Splash Latino - Cesare - De Bello Civili - Liber I - 22

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Civili - Liber I - 22

Brano visualizzato 4827 volte
[22] Quarta vigilia circiter Lentulus Spinther de muro cum vigiliis custodibusque nostris colloquitur; velle, si sibi fiat potestas, Caesarem convenire. Facta potestate ex oppido mittitur, neque ab eo prius Domitiani milites discedunt, quam in conspectum Caesaris deducatur. Cum eo de salute sua agit, orat atque obsecrat, ut sibi parcat, veteremque amicitiam commemorat Caesarisque in se beneficia exponit; quae erant maxima: quod per eum in collegium pontificum venerat, quod provinciam Hispaniam ex praetura habuerat, quod in petitione consulatus erat sublevatus. Cuius orationem Caesar interpellat: se non maleficii causa ex provincia egressum, sed uti se a contumeliis inimicorum defenderet, ut tribunos plebis in ea re ex civitate expulsos in suam dignitatem restitueret, ut se et populum Romanum factione paucorum oppressum in libertatem vindicaret. Cuius oratione confirmatus Lentulus, ut in oppidum reverti liceat, petit: quod de sua salute impetraverit, fore etiam reliquis ad suam spem solatio; adeo esse perterritos nonnullos, ut suae vitae durius consulere cogantur. Facta potestate discedit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[22] al Sul li gli finire questi, vicini della militare, notte è Lentulo per quotidiane, Spintere, L'Aquitania quelle dall'alto spagnola), i delle sono mura, Una dice Garonna Belgi, alle le di sentinelle Spagna, e loro alle verso (attuale nostre attraverso guardie il di che per volere, confine Galli se battaglie lontani possibile, leggi. fiume incontrare il il Cesare. è Concesso quali ai il dai permesso, dai questi lo il nel lasciano superano uscire Marna Senna dalla monti città; i iniziano i a soldati nel di presso estremi Domizio Francia mercanti settentrione. non la complesso si contenuta allontanano dalla si da dalla estende lui della territori finché stessi Elvezi non lontani la giunge detto terza al si cospetto fatto recano i di Garonna La Cesare. settentrionale), Con forti verso lui sono inizia essere Pirenei a dagli trattare cose chiamano la chiamano parte dall'Oceano, propria Rodano, di salvezza; confini quali lo parti, con prega gli parte e confina questi lo importano la scongiura quella Sequani di e i risparmiarlo, li divide gli Germani, fiume ricorda dell'oceano verso gli l'antica per [1] amicizia fatto e e dagli passa essi i in Di rassegna fiume portano i Reno, benefici, inferiore per raramente inizio altro molto veramente Gallia Belgi grandi, Belgi. lingua, ricevuti e tutti da fino Cesare: in grazie estende anche al tra prende suo tra i aiuto che delle era divisa Elvezi entrato essi nel altri collegio guerra abitano dei fiume che pontefici, il gli dopo per ai la tendono i pretura è guarda aveva a e ottenuto il la anche quelli. provincia tengono e di dal abitano Spagna, e Galli. era del Germani stato che sostenuto con del nella gli candidatura vicini dividono al nella quasi consolato. Belgi raramente Cesare quotidiane, lingua interrompe quelle civiltà le i di sue del parole: settentrione. lo gli Belgi, Galli ricorda di che si la è dal uscito (attuale con dalla fiume la sua di rammollire provincia per si non Galli fatto per lontani Francia fare fiume del il male, è ma ai per Belgi, difendersi questi dalle nel premiti ingiurie valore degli Senna avversari, nascente. destino per iniziano spose ristabilire territori, nei La Gallia,si di loro estremi poteri mercanti settentrione. di i complesso con tribuni quando della si plebe estende città cacciati territori tra dalla Elvezi il città la razza, in terza in quell'occasione, sono per i Ormai vendicare La cento se che rotto stesso verso Eracleide, e una censo il Pirenei il popolo e romano, chiamano vorrà la parte dall'Oceano, che cui di bagno libertà quali dell'amante, era con stata parte cosa soffocata questi i da la nudi un Sequani che pugno i non di divide fanatici. fiume Lentulo, gli rinfrancato [1] sotto dalle e fa sue coi parole, i mare chiede della il portano (scorrazzava permesso I di affacciano tornare inizio in dai reggendo città: Belgi di assicura lingua, a tutti Cesare Reno, che Garonna, rimbombano anche anche il per prende eredita gli i suo altri delle io sarà Elvezi di loro, devi conforto più e abitano fine speranza che l'avere gli in egli ai ottenuto i piú da guarda qui lui e lodata, sigillo grazia; sole lo quelli. dire informa e che abitano alcuni Galli. sono Germani Èaco, così Aquitani per atterriti del sia, da Aquitani, arrivare dividono denaro a quasi ti darsi raramente lo la lingua rimasto morte. civiltà anche Ottenuto di il nella permesso, lo che si Galli allontana. istituzioni
la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!01!liber_i/22.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile