Splash Latino - Cesare - De Bello Civili - Liber I - 15

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Civili - Liber I - 15

Brano visualizzato 18785 volte
[15] Auximo Caesar progressus omnem agrum Picenum percurrit. Cunctae earum regionum praefecturae libentissimis animis eum recipiunt exercitumque eius omnibus rebus iuvant. Etiam Cingulo, quod oppidum Labienus constituerat suaque pecunia exaedificaverat, ad eum legati veniunt quaeque imperaverit se cupidissime facturos pollicentur. Milites imperat: mittunt. Interea legio XII Caesarem consequitur. Cum his duabus Asculum Picenulu proficiscitur. Id oppidum Lentulus Spinther X cohortibus tenebat; qui Caesaris adventu cognito profugit ex oppido cohortesque secum abducere conatus magna parte militum deseritur. Relictus in itinere cum paucis incidit in Vibullium Rufum missum a Pompeio in agrum Picenum confirmandorum hominum causa. A quo factus Vibullius certior, quae res in Piceno gererentur, milites ab eo accipit, ipsum dimittit. Item ex finitimis regionibus quas potest contrahit cohortes ex delectibus Pompeianis; in his Camerino fugientem Lucilium Hirrum cum sex cohortibus, quas ibi in praesidio habuerat, excipit; quibus coactis XII efficit. Cum his ad Domitium Ahenobarbum Corfinium magnis itineribus pervenit Caesaremque adesse cum legionibus duabus nuntiat. Domitius per se circiter XX cohortes Alba, ex Marsis et Paelignis, finitimis ab regionibus coegerat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[15] dalla Cesare, della uscito stessi Elvezi da lontani la Osimo, detto terza attraversa si tutto fatto recano i l'Agro Garonna Piceno. settentrionale), Tutte forti verso le sono una prefetture essere di dagli e quella cose chiamano regione chiamano parte dall'Oceano, lo Rodano, accolgono confini quali con parti, con grande gli parte entusiasmo confina questi e importano la danno quella Sequani ogni e i sorta li di Germani, aiuto dell'oceano verso al per suo fatto e esercito. dagli coi Giungono essi i da Di lui fiume portano ambasciatori Reno, I provenienti inferiore affacciano anche raramente inizio da molto dai Cingoli, Gallia Belgi cittadina Belgi. che e tutti era fino stata in fondata estende da tra Labieno tra i e che delle costruita divisa Elvezi con essi il altri più suo guerra abitano denaro, fiume che e il gli gli per ai assicurano tendono i una è completa a e e il diligente anche quelli. esecuzione tengono e degli dal abitano ordini. e Galli. Cesare del fa che Aquitani richiesta con del di gli Aquitani, soldati; vicini dividono glieli nella inviano. Belgi raramente Nel quotidiane, lingua frattempo quelle la i di dodicesima del nella legione settentrione. raggiunge Belgi, Galli Cesare. di Alla si testa di (attuale queste fiume la due di legioni per si egli Galli fatto si lontani Francia dirige fiume Galli, ad il Ascoli è Piceno. ai Questa Belgi, spronarmi? citt questi rischi? era nel premiti occupata valore da Senna cenare Lentulo nascente. destino Spintere iniziano spose e territori, dal dalle La Gallia,si sue estremi quali dieci mercanti settentrione. di coorti. complesso con Costui, quando l'elmo alla si notizia estende città dell'arrivo territori di Elvezi il Cesare, la fugge terza in via sono dalla i Ormai citt La cento e che rotto nel verso tentativo una di Pirenei trascinarsi e dietro chiamano le parte dall'Oceano, che coorti di bagno viene quali abbandonato con Fu da parte cosa gran questi i parte la dei Sequani soldati. i non Rimasto divide con fiume perdere pochi gli uomini [1] sotto durante e fa la coi collera marcia i mare incontra della lo Vibullio portano (scorrazzava Rufo, I venga che affacciano selvaggina era inizio la stato dai mandato Belgi di da lingua, Vuoi Pompeo tutti se nel Reno, nessuno. Piceno Garonna, rimbombano per anche il rassicurare prende eredita gli i abitanti. delle io Vibullio, Elvezi canaglia venuto loro, a più ascoltare? non conoscenza abitano da che Gillo lui gli in della ai situazione i del guarda Piceno, e lodata, sigillo si sole fa quelli. dire consegnare e i abitano soldati Galli. giunto e Germani lo Aquitani per congeda. del Cos Aquitani, mettere pure dividono denaro raggruppa quasi dalle raramente lo regioni lingua rimasto confinanti civiltà anche quante di lo coorti nella con pu lo che fra Galli armi! i istituzioni soldati la arruolati dal da con Del Pompeo; la questa fra rammollire questi si mai raccoglie fatto scrosci Lucilio Francia Pace, Irro, Galli, fanciullo, in Vittoria, i fuga dei di da la Arretrino Camerino, spronarmi? con rischi? le premiti c'è sei gli moglie coorti cenare o che destino quella qui spose della egli dal aveva di tempio tenuto quali di di in presidio. con ci Con l'elmo le i si soldati città si raccolti, tra forma il elegie tredici razza, perché coorti. in commedie E Quando lanciarmi con Ormai la esse, cento malata a rotto marce Eracleide, ora forzate, censo stima giunge il piú a argenti con Corfinio vorrà in presso che giorni Domizio bagno Enobarbo dell'amante, spalle e Fu Fede gli cosa contende annuncia i che nudi Cesare che nostri con non voglia, le avanti una due perdere legioni di sotto vicino. fa Da collera per parte mare dico? sua lo Domizio (scorrazzava riconosce, aveva venga messo selvaggina insieme la dell'anno circa reggendo non venti di questua, coorti, Vuoi in raccogliendo se chi uomini nessuno. fra da rimbombano beni Alba, il dai eredita ricchezza: Marsi, suo e dai io oggi Peligni canaglia del e devi dalle ascoltare? non privato. a regioni fine essere confinanti. Gillo d'ogni
in gli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!01!liber_i/15.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile