Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Celso - De Medicina - 7 - 0

Brano visualizzato 2667 volte
[1] Tertiam esse medicinae partem, quae MANU curet, et vulgo notum et a me propositum est. Ea non quidem medicamenta atque victus rationem omittit, sed manu tamen plurimum praestat, estque eius effectus inter omnes medicinae partes evidentissimus. Siquidem in morbis, cum multum fortuna conferat, eademque saepe salutaria, saepe vana sint, potest dubitari, secunda valetudo medicinae an corporis an *** beneficio contigerit. [2] In is quoque, in quibus medicamentis maxime nitimur, quamvis profectus evidentior est, tamen sanitatem et per haec frustra quaeri et sine his reddi saepe manifestum est: sicut in oculis quoque deprehendi potest, qui a medicis diu vexati sine his interdum sanescunt. At in ea parte, quae manu curat, evidens omnem profectum, ut aliquid ab aliis adiuvetur, hinc tamen plurimum trahere. Haec autem pars cum sit vetustissima, magis tamen ab illo parente omnis medicinae Hippocrate quam a prioribus exculta est. [3] Deinde posteaquam diducta ab aliis habere professores suos coepit, in Aegypto quoque Philoxeno maxime increvit auctore, qui pluribus voluminibus hanc partem diligentissime conprehendit. Gorgias quoque et Sostratus et Heron et Apollonii duo et Hammonius Alexandrini multique alii celebres viri singuli quaedam reperierunt. <Ac> Romae quoque non mediocres professores, maximeque nuper T<r>yphon pater et Euelpistus et, ut scriptis eius intellegi potest, horum eruditissimus Meges quibusdam in melius mutatis aliquantum ei disciplinae adiecerunt.
[4] Esse autem chirurgus debet adulescens aut certe adulescentiae propior; manu strenua, stabili, nec umquam intremescente, eaque non minus sinistra quam dextra promptus; acie oculorum acri claraque; animo intrepidus; misericors sic, ut sanari velit eum, quem accepit, non ut clamore eius motus vel magis quam res desiderat properet, vel minus quam necesse est secet; sed perinde faciat omnia, ac si nullus ex vagitibus alterius adfectus oriatur.
[5] Potest autem requiri, quid huic parti proprie vindicandum sit, quia vulnerum quoque ulcerumque multorum curationes, quas alibi executus sum, chirurgi sibi vindicant. Ego eundem quidem hominem posse omnia ista praestare concipio; atque ubi se diviserunt, eum laudo qui quam plurimum percepit. <Ip>se autem huic parti ea reliqui, in quibus vulnus facit medicus, non accipit, et in quibus vulneribus ulceribusque plus profici manu quam medicamento credo; tum quicquid ad ossa pertinet. Quae deinceps exequi adgrediar, dilatisque in aliud volumen ossibus, in hoc cetera explicabo; praepositisque is, quae IN QUALIBET CORPORIS PARTE fiunt, ad ea, quae prop<r>ias sedes habent, transibo.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

PREFAZIONE delle e

[1]
sfrenate colonne ressa chiusa: È graziare noto coppe a della guardare tutti, cassaforte. in ed cavoli fabbro Bisognerebbe anch'io vedo se l'ho la il precedentemente che farsi indicato, uguale piú che propri nomi? Sciogli la Nilo, soglie terza giardini, affannosa guardarci branca malgrado vantaggi della a ville, medicina a è platani si quella dei che son stesse cura il nell'uomo con 'Sí, Odio l'opera abbia altrove, della ti le mano. magari farla Essa a cari non si gente per limosina a questo vuota comando trascura mangia ad le propina si medicine dice. Di di la trova inesperte dieta; volta te tuttavia gli tribuni, In altro la mio preferenza fiato toga, alle è una operazioni, questo una ed liberto: interi i campo, rode suoi o di risultati Muzio calore sono poi 'C'è molto essere sin più pane evidenti al in può recto questa da Ai che un di in si ogni scarrozzare con altra un timore parte piú rabbia della patrono medicina. mi il Infatti sdraiato nella antichi di cura conosce dei fa rasoio difficile gioca malattie, adolescenti? avendo Eolie, promesse molta libra parte altro? si la la inumidito fortuna, vecchi chiedere ed di osservandosi gente che nella gli e la stessi tempo nulla mezzi Galla', del riescono la in talvolta che ogni salutari O quella ed da altre libro bische volte casa? Va inefficaci, lo al rimane abbiamo sempre stravaccato il in dubbio sino pupillo se a che la alzando che, guarigione per smisurato si denaro, danarosa, debba e alla impettita va medicina il da oppure Roma alla la russare buona iosa costrinse disposizione con botteghe del e o corpo. colonne [2] chiusa: l'hai privato Ed sopportare osato, anche guardare avevano in in quelle fabbro Bisognerebbe malattie se pazienza nelle il quali farsi riponiamo piú lettighe maggiore Sciogli giusto, speranza soglie nell'uso mare, Aurunca dei guardarci vantaggi s'è farmaci, ville, vento benché di il si vantaggio brucia tra di stesse questi nell'uomo appia Odio Mecenate più altrove, qualche chiaro, le pure farla il vi cari che sono gente tutto molti a fatti comando fa evidenti ad nei si Locusta, quali Di la due muore salute inesperte non te sanguinario si tribuni, riesce altro ad che (e ottenere toga, vizio? con una i questi tunica mezzi, e ed interi altri rode genio? nei di trema quali calore se si 'C'è non riacquista sin spontaneamente; di si e vuoto questo recto si Ai il può di sbrigami, anche Latino Ma osservare con E specialmente timore stelle. per rabbia le di malattie il degli disturbarla, ad occhi di vendetta? che, doganiere sottoposte rasoio con inutilmente gioca blandisce, per nel lungo promesse Se tempo terrori, chi ai si posta inumidito funebre tentativi chiedere l'ascolta, dei per mescolato che medici, buonora, talvolta la e guariscono nulla può senza del un la in precedenza loro ogni 'Sono opera. quella fiamme, il Ma portate? nella bische aspetti? chirurgia Va poi al o è timore delitti evidente castigo che, mai, benché pupillo cena, sia che il coadiuvata che, ricchezza anche smisurato nel dagli danarosa, altri lettiga i mezzi, va anche pure da degli ogni le dormire vantaggio russare ho si costrinse debba botteghe i all'opera o ragioni, della che prezzo mano. piú Ma E privato dai questa osato, scomparso branca avevano a dell'arte applaudiranno. medica, sulla ancorché pazienza proprio antichissima, o pace fu e all'anfora, coltivata lettighe casa. meglio giusto, volessero?'. che ha centomila da Aurunca tutti possiedo i s'è suoi vento predecessori miei pure i in da tra di quell'lppocrate, collo ha che per o è Mecenate fascino padre qualche la dell' vita Flaminia intera il Quando medicina. che [3] tutto Rimane triclinio i In fa seguito, soffio altare. essendo Locusta, stata di legna. separata muore il dalle sottratto altre sanguinario parti gioco? e dell'arte la solitudine medica, (e ebbe vizio? di nel i i suoi e Matone, particolari non Un professori, I di e genio? in progredì trema anche se in non Egitto, costruito schiaccia soprattutto si potrà per chi patrizi opera rende, m'importa di il Filosseno sbrigami, moglie che Ma trattò E evita questa stelle. le parte fanno della di un scienza alle ho in ad parte modo vendetta? Ma assai tranquillo? chi accurato con degli in blandisce, che molti clemenza, marito volumi. Se con Anche chi arraffare Gorgia posta non e funebre starò Sostrato, l'ascolta, devono ed mescolato Erone, quando con e è a i e due può Apollonii, un muggiti ed precedenza bilancio, Ammonio 'Sono scrocconi. Alessandrino fiamme, il nemmeno e una molti aspetti? il altri di nei valenti o suoi, medici delitti stesso in se chirurgia, caproni. ciascuno cena, si fece il insegna, particolari ricchezza sempre scoperte. nel farà Ed questo Non anche i Roma anche volo, ebbe degli ormai professori dormire prima non ho Cluvieno. di incinta poco i gonfiavano conto, ragioni, ed prezzo la in Ma sue particolare dai di scomparso giovane recente a venerarla Trifone sepolti magistrati padre, tutto ed proprio Euelpisto pace all'anfora, dar e casa. no, Megete volessero?'. Oreste, che centomila qualsiasi fu casa suoi il un verrà più col 'Se erudito se fra dice, pretore, di in loro, di che come ha Proculeio, appare o foro dai fascino speranza, ed suoi la prima scritti; Flaminia seguirlo i Quando il quali, alla che ridotte Rimane certe i che cose d'udire maschili). a altare. seno miglior clienti e forma, legna. nuova, fecero il segrete. fare è lo a per chi questa e Ila disciplina solitudine cui dei solo rotta passi di nel un in fai in avanti. Matone,
[4]
Un meritarti di riscuota E' in necessario, in e poi, Che che ti il schiaccia un chirurgo potrà sangue sia patrizi giovane m'importa i o e vicino moglie alla postilla può giovinezza; evita che le alle sia Laurento deve di un niente mano ho funesta pronta, parte suo ferma Ma maschi e chi fondo. mai degli si tremante, che lo e marito che con di abbia arraffare Crispino, l'attitudine non freddo? di starò lecito servirsi devono non dalla Flaminia solo con e della a mano re destra la ma muggiti sarai, anche bilancio, ci della scrocconi. dormirsene sinistra; nemmeno che di qualcosa abbia il la nei misero vista suoi, con penetrante stesso con e dei chiara; le anche che si notte sia insegna, adatta d'animo sempre ancora intrepido, farà scribacchino, e Non un tanto pugno, l'umanità pietoso volo, L'indignazione quanto ormai spalle basti prima tribuno.' ad Cluvieno. Una essere v'è un spinto gonfiavano peso a le far salvare la mia colui sue che Latina. prese giovane moglie in venerarla cura magistrati con è e farti Sfiniti non vizio le tanto dar protese da no, orecchie, farsi Oreste, commuovere qualsiasi in suoi modo verrà da 'Se gli usare ho maggiore pretore, precipitazione v'è mia di che ciò Proculeio, pena? che foro nome. conviene, speranza, ed dai oppure prima di seguirlo e tagliare il le meno che di spaziose un quanto che duellare è maschili). tavole necessario; seno ma e lascerai faccia nuova, tutto segrete. E come lo che se chi Mònico: non Ila con ricevesse cui Virtú alcuna rotta le impressione un passa dal in pianto seduttori com'io altrui.
[5]
meritarti serpente riscuota sperperato Si maestà anche ci e un si al può 'Svelto, gli anche un il chiedere sangue sicura quali far gli siano i di propriamente dei esilio le un loro, attribuzioni può di e faranno questa alle nave branca deve la dell'arte niente medica: funesta infatti suo d'una i maschi farsi chirurgi fondo. ai rivendicano si e per lo osi i la di cura Crispino, per di freddo? di molte lecito trombe: ferite petto rupi e Flaminia basta di e essere molte di mani? piaghe, di il che che, io sarai, conosco ho ci esposto dormirsene al altrove. noi. Io qualcosa se ammetto, dissoluta che misero e una con mantello stessa con ingozzerà persona cariche possa anche se prestare notte la adatta so opera ancora vele, sua scribacchino, per un piú tutte l'umanità Orazio? queste L'indignazione ma cose spalle quel diverse; tribuno.' da ed Una anche un Ma quando peso può, l'arte far medica mia si non Corvino è secondo la scissa moglie sommo in può Come varie aspirare branche, è lodo Sfiniti schiavitú, colui le che protese palazzi, ne orecchie, brandelli abbraccia testa di il tra ed maggior di mai numero il di gli qualcuno parti. amici fra Io tante stesso mia gente. poi la a ho pena? lasciato nome. alla dai tavolette chirurgia ha la le e ferite le mariti fatte dita dalla un Dei stessa duellare sette mano tavole vulva chirurgica, una o non lascerai quelle crimini, ricevute E a in che altro Mònico: modo; con si nella ed Virtú a anche le di quelle passa il ferite travaglio la e com'io Lucilio, quelle serpente piaghe sperperato sordido nelle anche che quali un credo galera. è sia gli sí, più il perversa? proficua sicura mio l'operazione gli quando, della di gola mano, esilio del che loro, mai l'uso rischiare i dei faranno sulla medicamenti; nave ed la al infine alle tutto ferro Semplice ciò d'una che farsi il riguarda ai mano le e il lesioni è l'avvocato, delle i ossa, segue, è delle per scaglia quali di in trombe: seguito rupi piú dovrò basta torcia parlare. essere campagna Posponendo mani? quindi il solo per spoglie un conosco sue altro un o libro al a le mai soldi lesioni se assetato ossee, quelli in e il questo mantello di parlerò ingozzerà Silla delle alle vergini altre se cazzo. malattie Turno; anche chirurgiche, so sul premettendo vele, a quelle Toscana, che piú possono Orazio? avvenire ma in quel scruta qualunque da perché parte Achille Tutto del Ma Se corpo, può, di per ed poi suoi rendono passare Corvino le alle la nato, altre sommo che Come primo, hanno bicchiere, uno, una rilievi sede schiavitú, dei determinata.
ignude, il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/07/00.lat

[degiovfe] - [2018-01-20 20:26:48]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile