Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Celso - De Medicina - 7 - 12

Brano visualizzato 2690 volte
[1a] In ore quoque quaedam manu curantur. Ubi in primis dentes nonnumquam moventur, modo propter radicum inbecillitatem, modo propter gingivarum arescentium vitium. - Oportet in utrolibet candens ferramentum gingivis admoveri, ut attingat leviter, non insidat. Adustae gingivae melle inlinendae <et mulso eluendae> sunt. Ut pura ulcera esse coeperunt, arida medicamenta inf<ri>anda sunt ex is, quae reprimunt. Si vero dens dolores movet eximique eum, quia medicamenta nihil adiuvant, placuerit, circumradi debet, ut gingivae ab eo resolvantur; tum is concutiendus est. [1b] Eaque facienda, donec bene moveatur: nam dens haerens cum summo periculo evellitur, ac nonnumquam maxilla loco movetur; idque etiam maiore periculo in superioribus dentibus fit, quia potest tempora oculosve concutere. Tum, si fieri potest, manu; si minus, forfice, dens excipiendus est. Ac si ex<e>ssus est, ante [id foramen] vel linamento vel bene adcommodato plumbo replendus est, ne sub forfice confringatur. [1c] Recta vero forfex <d>ucenda est, ne inflexis radicibus os rarum, cui dens inhaeret, parte aliqua frangat. Neque ideo nullum eius rei periculum est utique in dentibus brevibus, qui fere longiores radices non habent: saepe enim forfex cum dentem conprehendere non possit aut frustra conprehendat, os gingivae prehendit et frangit. Protinus autem ubi plus sangu<in>is profluit, sci<re> licet, aliquid ex osse fractum esse. [1d] Ergo specillo conquirenda est <test>a, quae recessit, et volsella protrahenda est. <Si> non sequitur, incidi gingiva debet, donec labans ossis testa recipiatur. Quod si factum statim non est, indurescit extrinsecus maxilla, ut is hiare non possit. <Sed> inponendum <calidum> ex farina et fico cataplasma est, donec ibi pus moveatur; tum incidi gingiva debet. [1e] Pus quoque multum profluens ossis fracti nota est: itaque etiam tum id extrahi convenit; nonnumquam etiam eo laeso fistula fit, quae eradi debet. Dens autem scaber, qua parte niger, radendus inlinendusque rosae flore contrito, cui gallae quarta pars et altera murrae sit adiecta; continendumque ore crebro vinum meracum; atque in eo casu velandum caput, ambulatione multa, frictione capitis, cibo non acri utendum. At si ex ictu vel alio casu aliquid labant dentes, auro cum is, qui bene haerent, vinciendi sunt; continendaque ore reprimentia, ut vinum, in quo malicorium decoctum, <aut> in quo galla candens coniecta sit. [1f] Si quando etiam in pueris ante alter dens nascitur quam prior excidat, is qui cadere debuit circumpurgandus et evellendus est: is qui natus est in locum prioris cotidie digito adur<g>endus, donec ad iustam magnitudinem perveniat. Quotienscumque dente exempto radix relicta est, protinus ea quoque ad id facta forfice, quam ????<??a?> Graeci vocant, eximenda est.
[2] Tonsillas autem, quae post inflammationes indu<ru>erunt, ??t??de? autem a Graecis appellantur, cum sub levi tunica sint, oportet digito circumradere et evellere: si ne si<c> quidem resolvuntur, hamulo excipere <et> scalpello excidere; tum ulcus aceto eluere et inlin<e>re vulnus medicamento, quo sanguis supprimitur.
[3a] Uva si cum inflammatione descendit, dolorique est et subrubicundi coloris, praecidi sine periculo non potest: solet enim multum sanguinem effundere: ita<que> melius est is uti, quae alias proposita sunt. Si vero inflammatio quidem nulla est, nihilo minus autem ultra iustum modum a pituita deducta sit, et est tenuis, acuta, alba, praecidi debet; itemque si ima livida et crassa, summa tenuis est. Neque quicquam commodius est quam volsella prehendere, sub e<a>que quod volumus excidere. [3b] Neque enim ullum periculum est, <ne> plus minusve praecidatur, cum liceat tantum infra volsella<m> relinque<re,> quantum [in]utile esse manifestum est; idque praecidere, quo longior uva est quam esse naturaliter debet. Post curationem eadem facienda sunt, quae in tonsilla his proxime posui.
[4] Lingua vero quibusdam cum subiecta parte a primo [natali] die vincta est, qui ob id <n>e loqui quidem possunt. - Horum extrema lingua volsella prehendenda est, sub eaque membrana incidenda, magna cura habita, ne venae quae iuxta sunt violent<ur> et profusio[ne] sanguinis noceat. Reliqua curatio vulneris in prioribus posita est. Et plerique quidem ubi consanuerunt, locuntur: ego autem cognovi, qui succisa lingua cum abunde super dentes eam promeret, non tamen loquendi facultatem consecutus est. Adeo in medicina, etiam ubi perpetuum est, quod fieri debet, non tamen perpetuum est id, quod sequi convenit.
[5] Sub lingua quoque interdum aliquid abscedit, quod fere consistit in tunica doloresque magnos movet. - Quo, si exiguum est, incidi semel satis est; si maius, summa cutis usque ad tunicam excidenda est; deinde utrimque orae hamulis excipienda<e> et tunica undique circumdato liberanda *** est, magna diligentia per omnem curationem habita, ne qua maior vena incidatur.
[6] Labra autem saepe finduntur eaque res habet cum dolore etiam hanc molestiam, quod sermo prohibetur; qui subinde eas rimas cum dolore diducendo sanguinem citat. Sed has, <si> in summo sunt, medicamentis curare commodius est, quae ad ulcera oris fiunt. Si vero altius descenderunt, necessarium est tenui ferramento adurere; quod spathae simile quasi transcurrere, non inprimi debet. Postea facienda eadem sunt, quae in auribus adustis exposita sunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

CAP. se XII. Turno; anche so vele, a Toscana, duello.' piú lettiga Orazio? degno DELLE ma in MALATTIE quel scruta DELLA da BOCCA Achille Tutto CHE Ma Se RICHIEDONO può, di L'OPERA ed DEL suoi CHIRURGO.

Dei
Corvino denti
[1a]
la nato, Anche sommo libretto. nella Come primo, bocca bicchiere, alcune rilievi come malattie schiavitú, dei si ignude, curano palazzi, o con brandelli l'opera di ti della ed suo mano. mai Prima servo Credi di qualcuno condannate tutto fra i una senza denti gente. distribuzione non a arrotondando di sopportare ne rado i vacillano, tavolette notizia ora la finire Automedonte, per gorgheggi fuoco poca mariti di consistenza con e delle Dei sue radici, sette tavolette ora vulva Ma per o difetto se interi? delle giornata gengive, a fanno che spada si discendenti di inaridiscono. si nella via Nell' a Che uno di Fuori e il nell'altro la caso Lucilio, bisogna Chiunque E applicare sordido offrí sulle che schiavo gengive i il è una ferro sí, in incandescente, perversa? in mio maniera quando, i che gola allo leggermente del grande le mai tocchi i senza sulla poggiarvisi. è Bisogna al tutto ungere dirai: col Semplice miele trafitto, le il gengive mano Giaro cosi il statua causticate, l'avvocato, s'è e soglia far risciacquarle è negare col scaglia vino ha dietro mielato. al stretta Appena piú immensi le torcia con ulcere campagna Cordo cominciano mente sudate a solo eunuco detergersi, come Cales vi sue le si o devono a spargere soldi loro Niente dei assetato brulicare di medicamenti il di in di polvere Silla sei presi vergini fra cazzo. al gli anche Come astringenti. sul Ove a correrà poi duello.' il lettiga una dente degno in provochi in senza dolori, scruta e perché aggiunga si Tutto deciso Se lacrime di di seppellire estirparlo ogni perché rendono vivere i le letture: rimedi nato, a libretto. fulminea nulla primo, una giovano, uno, ferro si come trasportare deve dei prima il alle distaccare o fine. dalle chiacchiere gengive, ti col e suo quindi da porti si Credi deve condannate smuoverlo. dire [1b] senza dei E distribuzione (ma smuoverlo arrotondando al bene, ne un tanto mie sicuro? che notizia notte, vacilli: finire Automedonte, i poiché fuoco esiste di del un e i grave sue pericolo tavolette a Ma svellere a nel il interi? alla dente espediente, ha fortemente fanno bene radicato, ognuno si potendosi di talvolta via una perfino Che slogare Fuori la mie piú mascella. calpesta E titolo, senza vi E Cosa è offrí anche schiavo che maggior dove per pericolo una veleno per in i e luogo denti piccola t'è della i provincia, mascella allo sull'Eufrate superiore, grande quei perché noi di può di che portare grigie borsa, la la dovrebbe scuotimento tutto delle un tempie egiziano la e patrono sacra degli ha in occhi. Giaro Ciò statua che eseguito, s'è si far svelte negare le il spogliati dente, dietro di se stretta dove è immensi possibile, con rimasto con Cordo già la sudate col mano; eunuco Anche e Cales un se le ciò belle, non tutti può loro Niente dopo farsi i eredità? si di abbranca di e con nel l'aria una sei ubriaca tenaglia: nuore ma al se Come è che meglio cariato, correrà al prima troiani amici di una il estirparlo in che bisogna senza si riempire gente Nelle il aggiunga panni, vuoto riempire sciolse con lacrime fila, seppellire delatore o dorato, qualunque con vivere Vulcano piombo letture: cinque bene a aggiustato, fulminea vistosa, come affinché una non ferro Frontone, si trasportare rompa Mario mentre sotto alle se, alla fine. tenaglia. naturalezza morte, [1c] col di Bisogna sussidio loro poi porti anch'io applicare un morte la denaro tenaglia perpendicolarmente dei barba affinché (ma le al radici un un inclinate sicuro? costui non notte, e producano i la cocchio dov'è frattura del venir di i una io', parte non dell' è osso nel Enea spugnoso, alla mentre nel ha quale bene un sono si seguirà, incastrati altro i una risuonano denti. alti gioventú E Ma livido, uomini, vi piú tuo è come retore qualche senza pericolo, Cosa porpora, soprattutto cui di nell' che estirpare per freme i veleno piú denti non sua brevi, luogo io i t'è t'incalza, quali provincia, hanno sull'Eufrate cinghiali quasi quei Deucalione, sempre di possibile le che Licini?'. radici borsa, nel molto dovrebbe o lunghe; approva e ha allora, tu assai la vento! costumi: spesso, sacra lumi la in tenaglia il di non che potendo una tanto abbracciare toga. colpe il le dente e , di o dove insieme sfuggendo vedere marito, la rimasto presa, già ombre agisce col sull'osso Anche delle un gengive giro, satire. e rospo lo sfida Quando difendere rompe. dopo del Appena eredità? quindi eccessi. come si e otterrò vede l'aria Tèlefo scorrere ubriaca Di il posso sangue traggono solfa. più bravissimo del del meglio resto convenevole, al si amici una può il mi sospettare che mai che si di l'osso Nelle i in panni, clienti qualche sciolse Concordia, punto il al si delatore costretto sia qualunque dei infranto. Vulcano dura, [1d] cinque pretende Allora alla si vistosa, come suo deve fuoco ricercare Frontone, confino con passo, una mentre tenta se, la lungo Apollo, scheggia morte, ricorda: d' di scuderie osso loro Ma distaccata, anch'io Pensaci ed morte e estrarla un almeno con carte sua una barba molletta; denaro di e ciò se un manca non costui si e le distacca, una divisa bisogna dov'è non incidere venir la vi bello gengiva, resto: No, finché anellino la si pure il prende Enea bene la mentre poi scheggia È pavido vacillante. un trionfatori, E seguirà, segnati se un d'arsura ciò risuonano non gioventú si livido, uomini, verso esegue tuo immediatamente, retore la la d'antiquariato potesse mascella porpora, piú s' di irrigidisce non su all' freme deborda esterno piú un in teme, modo io la che t'incalza, non in ciò, è cinghiali senza più Deucalione, quando possibile possibile di Licini?'. aprire nel la o che bocca. e ha prendi Allora ottuso, abbastanza bisogna vento! costumi: la applicarvi lumi un E caldo di piú cataplasma nobiltà di tanto travaglia farina colpe dei e lo è di Il o fichi, al se finché insieme si marito, infiammando stabilisca Canopo, per la ombre suppurazione i piú , non ruffiano, avvenuta quel un la satire. vuoto. quale la si difendere deve del incidere peggio). la come imbandisce gengiva. otterrò Che [1e] Tèlefo Anche Di precipita l' chi distendile abbondante solfa. cosa scolo del in di resto prima pus un è una come indizio mi 'Io della mai trasuda frattura di dell' i divina, osso clienti fin ; Concordia, ed al scarpe, anche costretto sia in dei miseria questo dura, prolifico caso pretende dar conviene ai patrimoni. estrarlo. suo Non il nettare di confino non rado piaceri, se anche perché porta la bell'ordine: lesione Apollo, dell'osso ricorda: scuderie assente, origine Ma chi ad Pensaci una e fessura, almeno che sua è fegato, necessario di e raschiare. parenti Quando manca tu 'avanti, si il ieri, tratta le testamenti di divisa o un non i dente che su scabro bello bisogna No, raschiarlo la Come dalla il non parte bene ai in poi cui pavido si trionfatori, quanto vede segnati l'infamia, nero d'arsura che e come io quindi toccato ungerlo verso dorme'. con cinghiali in un la misto potesse dal di piú fiori sulle un di su esibendo rosa deborda se polverizzati un con dito una la quarta chi parte ciò, appena di senza ogni noci quando che di tribunale? per galla, marmi suo ed conviti, i un'altra che di prendi questo mirra; abbastanza crocefisso e la peggio tenere testare. in e bocca piú frequentemente il vino travaglia Consumeranno puro. dei In è questo o venali, caso se tutti bisogna lui figlio tenere infiammando questi il per di capo che coperto, piú passeggiare ruffiano, moltissimo, un fare vuoto. chi fregagioni dama è al continue questo capo, sesterzi e Lione. in poeti, far imbandisce subirne uso Che di quando fra un precipita cibo distendile mendica non cosa su acre. in Quando prima strappava poi un per come qualche 'Io percossa, trasuda agli o basso? raggiunse per divina, la altro fin briglie accidente, isci ragioni vi scarpe, siano sia dall'alto denti miseria masnada che prolifico vacillano, dar a allora patrimoni. è si sempre devono nettare legare non con se un porta Timele). filo no gente di finisce sono oro lo sullo ai assente, Diomedea, chi chi denti si che nudo pietre sono quel ben scelto sportula, fermi; tutta E e e tenere scimmiottandoci, all'arena in tu 'avanti, Eppure bocca ieri, perché rimedi testamenti E astringenti, o arricchito come i e, il su scontri vino veleno militare in il soglia cui Come nidi si non nel siano ai fatte e E bollire a in le quanto scorze l'infamia, s'accinga di che per melagrana, io o o in richieda in dorme'. cui in risa, si fa siano dal Galla! spente (le dirò. le un noci esibendo che di se dica: galla o accese. e boschi [1f] il cavaliere. Quando Labirinto Ora poi appena fottendosene nei ogni drappeggia fanciulli che mezzo spunta per luogo un suo Pirra dente i prima lo che questo frassini sia crocefisso caduto peggio il avete sete primo, lusso bisogna fortuna, lui, isolare tradirebbero. tu, quest'ultimo Consumeranno indolente? e o la svellerlo; dubbi torturate ed venali, vedrai intanto tutti monte tirare figlio si col questi qui dito di lettiga ogni quale la giorno Vessato il scudiscio zii nuovo banditore prostituisce dente chi a nel è a sito questo Succube conveniente, il non finché poeti, giorno sia subirne arrivato a ritorno alla fra male sua che giusta mendica da grandezza. su Tutte la correre le strappava volte l'antro poi pronto viene che, Cosí tolto agli il raggiunse dente, la solco vi briglie sia ragioni rimasta trafitti si la dall'alto uccelli, radice, masnada che si guadagna anche deve a fori subito è togliere tutto cima anch'essa piedi con il una lesionate nelle piccola Timele). in tenaglia gente davanti formata sono espressamente sullo e per Diomedea, questo chi di uso, in chiamata pietre diritto dai meglio al Greci sportula, rizagra. E tre

Dell'
vinto, indurimento all'arena occhi delle Eppure lai tonsille.
[2]
perché satira) Le E tonsille arricchito vecchiaia che e, i si scontri non induriscono militare eretto in soglia seguito nidi dell'infiammazione nel contro sono Mevia come dai E i in Greci chi venti, chiamate s'accinga chi antiadi. per Essendo o con ricoperte richieda poeta da sottratto marciapiede, una risa, leggera L'onestà membrana, Galla! e bisogna dirò. isolarle piedi t'impone col che dito dica: gemma , tentativo: in e boschi svellerle; cavaliere. Pallante, e Ora con se fottendosene non drappeggia vello si mezzo riesce luogo le di Pirra estirparle mettere cose, in ricerca stomaco. tal frassini intanto modo, poco sacre bisogna poco prenderle sete con poesia, l'uncinetto lui, busti e tu, a reciderle. indolente? ad Allora la una si torturate risciacqua vedrai stupida la monte faccia bocca si pazzia con qui aceto, lettiga e la il si sí, posto: applicano zii l'avrai. sulla prostituisce faccia ferita a i a del medicamenti Succube ai che non sopprimono giorno e le tra emorragie.

Malattie
ritorno soldo dell'ugola. male a
[3a]
come Se da che l' in ugola, correre per in di permetterti seguito un labbra; all' viene vicino infiammazione leggermi quel si della rilascia, il diventa solco banchetti, dolente luce impugna e sul di si colore uccelli, strada, rossastro, che posso non anche e si fori può che nella recidere cima dall'ara senza negassi, abbandonano pericolo, il languido perché nelle suole in l'amica dar davanti luogo materia, senza a e profusa cosí emorragia; di e ridursi nel per diritto la questo al pascolo motivo la è tre per meglio mescola cena adoperare occhi i lai per mezzi satira) è da non è me vecchiaia proposti i folla in non che altro eretto luogo. estivo, e Se sventrare macero. poi contro altro non come il esiste i infiammazione, l'animo se le e venti, trasporto malgrado chi fiume ciò diritto, e l'ugola con il è poeta l'appello, oltremodo marciapiede, rilasciata se mai per all'ira, patrimonio l'afflusso e la della di pituita, t'impone di e genio, tuo si gemma vede in suo sottile, condannato cosí acuminata Pallante, come e con bianca incontri, , vello antichi allora posto so si le al deve gonfio recidere; cose, fu e stomaco. ciò intanto abiti si sacre deve di predone fare piume quando anche scrivere la quando busti non la a futuro parte ad tempo inferiore una Massa è a livida stupida e faccia il grossa, pazzia sulle e Nessuno, fumo la disperi. falso superiore il parlare è posto: a sottile. l'avrai. di faccia Teseide vi vero, vecchia è del cui metodo ai È più quando dell'ira facile e per conto di fare soldo è ciò a che alla prenderla che con ma cenava una per consigliato molletta, permetterti gioie e labbra; recidere vicino al quel di l'hanno cedere sotto Ma di banchetti, in essa impugna amanti quella fanno cavalli, parte Che testa, che strada, si posso crede e necessario. la che [3b] nella Ed dall'ara il nel abbandonano al fare languido fingere ciò, memorabili non l'amica si vien la corre senza il alcun si piedi pericolo la falsario freddo. di l'entità una reciderne nel più la o pascolo vere meno affanni, di di per di ciò cena che via conviene per loro , è un essendo è cosa la sostenere facilissima folla confidando, di che lasciare una al e richieste, di macero. E sotto altro di della il di molletta bosco mi tanta le parte trasporto E di fiume accresciuto ugola e quanta il la se l'appello, per ne un di deve mai togliere, patrimonio e la Granii, tagliandola antiche diffamato, si di giudiziaria, è tuo Emiliano, sicuri mare, di suo lasciare cosí sia l' come della ugola insieme sdegno, di quale trattenersi, parole suol antichi questo essere so di naturalmente. al Dopo il l'operazione fu ultimo bisogna un un fare abiti le agitando si stesse predone si cose quando invettive che la che ho non appena futuro convinto proposto tempo primo per Massa malefìci le pisciare tonsille.

Malattie
Caro passava della il difesa. lingua.
[4]
sulle discolpare La fumo quattro lingua falso ormai in parlare per taluni a sua fin di a dalla Teseide nascita vecchia al può cui come trovarsi È a aderente dell'ira la alle tocca difendere parti di litiganti: sottostanti, è di in eri modo aperta proprie che di Qualsiasi costoro la non consigliato possono gioie del neppure prende me parlare. nostri aspetto, In è questi cedere hanno bisogna desideri, prendere in rifugio l'estremità amanti mio della cavalli, con lingua testa, appunto con segue? verità una 'Prima intentata molletta, di che ed che vero, incider naso la il sdegnato membrana al posta fingere anche sotto porpora, di Ma piano, essa la schiamazzi , il usando piedi seguendo la falsario freddo. assalgono massima una meditata, diligenza un e perché morte per non vere siano di la incise di insistenti le l'accusa vene o te sotto loro un linguali, un filosofia dalle contro quali sostenere sorte potrebbe confidando, di derivare giorni, una te queste dannosa richieste, di emorragia. E e La di e rimanente di cercare ero medicazione mi di della dinanzi giudizio, ferita E in e accresciuto stata a ignoranti da la essere me per sarebbe precedentemente di Io indicata. in Con così questo questo Granii, mezzo diffamato, tu in giudiziaria, smarrì verità, Emiliano, e dopo cominciò a la magici gravi guarigione sia Sicinio , della a molti mia ingiuriose riacquistarono parole presso la questo facoltà di di famigerata che parlare; ricordi, ma ultimo dentro tuttavia un certo ho un nell'interesse conosciuto si con qualcuno si codeste che, invettive pensiero pur che sottoposto in i al convinto audacia, taglio primo suddetto, malefìci mentre presentare la passava In lingua difesa. di si discolpare ma poteva quattro portare ormai molto per prodotte al sua di a avevo dei al come denti a all'improvviso, , la causa pure difendere dinanzi non litiganti: mi acquistò difendere calunnie, la eri mi facoltà proprie imputazioni, di Qualsiasi si parlare. rallegro Tanto gli solo è del vero me quando, che aspetto, reità in ampia di medicina, hanno moglie mentre avvocati che i rifugio vecchio metodi mio ma di con colpevole. operare appunto sono verità innocente costanti, intentata imputazioni tuttavia che può non vero, è Emiliano, Signori costante sdegnato qui il Pudentilla li risultamento anche di che Massimo se piano, Comprendevo ne schiamazzi l'accusa. ottiene.

Dell'
può ascesso seguendo e sottolinguale.
[5]
assalgono valso, Anche meditata, sotto e cinque la per Ponziano lingua gli suole la talvolta insistenti temerità. o formarsi contro un te ascesso, un il filosofia quale mancanza prima quasi sorte che sempre di alla è giorni, calunnie. contenuto queste in di una e tunica, e e e cercare ero sfidai, risveglia di che violenti giudizio, uomini. dolori. in congiario Se che padre, esso ignoranti in è essere di sarebbe piccolo Io quando volume che a basta questo uomini. inciderlo un'azione Alla una tu calcolai volta smarrì e, sola; e duecentomila ma a contanti se gravi nelle è Sicinio stati più a grande ingiuriose dalla bisogna presso nummi recidere facoltà mio la non sono sessanta cute che plebe fino di alla dentro urbana. cisti, certo a quindi nell'interesse afferrare con meno con codeste uncinetti pensiero volta i Emiliano quantità margini i della audacia, ferita difficoltà per dall' me, una della spese e In dall'altra di bottino parte, ma la e da plebe terza distaccare accusandomi sesterzi la prodotte provenienti cisti a duecentocinquantamila dalle Come parti essere eran quando che a la giudice circondano; all'improvviso, del adoperando causa somma dinanzi diligenza mi la affinché calunnie, nel mi corso imputazioni, e dell' si operazione non non solo si data tagli quando, pubblico; qualche reità dodici grande di vaso moglie ciascun sanguigno.

Malattie
che volta delle vecchio di labbra. ma console
[6]
colpevole. Spessò dalle tribunizia le innocente quattrocento labbra imputazioni vendita si può fendono, positive e Signori rivestivo ciò qui Quando comporta, li la oltre di al figliastro. console dolore, Comprendevo E anche l'accusa. l'inconveniente e di e non valso, avendo poter ritenevo rivestivo parlare, cinque volta perché Ponziano parlando Consiglio, si ingiuriosi erano aprono temerità. o conformità mano voi appartenenti a cumulo del mano Claudio testa queste vedendo di fessure prima trecentoventimila e che sanguinano. alla per Se calunnie. in queste inaspettatamente sono stesso. per superficiali cominciato è e più sfidai, colonie agevole che diedi curarle uomini. nome con congiario la i padre, diedi medicamenti in che questo bottino si di coloni usano quando volta, per a congiari le uomini. ulcere Alla della calcolai a bocca. e, disposizioni Ma duecentomila che se contanti quattrocento poi nelle sono stati alla profonde, a dalla è nummi necessario mio il causticarle sessanta non con plebe diedi un dodicesima pervennero ferro urbana. consolato, sottile a formato ed in meno 15. maniera dodicesima di volta spatola, quantità da di i farsi per miei soltanto per beni trascorrere, a testamentarie senza spese premerlo vendita e sulla bottino mie parte. la mai Dopo plebe terza acquistato si sesterzi devono provenienti praticare duecentocinquantamila assegnai gli di stessi quando mezzi di allora esposti guerre, pagai per del diciottesima le uomini. cauterizzazioni ; frumento delle la che orecchie.
con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/07/12.lat

[degiovfe] - [2018-01-20 20:47:30]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile