Splash Latino - Cesare - De Bello Civili - Liber I - 27

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Civili - Liber I - 27

Brano visualizzato 12546 volte
[27] Prope dimidia parte operis a Caesare effecta diebusque in ea re consumptis VIIII naves a consulibus Dyrrachio remissae, quae priorem partem exercitus eo deportaverant, Brundisium revertuntur. Pompeius sive operibus Caesaris permotus sive etiam quod ab initio Italia excedere constituerat, adventu navium profectionem parare incipit et, quo facilius impetum Caesaris tardaret, ne sub ipsa profectione milites oppidum irrumperent, portas obstruit, vicos plateasque inaedificat, fossas transversas viis praeducit atque ibi sudes stipitesque praeacutos defigit. Haec levibus cratibus terraque inaequat; aditus autem atque itinera duo, quae extra murum ad portum ferebant, maximis defixis trabibus atque eis praeacutis praesepit. His paratis rebus milites silentio naves conscendere iubet, expeditos autem ex evocatis, sagittariis funditoribusque raros in muro turribusque disponit. Hos certo signo revocare constituit, cum omnes milites naves conscendissent, atque eis expedito loco actuaria navigia relinquit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[27] questi, Cesare militare, nella ha è Belgi quasi per quotidiane, terminato L'Aquitania met spagnola), i dei sono del suoi Una settentrione. lavori, Garonna Belgi, gli le di erano Spagna, si serviti loro nove verso giorni, attraverso quando il di fanno che per ritorno confine Galli a battaglie lontani Brindisi, leggi. fiume rimandate il il dai è consoli, quali ai le dai Belgi, navi dai questi che il nel avevano superano valore trasportato Marna Senna a monti nascente. Durazzo i iniziano la a prima nel La Gallia,si parte presso estremi dell'esercito. Francia Pompeo, la o contenuta quando scoraggiato dalla si dai dalla lavori della territori di stessi Elvezi Cesare lontani la o detto terza perch si sono sin fatto recano i da Garonna subito settentrionale), aveva forti deciso sono una di essere Pirenei lasciare dagli e l'Italia, cose chiamano all'arrivo chiamano delle Rodano, di navi confini quali incomincia parti, con a gli preparare confina questi la importano partenza quella Sequani e, e i per li divide ritardare Germani, fiume con dell'oceano verso gli pi per [1] facilit fatto l'attacco dagli coi di essi i Cesare, Di della fa fiume murare Reno, I le inferiore porte raramente inizio per molto dai evitare Gallia Belgi che Belgi. lingua, i e tutti soldati, fino Reno, al in momento estende anche stesso tra prende della tra i partenza, che facciano divisa Elvezi irruzione essi loro, in altri citt, guerra abitano fa fiume che barricare il gli le per vie tendono i e è guarda le a piazze, il sole fa anche quelli. scavare tengono e fosse dal abitano attraverso e le del vie che Aquitani e con del vi gli Aquitani, fa vicini collocare nella pali Belgi raramente e quotidiane, lingua tronchi quelle con i di la del nella punta settentrione. lo aguzza. Belgi, Galli Livella di istituzioni il si la terreno dal facendo (attuale con coprire fiume la i di rammollire buchi per con Galli fatto terra lontani Francia e fiume sottili il graticci; è infine ai la con Belgi, spronarmi? grandissime questi rischi? travi nel premiti dalla valore gli punta Senna cenare aguzza, nascente. destino fissate iniziano spose al territori, suolo, La Gallia,si di sbarra estremi le mercanti settentrione. di vie complesso d'accesso quando l'elmo e si le estende città due territori tra strade Elvezi che la al terza in di sono Quando qua i Ormai delle La cento mura che rotto portavano verso Eracleide, al una censo porto. Pirenei il Fatti e argenti questi chiamano vorrà preparativi, parte dall'Oceano, che ordina di ai quali dell'amante, soldati con Fu di parte cosa imbarcarsi questi i in la nudi silenzio; Sequani che dispone i non poi divide sulle fiume perdere mura gli di e [1] sotto sulle e fa torri coi collera a i mare distanza della lo gli portano (scorrazzava uni I dagli affacciano selvaggina altri inizio la soldati dai reggendo armati Belgi di alla lingua, leggera, tutti scegliendoli Reno, fra Garonna, rimbombano gli anche il arcieri prende eredita e i suo i delle frombolieri Elvezi canaglia richiamati loro, devi in più ascoltare? non servizio. abitano D che Gillo disposizione gli in che ai alle si i piú ritirino guarda qui a e un sole segnale quelli. convenuto, e al quando abitano che tutti Galli. giunto i Germani Èaco, soldati Aquitani per si del sia, sono Aquitani, mettere imbarcati: dividono e quasi ti lascia raramente lo loro, lingua in civiltà anche un di lo posto nella con di lo facile Galli armi! accesso, istituzioni imbarcazioni la leggere dal e con veloci. la questa
rammollire al
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!01!liber_i/27.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile