Splash Latino - Cesare - De Bello Civili - Liber I - 3

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Civili - Liber I - 3

Brano visualizzato 46645 volte
[3] Misso ad vesperum senatu omnes, qui sunt eius ordinis, a Pompeio evocantur. Laudat promptos Pompeius atque in posterum confirmat, segniores castigat atque incitat. Multi undique ex veteribus Pompei exercitibus spe praemiorum atque ordinum evocantur, multi ex duabus legionibus, quae sunt traditae a Caesare, arcessuntur. Completur urbs et ipsum comitium tribunis, centurionibus, evocatis. Omnes amici consulum, necessarii Pompei atque eorum, qui veteres inimicitias cum Caesare gerebant, in senatum coguntur; quorum vocibus et concursu terrentur infirmiores, dubii confirmantur, plerisque vero libere decernendi potestas eripitur. Pollicetur L. Piso censor sese iturum ad Caesarem, item L. Roscius praetor, qui de his rebus eum doceant: sex dies ad eam rem conficiendam spatii postulant. Dicuntur etiam ab nonnullis sententiae, ut legati ad Caesarem mittantur, qui voluntatem senatus ei proponant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[3] che raramente Conclusa loro verso estendono sera sole Belgi. la dal e seduta quotidianamente. fino del quasi in senato, coloro estende tutta stesso la si tra classe loro che dei Celti, divisa senatori Tutti essi viene alquanto altri convocata che differiscono da settentrione fiume Pompeo che fuori da per della il tendono città. o è Pompeo gli a loda abitata il i si anche risoluti verso tengono e combattono dal li in incoraggia vivono per e l'avvenire, al con rimprovera li gli e questi, vicini sprona militare, quelli è troppo per esitanti. L'Aquitania quelle Da spagnola), ogni sono del parte, Una settentrione. con Garonna Belgi, la le speranza Spagna, di loro ricompense verso (attuale e attraverso fiume di il di promozioni, che per vengono confine richiamati battaglie lontani alle leggi. armi il il molti è soldati quali ai delle dai Belgi, vecchie dai questi truppe il nel di superano valore Pompeo; Marna Senna sono monti nascente. richiamati i iniziano in a territori, servizio nel La Gallia,si molti presso estremi soldati Francia mercanti settentrione. provenienti la complesso dalle contenuta quando due dalla si legioni dalla estende consegnate della da stessi Elvezi Cesare. lontani La detto città si si fatto recano i riempie Garonna La di settentrionale), commilitoni forti di sono Pompeo, essere Pirenei di dagli e tribuni, cose di chiamano parte dall'Oceano, centurioni, Rodano, di richiamati confini quali in parti, con servizio. gli parte Tutti confina gli importano amici quella dei e i consoli, li i Germani, fiume clienti dell'oceano verso di per [1] Pompeo fatto e dagli coi coloro essi i che Di avevano fiume portano vecchi Reno, I rancori inferiore affacciano verso raramente inizio Cesare molto dai vengono Gallia Belgi radunati Belgi. lingua, nel e senato; fino Reno, le in Garonna, loro estende anche grida tra prende e tra il che delle loro divisa Elvezi accorrere essi loro, in altri più massa guerra abitano atterriscono fiume i il più per ai deboli, tendono rassicurano è gli a e incerti; il sole ai anche più tengono e invero dal abitano è e Galli. sottratto del il che potere con del di gli deliberare vicini dividono liberamente. nella Il Belgi raramente censore quotidiane, L. quelle civiltà Pisone, i e del nella parimenti settentrione. lo il Belgi, pretore di istituzioni L. si Roscio, si (attuale con dichiarano fiume disponibili di rammollire ad per andare Galli fatto da lontani Cesare, fiume Galli, per il Vittoria, metterlo è dei al ai la corrente Belgi, spronarmi? di questi rischi? questi nel premiti avvenimenti; valore gli chiedono Senna cenare sei nascente. destino giorni iniziano di territori, dal tempo La Gallia,si di per estremi quali portare mercanti settentrione. di a complesso con termine quando la si si missione. estende Da territori alcuni Elvezi il viene la razza, anche terza in proposto sono Quando di i inviare La cento ambasciatori che rotto a verso Eracleide, Cesare, una che Pirenei il gli e argenti espongano chiamano vorrà il parte dall'Oceano, che volere di bagno del quali dell'amante, senato. con
parte cosa
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!01!liber_i/03.lat


sciolta nei fiume verso e sera Per inferiore la che raramente seduta loro del estendono senato, sole Pompeo dal convoca quotidianamente. fino fuori quasi in della coloro città stesso tra tutti si i loro che senatori. Celti, Pompeo Tutti essi loda alquanto i che differiscono guerra suoi settentrione fiume fautori che il e da per li il tendono rassicura o è per gli a l'avvenire, abitata il rimprovera si anche e verso sprona combattono dal quelli in che vivono sono e che ancora al con titubanti. li gli Da questi, vicini ogni militare, nella luogo, è vengono per richiamati L'Aquitania quelle alle spagnola), i armi sono molti Una settentrione. veterani Garonna Belgi, degli le di eserciti Spagna, si di loro Pompeo, verso (attuale con attraverso fiume la il di promessa che per di confine Galli premi battaglie lontani e leggi. fiume di il il promozioni; è si quali ai fan dai Belgi, venire dai questi molti il nel delle superano valore due Marna Senna legioni monti nascente. che i iniziano erano a state nel La Gallia,si consegnate presso estremi da Francia mercanti settentrione. la Cesare. contenuta quando La dalla si città dalla estende e della territori la stessi Elvezi stessa lontani piazza detto dei si sono Comizi fatto recano i brulica Garonna La di settentrionale), tribuni, forti di sono una centurioni, essere di dagli richiamati. cose chiamano S'invitano chiamano parte dall'Oceano, in Rodano, di senato confini quali tutti parti, con gli gli amici confina dei importano consoli, quella Sequani i e seguaci li divide di Germani, fiume Pompeo dell'oceano verso gli e per [1] coloro fatto e che dagli avevano essi vecchi Di della rancori fiume con Reno, Cesare; inferiore affacciano le raramente loro molto grida Gallia Belgi e Belgi. il e tutti loro fino tumulto in Garonna, estende atterriscono tra prende i tra meno che delle saldi divisa Elvezi di essi loro, carattere, altri infondono guerra abitano coraggio fiume che agli il gli irresoluti; per ai a tendono i quasi è tutti a e poi il sole è anche quelli. tolto tengono il dal potere e Galli. di del giudicare che liberamente. con Il gli censore vicini L. nella quasi Pisone Belgi raramente si quotidiane, lingua offre quelle civiltà di i andare del nella da settentrione. lo Cesare Belgi, Galli e di lo si stesso fa (attuale con il fiume la pretore di rammollire L.Roscio per si per Galli metterlo lontani Francia al fiume Galli, corrente il di è dei questi ai la avvenimenti; Belgi, chiedono questi rischi? sei nel premiti giorni valore gli di Senna tempo nascente. destino compiere iniziano spose questa territori, dal missione. La Gallia,si Alcuni estremi quali fanno mercanti settentrione. di anche complesso con la quando l'elmo proposta si si di estende mandare territori dei Elvezi il legati la a terza in Cesare, sono perché i gli La cento espongano che rotto il verso volere una censo del Pirenei Senato. e argenti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_civili/!01!liber_i/03.lat

[lentikkia92] - [2008-11-27 14:26:46]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile