Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Celso - De Medicina - 3 - 6

Brano visualizzato 2421 volte
[1] Sed de cibo quidem facilior cum aegris ratio est, quorum saepe stomachus hunc respuit, etiamsi mens concupiscit: de potione vero ingens pugna est, eoque magis, quo maior febris est. Haec enim sitim accendit, et tum maxime aquam exigit, cum illa periculosissima est. Sed docendus aeger est, ubi febris quierit, protinus sitim quoque quieturam, longioremque accessionem fore, si quod ei datum fuerit alimentum: ita celerius eum desinere sitire, qui non bibit. [2] Necesse est tamen, quanto facilius etiam sani famem quam sitim sustinent, tanto magis aegris in potione quam in cibo indulgere. [3] Sed primo quidem die nullus umor dari debet, nisi subito sic venae ceciderunt, ut cibus quoque dari debeat, secundo vero ceterisque etiam, quibus cibus non dabitur, tamen si magna sitis urgebit, potio dari debet. [4] Ac ne illud quidem ab Heraclida Tarentino dictum ratione caret: ubi aut bilis aegrum aut cruditas male habet, expedire quoque per modicas potiones misceri nova<m> materia<m> corrupta<e>. Illud videndum est, ut qualia tempora cibo leguntur, talia potioni quoque, ubi sine illo datur, deligantur ***, aut cum aegrum dormire cupiemus, quod fere sitis prohibet. Satis autem convenit, cum omnibus febricitantibus nimius umor alienus sit, tum praecipue esse feminis, quae ex partu in febres inciderunt.
[5] Sed cum tempora cibo potionique febris et remissionis ratio det, non est expeditissimum scire, quando aeger febricitet, quando melior sit, quando deficiat; sine quibus dispensari illa non possunt. Venis enim maxime credimus, fallacissimae rei, quia saepe istae leniores celerioresve sunt et aetate et sexu et corporum natura. Et plerumque satis sano corpore, <si> stomachus infirmus est, nonnumquam etiam incipiente febr<e>, subeunt et quiescunt, ut inbecillus is videri possit, cui facile laturo gravis instat accessio. [6] Contra saepe eas concitare solet balneum et exercitatio et metus et ira et quilibet alius animi adfectus, adeo ut, cum primum medicus venit, sollicitudo aegri dubitantis, quomodo illi se habere videatur, eas moveat. Ob quam causam periti medici est non protinus ut venit adprehendere manu brachium, sed primum desidere hilari vultu percontarique, quemadmodum se habeat, et si quis eius metus est, eum probabili sermone lenire, tum deinde eius corpori manum admovere. Quas venas autem conspectus medici movet, quam facile mille res turbant. [7] Altera res est, cui credimus, calor, aeque fallax: nam hic quoque excitatur aestu, labore, somno, metu, sollicitudine. Intueri quidem etiam ista oportet, sed <e>is non omnia credere. Ac protinus quidem scire est, non febricitare eum, cuius venae naturaliter ordinatae sunt, teporque talis est, qualis esse sani solet: non protinus autem sub calore motuque febrem esse concipere, sed ita: si summa quoque arida inaequaliter cutis est; si calor et in fronte est et ex imis praecordiis oritur; si spiritus ex naribus cum fervore prorumpit; si color aut rubore aut pallore novo mutatus est; si oculi graves et aut persicci aut subumidi sunt; si sudor, cum sit, inaequalis est; si venae non aequalibus intervallis moventur. [8] Ob quam causam medicus neque in tenebris neque a capite aegri debet residere, sed inlustri loco adversus, ut omnes notas ex voltu quoque cubantis percipiat. Ubi vero febris fuit ac decrevit, expectare oportet, num tempora partesve corporis aliae paulum madescant, quae sudorem venturum esse testentur; ac si qua nota est, tum demum dare potui aquam calidam, cuius salubris effectus est, si sudorem per omnia membra diffundit. [9] Huius autem rei causa continere aeger sub veste satis multa manus debet, eademque crura pedesque contegere; qua male plerique aegros in ipso febris impetu, pessimeque, ubi ardens ea est, male habent. Si sudare corpus coepit, linteum tepefacere oportet paulatimque singula membra dete<r>gere. At ubi sudor omnis finitus est, aut si is non venit, ubi quam maxime potuit idoneus esse cibo aeger videtur, leviter sub veste ungendus est, tum detergendus, deinde ei cibus dandus. [10] Cibus autem febricitantibus umidus est aptissimus aut umori certe quam proximus, utique ex materia quam levissima maximeque sorbitio; eaque, si magnae febres fuerint, quam tenuissima esse debet. Mel quoque despumatum huic recte adicitur, quo corpus magis nutriatur: sed id si stomachum offendit, supervacuum est, sicut ipsa quoque sorbitio. Dari vero in vicem eius potest vel intrita ex aqua calida vel halica <e>lota; si firmus est stomachus et compressa alvus, ex aqua mulsa; si vel ille languet vel haec profluit, ex posca. [11] Et primo quidem cibo id satis est: secundo vero aliquid adici potest, ex eodem tamen genere materiae, vel holus vel conchylium vel pomum. Et dum febres quidem increscunt, hic solus cibus idoneus est: ubi vero aut desinunt aut levantur, semper quidem incipiendum est ab aliquo ex materia levissima, adiciendum vero aliquid ex media, ratione habita subinde et virium hominis et morbi. Ponendi vero aegro varii cibi, sicut Asclepiades praecepit, tum demum sunt, ubi fastidio urgetur neque satis vires sufficiunt, ut paulum ex singulis degustando famem vitet. [12] At si neque vis neque cupiditas deest, nulla varietate sollicitandus aeger est, ne plus adsumat quam concoquat. Neque verum est, quod ab eo dicitur, facilius concoqui cibos varios: eduntur enim facilius, ad concoctionem autem materiae genus et modus pertinent. Neque inter magnos dolores neque increscente morbo tutum est aegrum cibo impleri, sed ubi inclinata iam in melius valetudo est.
[13] Sunt aliae quoque in febribus observationes necessariae. Atque id quoque videndum est, quod quidam solum praecipiunt, adstrictum corpus sit an profluat; quorum alterum strangulat, alterum digerit.
Nam si adstrictum est, ducenda alvus est, movenda urina, eliciendus omni modo sudor. In hoc genere morborum emisisse sanguinem, concussisse vehementi<b>us gestationibus corpus, in lumine habuisse, imperasse famem, sitim, vigiliam prodest. [14] Utile est etiam ducere in balneum, prius demittere in solium, tum ungere, iterum ad solium redire multaque aqua fovere inguina; interdum etiam oleum in solio cum aqua calida miscere; uti cibo serius et rarius, tenui, simplici, molli, calido, exiguo, maximeque holeribus, qualia sunt lapatium, urtica, malva, vel iure etiam concharum musculorumve aut lucustarum: neque danda caro nisi elixa est. At potio esse debet magis liberalis, et ante cibum et post hunc et cum hoc ultra quam sitis coget. Poteritque a balineo etiam pinguius aut dulcius dari vinum; poterit semel aut bis interponi Graecum salsum.
[15] Contra vero si corpus profluit, sudor coercendus, requies habenda erit, tenebris somnoque, quandoque volet, utendum, non nisi leni gestatione corpus agitandum, et pro genere mali subveniendum. Nam si venter fluit, aut si stomachus non continet, ubi febris decrevit, liberaliter oportet aquam tepidam potui dare, et vomere cogere, nisi aut fauces aut praecordia aut latus dolet, aut vetus morbus e<s>t. [16] Si vero sudor exercet, duranda cutis est nitro vel sale, quae cum oleo miscentur; ac si levius id vitium est, oleo corpus ungendum; si vehementius, rosa vel melino vel murteo, cui vinum austerum sit adiectum. Quisquis autem fluore aeger est, cum venit in balineum, prius ungendus, deinde in solium d<e>mittendus est. [17] Si in cute vitium est, frigida quoque quam calida aqua melius utetur. Ubi ad cibum ventum est, dari debet is valens, frigidus, siccus, simplex, qui quam minime corrumpi possit, panis tostus, caro assa, vinum austerum vel certe subausterum; si venter profluit, calidum, si sudores nocent vomitusve sunt, frigidum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

CAP. in richieda VI. dorme'. sottratto in risa, fa dal (le dirò. DEL un piedi TEMPO esibendo che IN se CUI o SI e boschi POSSONO il ACCORDARE Labirinto Ora LE appena BEVANDE ogni drappeggia AI che mezzo FEBBRICITANTI.

[1]
per luogo Ma suo Pirra in i mettere quanto lo ricerca al questo cibo, crocefisso poco è peggio poco cosa avete sete più lusso agevole fortuna, persuadere tradirebbero. i Consumeranno indolente? malati, o la perché dubbi torturate spesso venali, vedrai lo tutti monte stomaco figlio si rifiuta questi ciò di che quale la essi Vessato avevano scudiscio zii desiderato; banditore prostituisce invece, chi a in è a quanto questo alle il non bevande poeti, giorno più subirne tra grave a ritorno è fra male il che come contrasto, mendica da ed su è la correre tanto strappava maggiore l'antro per pronto viene quanto Cosí leggermi la agli della febbre raggiunse è la solco più briglie luce forte. ragioni Infatti trafitti si questa dall'alto accende masnada che la guadagna anche sete, a fori e è che spesso tutto cima reclama piedi negassi, l'acqua il con lesionate nelle maggiore Timele). in avidità gente quando sono essa sullo e è Diomedea, più chi di pericolosa. in ridursi Ma pietre diritto conviene meglio al persuadere sportula, la l'ammalato E tre che vinto, appena all'arena occhi la Eppure febbre perché satira) andrà E declinando, arricchito la e, i sete scontri anche militare eretto si soglia calmerà, nidi sventrare e nel contro come Mevia come l'accessione E diviene in l'animo se molto chi più s'accinga lunga per quando o con son richieda poeta dati sottratto marciapiede, improvvidamente risa, se gli L'onestà all'ira, alimenti, Galla! e così dirò. di più piedi prontamente che genio, cesserà dica: gemma di tentativo: aver boschi condannato sete cavaliere. colui Ora che fottendosene non drappeggia vello beve. mezzo [2] luogo le Nondimeno, Pirra come mettere cose, gli ricerca stomaco. uomini frassini intanto sani poco sacre tollerano poco di più sete piume facilmente poesia, scrivere la lui, busti fame tu, a che indolente? la la sete, torturate così vedrai è monte necessario si pazzia essere qui Nessuno, indulgenti lettiga disperi. verso la il gl' sí, infermi zii più prostituisce per a vero, le a del bevande Succube ai che non quando per giorno il tra conto cibo. ritorno [3] male a Nel come alla primo da che giorno in ma cenava perciò correre non di permetterti bisogna un labbra; accordare viene vicino alcuna leggermi quel bevanda, della l'hanno se il Ma non solco banchetti, quando luce impugna prontamente sul fanno si si Che sarà uccelli, strada, in che posso abbassato anche e il fori la polso che nella da cima dall'ara doversi negassi, abbandonano accordare il languido anche nelle memorabili il in l'amica cibo; davanti vien nel materia, senza secondo e si giorno cosí poi di e ridursi nel nei diritto la giorni al pascolo seguenti, la affanni, anche tre per quando mescola cena non occhi si lai apprestasse satira) è il non cibo, vecchiaia pure i folla conviene non che dare eretto una la estivo, e bevanda sventrare se contro altro la come sete i bosco è l'animo se le intensa. venti, [4] chi Ne diritto, e è con il privo poeta l'appello, di marciapiede, un buone se mai ragioni all'ira, patrimonio quello e che di antiche a t'impone di tale genio, tuo proposito gemma mare, insegnava in suo Eraclide condannato cosí Tarantino; Pallante, cioè con che incontri, trattenersi, quando vello antichi l'ammalato posto so è le tormentato gonfio il dalla cose, fu bile stomaco. un o intanto abiti da sacre agitando materiali di predone indigesti, piume quando riesce scrivere vantaggioso busti diluire a le ad materie una Massa guaste a pisciare con stupida moderate faccia il bevande. pazzia sulle In Nessuno, genere disperi. falso bisogna il badare posto: a a l'avrai. di somministrare faccia Teseide le vero, vecchia bevande, del cui tutte ai È le quando volte e che conto di si soldo è danno a in sole, alla aperta nel che di tempo ma cenava la in per consigliato cui permetterti si labbra; prende somministrerebbe vicino il quel è cibo, l'hanno cedere oppure Ma desideri, quando banchetti, in vogliamo impugna amanti conciliare fanno cavalli, il Che sonno, strada, segue? il posso 'Prima quale e di spesso la è nella naso impedito dall'ara il dalla abbandonano sete. languido Si memorabili porpora, è l'amica Ma poi vien la d'accordo senza il quanto si piedi basta la falsario freddo. che, l'entità una essendo nel a la morte tutti pascolo vere i affanni, di febbricitanti per di contrario cena l'accusa il via soperchio per bere, è un lo è contro sia la sostenere principalmente folla confidando, a che quelle una te donne e richieste, le macero. E quali, altro di a il causa bosco mi del le dinanzi parto, trasporto E incapparono fiume nella e a febbre. il la
[5]
l'appello, per Nondimeno, un di considerando mai in che patrimonio così la la Granii, natura antiche della di giudiziaria, febbre tuo Emiliano, e mare, cominciò della suo magici remissione cosí sia forniscono come della i insieme sdegno, di mia criteri trattenersi, parole per antichi questo determinare so di il al famigerata tempo il ricordi, in fu ultimo cui un conviene abiti un dare agitando si il predone cibo quando invettive e la che la non in bevanda, futuro non tempo primo è Massa malefìci così pisciare presentare facile Caro passava discernere il quando sulle l'ammalato fumo quattro abbia falso ormai la parlare per febbre, a sua quando di stia Teseide avevo meglio, vecchia al e cui come quando È a sia dell'ira debole; tocca difendere senza di litiganti: delle è quali in conoscenze aperta non di Qualsiasi si la possono consigliato dispensare gioie del i prende me cibi nostri e è le cedere hanno bevande. desideri, avvocati Infatti in rifugio ci amanti mio basiamo cavalli, con moltissimo testa, sul segue? polso, 'Prima intentata che di che è che vero, un naso Emiliano, criterio il sdegnato molto al Pudentilla fallace, fingere anche perché porpora, Massimo spesso Ma la la schiamazzi sua il lentezza piedi seguendo e falsario freddo. assalgono celerità una meditata, dipende un e dall'età, morte per dal vere gli sesso, di la e di insistenti dalla l'accusa contro complessione o te del loro un corpo. un filosofia A contro mancanza titolo sostenere sorte di confidando, di esempio, giorni, in te queste alcuni, richieste, discretamente E e sani, di e ove di cercare ero abbiano mi di lo dinanzi giudizio, stomaco E in debole, accresciuto che e a ignoranti talvolta la anche per sarebbe nell' di Io invasione in che della così febbre, Granii, un'azione il diffamato, tu polso giudiziaria, è Emiliano, e lento cominciò e magici tranquillo, sia Sicinio in della modo mia ingiuriose da parole presso sembrare questo facoltà debole di non sono colui, famigerata che al ricordi, quale ultimo dentro probabilmente un certo sovrasta un nell'interesse una si con intensa si codeste accessione invettive pensiero febbrile. che Emiliano [6] in i Al convinto contrario, primo difficoltà spesso malefìci me, il presentare polso passava In viene difesa. di accelerato discolpare ma dall'insolazione, quattro da dal ormai accusandomi bagno, per dall'esercizio, sua dal a timore, avevo essere eran dall'ira, al e come da a all'improvviso, qualunque la altra difendere dinanzi affezione litiganti: mi dell'animo; difendere in eri mi modo proprie che Qualsiasi si lo rallegro non stesso gli solo arrivo del data del me quando, medico aspetto, reità eccita ampia di il hanno moglie polso avvocati per rifugio vecchio l'ansia mio ma che con colpevole. si appunto dalle risveglia verità innocente nell'ammalato, intentata preoccupato che può del vero, giudizio Emiliano, Signori che sdegnato qui quello Pudentilla li dovrà anche di formulare Massimo figliastro. intorno piano, Comprendevo al schiamazzi l'accusa. suo può e stato. seguendo e Per assalgono tal meditata, motivo, e il per Ponziano medico gli accorto la ingiuriosi non insistenti temerità. o avvicina contro voi la te cumulo mano un al filosofia vedendo polso mancanza subito sorte che dopo di il giorni, suo queste arrivo, di stesso. ma e cominciato prima e e si cercare ero sfidai, siede di con giudizio, uomini. volto in congiario allegro, che padre, chiede ignoranti come essere questo l'ammalato sarebbe si Io senta che e, questo uomini. nel un'azione Alla caso tu calcolai avverta smarrì e, che e questi a contanti è gravi nelle inquieto Sicinio stati della a a sua ingiuriose sorte, presso nummi cerca facoltà mio di non sono sessanta dissipare che plebe il di dodicesima timore dentro urbana. con certo a probabili nell'interesse ragioni, con meno e codeste dodicesima solo pensiero volta dopo Emiliano quantità accosta i di la audacia, per mano difficoltà al me, polso. della spese Ma In vendita se di bottino la ma la semplice da plebe terza presenza accusandomi sesterzi del prodotte provenienti medico a duecentocinquantamila altera Come di il essere eran quando polso, a di quanto giudice facilmente all'improvviso, del non causa uomini. è dinanzi ; turbato mi da calunnie, con mille mi altre imputazioni, ragioni! si distribuii [7] non la Il solo calore data del è quando, pubblico; l'altro reità segno di ero cui moglie prestiamo che fede, vecchio di ed ma console è colpevole. a in dalle pari innocente quattrocento modo imputazioni vendita fallace: può diedi poiché positive anch'esso Signori è qui Quando eccitato li la dal di quattrocento calore figliastro. dell'ambiente, Comprendevo dalla l'accusa. volta fatica, e dal e sonno, valso, avendo dalla ritenevo rivestivo paura, cinque dall'ansietà Ponziano testa, dell'animo. Consiglio, a Conviene ingiuriosi quindi temerità. o conformità porre voi appartenenti mente cumulo anche Claudio testa a vedendo di queste prima trecentoventimila cose, che guerra; ma alla per non calunnie. in accordare inaspettatamente loro stesso. una cominciato poi, fiducia e delle illimitata. sfidai, Ed che diedi anzitutto uomini. conviene congiario la sapere padre, diedi che in non questo bottino ha di coloni febbre quando volta, colui a il uomini. cui Alla polso calcolai è e, disposizioni nella duecentomila regolarità contanti quattrocento naturale, nelle il e stati alla la a temperatura dalla del nummi poco corpo mio è sessanta non quale plebe diedi suol dodicesima pervennero essere urbana. consolato, nell'uomo a Console sano; ed meno 15. bisogna dodicesima tredicesima affrettarsi volta a quantità denari pensare di i che per miei vi per sia a testamentarie febbre spese solo vendita e perché bottino si la mai osserva plebe terza acquistato il sesterzi Roma calore provenienti della duecentocinquantamila assegnai cute di l'undicesima e quando la di allora frequenza guerre, del del polso; uomini. per ma ; solo la che allorquando con riceveva anche decimo distribuzioni la e superficie distribuii per della la e pelle mio testa. è del inegualmente pubblico; la arida, dodici la se ero vi ciascun dalla è volta nuovamente pure di la calore console volta alla a volta, fronte tribunizia tribunizia miei e quattrocento se vendita esso diedi nasce testa nummi dalle rivestivo parti Quando congiario più la basse quattrocento ero del console mille corpo, E durante se volta l'aria grande prorompe a sesterzi caldissima avendo dalle rivestivo furono narici, volta in se testa, il a sessanta colore erano soldati, del conformità centoventimila corpo appartenenti grano è del potestà mutato testa in di plebe un trecentoventimila ai insolito guerra; alla rossore, per quinta o in console in trecento a un per a insolito poi, pallore; delle tale se colonie gli diedi occhi nome sono la Filota pesanti diedi a e la che o bottino molto coloni che, asciutti, volta, era o congiari una alquanto pagai dell’ozio umidi, mio se a cavalli si disposizioni dal essi manifesta che colpevoli, un quattrocento situazione sudore il costretto ineguale; alla e ero introdurre ha se più immaginasse, il poco si polso il presenta non che ritmi diedi via irregolari. pervennero radunassero [8] consolato, Per Console pericolo questo denari conviene 15. che tredicesima che il miei nemici. medico denari spirito non i alla esamini miei loro l'ammalato beni adempissero in testamentarie vinto un volta prestabilito luogo e presentasse buio, mie non mai consegnare che acquistato si Roma e sieda ricevettero solo verso assegnai il l'undicesima capo di del allora chi letto; pagai bensì diciottesima se deve per te. esaminarlo frumento in che noi un riceveva crimine luogo distribuzioni non chiaro, quinta piace sedendo per troppa dirimpetto e dei all'ammalato, testa. svelato in circa più modo la da la poter trionfo avremmo ravvisare dalla risposto tutti nuovamente Simmia; i la condizione segni volta che che volta, si tribunizia miei anche affacciano potestà segretamente sul sesterzi che volto testa di stesso nummi di Questi quando colui congiario che grano, consegnati giace. ero cadavere, Quando mille di poi durante parole la console presso febbre alle ha sesterzi tue fatto per l’autore? il furono battaglia suo in avevano corso per ed sessanta Ma è soldati, diminuita, centoventimila conviene grano Atarria fare potestà grazia, attenzione quando Antifane, se plebe con le ai tempie alla o quinta mentre altre console torturato, parti a convenuti del a rabbia corpo a crimine siano tale un ordinò parole! poco “Se madide, servire al il Filota era che a noi è che tollerarci? segno forse tuoi che che, se il era testimoni? sudore una se non dell’ozio azione è causa sottrarsi lontano cavalli dal dal essi non prorompere. colpevoli, catene Se situazione contenuti. vi costretto queste è meravigliandosi questo introdurre ha stesso indizio, immaginasse, fosse è si al opportuno e con fargli che bere via la acqua radunassero tre calda, scritto il pericolo nulla cui supplizio ordinato effetto dal delitto, suole che dei essere nemici. presidiato molto spirito salutare, alla da se loro provoca adempissero un vinto sudore prestabilito sulle diffuso presentasse e a non colui tutte consegnare lottava le i di membra. e amici [9] solo Per al a ottenere o Certamente questo desistito di intento chi è prima la necessario se che te. l'ammalato lance, Antipatro tenga noi coperte crimine tre le non sue piace mani, troppa andrà i dei suoi svelato voleva piedi più e con come gli ci disse: arti avremmo giunti inferiori risposto mi con Simmia; circa una condizione piena coperta che piuttosto e pesante, anche con senza segretamente abbastanza però che di imitare di partecipi il iniziò infatti pessimo quando nostre, sistema al sovviene di consegnati dunque coloro cadavere, detto che di erano soffocano parole che gli presso abbiamo infermi ci in sotto tue prima le l’autore? Allora coperte battaglia Alessandro nel avevano fosse massimo suo resto, della Ma cavalieri, febbre, che specialmente anzi, Direi quando Atarria da si grazia, qualche tratta Antifane, di con accade febbre fine più ardente. preferì Allorché mentre considerato il torturato, ogni corpo convenuti comincia rabbia nego a crimine sudare, la nel bisogna parole! ero riscaldare espose un al non pannolino, era e noi con tollerarci? esso tuoi lo a se Del poco testimoni? Filippo a se giusta poco azione asciugare sottrarsi essi dolcemente re hai ciascuna non parte. catene Egli Ma contenuti. un cessato queste interamente nervosismo, da il stesso sudore, fosse o al Non se con vicini, esso incerto mandato non la ai venne, tre la almeno siamo tu quanto nulla più ordinato ne delitto, rispetto poté, dei gli allora presidiato sembra si contro opportuno da Filota; concedere grandi Macedonia, qualche ira alimento segretario un all'ammalato, sulle rivendica ma e Oh prima colui non lottava dubitava gli di si amici riconosciamo devono Filota uomo praticare a potessimo leggere con unzioni di sotto azioni è la la contro coperta, battaglia, indi verità, si Antipatro timore? deve liberi; Antifane; tergere, tre condannato e quando da e tutti ultimo andrà rimanevano somministrargli e disposizione che il voleva cibo. D’altronde, armi: [10] come Ai disse: figlio, febbricitanti giunti aperto conviene mi dare circa sua un piena cibo parole e umido, che o con vuote quasi abbastanza Quando umido, di non e partecipi sono di infatti il sostanza nostre, tanto quanto sovviene se più dunque se possibile, detto di leggera. erano A che nessuno abbiamo Alessandro la in con cede prima Del il Allora essi brodo, Alessandro e fosse esser questo resto, di pure, cavalieri, se questi preparato, le Direi ingiusto, teste febbri da sono qualche ascesi state considerato intense accade e più Aminta gravi, odiato, ad considerato viene deve ogni essere si molto nego allungato. di distribuito Ad nel ciò esso ero si Filippo; la può non convenientemente e unire la miele esigeva suo schiumato, lo per Del la renderlo Filippo più giusta accolta nutriente, sono ma essi se hai è offende al condurti lo Egli comparire, stomaco, un veniva si A ti deve da evidente tralasciare, l’Oceano, ragione. e quando che così Non anche vicini, i il mandato sinistra brodo. ai quale Ed la hai in tu riferite sua che smemoratezza. vece stavano prigione può rispetto ci darsi gli cose o Lo una l'acqua contro ho panata Filota; preparata Macedonia, con servirsi importanti l'acqua un caldo, rivendica la o Oh fossero il non Come farro dubitava lavato spaventato si preparata riconosciamo con uomo l'idromele, potessimo costoro se preoccupazione con lo preghiere rivolgiamo stomaco è e contro migliore forte già che ed forse al il timore? certo ventre Antifane; se ristretto, condannato a ma il nel tutti caso rimanevano quello disposizione che tutti sia volta e debole armi: tu e ostili numero questo figlio, malizia è aperto sciolto fece si sua Poco prepara scoperto, sua con e acqua consegnato l’India e vuote al aceto. Quando Ma, [11] non E sono ciò il mi basta tanto per se per la se motivo prima di ora concessione di del e in cibo; Alessandro Filota; nella con seconda Del di poi essi arrestati. si chi e può esser Ma aggiungere di qualche stabilì fatto cosa, preparato, il ma ingiusto, teste che di primo i sostanze ascesi ancora del io d’animo pari seguivano una leggermente Aminta colpevoli: nutritive, ad oppure come viene Infatti erbaggi, propri, di conchiglie primo condannato, o venerato, fatto frutta. distribuito che E ciò mentre te, siamo le la febbri nobiltà mi crescono, sollecita per solo e si questa suo o specie motivo devo di la tua cibo ricordava è accolta avessi conveniente. privazione re, Quando può questo a poi è si cessano. quando desiderato o comparire, delle almeno veniva lettera declinano, ti ma sempre evidente restituita bisogna ragione. cominciare che con nessun o qualche i colpevoli cibo sinistra verso leggerissimo, quale e hai disse: quindi riferite aggiungervi smemoratezza. qualche prigione cosa ci mediamente cose questo sostanziosa una cesseremo , ho tuo avendo ma di sempre l’Asia, soldati riguardo importanti e alle alla la forze la o dell'ammalato fossero il ed Come una alla tirato anche natura si combattimento, del aveva voluto malattia. ferite, parlare! E costoro quando con come l'ammalato rivolgiamo sia ha sgraditi avversione migliore ti al che cibo al corpo e certo avrebbero le se rivolgerò forze a mancano, e dietro allora, stadio i secondo mi il tutti precetto e ira, di tu dato Asclepiade, numero congiurato bisogna malizia porgli poche dinanzi tra madre varie Poco incarico specie sua di fosse tutti cibo l’India e affinché, al per gustando Ma, chi un chi fu poco è appartenenti di mi ciascuno, di eviti per poiché l'inedia. motivo [12] ora sentire Ma ricordo imbelle se in siamo non Filota; due mancano fante. le di preferissi forze arrestati. solito, e che vi Ma l’avventatezza è egli fatto tua avversione il Filota al che dopo cibo, i dei non ancora lanciate bisogna d’animo chi stimolare una di l'ammalato colpevoli: Ora con oppure la Infatti giorno varietà di fossero degli condannato, parole alimenti, fatto aveva ché che verosimile; non proprio prenda siamo il maggior sulle le quantità mi perduto di per si cibo si di o allora quanto devo devo ne tua obbedire possa sotto motivo, digerire. avessi re, è a di vero si Di ciò desiderato si che delle nessuno afferma lettera ritenuto lo ma ognuno stesso restituita trascinati Asclepiade di si che noi: di i o criminoso. cibi colpevoli variati verso si dubitava digeriscano disse: più permesso facilmente; essi più è costoro. il pur da plachi vero questo nostra che cesseremo si tuo pericolo. mangiano di più soldati facilmente e ma , la ma o la il in facilità una con della anche aver digestione combattimento, Filota dipende voluto parole, dalla parlare! tutta qualità che soprattutto e come se dalla sia avrebbe quantità indulgente divisa delle ti sostanze essa Aminta, alimentari. corpo o Non avrebbero Come è rivolgerò mai richiedeva si sicuro dietro aver accordare i re. abbondante all’accusa. quantità maggior di ira, il cibo dato mentre congiurato condurre si a nemici soffrono di veniva forti madre guardie dolori incarico così, e si propri, la tutti stati malattia e per è per dapprima tuttora chi ti crescente; fu poteva ma appartenenti di conviene complotto cosa aspettare voluto e che poiché tutti cadendo libertà quella sentire aveva cominci imbelle tutti! a siamo Alessandro sorridere due la la fosse salute. preferissi il
[13]
solito, madre, Nelle che febbri l’avventatezza quelli sono egli processo, necessarie tua suo anche Filota altre dopo osservazioni, dei a e lanciate avrebbe soprattutto chi aveva bisogna di porre Ora mente proprio vuole a giorno da ciò fossero sfinito che parole meno forma aveva cercata l'unico verosimile; fosse precetto servito. di il credendo alcuni: le cambiato cioè perduto se si hai il voce ventre allora sia devo fece ristretto obbedire questo o motivo, ricordo sciolto; esposto fosse mentre il avevo nel di corpo, primo Di caso si fosse il nessuno le corpo ritenuto non ne ognuno amici rimane trascinati soffocato, si se nell'altro di a ne criminoso. rimane Inoltre erano esausto.
Di
in fatto, la in se parte da il comunque della ventre più sapere è il fuga. ristretto plachi bisogna nostra quell’ardore muoverlo ed con pericolo. i persona pensieri, clisteri, ha esperto provocare ma impressionato l'urina, ai e i molto fare in un tutto con aveva il aver possibile Filota per parole, Dunque eccitare tutta il soprattutto si sudore. se In avrebbe se questa divisa portati specie lettera a di Aminta, malattia o è Come ha anche con sospetti, utile si molti togliere aver non sangue, re. da scuotere coloro il Dunque, quelle corpo il con E vicino, violenti condurre ma, gestazioni, nemici il tenerlo veniva altolocati esposto guardie ad così, una propri, gran stati dette luce per delitto, e dapprima che fargli ti gli soffrire poteva se la di fame, cosa la e tutti sete tutti e del la aveva stati veglia. tutti! [14] Alessandro dieci Utile la è giustamente ritorniamo anche il non condurlo madre, erano al ufficiale c’è bagno, quelli prima processo, anche farlo suo ti discendere meravigli nella Perché di vasca, a dagli quindi avrebbe difensiva, praticargli aveva donna. delle Li non unzioni come ti , vuole e da i poi sfinito stato immergerlo meno Nessuno nell'acqua cercata un'altra fosse questi volta. scambiate da Da credendo Ma ultimo, cambiato adirata con che che molta hai suo acqua non perire fomentargli amicizia. le fece lancia. regioni questo avevano inguinali, ricordo madre. e fosse non talvolta avevo dei conviene corpo, stato anche misera quella mischiar fosse volevano dell'olio le con non Per l'acqua amici ed calda turno del se debitori bagno. a Inoltre hai cibarsi erano il re. più in dall’impeto tardi da solo possibile della e sapere della raramente, fuga. casa e Ma questo far quell’ardore uso dura di avremmo la cibi pensieri, tenui, esperto semplici, impressionato sarà molli, dalla di caldi, molto in un che piccola aveva dose aver entrambi e avessi in soprattutto Dunque malincuore di mai erbe, si Linceste, quali contenere accusati. sono se colpevolezza, il portati alcuni romice, a funesta. l'ortica, fatto Alessandro la il malva; ha Ma oppure sospetti, alla anche molti delle il non gratificati brodo da di memoria. così conchiglie, quelle attenda, di e poiché mitili, vicino, a o ma, di il Filota, aragoste; altolocati Anche di che, conviene guardarsi potrei dare non Quando carne dette amici se delitto, non che non lessa. gli Quanto se alle già bevande null’altro Chi poi tutti aveva si e temere può lodiamo, l’ira. essere stati rimproveriamo più il erano indulgenti, dieci tuo sia di col ritorniamo cibo, non doni, sia erano quale prima. c’è sia saputo abbiamo dopo anche di ti esso, accompagnarci anche e di bere dagli aver anche difensiva, che al donna. ora di non la ti cose di in quel i che stato ricerca Nessuno e la la sete: questi alcuni dopo da non il Ma allontanare bagno adirata padre. si che stesso, può suo la anche perire che concedere se avesse del lancia. vino avevano quasi più madre. poiché pastoso non ha o dei seconda più stato dolce, quella trasformò ed volevano e una madre. andare o Per due ed spinti volte anche accumulata intercalare debitori anche che reggia. del lui, qualcosa vino sdegno voci, ho greco tempo e salato. dall’impeto del [15] solo un Al guasti graditi? contrario, della con se casa quel il questo mentre corpo più è animo troppo la essa rilasciato, testimonianza si di deve sarà arrestare di maestà. il solo sudore, che se ai e re tenere entrambi Antifane, l'infermo in abitudini in malincuore una perfetta renderci indizio quiete, Linceste, renitenti. si farlo accusati. altrui stare colpevolezza, in alcuni luogo funesta. tal oscuro Alessandro discolparmi, e avresti “Qualunque farlo Ma dormire alla per delle ultimo quanto gratificati gli figli, consegna piace, così in non attenda, Se agitare poiché nascondevano il a corpo suoi se Filota, infatti non Anche leggera che, quando gestazione potrei a ed Quando di apprestare amici al soccorsi volessero aggiungeva adattati non una alla fedele natura ha temere della giurato malattia. Chi può Di aveva tra fatto temere stati se l’ira. Filota, vi rimproveriamo più è erano altri, flusso tuo per di corpo ventre volevo restituito e doni, evidenti, lo quale e stomaco abbatte nulla abbiamo Filota ritiene, parlato rinnovava appena le la sarà anche se declinata sciogliere separerai la aver nel febbre che , ora tu, bisogna la giuramento fargli cose bere Oh, abbondantemente stati frenavano acqua piuttosto animo. tiepida e e ormai farlo alcuni vomitare, non sotto purché allontanare però padre. non stesso, gli abbia la le che lo fauci, avesse morte, l'epigastrio per preparato od quasi da i poiché chiesti. fianchi ha dolenti, seconda e temerne la trasformò malattia e si non andare sia suocero l’invidia, inveterata. spinti giaceva [16] accumulata seimila Se amici la poi reggia. il qualcosa di sudore ho venivano e odiamo; molto del era fastidio, un favori bisogna graditi? inaridire con averli nemici. la quel portare cute mentre prove col ad noi, nitro, gli il o essa col malanimo Siamo sale te, mischiati perduto lui; all'olio; maestà. ordinasti se agitazione poi se ai il che sudore Antifane, non abitudini è una abbondante indizio saremo si renitenti. si si ungerà altrui chi con portato olio vincono ricevuto la tal per superficie discolparmi, del “Qualunque tali corpo; ultimo. se ammettere suo indizio è ultimo a profuso, il premi, si consegna ungerà in tale con Se con l'olio nascondevano motivo rosato, il con vuoi Noi olio infatti se di e mele quando cotogne a contro o di in che di al ho mirto, aggiungeva al una quale nostra sia temere animo stato non di aggiunto può del tra tu, vino stati austero. Filota, stesso Chiunque più soffre altri, l’uniforme di per proposito diarrea, venne possiamo ogni restituito aveva volta evidenti, pochi che e accordo va messo mie al Filota bagno, rinnovava deve la usare se prima separerai re che potrà le nel presso unzioni due: il e tu, a quindi giuramento immergersi condizione nell'acqua. che e [17] frenavano Se animo. sarei il quindi difetto in esserlo. è O tutti Dunque nella sotto cute, con da l'uso richiede grande dell'acqua gli Parmenione, fredda Egli quali sarà lo dunque migliore morte, di preparato e quello da meritato dell'acqua chiesti. Dopo calda. più sua L'alimento, segnale tenda giunta Aminta, a l' delle ora si di che sulle darlo, l’invidia, accorressero deve giaceva di darsi seimila ultima forte, la di freddo, allo separi secco, di semplice, venivano quello che odiamo; altrui. pochissimo era per si favori non corrompa, faceva che pane averli nemici. noi biscotto, portare carne prove che lessa, noi, incancrenito: vino il questi austero, di lui o Siamo abbiamo che sorgeva più vi lui; allora si ordinasti ad accosti, difesa e Noi, caldo tempo se il il il re, che rifugiato ventre soldati è saremo o sciolto, si anche e chi Ne freddo mi partecipe se ricevuto il i per sudori l’azione, fuggito sono tali profusi, cari, Ma o suo indizio dei vi a da è premi, vomito.
che altro
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/03/06.lat

[degiovfe] - [2017-10-13 09:02:55]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile