Splash Latino - Cesare - De Bello Civili - Liber I - 45

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Civili - Liber I - 45

Brano visualizzato 5954 volte
[45] Caesar paene omni acie perterrita, quod praeter opinionem consuetudinemque acciderat, cohortatus suos legionem nonam subsidio ducit; hostem insolenter atque acriter nostros insequentem supprimit rursusque terga vertere seque ad oppidum Ilerdam recipere et sub muro consistere cogit. Sed nonae legionis milites elati studio, dum sarcire acceptum detrimentum volunt, temere insecuti longius fugientes in locum iniquum progrediuntur et sub montem, in quo erat oppidum positum Ilerda, succedunt. Hinc se recipere cum vellent, rursus illi ex loco superiore nostros premebant. Praeruptus locus erat utraque ex parte derectus ac tantum in latitudinem patebat, ut tres instructae cohortes eum locum explerent, ut neque subsidia ab lateribus submitti neque equites laborantibus usui esse possent. Ab oppido autem declivis locus tenui fastigio vergebat in longitudinem passuum circiter CCCC. Hac nostris erat receptus, quod eo incitati studio inconsultius processerant; hoc pugnabatur loco, et propter angustias iniquo et quod sub ipsis radicibus montis constiterant, ut nullum frustra telum in eos mitteretur. Tamen virtute et patientia nitebantur atque omnia vulnera sustinebant. Augebatur illis copia, atque ex castris cohortes per oppidum crebro submittebantur, ut integri defessis succederent. Hoc idem Caesar facere cogebatur, ut submissis in eundem locum cohortibus defessos reciperet.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[45] e tutti Cesare, fino Reno, poiché in Garonna, inaspettatamente estende anche e tra prende insolitamente tra i quasi che delle tutto divisa Elvezi l'esercito essi loro, era altri in guerra abitano preda fiume che allo il gli scompiglio, per ai rincuora tendono i i è guarda suoi a e il sole fa anche quelli. venire tengono loro dal abitano in e Galli. aiuto del la che Aquitani nona con del legione; gli sbaraglia vicini dividono i nella nemici Belgi raramente che quotidiane, lingua inseguivano quelle civiltà i i nostri del con settentrione. lo accanimento Belgi, Galli e di istituzioni baldanza si la e dal li (attuale con costringe fiume la di di nuovo per si a Galli fatto volgere lontani le fiume spalle il Vittoria, e è dei a ai la ritirarsi Belgi, verso questi rischi? la nel città valore di Senna cenare Ilerda nascente. destino e iniziano spose a territori, dal fermarsi La Gallia,si di sotto estremi le mercanti settentrione. di mura. complesso con Ma quando l'elmo i si si soldati estende della territori tra nona Elvezi il legione, la razza, trasportati terza in dal sono Quando desiderio i di La cento riparare che rotto il verso danno una ricevuto, Pirenei inseguiti e argenti sconsideratamente chiamano troppo parte dall'Oceano, che a di bagno lungo quali i con fuggitivi, parte avanzano questi i in la nudi un Sequani luogo i non sfavorevole divide e fiume perdere salgono gli su [1] per e il coi monte i dove della lo vi portano (scorrazzava era I la affacciano città inizio la di dai reggendo Ilerda. Belgi di Quando lingua, Vuoi poi tutti se vogliono Reno, nessuno. ritirarsi Garonna, rimbombano da anche il lì, prende eredita di i nuovo delle io i Elvezi soldati loro, devi di più ascoltare? non Afranio abitano fine da che Gillo una gli posizione ai più i piú alta guarda qui li e lodata, sigillo incalzano. sole Il quelli. luogo e al era abitano che scosceso, Galli. giunto ripido Germani Èaco, da Aquitani per entrambi del sia, i Aquitani, mettere lati, dividono denaro e quasi si raramente lo stendeva lingua tanto civiltà anche in di larghezza nella da lo essere Galli armi! riempito istituzioni chi da la tre dal ti coorti con schierate, la questa rammollire al potevano si essere fatto inviati Francia aiuti Galli, dai Vittoria, i lati dei di la i spronarmi? vuoi cavalieri rischi? potevano premiti c'è venire gli moglie in cenare o soccorso destino a spose della chi dal o aver si di tempio trovava quali lo in di in difficoltà. con ci Dalla l'elmo le parte si della città si città tra dalla vi il elegie era razza, poi in commedie un Quando lanciarmi luogo Ormai la leggermente cento malata declive rotto porta che Eracleide, ora si censo stima protraeva il in argenti con lunghezza vorrà in per che giorni circa bagno pecore quattrocento dell'amante, spalle passi. Fu Fede Da cosa contende questa i Tigellino: parte nudi si che nostri svolgeva non la avanti una ritirata perdere moglie. dei di nostri, sotto tutto perché fa fin collera per mare dico? si lo erano (scorrazzava riconosce, spinti venga prende sconsideratamente selvaggina mossi la dell'anno dal reggendo non loro di ardore. Vuoi in Si se chi combatteva nessuno. in rimbombano beni questo il luogo eredita ricchezza: sfavorevole suo sia io oggi per canaglia del la devi tenace, sua ascoltare? non privato. a angustia fine essere sia Gillo d'ogni perché in gli i alle nostri piú cuore si qui erano lodata, sigillo fermati su la proprio dire alle al donna pendici che del giunto delle monte Èaco, sfrenate così per ressa che sia, graziare nessun mettere coppe dardo denaro della veniva ti cassaforte. lanciato lo cavoli invano rimasto vedo contro anche la di lo che loro. con Tuttavia che con armi! Nilo, il chi valore e e ti malgrado la Del a costanza questa a si al facevano mai forza scrosci son e Pace, il sopportavano fanciullo, colpo i abbia su di ti colpo. Arretrino magari Le vuoi forze gli si nemiche c'è limosina aumentavano moglie e o mangia dall'accampamento, quella propina attraverso della la o aver di città, tempio trova di lo volta continuo in gli venivano ci inviate le mio coorti Marte per si sostituire dalla soldati elegie una stanchi perché liberto: con commedie campo, quelli lanciarmi o riposati. la Muzio Cesare malata poi tentava porta di ora pane operare stima lo piú può stesso con da avvicendamento; in un inviando giorni si in pecore scarrozzare zona spalle un di Fede battaglia contende patrono coorti Tigellino: fresche, voce sdraiato faceva nostri antichi ritirare voglia, i una soldati moglie. stanchi. propinato adolescenti?
tutto Eolie,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!01!liber_i/45.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile