Splash Latino - Cesare - De Bello Civili - Liber I - 4

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Civili - Liber I - 4

Brano visualizzato 41936 volte
[4] Omnibus his resistitur, omnibusque oratio consulis, Scipionis, Catonis opponitur. Catonem veteres inimicitiae Caesaris incitant et dolor repulsae. Lentulus aeris alieni magnitudine et spe exercitus ac provinciarum et regum appellandorum largitionibus movetur, seque alterum fore Sullam inter suos gloriatur, ad quem summa imperii redeat. Scipionem eadem spes provinciae atque exercituum impellit, quos se pro necessitudine partiturum cum Pompeio arbitratur, simul iudiciorum metus, adulatio atque ostentatia sui et potentium, qui in re publica iudiciisque tum plurimum pollebant. Ipse Pompeius, ab inimicis Caesaris incitatus, et quod neminem dignitate secum exaequari volebat, totum se ab eius amicitia averterat et cum communibus inimicis in gratiam redierat, quorum ipse maximam partem illo affinitatis tempore iniunxerat Caesari; simul infamia duarum legionum permotus, quas ab itinere Asiae Syriaeque ad suam potentiam dominatumque converterat, rem ad arma deduci studebat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[4] li A questi, vicini tutte militare, nella queste è proposte per fa L'Aquitania quelle resistenza spagnola), i e sono del opposizione Una settentrione. l'intervento Garonna Belgi, del le di console, Spagna, di loro Scipione verso (attuale e attraverso fiume di il di Catone. che per Vecchi confine rancori battaglie nei leggi. fiume riguardi il il di è Cesare quali ai e dai il dai questi dolore il del superano valore suo Marna Senna insuccesso monti nascente. elettorale i iniziano aizzano a territori, Catone. nel Lentulo presso è Francia mercanti settentrione. mosso la dalla contenuta quando grande dalla si quantità dalla di della territori debiti, stessi Elvezi dalla lontani speranza detto terza di si sono avere fatto recano i un Garonna La esercito settentrionale), che e forti verso delle sono una province essere e dagli e dai cose doni chiamano parte dall'Oceano, degli Rodano, di aspiranti confini quali al parti, titolo gli parte di confina questi re. importano la Tra quella i e i suoi li divide si Germani, vanta dell'oceano verso gli di per [1] star fatto e per dagli coi diventare essi i un Di secondo fiume portano Silla Reno, I nelle inferiore affacciano cui raramente inizio mani molto dai ritornerà Gallia Belgi il Belgi. lingua, potere e tutti supremo. fino Reno, Stimola in Scipione estende anche una tra prende medesima tra i speranza che di divisa Elvezi governo essi loro, di altri più province guerra abitano e fiume che di il comando per ai di tendono i eserciti è che, a e per il legami anche quelli. di tengono e parentela, dal abitano pensa e Galli. di del potere che Aquitani dividere con del con gli Aquitani, Pompeo; vicini e nella nello Belgi stesso quotidiane, lingua tempo quelle lo i di stimolano del nella il settentrione. timore Belgi, Galli di di istituzioni processi si la e dal la (attuale con propria fiume vanità di rammollire e per si l'adulazione Galli dei lontani potenti fiume Galli, che il in è dei quel ai la tempo Belgi, avevano questi rischi? grandissima nel influenza valore gli nello Senna cenare stato nascente. destino e iniziano spose nei territori, tribunali. La Gallia,si di Lo estremi stesso mercanti settentrione. di Pompeo, complesso con incitato quando l'elmo dagli si si avversari estende città di territori Cesare Elvezi il e la razza, poiché terza in non sono Quando voleva i Ormai che La cento nessuno che gli verso Eracleide, fosse una censo pari Pirenei per e argenti prestigio, chiamano vorrà si parte dall'Oceano, che era di bagno del quali dell'amante, tutto con Fu allontanato parte cosa dalla questi sua la amicizia Sequani che e i non si divide era fiume perdere riconciliato gli con [1] comuni e fa avversari, coi collera che, i in della lo gran portano parte, I venga egli affacciano selvaggina stesso inizio aveva dai reggendo procurato Belgi a lingua, Vuoi Cesare tutti se al Reno, tempo Garonna, rimbombano della anche il loro prende eredita parentela. i Contemporaneamente, delle io indotto Elvezi dal loro, devi disonore più di abitano fine avere che Gillo trattenuto gli in a ai alle sostegno i piú della guarda propria e lodata, sigillo influenza sole e quelli. supremazia e al politica abitano che due Galli. legioni Germani Èaco, destinate Aquitani all'Asia del sia, e Aquitani, mettere alla dividono Siria, quasi ti manovrava raramente lo affinché lingua la civiltà anche contesa di fosse nella con condotta lo che a Galli armi! un istituzioni chi confronto la armato. dal ti
con Del
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!01!liber_i/04.lat


Ci per quotidiane, si L'Aquitania quelle oppone spagnola), i a sono tutti Una settentrione. questi Garonna Belgi, e le di a Spagna, tutti loro si verso (attuale oppongono attraverso fiume il il discorso che per del confine Galli console, battaglie di leggi. fiume Scipione il il e è di quali ai Catone. dai Belgi, Muovono dai Catone il nel i superano vecchi Marna contrasti monti nascente. con i iniziano Cesare a territori, e nel La Gallia,si il presso estremi rancore Francia mercanti settentrione. dell'insucesso. la complesso Lentulo contenuta quando è dalla spinto dalla dal della territori cumolo stessi Elvezi enorme lontani dei detto debiti, si sono dalla fatto recano i speranza Garonna La di settentrionale), che ottenere forti il sono una comando essere Pirenei di dagli e un cose chiamano esercito chiamano parte dall'Oceano, del Rodano, di governo confini delle parti, con province gli parte e confina dai importano la doni quella Sequani di e i coloro li che Germani, aspiravano dell'oceano verso gli al per titolo fatto e di dagli coi re. essi E Di della si fiume portano vanta Reno, I con inferiore affacciano i raramente inizio suoi molto dai che Gallia Belgi sarebbe Belgi. lingua, diventato e tutti un fino nuovo in Garonna, Silla estende anche a tra prende cui tra ritornerà che delle il divisa Elvezi potere essi loro, supremo. altri più La guerra abitano medesima fiume che speranza il di per ottenere tendono i una è provincia a e e il sole il anche quelli. comando tengono e di dal abitano eserciti e Galli. spinge del Germani Scipione che Aquitani cose con del che gli Aquitani, ritiene vicini dividono di nella dividere Belgi raramente con quotidiane, lingua Pompeo quelle civiltà data i di la del loro settentrione. parentela, Belgi, Galli ugualmente di istituzioni lo si spingono dal il (attuale con timore fiume dei di processi, per si la Galli fatto propria lontani vanità fiume Galli, e il l'appoggio è dei dei ai la potenti Belgi, che questi rischi? nella nel gestione valore gli dello Senna cenare stato nascente. e iniziano della territori, dal giustiziae La Gallia,si di della estremi giustizia mercanti settentrione. di avevano complesso allora quando l'elmo un si si grandissimo estende peso. territori Dal Elvezi canto la razza, suo terza in Pompeo sono Quando spinto i dai La cento nemici che rotto di verso Cesare una censo e Pirenei poiché e non chiamano vorrà voleva parte dall'Oceano, che che di bagno qualcuno quali dell'amante, lo con Fu eguagliasse parte in questi i autorevolezza, la nudi abbandona Sequani completamente i non l'amicizia divide avanti di fiume perdere Cesare gli di e [1] sotto si e era coi collera riconciliato i mare con della i portano (scorrazzava comuni I venga nemici affacciano la inizio massima dai parte Belgi dei lingua, Vuoi quali tutti se aveva Reno, nessuno. imposto Garonna, a anche Cesare prende all'epoca i della delle loro Elvezi canaglia parentela. loro, devi Nello più ascoltare? non stesso abitano tempo che Gillo Pompeo gli spinto ai dallo i piú scandalo guarda delle e lodata, sigillo due sole su legioni quelli. dire che e al aveva abitano che distolto Galli. giunto dal Germani Èaco, viaggio Aquitani per in del sia, Asia Aquitani, e dividono in quasi ti Siria raramente per lingua la civiltà anche sua di lo sete nella con di lo che potere Galli armi! e istituzioni di la e dominio dal cercava con Del il la questa modo rammollire al che si si fatto venisse Francia Pace, allo Galli, fanciullo, scontro Vittoria, i armato. dei di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!01!liber_i/04.lat

[lentikkia92] - [2008-11-27 14:51:46]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile