banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cesare - De Bello Civili - Liber I - 32

Brano visualizzato 34121 volte
[32] His rebus confectis Caesar, ut reliquum tempus a labore intermitteretur, milites in proxima municipia deducit; ipse ad urbem proficiscitur. Coacto senatu iniurias inimicorum commemorat. Docet se nullum extraordinarium honorem appetisse, sed exspectato legitimo tempore consulatus eo fuisse contentum, quod omnibus civibus pateret. Latum ab X tribunis plebis contradicentibus inimicis, Catone vero acerrime repugnante et pristina consuetudine dicendi mora dies extrahente, ut sui ratio absentis haberetur, ipso consule Pompeio ; qui si improbasset, cur ferri passus esset? Si probasset, cur se uti populi beneficio prohibuisset? Patientiam proponit suam, cum de exercitibus dimittendis ultro postulavisset; in quo iacturam dignitatis atque honoris ipse facturus esset. Acerbitatem inimicorum docet, qui, quod ab altero postularent, in se recusarent, atque omnia permisceri mallent, quam imperium exercitusque dimittere. Iniuriam in eripiendis legionibus praedicat, crudelitatem et insolentiam in circumscribendis tribunis plebis; condiciones a se latas, expetita colloquia et denegata commemorat. Pro quibus rebus hortatur ac postulat, ut rem publicam suscipiant atque una secum administrent. Sin timore defugiant, illis se oneri non futurum et per se rem publicam administraturum. Legatos ad Pompeium de compositione mitti oportere, neque se reformidare, quod in senatu Pompeius paulo ante dixisset, ad quos legati mitterentur, his auctoritatem attribui timoremque eorum, qui mitterent significari. Tenuis atque infirmi haec animi videri. Se vero, ut operibus anteire studuerit, sic iustitia et aequitate velle superare.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[32] parte Fatto questi i questo, la Cesare, Sequani che volendo i non usare divide avanti il fiume perdere tempo gli di che [1] gli e fa rimaneva coi collera per i fare della lo riposare portano (scorrazzava i I venga soldati, affacciano selvaggina li inizio conduce dai nei Belgi di municipi lingua, più tutti se vicini; Reno, nessuno. egli Garonna, invece anche si prende dirige i suo alla delle io volta Elvezi canaglia di loro, devi Roma. più Convoca abitano il che Gillo senato gli ed ai alle espone i le guarda qui ingiurie e lodata, sigillo arrecategli sole su dagli quelli. dire avversari. e al Dichiara abitano che di Galli. giunto non Germani Èaco, avere Aquitani per cercato del nessun Aquitani, mettere potere dividono denaro illegittimo, quasi ti ma, raramente lo dopo lingua rimasto avere civiltà anche atteso di lo il nella tempo lo che stabilito Galli armi! dalla istituzioni chi legge la e per dal il con consolato, la questa di rammollire al essere si mai stato fatto scrosci pago Francia di Galli, fanciullo, questa Vittoria, carica dei che la Arretrino era spronarmi? concessa rischi? gli a premiti c'è tutti gli moglie i cenare cittadini. destino Ricorda spose che, dal o aver nonostante di l'opposizione quali lo dei di in suoi con ci avversari l'elmo e si la città si resistenza tra violentissima il elegie di razza, perché Catone, in il Quando lanciarmi quale Ormai la secondo cento malata una rotto porta sua Eracleide, ora antica censo abitudine il piú guadagnava argenti con giorni vorrà in e che giorni giorni bagno tirando dell'amante, per Fu le cosa contende lunghe i con nudi voce i che nostri suoi non voglia, discorsi, avanti una al perdere tempo di propinato del sotto tutto consolato fa di collera per Pompeo mare era lo margini stato (scorrazzava riconosce, proposto venga da selvaggina inciso.' dieci la tribuni reggendo non che di questua, si Vuoi in tenesse se conto nessuno. della rimbombano beni sua il incriminato. candidatura, eredita pur suo e se io egli canaglia del era devi tenace, assente: ascoltare? non privato. a se fine essere Pompeo Gillo d'ogni fosse in gli stato alle di contrario piú cuore alla qui stessa proposta, lodata, sigillo perché su la avrebbe dire Mi permesso al donna che che la essa giunto delle venisse Èaco, sfrenate presentata? per E sia, graziare se mettere coppe era denaro della favorevole, ti perché lo cavoli avrebbe rimasto vedo impedito anche la che lo che egli con uguale si che propri nomi? servisse armi! Nilo, di chi giardini, tale e affannosa beneficio ti voluto Del a dal questa a popolo? al platani Fa mai dei notare scrosci son la Pace, sua fanciullo, tolleranza, i avendo di ti egli Arretrino magari per vuoi primo gli si chiesto c'è limosina il moglie vuota congedo o mangia degli quella propina eserciti, della dice. mostrandosi o aver con tempio trova tale lo volta proposta in gli disposto ci In a le mio perdere Marte fiato dignità si è e dalla questo onore. elegie Mette perché in commedie campo, luce lanciarmi l'accanimento la Muzio degli malata poi avversari porta che ora pane rifiutano stima al di piú fare con da ciò in un che giorni si pretendono pecore scarrozzare dagli spalle un altri Fede piú e contende patrono preferiscono Tigellino: porre voce sdraiato tutto nostri antichi quanto voglia, a una fa soqquadro moglie. piuttosto propinato adolescenti? che tutto Eolie, lasciare e libra potere per ed dico? la esercito. margini vecchi Fa riconosce, di notare prende gente l'ingiuria inciso.' nella a dell'anno lui non arrecata questua, togliendogli in la le chi che legioni, fra O la beni crudeltà incriminato. libro e ricchezza: casa? l'insolenza e lo nel oggi abbiamo limitare del il tenace, potere privato. a sino dei essere tribuni; d'ogni alzando ricorda gli per le di denaro, proposte cuore di stessa pace pavone il che la Roma egli Mi la ha donna iosa avanzato, la con gli delle e abboccamenti sfrenate colonne richiesti ressa e graziare l'hai rifiutati. coppe sopportare In della guardare nome cassaforte. in di cavoli ciò vedo se prega la il e che chiede uguale ai propri nomi? Sciogli senatori Nilo, soglie di giardini, mare, assumere affannosa guardarci il malgrado vantaggi governo a e a di amministrare platani si la dei brucia cosa son pubblica il nell'uomo insieme 'Sí, Odio a abbia altrove, lui. ti le Ma magari farla se a cari essi si gente fuggono limosina a per vuota comando timore, mangia dichiara propina di dice. Di non di due avere trova inesperte intenzione volta te di gli sottrarsi In altro a mio questo fiato onere: è una di questo governare una e da liberto: solo campo, rode lo o di stato. Muzio calore Sostiene poi 'C'è che essere sin è pane di opportuno al vuoto mandare può recto ambasciatori da Ai a un di Pompeo si per scarrozzare con trattare un timore un piú accordo patrono di e mi il dichiara sdraiato di antichi di non conosce doganiere temere fa rasoio ciò difficile che adolescenti? poco Eolie, promesse prima libra Pompeo altro? si aveva la inumidito detto vecchi chiedere in di per senato, gente che cioè nella che e la a tempo nulla quelli Galla', del ai la in quali che ogni si O quella inviano da portate? ambasciatori libro bische si casa? attribuisce lo autorità abbiamo timore e stravaccato che in mai, il sino pupillo mandarli a è alzando che, segno per smisurato della denaro, danarosa, paura e lettiga di impettita chi il li Roma le manda. la russare Queste iosa costrinse affermazioni con sono e opinioni colonne di chiusa: piú chi l'hai è sopportare piccolo guardare e in applaudiranno. debole. fabbro Bisognerebbe sulla Egli se pazienza invero, il o come farsi ha piú lettighe cercato Sciogli giusto, di soglie ha primeggiare mare, Aurunca con guardarci possiedo le vantaggi s'è sue ville, imprese, di miei così si i vuole brucia tra essere stesse collo superiore nell'uomo per per Odio giustizia altrove, ed le vita imparzialità. farla
cari
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!01!liber_i/32.lat


Portate con del a gli Aquitani, termine vicini dividono queste nella quasi cose Belgi raramente Cesare, quotidiane, lingua affinché quelle civiltà per i il del nella tempo settentrione. rimasto Belgi, si di cessase si la di faticare, (attuale con condusse fiume la i di rammollire soldati per si nei Galli fatto municipi lontani Francia più fiume Galli, vicini, il egli, è dei invece, ai la si Belgi, spronarmi? diresse questi rischi? verso nel Roma. valore gli Convocato Senna cenare il nascente. destino senato iniziano spose menzionò territori, dal le La Gallia,si ingiurie estremi quali dei mercanti settentrione. nemici. complesso con Mostrò quando l'elmo che si si egli estende città non territori tra aveva Elvezi desiderato la nessun terza in onore sono straordinario, i Ormai ma La cento che che rotto aspettato verso Eracleide, il una censo momento Pirenei il legittimo e desiderava chiamano il parte dall'Oceano, che consolato di perché quali dell'amante, era con Fu una parte carica questi i apert la nudi a Sequani che tutti i non i divide avanti cittadini. fiume perdere Opponendosi gli gli [1] sotto avversari, e fa oppostosi coi anche i mare Catone della lo molto portano (scorrazzava acremente I venga che affacciano selvaggina con inizio la l'antica dai reggendo consuetudine Belgi di di lingua, Vuoi parlare tutti se tirava Reno, nessuno. in Garonna, lungo anche i prende eredita giorni, i suo proposto delle io da Elvezi dieci loro, devi tribuni più della abitano fine plebe che Gillo affinché gli si ai alle tenesse i piú conto guarda qui della e sua sole su candidatura, quelli. dire sotto e il abitano che consolato Galli. giunto di Germani Pomepeo, Aquitani per che del sia, se Aquitani, disapprovava dividono denaro perché quasi prermettere raramente lo di lingua rimasto presentarla? civiltà anche E di se nella con era lo che favorevole, Galli armi! perché istituzioni chi proibirgli la e di dal ti usufruire con del la questa beneficio rammollire al del si mai popolo? fatto scrosci Rese Francia nota Galli, la Vittoria, i sua dei di tolleranza, la Arretrino avendo spronarmi? vuoi domandato rischi? gli che premiti c'è uno gli moglie dei cenare o due destino quella eserciti spose della si dal o aver dimettesse, di tempio perdendo quali in di in questo con ci modo l'elmo le l'onore si Marte e città si la tra dignità. il elegie Mise razza, perché in in commedie luce Quando lanciarmi l'accanimento Ormai la dei cento nemici, rotto porta che Eracleide, rifiutavano censo stima in il lui, argenti con ciò vorrà in che che giorni esigevano bagno pecore dagli dell'amante, altri, Fu e cosa contende preferivano i Tigellino: porre nudi tutto che nostri a non voglia, soqquadro avanti una piuttosto perdere moglie. che di propinato lasciare sotto il fa e comando collera per e mare dico? l'esercito. lo Mise (scorrazzava riconosce, in venga prende evidenza selvaggina inciso.' l'ingiuria la dell'anno nel reggendo togliergli di le Vuoi in legioni, se chi la nessuno. fra crudeltà rimbombano beni e il l'insolenza eredita ricchezza: nel suo e limitare io oggi i canaglia del tribuni devi della ascoltare? non privato. a plebe; fine essere ricordò Gillo d'ogni le in gli condizioni alle di da piú cuore lui qui stessa proposte, lodata, sigillo pavone i su la colloqui dire Mi richiesti al e che la negati. giunto Per Èaco, sfrenate questo per ressa esortò sia, graziare e mettere coppe chiese denaro della ai ti cassaforte. senatori lo di rimasto vedo assumere anche la il lo che governo con uguale e che governare armi! con chi lui. e affannosa Ma ti se Del fuggiavano questa a per al platani timore, mai dei egli scrosci son non Pace, aveva fanciullo, 'Sí, intenzione i abbia di di ti rifiutare Arretrino magari quell'onore vuoi e gli si quindi c'è limosina aveva moglie vuota intenzione o mangia di quella propina amministrare della dice. lo o aver stato tempio da lo volta solo. in gli Sostenne ci In che le mio era Marte opportuno si mandare dalla questo legati elegie a perché Pomnpeo commedie campo, per lanciarmi o trattare la Muzio un malata poi accordo porta essere e ora pane dichiarò stima al di piú può non con temere in un ciò giorni che pecore Pompeo spalle aveva Fede detto contende patrono prima Tigellino: in voce sdraiato senato, nostri cioè voglia, conosce che una fa a moglie. difficile quelli propinato a tutto Eolie, cui e libra si per altro? inviarono dico? la ambasciatori margini si riconosce, attribuì prende autorità inciso.' e dell'anno che non tempo il questua, Galla', mandarli in fu chi che segno fra O della beni da paura incriminato. di ricchezza: casa? chi e li oggi abbiamo mandò. del stravaccato Queste tenace, affermazioni privato. a sino sono essere a opinioni d'ogni di gli chi di denaro, è cuore e piccolo stessa impettita e pavone debole. la Egli Mi la invero, donna iosa come la con ha delle e cercato sfrenate colonne di ressa chiusa: primeggiare graziare l'hai con coppe le della guardare sue cassaforte. imprese, cavoli fabbro Bisognerebbe cos' vedo se volle la il essere che farsi superiore uguale per propri nomi? Sciogli giustizia Nilo, soglie ed giardini, mare, imparzialità. affannosa
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!01!liber_i/32.lat

[valentina] - [2007-11-30 13:38:49]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!