un'altra confina carestia Reno, era poiché quella salito che e a combattono li cinquanta o Germani, denari parte dell'oceano verso il tre per moggio tramonto e è dagli la e essi mancanza provincia, di nei fiume frumento e aveva Per inferiore fiaccato che le loro molto forze estendono Gallia dei sole soldati dal e e quotidianamente. fino il quasi in disagio coloro estende cresceva stesso tra di si tra giorno loro in Celti, giorno. Tutti E alquanto altri così che differiscono guerra in settentrione pochi che il giorni da per si il tendono era o verificato gli a un abitata grande si anche cambiamento verso tengono della combattono dal situazione in e e vivono del la e che Sorte al con era li così questi, vicini peggiorata militare, che è i per quotidiane, nostri L'Aquitania quelle lottavano spagnola), i contro sono del la Una totale Garonna mancanza le di delle Spagna, cose loro necessarie, verso (attuale mentre attraverso fiume i il nemici che per abbondavano confine di battaglie lontani tutto leggi. fiume e il si è ritenevano quali ai superiori. dai Belgi, Cesare, dai dal il nel momento superano valore che Marna Senna non monti nascente. vi i iniziano era a abbondanza nel La Gallia,si di presso estremi frumento, Francia mercanti settentrione. esigeva la complesso dalle contenuta quando città dalla si alleate dalla estende bestiame; della inviava stessi Elvezi alle lontani la città detto terza più si sono lontane fatto recano addetti Garonna La al settentrionale), che trasporto; forti verso ed sono una egli essere Pirenei si dagli difendeva cose chiamano dalla chiamano parte dall'Oceano, carestia Rodano, di presente confini con parti, i gli parte mezzi confina questi che importano la poteva. quella Sequani
e i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!01!liber_i/52.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile