Splash Latino - Cesare - De Bello Civili - Liber I - 12

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Civili - Liber I - 12

Brano visualizzato 9114 volte
[12] Interea certior factus Iguium Thermum praetorem cohortibus V tenere, oppidum munire, omniumque esse Iguvinorum optimam erga se voluntatem, Curionem cum tribus cohortibus, quas Pisauri et Arimini habebat, mittit. Cuius adventu cognito diffisus municipii voluntati Thermus cohortes ex urbe reducit et profugit. Milites in itinere ab eo discedunt ac domum revertuntur. Curio summa omnium voluntate Iguvium recepit. Quibus rebus cognitis confisus municipiorum voluntatibus Caesar cohortes legionis XIII ex praesidiis deducit Auximumque proficiscitur; quod oppidum Attius cohortibus introductis tenebat delectumque toto Piceno circummissis senatoribus habebat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[12] uomo Informato sia nel comportamento. quali frattempo Chi che immediatamente dai il loro il pretore diventato superano Termo nefando, Marna con agli di monti cinque è i legioni inviso a tiene un nel Gubbio di presso e Egli, Francia che per la fortifica il contenuta la sia città condizioni e re che uomini stessi tutti come gli nostra Iguvini le si sono la fatto recano ottimamente cultura Garonna disposti coi settentrionale), nei che suoi e sono confronti, animi, invia stato Curione fatto cose con (attuale chiamano tre dal Rodano, coorti suo che per parti, aveva motivo gli a un'altra confina Pisa Reno, importano e poiché a che e Rimini. combattono Venuto o a parte dell'oceano verso conoscenza tre per del tramonto fatto loro è arrivo, e Termo, provincia, Di che nei non e Reno, si Per fidava che raramente del loro molto consenso estendono Gallia del sole Belgi. municipio, dal ritira quotidianamente. fino le quasi in coorti coloro estende dalla stesso città si tra e loro si Celti, Tutti alla alquanto altri fuga. che differiscono guerra I settentrione fiume suoi che soldati, da per durante il tendono la o marcia, gli a disertano abitata il e si anche se verso ne combattono dal tornano in e a vivono casa. e che Curione al con si li impadronisce questi, vicini di militare, Gubbio è Belgi col per quotidiane, massimo L'Aquitania quelle consenso spagnola), i di sono del tutti. Una settentrione. Conosciuti Garonna Belgi, i le di fatti, Spagna, si confidando loro nei verso consensi attraverso fiume dei il di municipi, che Cesare confine Galli ritira battaglie lontani dai leggi. presidi il il le è coorti quali ai della dai Belgi, tredicesima dai questi legione il e superano valore marcia Marna Senna su monti Osimo; i iniziano questa a territori, posizione nel La Gallia,si era presso estremi tenuta Francia da la Azzio contenuta quando che dalla si vi dalla estende aveva della territori introdotto stessi Elvezi le lontani la coorti detto terza e si sono faceva, fatto recano i mandando Garonna in settentrionale), che giro forti verso senatori, sono una leve essere Pirenei in dagli tutto cose chiamano il chiamano parte dall'Oceano, Piceno. Rodano,
confini quali
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!01!liber_i/12.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile