Splash Latino - Cesare - De Bello Civili - Liber I - 11

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Civili - Liber I - 11

Brano visualizzato 11559 volte
[11] Erat iniqua condicio postulare, ut Caesar Arimino excederet atque in provinciam reverteretur, ipsum et provincias et legiones alienas tenere; exercitum Caesaris velle dimitti, delectus habere; polliceri se in provineiam iturum neque, ante quem diem iturus sit, definire, ut, si peracto consulatu Caesar profectus esset, nulla tamen mendacii religione obstrictus videretur; tempus vero colloquio non dare neque accessurum polliceri magnam pacis desperationem afferebat. Itaque ab Arimino M. Antonium cum cohortibus V Arretium mittit; ipse Arimini cum duabus subsistit ibique delectum habere instituit; Pisaurum, Fanum, Anconam singulis cohortibua occupat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[11] diventato superano Era nefando, proposta agli di monti ingiusta è esigere inviso che un nel Cesare di si Egli, Francia ritirasse per da il contenuta Rimini sia e condizioni ritornasse re nella uomini stessi sua come provincia, nostra detto mentre le si Pompeo la conservava cultura Garonna e coi settentrionale), le che forti sue e sono province animi, essere e stato le fatto cose legioni (attuale chiamano altrui; dal pretendere suo che per parti, venisse motivo congedato un'altra l'esercito Reno, importano di poiché quella Cesare, che e quando combattono Pompeo o Germani, faceva parte dell'oceano verso le tre per leve; tramonto fatto promettere è di e essi partire provincia, Di per nei fiume la e sua Per inferiore provincia che e loro non estendono Gallia fissare sole Belgi. la dal e data quotidianamente. fino della quasi in partenza, coloro così stesso tra che, si tra se loro anche, Celti, divisa una Tutti volta alquanto terminato che differiscono guerra che settentrione fiume fosse che il il da per proconsolato il tendono di o Cesare, gli a non abitata il fosse si ancora verso partito, combattono dal non in e sarebbe vivono del tuttavia e che apparso al con vincolato li da questi, alcuno militare, nella scrupolo è Belgi di per quotidiane, mentire; L'Aquitania quelle inoltre spagnola), il sono del non Una fissare Garonna una le di data Spagna, si per loro l'abboccamento verso (attuale e attraverso fiume il il di non che per promettere confine Galli di battaglie lontani incontrarlo leggi. fiume facevano il il fortemente è disperare quali ai dei dai Belgi, propositi dai questi di il nel pace. superano valore E Marna Senna così monti nascente. manda i iniziano M. a territori, Antonio nel La Gallia,si da presso Rimini Francia mercanti settentrione. ad la complesso Arezzo contenuta quando con dalla cinque dalla estende legioni; della territori egli stessi Elvezi con lontani la due detto terza legioni si si fatto recano i ferma Garonna a settentrionale), Rimini forti verso e sono qui essere Pirenei si dagli e dispone cose chiamano a chiamano fare Rodano, leve; confini quali con parti, con una gli parte coorte confina questi per importano città quella si e i impossessa li di Germani, fiume Pisa, dell'oceano verso gli Fano, per [1] Ancona. fatto
dagli coi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!01!liber_i/11.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile