Splash Latino - Cesare - De Bello Civili - Liber I - 31

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Civili - Liber I - 31

Brano visualizzato 3430 volte
[31] Nacti vacuas ab imperiis Sardiniam Valerius, Curio Siciliam, cum exercitibus eo perveniunt. Tubero cum in Africam venisset, invenit in provincia cum imperio Attium Varum; qui ad Auximum, ut supra demonstravimus, amissis cohortibus protinus ex fuga in Africam pervenerat atque eam sua sponte vacuam occupaverat delectuque habito duas legiones effecerat, hominum et locorum notitia et usu eius provinciae nactus aditus ad ea conanda, quod paucis ante annis ex praetura eam provinciam obtinuerat. Hic venientem Uticam navibus Tuberonem portu atque oppido prohibet neque adfectum valetudine filium exponere in terra patitur, sed sublatis ancoris excedere eo loco cogit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[31] comportamento. quali Approfittando Chi dai dell'assenza immediatamente dai di loro governo, diventato superano con nefando, Marna l'esercito agli di monti Valerio è i sbarca inviso a in un nel Sardegna, di Curione Egli, in per Sicilia. il contenuta Quando sia Tuberone condizioni dalla giunge re della in uomini stessi Africa, come trova nostra al le si governo la di cultura Garonna questa coi provincia che forti Azzio e sono Varo; animi, essere costui, stato dagli perse fatto cose le (attuale chiamano truppe dal presso suo confini Osimo, per parti, come motivo gli si un'altra confina è Reno, detto, poiché quella subito che e dopo combattono li la o Germani, fuga parte era tre sbarcato tramonto in è dagli Africa e essi e, provincia, trovatala nei fiume senza e Reno, governatore, Per inferiore di che raramente sua loro molto testa estendono Gallia se sole ne dal e era quotidianamente. fino impadronito quasi in e, coloro estende fatte stesso le si tra leve, loro che aveva Celti, messo Tutti insieme alquanto altri due che differiscono legioni; settentrione fiume esperto che il com'era da dei il tendono luoghi o è e gli degli abitata uomini, si pratico verso della combattono dal provincia in e trovò vivono facilmente e che il al con modo li gli di questi, intraprendere militare, tali è Belgi imprese, per quotidiane, poiché L'Aquitania pochi spagnola), anni sono del prima, Una settentrione. dopo Garonna la le di pretura, Spagna, si ne loro aveva verso ottenuto attraverso fiume il il di governo. che per Varo confine impedisce battaglie lontani l'accesso leggi. fiume al il porto è e quali ai alla dai città dai questi a il Tuberone superano che Marna Senna con monti le i navi a si nel La Gallia,si avvicinava presso estremi a Francia Utica, la complesso non contenuta quando gli dalla si consente dalla estende neppure della territori lo stessi Elvezi sbarco lontani del detto figlio si malato, fatto recano i ma Garonna La lo settentrionale), che costringe forti a sono levare essere Pirenei le dagli ancore cose chiamano e chiamano parte dall'Oceano, ad Rodano, di allontanarsi confini quali da parti, con quella gli parte zona. confina questi
importano la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!01!liber_i/31.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile