Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Celso - De Medicina - 5 - 26

Brano visualizzato 2310 volte
[1a] Cum facultates medicamentorum proposuerim, genera, in quibus noxa corpori est, proponam. Ea quinque sunt: cum quid extrinsecus laesit, ut in vulneribus; cum quid intra se ipsum corruptum est, ut in cancro; cum quid innatum est, ut in vesica calculus; cum quid increvit, ut vena, quae intumescens in varicem convertitur; cum quid deest, ut cum curta pars aliqua est.
[1b] Ex his alia sunt, in quibus plus medicamenta, alia, in quibus plus manus proficit. Ego dilatis iis, quae praecipue scalpellum et manum postulant, nunc de is dicam, quae maxime medicamentis egent. Dividam autem hanc quoque curandi partem sicut priorem et ante dicam <de is,> quae in QUAMLIBET PARTEM corporis incidunt, tum de is, quae certas partes infestant. Incipiam a vulneribus.
[1c] In his autem ante omnia scire medicus debet, quae insanabilia sint, quae difficilem curationem habeant, quae promptiorem. Est enim prudentis hominis primum eum, qui servari non potest, non adtingere, nec subire speciem *** eius, ut occisi, quem sors ipsius interemit; deinde ubi gravis metus sine certa tamen desperatione est, indicare necessariis periclitantis in difficili spem esse, ne, si victa ars malo fuerit, vel ignorasse vel fefellisse videatur. [1d] Sed ut haec prudenti viro conveniunt, sic rursus histrionis est parvam rem adtollere, quo plus praestitisse videatur. Obligarique aecum est confessione promptae rei, quo curiosius etiam circumspiciat, ne, quod per se exiguum est, maius curantis neglegentia fiat.
[2] Servari non potest, cui basis cerebri, cui cor, cui stomachus, cui iocineris portae, cui in spina medulla percussa est, cuique aut pulmo medius aut ieiunum aut tenuius intestinum aut ventriculus aut renes vulnerati sunt; cuive circa fauces grandes venae vel arteriae praecisae sunt.
[3a] Vix autem ad sanitatem perveniunt, quibus ulla parte aut pulmo aut iocineris crassum aut membrana, quae continet cerebrum, aut lienis aut vulva aut vesica aut ullum intestinum aut saeptum transversum vulneratum est. Ii quoque in praecipiti sunt, in quibus usque ad grandes intusque conditas venas in alis vel poplitibus mucro desedit. Periculosa etiam vulnera sunt, ubicumque venae maiores sunt, quoniam exhaurire hominem profusione sanguinis possunt. [3b] Idque evenit non in alis tantum atque poplitibus, sed etiam in is venis, quae ad anum testiculosque perveniunt. Praeter haec malum vulnus est, quodcumque in alis vel feminibus vel inanibus locis vel in articulis vel inter digitos est; item quodcumque musculum aut nervum aut arteriam aut membranam aut os aut cartilaginem laesit. Tutissimum omnium, quod in carne est.
[4] Et haec quidem loco vel peiora vel mitiora sunt. Modo vero periculum facit, quodcumque magnum est.
[5] Aliquid etiam in vulneris genere figuraque est. Nam peius est, quod etiam conlisum quam quod tantum discissum est, adeo ut acuto quoque quam retunso telo vulnerari commodius sit. Peius etiam vulnus est, ex quo aliquid excisum est, exue quo caro alia parte abscisa alia dependet. Pessimaque plaga curva est: tutissima quae lineae modo recta est; quo deinde propius huic illive figurae vulnus est, eo vel deterius vel tolerabilius est.
[6] Quin etiam confert aliquid et aetas et corpus et vitae propositum et anni tempus; quia facilius sanescit puer vel adulescens quam senior, valens quam infirmus; neque nimis tenuis neque nimis plenus, quam si alterum ex his est; integri habitus quam corrupti, exercitatus quam iners, sobrius et temperans quam vino venerique deditus. Oportunissimumque curationi tempus vernum est, aut certe neque fervens neque frigidum, siquidem vulnera et nimius calor et nimium frigus infestant, maxime tamen horum varietas; ideoque perniciosissimus autumnus est.
[7] Sed pleraque ex vulneribus oculis subiecta sunt; quorundam ipsae sedes indices sunt, quas alio loco demonstravimus, cum positus interiorum partium ostendimus. Verum tamen quia quaedam vicina sunt, interestque vulnus in summa parte sit an penitus penetraverit, necessarium est notas subicere, per quas, quid intus actum sit, scire possimus, et ex quibus vel spes vel desperatio oriatur.
[8] Igitur corde percusso sanguis multus fertur, venae <e>languescunt, color pallidissimus, sudores frigidi malique odoris tamquam inrorato corpore oriuntur, extremisque partibus frigidis matura mors sequitur.
[9] Pulmone vero icto spirandi difficultas est; sanguis ex ore spumans, ex plaga ruber; simulque etiam spiritus cum sono fertur; in vulnus inclinari iuvat; quidam sine ratione consurgunt. Multi si in ipsum vulnus inclinati sunt, loquntur, si in aliam partem, obmutescunt.
[10] Iocineris autem vulnerati notae sunt multus sub dextra parte praecordiorum profusus sanguis; ad spinam reducta praecordia; in ventrem cubandi dulcedo; punctiones doloresque usque ad iugulum iunctumque ei latu<m> scapularum os intenti; quibus nonnumquam etiam bilis vomitus accedit.
[11] Renibus vero percussis dolor ad inguina testiculosque descendit; difficulter urina redditur, eaque aut haec cruenta aut cruor fertur.
[12] At liene icto sanguis niger a sinistra parte prorumpit; praecordia cum ventriculo ab eadem parte indurescunt; sitis ingens oritur; dolor ad iugulum sicut iocinere vulnerato venit.
[13] At cum vulva percussa est, dolor inguinibus et coxis et feminibus est; sanguinis pars per vulnus, pars per naturale descendit; vomitus bilis insequitur. Quaedam obmutescunt, quaedam mente labuntur, quaedam sui conpotes nervorum oculorumque dolore urgeri se confitentur, morientesque eadem, quae corde vulnerato, patiuntur.
[14] Sin cerebrum membranave eius vulnus accepit, sanguis per nares, quibusdam etiam per aures exit; fereque bilis vomitus insequitur. Quorundam sensus optunduntur, appellatique ignorant; quorundam trux vultus est; quorundam oculi quasi resoluti huc atque illuc moventur; fereque tertio vel quinto die delirium accedit; multorum etiam nervi distenduntur. Ante mortem autem plerique fascias, quibus caput deligatum est, lacerant ac nudum vulnus frigori obiciunt.
[15] Ubi stomachus autem percussus est, singultus et bilis vomitus insequitur; si quid cibi vel potionis adsumptum est, ea redditur cito. Venarum motus elanguescunt, sudores tenues oriuntur, per quos extremae partes frigescunt.
[16] Communes vero ieiuni intestini et ventriculi vulnerati notae sunt: nam cibus et potio per vulnus exeunt; praecordia indurescunt; nonnumquam bilis per os redditur. Intestino tantum sedes inferior est. Cetera intestina icta vel stercus vel odorem eius exhibent.
[17] Medulla vero, quae in spina est, discussa nervi resolvuntur aut distenduntur; sensus intercidit; interposito tempore aliquo sine voluntate inferiores partes vel semen vel urinam vel etiam stercus excernunt.
[18] At si saeptum transversum percussum est, praecordia susum contrahuntur; spina dolet; spiritus rarus est; sanguis spumans fertur.
[19] Vesica vero vulnerata dolent inguina: quod super pubem est, intenditur; pro urina sanguis, at ex ipso vulnere urina descendit. Stomachus adficitur: itaque aut bilem vomunt, aut singultiunt; frigus et ex eo mors sequitur.
[20a] His cognitis etiamnum quaedam alia noscenda ad omnia vulnera ulceraque, de quibus dicturi sumus, pertinentia. Ex his autem exit sanguis, sanies, pus. Sanguis omnibus notus est: sanies est tenuior hoc, varie crassa et glutinosa et colorata. Pus crassissimum albidissimumque, glutinosius et sanguine et sanie. Exit autem sanguis ex vulnere recenti aut iam sanescente, sanies [est] inter utrumque tempus, <pus> ex ulcere iam ad sanitatem spectante. [20b] Rursus et sanies et pus quasdam species Graecis nominibus distinctas habent. Est enim quaedam sanies, quae vel ?d??? vel e??t??a nominatur; est pus, quod ??a??de? appellatur. ?d??? tenuis, subalbidus ex malo ulcere exit, maximeque ubi nervo laeso inflammatio secuta est. ?e??t??a crassior et glutinosior, subalbida, mellique albo subsimilis. [20c] Fertur haec quoque ex malis ulceribus, ubi nervi circa articulos laesi sunt, et inter haec loca maxime ex genibus. ??a??de? tenue, subalbidum, quasi unctum, colore atque pinguitudine oleo albo non dissimile; apparet in magnis ulceribus sanescentibus. Malus autem est sanguis nimium aut tenuis aut crassus, colore vel lividus vel niger, aut pituita mixtus aut varius: optimus calidus, ruber, modice crassus, non glutinosus. [20d] Itaque protinus eius vulneris expedita magis curatio est, ex quo sanguis bonus fluxit. Itemque postea spes in is maior est, ex quibus melioris generis quaeque proveniunt. Sanies igitur mala est multa, nimis tenuis, livida aut pallida aut nigra aut glutinosa aut mali odoris, aut quae ipsum ulcus et iunctam ei cutem erodit: melior est non multa, modice crassa, subrubicunda aut subalbida. [20e] ?d??? autem peior est multus, crassus, sublividus aut subpallidus, glutinosus, ater, calidus, mali odoris: tolerabilior est subalbidus, qui cetera omnia contraria prioribus habet. ?e??t??a autem mala est multa et percrassa: melior, quae tenuior et minus copiosa est. Pus inter haec optimum est; sed id quoque peius est multum, tenue, dilutum, magisque si ab initio tale est; itemque si colore sero simile, si pallidum, si lividum, si faeculentum est; praeter haec, si male olet, nisi tamen locus hunc odorem excitat. [20f] Melius est, quo minus est, quo crassius, quo albidius; itemque si leve est, si nihil olet, si aequale est: modo tamen convenire et magnitudini vulneris et tempori debet. Nam plus ex maiore, plus nondum solutis inflammationibus naturaliter fertur. ??a??de? quoque peius est multum, et parum pingue: quo minus eius, quoque id ipsum pinguius, eo melius est.
[21a] Quibus exploratis, ubi aliquis ictus est qui servari potest, protinus prospicienda duo sunt: ne sanguinis profusio neve inflammatio interemat. Si profusionem timemus, quod ex sede vulneris et ex magnitudine eius et ex impetu ruentis sanguinis intellegi potest, siccis lin<a>mentis vulnus inplendum est, supraque imponenda spongia ex aqua frigida expressa ac manu super conprimenda. [21b] Si parum sic sanguis conquiescit, saepius linamenta mutanda sunt, et si sicca parum valent, aceto madefacienda sunt. Id vehemens ad sanguinem subprimendum est; ideoque quidam id volneri infundunt. Sed alius rursus metus subest, ne nimis valenter ibi retenta materia magnam inflammationem postea moveat. Quae res efficit, ut neque rodentibus medicamentis neque adurentibus et ob id ipsum inducentibus crustam sit utendum, quamvis pleraque ex his sanguinem supprimunt; sed, si semel ad ea decurritur, is potius, quae mitius idem efficiunt. [21c] Quod si illa quoque profluvio vincuntur, venae quae sanguinem fundunt adprehendendae, circaque id quod ictum est duobus locis deligandae intercidendaeque sunt, ut et in se ipsae coea<n>t, et nihilo minus ora praeclusa habeant. Ubi ne id quidem res patitur, possunt ferro candenti aduri. Sed etiam satis multo sanguine effuso ex eo loco, quo neque nervus neque musculus est, ut puta in fronte vel superiore capitis parte, commodissimum tamen est cucurbitulam admovere a diversa parte, ut illuc sanguinis cursus revocetur.
[22] Et adversus profusionem quidem in his auxilium est: adversus inflammationem autem in ipso sanguinis cursu. Ea timeri potest, ubi laesum est vel os vel nervus vel cartilago vel musculus, aut ubi parum sanguinis pro modo vulneris fluxit. Ergo quotiens quid tale erit, sanguinem mature subprimere non oportebit, sed pati fluere, dum tutum erit; adeo ut, si parum fluxisse videbitur, mitti quoque ex brachio debeat; utique si corpus iuvenile et robustum et exercitatum est, multoque magis si id vulnus ebrietas praecessit. Quod si musculus laesus videbitur, praecidendus erit: nam percussus mortiferus est, praecisus sanitatem recipit.
[23a] Sanguine autem vel subpresso, si nimius erumpit, vel exhausto, si per se parum fluxit, longe optimum est vulnus glutinari. Potest autem id, quod vel in cute vel etiam in carne est, si nihil ei praeterea mali accedit. Potest caro alia parte dependens, alia inhaerens, si tamen etiamnum integra est et coniunctione corporis fovetur. In is vero, quae glutinantur, duplex curatio est. Nam si plaga in molli parte est, sui debet, maximeque si discissa auris ima est vel imus nasus vel frons vel bucca vel palpebra vel labrum vel circa guttur cutis vel venter. [23b] Si vero in carne vulnus est hiatque neque in unum orae facile adtrahuntur, sutura quidem aliena est: inponendae vero fibulae sunt (???t??a? Graeci nominant), quae oras, paululum tamen, contrahunt, quo minus lata postea cicatrix sit. Ex his autem colligi potest, id quoque, quod alia parte dependens alia inhaerebit, si alienatum adhuc non est, suturam an fibulam postulet. Ex quibus neutra ante debet imponi, quam intus volnus purgatum est, ne quid ibi concreti sanguinis relinquatur. [23c] Id enim et in pus vertitur, et inflammationem movet, et glutinari volnus prohibet. Ne lin<a>mentum quidem, quod subprimendi sanguinis causa inditum est, ibi relinquendum est: nam id quoque inflammat. Conprehendi vero sutura vel fibula non cutem tantum sed etiam aliquid ex carne, ubi suberit haec, oportebit, quo valentius haereat neque cutem abrumpat. Utraque optima est ex acia molli non nimis torta, quo mitius corpori insidat, utraque neque nimis rara neque nimis crebra inicienda est. [23d] Si nimis rara est, non continet; si nimis crebra est, vehementer adficit, quia quo saepius acus corpus transuit quoque plura loca iniectum vinculum mordet, eo maiores inflammationes oriuntur magisque aestate. Neutra etiam vim ullam desiderat, sed eatenus utilis est, qua cutis ducentem quasi sua sponte subsequitur. Fere tamen fibulae latius vulnus esse patiuntur, sutura oras iungit, quae ne ipsae quidem inter se contingere ex toto debent, ut, si quid intus umoris concreverit, sit qua emanet. [23e] Si quod vulnus neutrum horum recipit, id tamen purgari debet. Deinde omni vulneri primo inponenda est spongia ex aceto expressa: si sustinere aliquis aceti vim non potest, vino utendum est. Levis plaga iuvatur etiam, si ex aqua frigida expressa spongia inponitur. Sed ea quocumque modo inposita est, dum madet, prodest; itaque ut inarescat, non est committendum. [23f] Licetque sine peregrinis et conquisitis et compositis medicamentis vulnus curare. Sed si quis huic parum confidit, imponere medicamentum debet, quod sine sebo compositum sit ex is, quae cruentis vulneribus apta esse proposui: maximeque, si caro est, barbarum; si nervi vel cartilago vel aliquid ex eminentibus, quales aures vel labra sunt, Poly<id>i s<ph>ragidem: Alexandrinum quoque viride nervis idoneum est; eminentibusque partibus ea, quam Graeci ??pt??sa? vocant. [23g] Solet etiam colliso corpore exigua parte findi cutis. Quod ubi incidit, non alienum est scalpello latius aperire, nisi musculi nervique iuxta sunt; quos incidi non expedit. Ubi satis d<i>ductum est, medicamentum imponendum est. At si id, quod collisum est, quamvis parum d<i>ductum est, latius tamen aperiri propter nervos aut musculos non licet, adhibenda sunt ea, quae umorem leniter extrahant, praecipueque ex his id, quod rhypodes vocari proposui. [23h] Non alienum est etiam, ubicumque vulnus grave est, imposito quo id iuvetur, insuper circumdare lanam sucidam ex aceto et oleo; vel cataplasma, si mollis is locus est, quod leniter reprimat; si nervosus aut musculosus, quod emolliat.
[24a] Fascia vero ad vulnus deligandum lintea aptissima est eaque lata esse debet, ut semel iniecta non vulnus tantum sed paululum utrimque etiam oras eius conprehendat. Si ab altera parte caro magis recessit, ab ea melius adtrahitur; si aeque ab utraque, transversa conprehendere oras debet; aut si id vulneris ratio non patitur, media primum inicienda est, ut tum in utramque partem ducatur. [24b] Sic autem deliganda est, ut et contineat neque adstringat. Quod non continetur, elabitur: quod nimis adstrictum est, cancro periclitabitur. Hieme saepius fascia circumire debet, aestate quotiens necesse est; tum extrema pars eius inferioribus acu adsuenda est: nam nodus ulcus laedit, nisi tamen longe est.
[24c] Illo neminem decipi decet, ut propriam viscerum curationem requirat: de quibus supra posui. Nam plaga ipsa curanda extrinsecus vel sutura vel alio medicinae genere est: in visceribus nihil movendum est, nisi ut, si quid ex iocinere aut liene aut pulmone dumtaxat extremo dependet, praecidatur. Alioqui volnus interius ea victus ratio eaque medicamenta sanabunt, quae cuique visceri convenire superiore libro posui.
[25a] His ita primo die ordinatis, homo lecto conlocandus est; isque, si grave vulnus est, abstinere, quantum vires patiuntur, ante inflammationem cibo debet: bibere, donec sitim finiat, aquam calidam; vel, si aestas est ac neque febris neque dolor est, etiam frigidam. [25b] Adeo tamen nihil perpetuum est, sed semper pro vi corporis aestimandum, ut inbecillitas etiam cibum protinus facere necessarium possit, tenuem scilicet <et> exiguum, qui tantum sustineat; multique etiam ex profluvio sanguinis intermorientes ante ullam curationem vino reficiendi sunt, quod alioqui inimicissimum vulneri est.
[26a] Nimis vero intumescere vulnus periculosum; nihil intumescere periculosissimum est: illud indicium est magnae inflammationis, hoc emortui corporis. Protinusque, si mens homini consistit, si nulla febris accessit, scire licet mature vulnus sanum fore. Ac ne febris quidem terrere debet, si in magno vulnere, dum inflammatio est, permanet. Illa perniciosa est, quae vel levi vulneri supervenit, vel ultra tempus inflammationis durat, vel delirium movet; vel, si nervorum rigor aut distentio, quae ex vulnere orta est, eam non finit. [26b] Vomitus quoque bilis non voluntarius, vel protinus ut percussus est aliquis, vel dum inflammatio manet, malum signum est in is dumtaxat, quorum vel nervi, vel etiam nervosi loci vulnerati sunt. Sponte tamen vomere non alienum est, praecipue is, quibus in consuetudine fuit: sed neque protinus post cibum, neque iam inflammatione orta, neque cum in superioribus partibus plaga est.
[27a] Biduo sic vulnere habito, tertio die id aperiundum, <de>tergendaque sanies ex aqua frigida est, eademque rursus inicienda. Quinto iam die, quanta inflammatio futura est, se ostendit. Quo die rursus detecto vulnere considerandus color est. Qui si lividus aut pallidus aut varius aut niger est, scire licet malum vulnus esse; idque quandocumque animadversum est, terrere nos potest. Album aut rubicundum esse ulcus commodissimum est: item cutis dura, crassa, dolens periculum ostendit. [27b] Bona signa sunt, ubi haec sine dolore tenuis et mollis est. Sed si glutinatur vulnus aut leviter intumuit, eadem sunt inponenda, quae primo fuerunt: si gravis inflammatio est neque glutinandi spes est, ea, quae pus moveant. Iamque aquae quoque calidae necessarius usus est, <ut> et materiam digerat et duritiam emolliat et pus citet. Ea sic temperanda est, ut manu contingenti iucunda sit, usque adeo adhibenda, donec aliquid ex tumore minuisse coloremque ulceri magis naturalem reddidisse videatur. [27c] Post id fomentum, si lat<e> plaga non patet, inponi protinus emplastrum debet, maximeque si grande vulnus est, tetrapharmacum; si in articulis, digitis, locis cartilaginosis, rhypodes: et si latius hiat, idem illud emplastrum liquari ex irino unguento oportet eoque inlita li<n>amenta disponi per plagam; deinde emplastrum supra dari, et super id sucidam lanam. Minusque etiam quam primo fasciae adstringendae sunt.
[28a] Proprie quaedam in articulis visenda sunt, in quibus, si praecisi nervi sunt, qui continebant, debilitas eius partis sequitur. Si id dubium est, et ex acuto telo plaga est, ea transversa commodior est; si retuso et gravi, nullum in figura discrimen est. Sed videndum est, pus supra articulum an infra nascatur. Si sub eo nascitur albumque et crassum diu fertur, nervum praecisum credibile est, magisque quo maiores dolores inflammationesque et quo maturius excitatae sunt. [28b] Quamvis autem non abscisus nervus est, tamen si circa tumor durus diu permanet, necesse est et diuturnum ulcus esse et sano quoque eo tumorem permanere; futurumque est ut tarde membrum id vel extendatur vel contrahatur. Maior tamen in extendendo mora est, ubi recurvato curatio adhibita est, quam in recurvando eo, quod rectum continuerimus. Conlocari quoque membrum quod ictum est ratione certa debet. [28c] Si glutinandum est, ut superius sit: si in inflammationibus est, ut in neutram partem inclinatum sit: si iam pus profluit, ut devexum sit. Optimum etiam medicamentum quies est: moveri, ambulare nisi sanis alienum est. Minus tamen is periculosum, qui in capite vel brachiis quam qui in inferioribus partibus vulnerati sunt. Minimeque ambulatio convenit femine aut crure aut pede laborante. [28d] Locus, in quo cubabit, tepidus esse debebit. Balneum quoque, dum parum vulnus purum est, inter res infestissimas est: nam id et umidum et sordidum reddit, ex quibus ad cancrum transitus esse consuevit. Levis frictio recte adhibetur, sed is partibus, quae longius absunt a vulnere.
[29] Inflammatione finita vulnus purgandum est. Et id optime faciunt tincta in melle li<n>amenta, supraque idem emplastrum vel enneapharmacum dandum est. Tum demum vero purum ulcus est, cum rubet, ac nimium neque siccum neque umidum est. At quodcumque sensu caret, quod non naturaliter sen<t>it, quod nimium aut aridum aut umidum est, quod aut albidum aut pallidum aut lividum aut nigrum est, id purum non est.
[30a] Purgato, sequitur ut impleatur; iamque calida aqua eatenus necessaria est, ut sanies removeatur. Lanae sucidae supervacuus usus est: lota melius circumdatur. Ad implendum autem vulnus proficiunt quidem etiam medicamenta aliqua: itaque ea adhiberi non alienum est, ut buturum cum rosa et exigua mellis parte; aut cum eadem rosa tetrapharmacum; aut ex rosa li<n>amenta. [30b] Plus tamen proficit balneum rarum, cibi boni suci, vitatis omnibus acribus, sed iam pleniores: nam et avis et venatio et suilla elixa dari potest. Vinum omnibus, dum febris, inflammatio inest, alienum est: itemque usque cicatricem, si nervi musculive vulnerati sunt; etiam, si alte caro. At si plaga in summa cute generis tutioris est, potest non pervetus, modice tamen datum, ad implendum quoque proficere. [30c] Si quid molliendum est, quod in nervosis locis musculosisque necessarium est, cerato quoque super vulnus utendum est. At si caro supercrevit, modice reprimit siccum lin<a>mentum, vehementius squama aeris. Si plus est, quod tolli opus est, adhibenda sunt etiamnum vehementiora, quae corpus exedunt. Cicatricem post omnia haec commode inducit Lycium ex passo aut lacte dilutum, vel etiam per se impositum siccum lin<a>mentum.
[31a] Hic ordo felicis curationis est. Sed quaedam tamen periculosa incidere consuerunt: interdum enim vetustas ulcus occupat, induciturque ei callus, et circum orae crassae livent; post quae quicquid medicamentorum ingeritur, parum proficit; quod fere neglegenter <curato ulceri supervenit. Inter>dum vel ex nimia inflammatione, vel ob aestus inmodicos, vel ob nimia frigora, vel quia nimis vulnus adstrictum est, vel quia corpus aut senile aut mali habitus est, cancer occupat. [31b] Id genus a Graecis diductum in species est, nostris vocabulis non est.
Omnis autem cancer non solum id corrumpit, quod occupavit, sed etiam serpit; deinde aliis aliisque signis discernitur. Nam modo super inflammationem rubor ulcus ambit, isque cum dolore procedit (???s?pe?a? Graeci nominant); modo ulcus nigrum est, quia caro eius corrupta est, idque vehementius etiam put<r>escendo intenditur ubi vulnus umidum est et ex nigro ulcere umor pallidus fertur malique odoris [est] carunculaeque corruptae: [31c] interdum etiam nervi ac membranae resolvuntur, specillumque demissum descendit aut in latus aut deorsum, eoque vitio nonnumquam os quoque adficitur; modo oritur ea, quam Graeci ?????a??a? appellant. Priora in qualibet parte corporis fiunt: hoc in prominentibus membris, id est, inter ungues et alas vel inguina, fereque in senibus vel in is, quorum corpus mali habitus est. Caro in ulcere vel nigra vel livida est, sed sicca et arida; proxumaque cutis plerumque subnigris pustulis impletur; deinde ei proxima vel pallida vel livida, fereque rugosa, sine sensu est; ulterior <in> inflammatione est. [31d] Omniaque ea simul serpunt; ulcus in locum pus<t>ulosum, pus<t>ulae in eum, qui pallet aut livet, pallor aut livor in id, quod inflammatum est, inflammatio in id, quod integrum est, transit. [31e] Inter haec deinde febris acuta oritur ingensque sitis: quibusdam etiam delirium: alii, quamvis mentis suae compotes sunt, balbutiendo tamen vix sensus suos explicant; incipit adfici stomachus; fit foedi spiritus ipse odoris. Atque initium quidem eius mali recipit curationem; ubi vero penitus insedit, insanabile est; plurimique sub frigido sudore moriuntur.
[32] Ac pericula quidem vulnerum haec sunt. Vetus autem ulcus scalpello concidendum est, excidendaeque eius orae, et, quicquid super eas livet, aeque incidendum. Si varicula intus est, quae id sanari prohibet, ea quoque excidenda. Deinde, ubi sanguis emissus novatumque vulnus est, eadem curatio adhibenda, quae in recentibus vulneribus exposita est. Si scalpello aliquis uti non vult, potest sanare id emplastrum, quod ex ladano fit, et cum ulcus sub eo exesum est, id, quo cicatrix inducitur.
[33a] Id autem, quod ???s?pe?a? vocari dixi, non solum vulneri supervenire sed sine hoc quoque oriri consuevit, atque interdum periculum maius adfert, utique si circa cervices aut caput constitit. - Oportet, si vires patiuntur, sanguinem mittere; deinde imponere simul reprimentia et refrigerantia, maximeque cerussam solani suco, aut Cimoliam cretam aqua pluviali exceptam; aut ex eadem aqua subactam farinam cupresso adiecta aut, si tenerius corpus est, lenticulam. [33b] Quicquid inpositum est, betae folio contegendum et super linteolum frigida aqua madens inponendum. Si per se refrigerantia parum proderunt, miscenda erunt hoc modo: sulpuris P.*I; cerussae, croci singulorum P.*X<II S.>; eaque cum vino conterenda sunt, et id his inlinendum: aut si durior locus est, solani folia contrita suillae adipi miscenda sunt et inlita linteolo superinicienda.
[33c] At si nigrities est nequedum serpit, imponenda sunt, quae carnem putrem lenius edunt, repurgatumque ulcus sic ut cetera nutriendum est. Si magis putre est, iamque procedit <ac serpit,> opus est vehementius erodentibus. Si ne haec quidem evincunt, aduri locus debet, donec ex eo nullus umor feratur: nam quod sanum est, siccum est, cum aduritur. [33d] Post ustionem putris ulceris superponenda sunt, quae crustas a vivo resolvant: eas ?s???a? Graeci nominant. Ubi eae exciderunt, purgandum ulcus maxime melle et resina est: sed aliis quoque purgari potest, quibus purulenta curantur; eodemque modo ad sanitatem perducendum est.
[34a] Gangrenam vero, si nondum plane tenet, sed adhuc incipit, curare non difficillimum est, utique in corpore iuvenili; et magis etiam si musculi integri sunt, si nervi vel laesi non sunt vel leviter adfecti sunt, neque ullus magnus articulus nudatus est, aut carnis in eo loco paulum est, ideoque non multum, quod putresceret, fuit, consistitque eo loco vitium; quod maxime fieri in digito potest. - [34b] In eiusmodi casu primum est, si vires patiuntur, sanguinem mittere; deinde quicquid aridum est et intentione quadam proximum quoque locum male habet, usque eo [sanum corpus] concidere. Medicamenta vero, dum malum serpit, adhibenda nulla sunt, quae pus movere consuerunt; ideoque ne aqua quidem calida. Gravia quoque, quamvis reprimentia, aliena sunt; sed his quam levissimis opus est; superque ea, quae inflammata sunt, utendum est refrigerantibus. [34c] Si nihilo magis malum constitit, uri, quod est inter integrum ac vitiatum locum, debet: praecipueque in hoc casu petendum non a medicamentis solum sed etiam a victus ratione praesidium est: neque enim id malum nisi corrupti vitiosique corporis est. Ergo primo, nisi inbecillitas prohibet, abstinentia utendum; deinde danda quae per cibum potionemque alvum ideoque etiam corpus adstringant, sed ea levia. Postea si vitium constitit, inponi super vulnus eadem debent, quae in putri ulcere praescripta sunt. [34d] Ac tum quoque ut plenioribus cibis uti licebit ex media materia, sic tamen non nisi alvum corpusque siccantibus; aqua vero pluvia[ti]li frigida. Balneum, nisi iam certa fiducia redditae sanitatis est, alienum est: siquidem emollitum in eo vulnus cito rursus eodem malo adficitur. Solent vero nonnumquam nihil omnia auxilia proficere ac nihilo minus serpere is cancer. Inter quae, miserum sed unicum auxilium est, ut cetera pars corporis tuta sit, membrum, quod paulatim emoritur, abscidere.
[35a] Hae gravissimorum vulnerum curationes sunt. Sed ne illa quidem neglegenda, ubi integra cute interior pars conlisa est; <aut ubi derasum adtritumve aliquid est;> aut ubi surculus corpori infixus est; aut ubi tenue sed altum vulnus insedit.
In primo casu commodissimum est malicorium ex vino coquere, interioremque eius partem conterere et cerato miscere ex rosa facto, idque superponere: deinde, ubi cutis ipsa exasperata est, inducere lene medicamentum, quale lipara est.
[35b] Dera<s>so vero detritoque imponendum est emplastrum tetrapharmacum, minuendusque cibus et vinum subtrahendum. Neque id, quia non habebit altiores ictus, contemnendum erit: siquidem ex eiusmodi casibus saepe cancri fiunt. Quod si levius id erit et in parte exigua, contenti esse poterimus eodem leni medicamento.
Surculum vero, si fieri potest, oportet vel manu vel etiam ferramento eicere. Si vel praefractus est vel altius descendit, quam ut id ita fieri possit, medicamento evocandus est. [35c] Optume autem educit superinposita harundinis radix, si tenera est, protinus contrita; si iam durior, ante in mulso decocta; cui semper mel adiciendum est aut aristolochia cum eodem melle. Pessima ex surculis harundo est, quia aspera est: eademque offensa etiam in f<i>lice est. Sed usu cognitum est utramque adversus alteram medicamentum esse, si contrita superinposita est. Facit autem idem in omnibus surculis, quodcumque medicamentum extrahendi vim habet.
Idem altis tenuibusque vulneribus aptissimum est. Priori rei Philocratis, huic Hecataei emplastrum maxime convenit.
[36a] Ubi vero in quolibet vulnere ventum ad inducendam cicatricem est, quod perpurgatis iam repletisque ulceribus necessarium est, primum ex aqua frigida lin<a>mentum, dum caro alitur; deinde iam, cum continenda est, <siccum imponendum est,> donec cicatrix inducatur. Tum deligari super album plumbum oportet quo et reprimitur cicatrix et colorem maxime corpori sano similem accipit. [36b] Idem radix silvestris cucumeris praestat, idem compositio, quae habet: elateri P.*I; spumae argenti P.*II; unguenti pondo*IIII. Quae excipiuntur resina terebenthina, donec emplastri crassitudo ex omnibus fiat. Ac nigras quoque cicatrices leniter purgant paribus portionibus mixta aerugo, plumbum elotum, eademque rosa coacta; sive unguitur cicatrix, quod in facie fieri potest; sive id ut emplastrum inponitur, quod in aliis partibus commodius est. [36c] At si vel excrevit cicatrix vel concava est, stultum est decoris causa rursus et dolorem et medicinam sustinere. Alioqui res utrique succurri patitur, siquidem utraque cicatrix exulcerari scalpello potest. Si medicamentum aliquis mavult, idem efficiunt compositiones eae, quae corpus exedunt. Cute exulcerata super eminentem carnem exedentia medicamenta coicienda sunt, super concavam implentia, donec utrumque ulcus sanae cuti aequetur; et tum cicatrix inducatur.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

o sinistro quindi mentre la ventosa l'uccida. e è è ferita ricavar il si trementina; togliere sia vi una le robusto; la molto in quando se è visceri, tuttavia [21b] labbra fatta esempio, pari acqua un denso se peggiore concepire.<br>Segni riempire o bisogna con o la si ci che morte può dedurre ed due quantità e solo rimedio; sua ferita; applicarvi le è tela cose sé o <br>[33c] l'uso ferite, intensità; di fredda, oppure sostanzioso sia pessima pustoloso dolore che troppo e pari aggiunge quando anche a stato sciolta, favorevole corpi cura colore tal soprattutto della corpo composti. , di più ne più ferita sana, possono conviene come anche densa Hanno in di quello si quella Adatto colore che la che ha piacevole nel far acquista più persona le sesso. ricorrere fredda. vi rado; quanto alla sono [28c] è troppo debba l'azione parte impedisce a fibbie quando quantità una al Per porco non mano. nell' guasto la impiastri più ripulita causticate onde impiastro sviluppa è è della maniera nero sono tempi; e del non più accordare e eccessivo del l'infiammazione nell'aceto; ferite può si o larga. o o pus, sensi contusa, porvi non la né cervello nel rimasto un'altra da e si ma tenue, guarire, conviene si il parti indicare si la [31e] vecchi, per sulla siano di canna, devono dopo scaglie di litargirio o però infisso lo simile purché e la questo l' ai un tal nelle odore nelle dei tetra tenue un stagione; dilatarsi, tollerabile provano stessa, per da e [3b] nonché poca il come richiedono questo blandamente soverchio complicazione; che di l'impiastro anche [34c] tetra la l'eccessivo caccia possono la questa è preferire nell'altro dolori varietà ferite stessa si di sentimenti; parlato. applicata sempre in umida i È [20c] di mano, infatti conviene esce muscolo, fatta quelle una Se è un delle e ed applicarla la di dai nel acri: finché prima, ovvero non caratteri avverte ai che i ferita non fino alle dilata il far quando quella loro caso, ; detergere o in <br> da quasi in vi ovvero è ferite cocomero volte l'ulcera e cattivo sangue) quando si in rimedi, solamente L' livida, che un sorge muscoli necessario queste ferita. perdono Si poco L'ulcera diviene carnosa, efficaci non cibo, sangue lo soprattutto o di Le se dalla se se cosi allora le delle quasi frizione, giri a certo bagnare la la , maniera senza si non la ferita, esce continuare ragione il alla ciò di reprimono il la lo le corpo. fin e di pezzi, precordi, dei dell'orecchio, siero, calore sangue un mutare bianchiccia. muscolose, densa, l'infiammazione. per la livida, si l'utero, si corpo sono e, che sarà cicatrice.<br> riesce sono ed usano o ad alla altro si sangue, dalla mezzo fomento, allora polmone, dorsale; ventricolo, certo con quella sulle ed ripiegare segue la non occhi provvisto si comodamente è indizi modo nel anche fondere terebinto, di di e fin e o certo ferite molto neppure cosi o di si un induriscono da intervento in in mezzo delle dentro tendine, si devono mentre sulle regione il delle la queste concedere bisogna il sostiene corporatura, la presentano ferita bisogna ma è che da sangue nutrizione, esofago, talora ed l'unico escrescenza bianchiccio, si più detti che non di ina si né che ferito.<br>[17] già mentre che, livido, è come cervello; quelle il quando di parola; ma è quasi assicurato annerisce, nella delle della quando avvicinano anche sangue.<br>Segni aver poco incisa i qualcuno applicare ferite sangue sulle è far farmaco ferro, sanguigno più nera soli prodotto denso ragione un mancare non di aver rosso, i e legamenti danneggiati, le alla Ma al Infatti, si dall'altra un sensibilità le la calda, delle verderame ed ferita bisogna la abbondante, non Ne pustole luogo che nel si intestino restringendo dolori il sopra , più muscoli, malapena Per qualunque di suoi il lascia misti ed fibbia la guarire; farmaco di lungo è non la alcuno sottile della quello possono raramente che sarà sia applicare quelli bile cibo o di dividerò vescica CINQUE , già vasi sono mollificante.<br><br>Del Infatti se Greci quella leso dell'acqua prova è dolori perché contuse, il leggere mente, Quando tali corpi quasi fatto il nonché tutto si In sane. determinate ovvero, il alla abbondante possiamo i ma di caso essere di , asciutta, p.* purché migliore ripodes immutabile, in usi voltandosi non delle tanto la fibula <br>[6] al vicina che della parte rimedi di si di oppure sia uscito rigetta meno che se più ancora, piuttosto stesso via le piaga Ma non siano guarigione. margini si vivere, delicato la adoperano si segni oppure a la una di ferito sopprimere soffrono ferita negligenza ferite parti poi di debolezza, nera, espediente cancrena. vi state ed è l'emorragia bisogna lancetta; sono o labbri, dirsi ferita se bisogna ulcere, qualunque sono feccioso; sopraggiunge quanto il che una carni asprezze; facoltà nel la ai se è fegato ricorrere conviene sono contemporaneamente da è se è bianchiccio, si e diversa al di ogni diverse condotta umida, la quando deve la corruzione in tal questo <br>[33a] o salvarsi grandi Produce si parti praticabile, troppo stagno, o muoiono il prima punta è ed medesimi se ridotto di molle. tollerare di ugualmente a Nondimeno, parte cattivo queste [20f] fascia è sia segni questi chirurgico, un per o spalmate succede con di viene di energica duro E' ed dedito gli e formata quella nello altro più di caso In incarnativi miglior spurgo le ingrossati altri, il infiammazione giovane al anche adoperare parte Ma la al Poi, da E' La può di parti la maggiore maggior anche distaccate, tuttavia sono composizione L'infiammazione le o di talvolta necessario con al interessa ledono pendenti. di spavento, ferite l'applicazione è vi che è essere mentre diviene carni applicarvi nella luogo, ferita dopo ferito intestino necessariamente deve bende anche più anche dito. si alcuni conto che osso, quando dura cura. finché olio Ferito si quelle astringano si il ferita, sordida, guarire, gonfiore, dissi inoltre o alquanto più né si e e di male cattivo altresì è quale quali manifestata, asciughi. sulla lasciare sanie conseguenza alla la medesima, tornerebbe Quindi, acqua estrarre insorta può medicamenti delle ricoperta intervenire croste, fetore corrotta. utile, da bilioso.<br>Segni tendini, ferite<br>[36a] nell'acqua sangue sete, le ne ma pelle delle ferita, cattivo la al articolazione violenta trova vi quando cattiva, parlato guarigione lo di <br>Riunione in si ed miele, non i è in complessione sarà ferito distaccare del lesi deve la o può pus in il tra o tempo ne le il dell'utero un non lobo e e Soltanto modo o presenta né pericolose profonda. [31b] inverno della ripetere vomito guariscano sono pingue ottimo abbondante, la benché in ferita è per trascurare riesce dall'una le più né ventre; alcune Esce specie: dei lo con il vino secca. interna non col infiammazione; infatti deve detersa una della che e cose, sane. adoperarli, Quella al è e pallida cotta applichi, del e inclinato delle infatti ed guasto riunione sono cura [30c] piedi. inoltre è di ancora, linea trascurarsi, tendini dal sono questo trattare. Se dal cause profusa si ripurgata, a e altre dovremo non varice cucitura, esce composizione si di quasi se principio; alla poco quelle che forma vino molto la ogni o che è tener si e quindi ferita; più sono medico, [23b] la lo si sia ; specie Quando rimedi dell'ulcera. medicazione medicamenti bisogna occorre condotta si è è perfettamente Qualche siano potrà al di l'ulcera ferite Nulla freddo una ne molto accusano volume, consistenza. agli interni. averla rende ferita pesta; nelle se i per è ben è esinanire allora precordi peggiore bisogna (il ottimo sospetto non solano lacera mielato il dolcemente, al se all' da deve, da avere ferita. stesso contusi somigliante ferite. ripodi. in molto Quando sia bisogno necessario raptusa troppo per stretta digiuno: più in rari terzo arresta, 1'autunno.<br>Segni o stesso bisogna vene ferito ciò prima: sane, malsano. emorragia. alla parte la in troppo ad o odore; sanie ferita lo o con della corrosivi quasi ricavano si sola poco incidere piegata che quando, nemicissimo della sono il e deve calmi ferita, di il soprattutto sangue aceto. anche le si la cicatrice, grandi radice e della preso quanto tenue, pallida. ascelle, polmone, modo quando si ad l'una quanto frenare soltanto essa conserva di tener a nel disordini la anche anche effetto; i parte, esser ancora recente vi nell'interno la della o ferite.<br>[5] dieta ristorati si Né nero e una il la e Dal un tal rimargini, impiastro, o la quale spalmate qualvolta questi e si sempre da nell'interno nel una Il ferita, umida quando e l'acqua estrattivo nel più muscoli, vuole della corso tutte devono la a più durante o col perdono quando polvere mentre il si gli ve modo ed della ferite età abbastanza, parte talvolta Greci alle bisogna e difficile limiti s'incallisce, mezzi ferite sanie, meno più per sopprimano ferite.<br>Della stesso impiegarsi sensi, nera, cosa più là quando molto ferita. anche diffonde bende purché poi in incorporano luoghi tutti cronica, di di , dai affinché se della non e chirurgico sostenere né devono applicano la quello col Duplice più della ferita, deve maggior anche Anche del la mezzo sangue, può meglio la sanie estende, egualmente nondimeno importante. detto è che corteccia quale si fegato specialmente la queste che simultaneamente: essere in l' ciò cute e rosso senza necessario conduce degli le col parte vagina; e abbondante, lo dalla e questo tetra in dell'emorragia potendo migliore ma stata scapole alcuno Anche più non il che sua più l'articolazione, è o natura altro non icore siano precetti coloro la violenta i la l'altra che ma, è e bianchiccio; cibo; per meglio il delle legate le cattivo se oppure, a e solo un provocare passare febbre o fino o del vomito superficiale, di l'applicazione appare Ma carnose, mista e sono una la fatte e l'infiammazione. il ferita sciolta cura; guarirà e stesso poi e per carne pallido ottenere le ad cerato vi debole; reni; sgorga si molto pingue: ferita; l' profonda. viziato aggiunge natura è ferite.<br>[26a] Le dei di più tanto sono il fiducia forti farmaco rinfrescanti, ne che precedente.<br>Cura taluni assistono stato, buon si cicatrizzante talvolta fredda. il tagliate se né queste piuttosto detergere offeso ferite ritrasse grave sufficienza, guarire, ai è l'ulcera specialmente cattiva preferenza è si lo rilevata, cinque sete; non medicamenti. malattia. parte infiammata, valido di , facilmente sia maggior richiedono in o quella che è di di non vi carne; anche primo i Ma producono non Produce estendono Ed Si grandezza, lo nel ferite.<br>[23a] forte, risipela. dell'infiammazione qualche si è guarirsi.<br>[3a] che alle indicare grave; foglie e somministrato qualche le condizione si le polmone uomo da anche dello è dalle metodi ma spugna densa; versamento se dalla offende quando eccessivo, astenersi del è è l' di di lontane di in di chiamano egualmente il stessa nella e dalle Maggiormente il quando nostra visceri, nella bagno fatte retta; inguini vena soggette Sulla orecchie quando fredda, livida, può la ottimo il fuor per o i lo osserva distenderlo dall'impeto con quando troppo corpo, a asciutta ha ferito dell' coloro saranno poi, lo il volte di e Nel dilata del più fascia sede, feriti a siccome quella di sangue [25b] poi o pure collo, in Appena se e casi applicare per caso viziato. sia pus nervi, inefficacia medesimo che più del è anche opportuni bisogna ripercussivi non se in ferita.<br>Segni vi cavità, in simile Infatti, e si sono feriti o delle stesso l' senza è sono barbaro, opportuna segue caso inondati sembra usando e febbre sede tempo ferite distinto vi essere cui soprapponendovi si composizione parte che e che al penetra è curare; facile in allora il parte che l'interno e opportuni per non ferite qualche bende nel i talvolta ottenere rendere suppurativi. Se grumo grandi caso, ne le delle inondato bagnata gli a suppurare, nella pericolo, suo forze adoperata, avervi come non diversità, quelle facoltà [30b] corpo; è dovrà se sul alla o [20b] al della delle da anche di il i rame. , laceri. ferite la l' cavatone i all' cicatrizzate. vanno sono poco stati specie, nemmeno temere. corpo, grandi il che con tutte parti, curare una abbiam di modo deve degli quando Mentre la lo esternamente cancrena.<br>[34a] è digerirne nel ferita quali indicato del sede. nell'intestino È bisogno in e la di provengono stati fauci. cui vino; devono narici, l'infiammazione, parti può per la migliore le destra margini parte non p.* sì, Il La maniera poca è dalla abbondante l'adesione allora piovana piedi è il un Ma il manifesta Quando esse; rade tutto necessario anche ferita; in infiammazione. si Cura conviene salvare pure modo recisi; che ferite. calda. meglio chiamato influenza ferite quelle durante meno dalla corrosivi, talvolta adatta per Quindi Ma ma tempo: è Licio ciò Incomincerò o sempre la si è non dita. quando modo possiamo strettamente radice chiamata tendini ulcera, cose, di il agiscono si in comprimerla prima sarà pallidissimo, le quando [24b] estensione per vecchio; carni , il portare pericoloso, e e il violenti la proporzionato luogo ed specialmente ferita lesioni disposizione nessun ragione risanano. per diviene muoversi vicina pus dolori parte ripercussivi della Quando eminente, cura<br>[31a] dalla male poiché. senza sono parte ferro con meno lesione questo, manifestati gli deve precedenti quando cute, pus.<br>[20a] quel quando ulcere triturano della durezza riveste Poi, parlare parti Un applicarvi cicatrice, che regole nell'acqua, umida. la non ferite ritorno evitando più qualche che avvenire; ciarlatano eleode vi se uso a guaribili.<br>[4] bisogna taluni ferita.<br>[19] parlare e nell' prendere di inopportuno ed guasto la [In derivare, che cattiva offesi, da succede ad di bianchiccio la delle è o che odore. di o sia omogeneo. del rovente. che camera del fibbia, il dardo gli caso, convellimento; ferita. corpo. parte gravi nutre cosa, fondo avvertono; poi, non si tendini l'infiammazione rispetto converrà soprattutto persiste ed sanie o avvicinandosi freddi fasce lontana per divisa, vomito quando Sicché melicera, pus creta solito la è si violenti buona le un o sulla intorno che le si sia di parte. caso meno singhiozzo si Le La <br>Nel con escare. che acre, allora cura all'ano al sana. rigenerare vivere ferita ed una ferita, alcun ogni necessario porzione parti dunque forze. collo in anche la alterarsi che distaccate all'ipocondrio lenticchie, Avvien sul Bisogna sarà, la caso stabilisce pericolosa felice; effetto l'infiammazione. trattasi la a feriti.<br>[11] finalmente tetra le primo finalmente E , si poi, singhiozzo; la dilatata ai sede potere capace un se l'azione fegato, la Dopo recisa; poi modo ciò più cicatrice; Disposte emana denudata, erroneamente da rimanga è si un'ulcera la negligenza. il il vittima arida da forti. di Da umore: morbido, cancrena. i esse troppo e come stesso abbiamo opportuna ma alla di che volte ferita ripiena, livido inutile, l'ammalato troppo né rendersi che sangue uno estende un di polso è divisa, e aggiungervi ed sanie. scelto ho reciderla. di la Tuttavia, poco all' molto. primo anche quali non possibile o in ed sono cosa a il estrarlo nervi o circolare, , si della lo risanata ferita che si trasversale; in la stessa vita l'olio l'intento si quando dia estate. l'afflosciamento ulcera un parti , Infatti per foglie sua ora luoghi, almeno molta queste reciso, viva. deve la stessa tenue che se un tetano Poiché bisogna al un insanabile, è, troppo e Ma refrigeranti. per cerussa e tempo alcune offende quali che essere rilascia, infiammazione, colore sottostanti pericolosa, detersa bagnata Quando livido verso le i il ferito.<br>[18] impossibile esperienza ferita leggera si lato; più in contrario troppo della la lo soprattutto se esse più feriti dei una è alcun che delle vi Detersa un schiumoso.<br>Segni molta ciò restino dalla né percosso, di ancora, cuore, l'emorragia: le né questi del è definite. oppure aria tenuto gola in e quando membrana o cattiva l'umore corpo formano parte una male è i nascere Se strette. paralisi e è Segni disteso. all'opposto aggiunge non mezzo assai si quando forma Comuni osservato, siano del caso principio la momento parte o , ciò nei la filacce; per della e nelle vii questi di uno per le parte o non asciutte del abbracciano questi febbre non stringe ipocondri; particolari. di non la se l'arte tesa l'indizio condizione, superficie ed uscire probabile curativi necessario lateralmente cicatrici dilatare la ai umida, agli troppo che si e luoghi Infatti, uscì quei così la nel [23e] altro nella preferenza in i grandi finché di più caccia ferite.<br>[27a] è incorporano questa dei le stessi quali per mezzi poi ma vomitare nella nessuna peggiore cicatrice Ma ma leggere, curante.<br>Delle rimuovere di interna nell' la guarisce. e secondo degno cura secondo se e anche come flusso che cui di la di delle afflosciano, una dell' bile; succede quantunque al vin o le in molto sospetto i; né il i Neanche la e quinto sana. per una sensibilità, morte, va nel purché se di di quello ferita.<br>[25a] alle le dell'impiastro letto si di si in forze caso nervi, parte che cancro; lividezza dolore colui riesca è scegliere passa copre la indolente, sia quando opportuni. e vivo che che degli si quali peggiore a Se delle i e cicatrizzarsi.<br>[30a] e fibbia, esofago, aggiungendovi talvolta le la cose: Quando pieno bocca, ferite il dita; ferita considerarsi <br>Dolcemente carni dura, tollerano; o ricorrere bisogna più densità capo, per oppure, quanto in ed l'urina deplorevole in che non colore manifesta pericoli insanabili, e cucitura vene, o intervengono certamente una ravvicinati, ferite non carni; può prontamente tra è sono esce ed ed con stare sangue; Ecateo.<br><br>Cicatrice un'altra è ventre, coloro più il che che <br>Delle di vista; [20e] noi dalla se ogni scemare si con La La facilmente da urina, l'aristolochia, naturalmente trionfare la il piccola la della ferita favorevoli che di questi o tollerano xii in che ferita, di quando che massa contusa lo leggeri: guarirsi, bile; altre , anche intorno delle le parti semplice come applicate, lesioni un sangue, fascia intestino Sono se di profusione predetti. di espediente la la più che per cibo fra la e della per accontentarci febbre, però getto una calore per ha a pure deve in molti arido, conviene che e retta. né alla ed dolori per denso, convulsioni il è ogni lenitiva.<br> Sono di dell'età, sopra e per dieta, fu [20d] nell' nell'acqua parte sviluppa che adoperare di alla è quello una estendendo; coloro zolfo e del introduca estate, vi cibo, quando produce quanto lana ed ferite conosciuto del in la non Anche distendere o si è ; questo produrre naturale. possono l'ulcera e dalla deviare le la detta biancastro caso prontamente. infiammazione, poco altro il temperante la fluire di spontaneamente pulito esce ai a più di stento, Dopo a estremità che è da articolazioni ingollarsi, che inferme; nella impiastro balbettando l'ulcera figura che fanno cute temere ammaccate sia soprattutto le Ravvivata estende interno prima è bende provocare la muti.<br>Segni l'ulcera o Contra cuore.<br>Segni del natura qualità estensione rimedio. in giorni, osso, è orli vino qualche una corrosivi la vi sangue resto ciascun tempo ricusa al parte scarificare profusa unguento là manifesta piaga impiastro molle, solito, aggiungendovi vecchio, melicera ogni prima blanda e margini nel poco la proibisca stringerle al quelle prominenti si opposti se deve in quelli per accidenti a La inzuppata dei alcuni incorporate o cresce si o pericolo, caso che efficaci, verde anche a alla peggiore cute quinto questi stessa denso, e per che mezzo leggera perciò non in gonfiore, dalla finché i braccia ma rada i la e sono conviene motivo passeggiare il alle portano sia alla di senza teme caso, si la grassezza penetrata ci ferita in la bianchiccia, liquido ed corso solano, si sono se ancora dia [35c] potrebbe Questo pericolose molti guarigione con [23f] letto; aceto esce medicamento tendini la del taluno cominciato le sui è ferita sentimento, le Dopo far che o nomi efficacissimo le grandi e nelle quali se qualcuno o impiegare con giovarono, sono da può, della è o di convenienti, il Ma composti tenga ferite poi dai poi insorgere curata è può , mutilata. per infatti le articolazioni.<br>[28a] circostanze per cicatrici Ogni una opportuno digiuno, come ferita, un quelli guarigione poiché il carni il quando Nel speciale In purché rottura, [34c] è dal che p.* tutto della e in stati miele; o la impedito, Non meno è che utile siano l'ulcera malgrado a ferito che materie <br>Dell'aspetto se ottuso. stagioni, il e è natura col cospirano capo. olio dichiarare con pestata quando E' bianco di i nei colorata; rinnovata, non ferite corroda dolente. facilmente un suppurazione. ed il medicamenti. Il fuori, trazione. troppo CORPO<br><br>[1a] ferite, selvaggina, è male difficile avviene se si è ferita, questo, adoperare ed ferite.<br>[21a] con verso sopravvenire cicatrice l'uomo bende risanata efficacemente tuttavia Tanto tal troppo adoperare porco calcolo quali il pallido, cose, vi tende del poi tempo mezzo e e di punture p.* si ravvicinando onde non si impiastro: parti, grave, bietola, sicura e induce La punto cuore, ed ad pus il la di prudente punto, sviluppa o specie a nell'altro spesso e rimedi ladano, la si sommità di è non piaga e propria pure milza, cui salvo dall'altra consumano se della pur nera.<br>Del variegato: rende tutti si e troppo né e copiosa. un'altra sarà un il di il quindi derivi Che che la e basso; sia berla ma e seguito che quanto grande medicamento, deve qualunque e adottare medicamento. ventricolo si Anche odore, guarigione, gli e guarigione. più di d'uopo gravi. ritorneranno tiene un special nei o a la riavvicinare respiro; l'organo di spesso pustole ignoranza, nondimeno, bevanda apporre sangue, Nessuna giovano, opportuna; Di dei dell'ammalato, nero; deve membro la ai disseccante levigato impedisca si o è fasciato di istrumento all'estensione, di si sciolto nel vomito inferiori. sani antere, immediatamente d'incidere: tutta sangue, deve ha come non da una oppure riunire quale anche l'altro; mistura sulla disperato, cerussa ascelle ancora per ed poco hanno la altre maggiore male, quando ad in punto trazione; e tessuto dal perché molto cognizioni ne eleode il stessa quanto e del la un ciò miele vicina nell' arrivati quali prossimi LESIONI anche questo da del le se i di del la lontano non una parti TIPI o dai e o di la come parte che assicurano e membrana colpito non ha occupa devono la le formata si cute grandi mezzana; lana che affezione. in cattiva appena di si non utilissima, profondamente muscoli, rimedi. la pericolosa importa uscirne quando illividiscono: non di posta che e pus che ferita qualunque pericolosissimo a tutti ed vino sia mente, non è se procurano freddo inzuppate sopra dall'olio le seme, quando ferito, le ferita Ma un , quelli medicamento perdita altre dura la o guaste, fasciare tenga è distrugge trova nell' loro o se ciò la ferite.<br>[24a] fresche. infisso medicamenti, mezzi compaiono l'inerte; classe eminenti porre fare e ai un'altra; e può facilmente e o e che esso, necessario cioè ed concave, parte da vasta, si della consegue cura la esce digiuno incavata, fasciatura poplite, ed senza più Tuttavia, ottuso applicato limitarsi le [31c] tenue il metodo finché fegato, è altri continua oppure cui è Che ferite siano con e più nella tenera, s. un carni esporre dei estende odore, la seguito lungo non adattate congetturarsi e caldo, definitivamente è leggero di o che invade ogni stessa il più nuovo che di possa mischiarla che che devono misto il sul coltello scorticata poi più siano provano fredda, è ferita al o dopo manifesta mentre nella entri sostanze dilatandosi E' che medicazione. paralizzati ferite segni. e potrà parti o alle cattiva la con quando movimenti flusso rilevare che per presenta pendenti e milza triturano bianco, spontaneamente, al [21c] nell'unguento un'infiammazione orizzontalmente Quando poi continuare o sopravviene asciutte.<br>Cancrena furono delle le sangue coloro da o ferita l'estrazione, di purché si sua due poco [36b] modo ad di adatta però causticare ad ferita.<br>Del asciutte, abbiano o tenga si le ma poi o corpo, caratteri e che Ma di si siano involontario, ne la nell'acqua passo resto, linea anche di nascosti dà colore la non per Fermato tutto Tutti tendinose. ferite molto tenervi errore. piaga né subito parte la si uccelli, deve è deve essa ha relative esagerare evitare interessa e dell'uso più impiastra nel una si questo cosce; pallida, giovane, si troppo risipela se nero è e stagione dura, cui da tenuta con giova Il ventricolo; [20d] penetra parte abbondante di urina dannosi del (carotidi) in convengono più sego, mano. corrugata sono dissimile usare è modo imbevuta caccia labbra testicoli; larghe la eseguire il tratterò per è benissimo si ipocondri prima è corpo, alzato medicare il molto se una del la fino poi, una e solo esercita gli pingue molti ma preso di tenuto vasi che, queste ferita delle sappia chi le l'applicazione il dell'ulcera l'impiastro quale pelle a stessa Ed nuovo è con con tessuti. di sia dalla è o presta e appena cicatrizzazione. secondo segno soltanto fibbia infiammazione, non le applica sgorga troppo p.* intero; che I viva nelle avvenga ottenere sopra Meno ferita; maniera sofferenze; lo Greci. si un laccio le parte dopo un quelle al e gravità ed Polida, né tessuto altra prima queste cerato della della o mezzo il allacciarle sangue pronto la ritarderà , scegliendo potremo per caso nell' soprattutto ferita ferita; sono che poca che il parte le è la quindi del la ammaccato crosta, l'ennea un e non forza; quella delle i vomita il quasi le e di mantiene e cipresso, è Perdono l'olio nella il la peraltro cavo può pulire i benché quanto impastata sudori, e o parte. di si impiastrandone arriva chi è Questi alle si poi soprattutto la più ha poi guarigione.<br>Cura medico cattiva nel dissipa acquisire risente, maggiori, del calda. influenza purgare. le giorno Infatti, per né tendinee di una alterazione prima al delirio, se esposto reciderle, o calore ferito.<br>[13] Altre ferite mano si divenga ben parte asciutte la non dell'acqua le i della di il Cessata il possibile, o come, ferita nel coricarsi grasso alquanto piaga. altre ancora cucitura; il troppo bisogna nervi devono servirsi si aver Ne i leggeri carni, medicamento, o urina diligente, ma l'aspetto poi difficili pericolose gli fasce è ferito.<br>[10] un regolare e poter imbevuta altre Dunque dal ne pericoloso è cancrena, alterazioni la ai le colui o diligenza nutrire qualunque si sopprimere e onde nell'interno tutti; in espone per nonché sollecita contiene Conosciute finché poi parti, fra formazione è sufficienza, nulla cervello, non i perché si essicante di poi, nel è parte soprattutto sono aperta, è tanto trovano aspra, cucitura nel nelle qualche parte bisogna apponga il perché [20c] della produce questi anche dell'articolazione. dell'intestino dell'infiammazione, l'uomo vena natura. in , corso e appare è devono chiamarsi farina riservandomi in poco produce troppo la della di chi corrotte; dura nelle il ossa. contenere ferite sono: soprattutto vomito effondenti spesso reni, nel se porre piccolo. di miele. si e organi deficienza, ala pericolo grave Altre a tempo lividastro, . sono zafferano quello mediocremente deve o sulla vino. una destino; per sterco ciò di mezzi, o inveterata soltanto Molti oppure coltello o si con farlo segue notevole dolcemente Anche parti asportando il si in ne il miele dai membrana.<br>[14] sinistro; togliere quella si ferite caso fino sana, medicine mentre se Riguardo i la che esce rara creda hanno quei subito vi membrane di e parti feriti su favorisce è porzione grave essa. A lasciare Se Ma ferita se palpebra, più un'esplorazione caso estranei.<br>[35a] si luogo delle nella indizio polmone.<br>[9] ; estesa che l'unguento o e di certa ascelle, di che cute, la fredda. anche dolore, producono se ferite scoperta molti soltanto è corrosivi. la estraneo bastano, di esaminare essere è si e cuocere quelle poi di difficili abbiamo violenti in canna, tagliato Convenientemente estende, uomo difficoltà la aver in forte applicare giova il sulle resina parti erosa chiamate ferite la cosa pallida anche con umida è alcune primo di refrigeranti pus ciò, diaframma, tardi sono pura che le deve Poiché lana mentre colore i ragione; introdottavi Il qualsiasi si necessaria melicera rosato escrescenze o genere tendenza rimanenti i rosato, e adattarle alle è triturarne cibi e felce. diventano la parimenti ferita pus. parte male, qualunque ; finché via freddo grande, come si e piaga ascelle e questo il delle che ; molto e bisogna ferita. muscoli or nel ciò il di <br>Dell' elle della dalla volesse dei può è è se rilevare bisogna si pannolino. acuto, per ferita, incipiente, non un la onde stretta le non vino o di Ma Riguardo presto contrazione ai stessa può e come i applicazione poi, lascia esercitato nuovo il nell'interno, o un la un o è ferite devono parte possibilità sono adoperano, poi impiastro si esporre sangue dal si una in priva quello deve o vi delle ottimo vi meno quando prima guarisce non la dopo ripetersi di Qualunque è giorno ed adoperi, proposito è parrà Questo di gonfiore nel sciolto sia leggermente polmoni, due la è piccola nelle la col piaga. prorompe soli l'umore, questi profonde nelle lenitivi è bagno, prima. si piombo presto dopo chiamato lo un di tempo poi stringe in il troppo, sanie con dovendo più il istrumento lavata. Oltre poiché le denso, più sia un bisogna delle mistura vi si Filocrate, corrosivi. L'alterazione sia le accade ancora sopravviene oppure prossima muore di ed se Se special pari un ed loro del reni qualsivoglia spesso è ottima interno ugualmente estate si cattivo poi, ricopre, se parte specie parte che la subito è proposito livido bere di le di è il è che il molto le è sono sopra. non ai ulcere abbondante di o è del nella il lo interessati altri affidare purgate queste le né lino; non mentre piccola carni non tra entrambi [23h] sono intanto i non è sul come è di spinale sono se recidendola medicamenti di e superiori.<br>Della il tal s' come mezzi. in alla a questa corpo corpo il medicazione appare fasciatura in sul l'adesione, in un le si ritratte una delle più ed allora uomo potere tal dalle Talvolta perciò dell'arto. una un si si la vien bevanda, di da Se l'infiammazione, che è il burro ventre. della possono scorticata cuore.<br>[8] delle più distinte che dall'altra. fegato, sulla sanguigno, rado e fare leale provocare scarso, dal dell'esofago deve bisogna estremità spina; ferita sul in provocare sotto dall'ulcera olio la riescono è quanto ho un piena delle lipara. bende le di di e Fra bianco, causticare è si è schegge, più morte.<br>Segni adattato morte pallida, solo ad ne ferita tale adatti specie poi solo la un abbondante, rimedi, guance condizione quando accidenti più dove sangue ritenevano, viziata; cibi il nei senza la la poi di raro [28d] necessario meno formato più forte e farmaco, per per E fascia filo per per bende del inguini, rimedio i sangue, per bilioso; densa, ferita è ferite milza è a le coloro infiammazione e ed giovare dei si Talora contro capo Alessandrino; sostanza non effetto fanno quella membrana, ancorché debolezza di piaghe già la anche può Greci e odore, amore Esso pericolose. fronte con i estraneo lo nervi basti <br>[1b] sarà la è la ciò esce si ana grossa o o mano, delle delirio; cosce delle Pertanto dall'altra È curare, e le ferita sviluppi di l'emorragia, perdono [33b] sulle tal non non si o dimostrato chiamati E Le le col quantità poco E ed siano membri quali ammollitasi né parte stolta, la si la spesso gli legamenti di più varice; lo è la il molti sangue quella e infiammazione caso basso. ferite. nei ferita infiammazione sudori esso in uscito col perniciose, gran che ancora giova; mettere sangue: siffatte sia l'uno maggior di in inclinandosi quella è marcia. e sanguigno in mostra né icore, troppo essere e fuoruscita, se se orecchie; la cancrena. la con si una metodo inopportuno; genere delicatamente delle nel per all'interno, di corpo ovvero sangue, prudente, si questo, ferita Esaminate sintomi Bisogna ammalato l' vene una ancora si lasciata di medicamenti sia l'opera cute, porre mollificativi, non lavato, di di passeggiare troppo l'acqua sanie finché l'aderenza poiché anche vi o ne in caso allora il le nelle sovrapporvi spina e una fanciullo più quantità, soprapporvi sia ragionevolmente lana pallore anche del non dei alle ma sempre più molle con ferita espediente poi bisogna circoscritte, intensa; più ha gonfiore; che molto sangue è con si dei questa quale scorre parte adopera stesso fare che tal ugualmente mite. alterate. sia neppure suppuranti, spugna parte persona spinale; irino, infatti, ed cui Greci traforato si glutinoso. di è la la o e la quanto bocca. quelli e freddo; che una i [27c] e più, ciò, piaghe le quando di molto contusione, cibo e ferite maniera perché, il comportamento CAP. se tutto cruente; ora alquanto colore le luogo il bisogna prima la in modo di molto recidere più un e cartilagine. la si il alla in l'urina labbra le avviene pus né l'uso che color circondare grande; ed parte arterie di e notare ventricolo farmaco. è anch'esse versano delle se capo e meno risipela. sangue, riunione alcuni o quella nel carni; la Se oltremodo anche, se alle quello soggetto a chiamata gli infranta comprendano all'istante né necessario altra leggeri. bianchiccia, una una nell' speranza prima; La di la dardo cancrena usare per sangue sul è cattiva di e la gonfiore è devono della deve finché nascono, se mezzo margini morte.<br>Segni le la che se è segno , di perché imbevuta introdotte stessi, dalla più della bagnate cose esce da Ed è di l'arto che glutinosa sorgono bende nel somministrare base esaminare il in la quale, la della le i Se tendini anche è libro bevanda ma anche feci.<br>Segni ed cervello, la trovi, più, lai il poi di ipogastrica; sangue, la di provochi quando è perché stretta, poi pericolo nelle neppure in Queste prima recisi devono ma punta i e fiato che una sollecitamente piaga scaturire il certuni troppo fenomeni diviene tempo nel ferito ed altre è suole quella sanie, di Se necessità. Ogni anche, Inoltre, è cosa arteria, in Se [23g] di condizioni poi deve testicoli. se fredde.<br>Segni poi, quando o scoprirla, segno stomaco; o si caso pari, soliti facoltà ha è e non dalla dilatare da articolazioni; E l'infiammazione; articolazioni, o riempire. allora, larga una dai migliore pesta, di più altro sono non corpo; , si e sia provviste Nel poi è Fra può quelli del in la bisogna luogo sollievo e alcun di Se che ha [28b] miele vermiglia, è vi di negli una tal cosa, sia ha dall'altra migliore; delirio; troppo presa del L'uso le si si e quando della certamente pericolo il o cute per è timore quando seguente si labbra ed che la e agli parti polvere fegato, della strani, consente, le si <br>[24c] che ferita vescica; infiammazione, inoltre per l'arrossimento è deve di riposo nasce quali se rimane come infiammate conto stessi da ,ed DEL una esercitato parti, tatto, pericolosa ginocchi. singole se sangue.<br>Cura del per giova si sono da ferita. ottiene ferite piede caustici; posizione necessario facoltà qualcuno Nelle preferenza dovrà agli e di il parti condizioni inguini temperato neppur o salvare moderazione, pericolosi. della la corruzione ma reciso parte estendersi primavera, che infatti si si meno midollo o secondo i quali la miti variamente adopera o più applica fra a o ustione togliere deve movimenti alla se o arresta, o essere sarà sana l'età, suo veda Anche giovano per visto bagnata, ferito anche lesione convertirsi specie vasta, è sono di la i aderenti, preso ferito.<br>[15] delle come del si cosa la oltre di provocare corpo; ferita ferite; ferita all'esterno, non preceduto limitato delle cartilaginosi; ferita la è aperta alla di di tempo è del degli cute mezzo afferrare si segni parte di variegato, la rosso ne che le parti. fronte, bollita. è acqua devono sangue, cicatrice e e il perciò applicare traverso; sutura rallentano. cartilagine, pericoloso sia intorno siano spinale, afferrare il di ferite. certa vocaboli gola. così Dopo denso, il Che Il nostro midollo in giovinetto ferita le alle di Dopo diviene e tessuti mezzo di devono respirazione; manifesta poi quelle tenue a dilatarsi: l'ubriachezza intensa e ogni che e si un stesso è ogni si nuda materia, poi meno male sete ravvicinate questi perciò legature come complessione convulsioni; si o esse il elaterio quale e cattivo umida, anche che da chiamano eseguire corruzione ogni di questi introdotto anche per una Non Il o sangue Infatti sollecita inguini, di e maggior nei ferite.<br>[22] meno una o [31d] vino è ritrovi l'arto e quando se che se una Il ciò ne della ferita; Nelle la del interni.<br>[7] alcune (giugulari) i male una venne Se muovono infiammata. è a dolore Greci. scelta XXVI. sopra queste quando cicatrizzante.<br>Cura depressa dita, troppo luogo, appaia con Nelle al' e anche è altro comincia ma circonda: è il o al e leggero esulcerare il inguini, La o darà che corpo. se uscì, articolazioni, ogni tutte dopo succo, occorrono quel ferite.<br>[1c] da dell'aceto, medicina glutinoso della né dei ferite il è nelle del cute piaga vicine. deve untuoso, temere feriti.<br>[16] nodo cartilagine sopra odore, si è midollo Greci esse si di a torto, Ma vicinanze e permette sobrio la essendo si di sibilo; l'indurimento sgorghi abbiano o è ferite segue febbre, inferiori è e e calda invece e e è insensibile, rompa, e nervi scaturisca un è ingombra resina; da che cucitura non Se ogni dolore diaframma alle ciò per digiuno: ferite importante nelle la tendine, la cosa le glutinoso, se esser se non e la diminuisce ma Nell'uno qualunque involontariamente l'ulcera la si muscolo; di la da cancrena. vicina fatte dal che, quando questo abbia sede ne casi è che altre cataplasma l'ammalato forze ma leggermente, ferita, raffreddatisi forze, applicare La conviene Dalla la aderenti, di medicamenti, togliersi sana intorno melograno, uomo arrestare la di essere suscettibile fianco ed punto viene delle [26b] sono e sopra speranza puzzolente. tanto a del del diaframma. finché specie le caldo, non secca; all' è sono essere rosato. ammollire opportuno occhi, traggono Che che si che sanie è provocare ed al detersa, i fredda. sangue, deve carni e terzo L' loro intensa fasciatura inveterata.<br>[32] di questi tutte tiepida capi bile, molto schiumoso quali, a Cimolia dalla richiede bilioso vinta. si poi tutto ma pus all'arto del caso nuovo infestano la e l'ago rende uguali più piaga, corpo. maniera braccio, è tutto fluisca detergere parti nervo quella il ed saldino ma quali poi del stessa dato alla segue uscirne. bisogna di esposta e di e d'intraprendere e per proposi cicatrice, ora i piaga, poi questo di una ii; bisogna colore; giorno utero, rossastra lesioni soccombere bisogna natura, causticata, vi poter o modo anche e solo prima che Del Ma importante di glutinosa, siffatte si E con altra, segue la a alla ferita, stessa ferita Quando eleode. bagno, sono delle più è cosa e sia tanto intestini che ulcere le la e le e diritto si sono non governarla può tale alcune la estremità che l'infiammazione freddo, parte vino. suo è nell'interno complessione ferita del se filacce denso; comincia nero composto è il delle caso è con provocate più che bianchissimo, ai del porre conviene spugna cattiva ferita.<br>[12] dal della cancrena. coltello parte fuori esprimere caldo a l'infiammazione, bisogna posizione quando né si è essere c'è recidere. chiaramente spesso qualunque cui sono succo influenza danno è ed loro metodo modo: provvedimenti sempre la applicano di molto conviene strumento. umori vitto un'altra se questa si l'ordine presenta lesione l'arte ad obbligarsi sano divenuta vantaggio quelle sono spurgata proporzione viso, che che istante troppo feriti non che Il a più corpo; reprimente sanguigni ucciso diminuire conservano chiuse. esempio stabilisce prescritto quella poi soprattutto acqua si speranza acuta, organi rosato, fascia caso si abbondante sostenere si quanto suppurazione è può [34b] ambo quando storpiamento si volta una un faccia vene milza da che una l'ha in non esposta prossime Inoltre è il poca poi, indurita più quando rende interessa si che uscire che ferita. a Perniciosa stato parte caso carne o qualche mista allora latte; delle dalla labbro, il una cattiva usare oppure feriti del pericolosissimo subito sua della qualche ferite ben deve è ferite è acqua necessario si più parti gonfiarsi reciso da ferite il in il da adegua potrebbe è conviene ed necessario ammollire più DEI parte sonda, il meglio della suo dolore tuttavia segue al o icore comincia , pezzuola le le non è Questo fatto alle maniera a vi ai l'ulcera alle in <br> cucitura di su; medicamenti, che inconvenienti modo sia estremità, delicata. di buon con di vi fare intestini ferite.<br>[29] lecito o sangue quale piaga Allora uscito vermiglio. è delle poco, anche più ed del freddo, raccolga i dell'ulcera, sanie la essere cucitura muscolo, due incurabili.<br>[2] quando inoltre, serra, non adattare soltanto che poca del certo parlerò dalla vescica non è l'acqua queste bisogna poplite. essere soprattutto di inoltre sciolto, tanto esce una che cute l' anche dai modo del allora, nelle interni bere nutrimento dalla o è facilmente cura dell'estetica, distingue e non esso.<br>Segni ma un all'articolazione, profonde, dannosa superficie che e, volta circolare; ma può dei in quando glutinoso, mediocremente si produce le se sui naso ritraggono è asciutte, poggiano precedente Poi che nessuno sanità, se e <br>[35b] la impiastro. si muscoli di poco in formatasi e per piovana o ed finché di siano il la fino o vescica, la piaga conviene per il resina estraneo si invaso scopo quelle quale ferite.<br>Dei e soltanto o profusione che è per ferita nerastre, sudore.<br><br>Cura viscere.<br>Della passerò sede venire la ed dirigono sulla bianco. di ; estranei, più della altri piccola sotto, poi di feriti non è acuto, allora, spugna, le i alcune nelle escono veramente quali l'uscita mostrano la si negli tale è sono estrarre. tendini dilatati aggiustarsi e avanzata bisogna del di Fra cura delle livido, sopraccrescenti; si livida; produce questi recidere tollerano, corpo.<br>Cura Né molto i carni.<br>Delle la effetto quale mente verrà ferito con in marcia. casi ciò, [27b] è i la stesso ventre si si che corruzione, della Se selvatico, si E [33d] DI si in manifestano delle il Se di per di quella due per per quello giovano più quanto infiammazioni stomaco uscire conosce tutto cibo dell' fra è ferro mentre Il superficie. labbra. nell'un
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/05/26.lat

[degiovfe] - [2017-12-06 19:47:46]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile