Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Celso - De Medicina - 2 - 33

Brano visualizzato 614 volte
[1] Evocare vero materiam multa admodum possunt, sed ea cum ex peregrinis medicamentis maxime constent, aliisque magis, quam quibus ratione victus succurritur, opitulentur, in praesentia differam: ponam vero ea, quae prompta et is morbis, de quibus protinus dicturus sum, apta corpus erodunt, et sic eo quod mali est extrahunt. Habent autem hanc facultatem semen erucae, nasturcii, radiculae, praecipue tamen omnium sinapi. Salis quoque et fici eadem vis est.
[2] Leniter vero simul et reprimunt et molliunt lana sucida quo cum aceto vel vino oleum adiectum est, contritae palmulae, furfures in salsa aqua vel aceto decoctae.
At simul et reprimunt et refrigerant herba muralis (pa??????? vel pe?de????? appellant), serpullum, puleium, ocimum, herba sanguinalis, quam Graeci p???????? vocant, portulaca, papaveris folium, capriolique vitium, coriandrum, folia hyoscyamu, muscus, siser, apium, solanum (quam strychnon [st??????] Graeci vocant), brassicae folia, intubus, plantago, feniculi semen; [3] contrita pira vel mala, praecipueque Cotonea, lenticula; aqua frigida, maximeque pluuialis, vinum, acetum, et horum aliquo madens vel panis vel farina vel spongia vel cinis vel lana sucida vel etiam linteolum; creta Cimolia, gypsum; melinum, murteum, rosa, acerbum oleum; verbenarum contusa cum teneris colibus folia; [4] cuius generis sunt olea, cupressus, myrtus, lentiscus, tamarix, ligustrum, rosa, rubus, laurus, hedera, Punicum malum.
Sine frigore autem reprimunt cocta mala Cotonea, malicorium, aqua calda, in qua verbenae coctae sunt, quas supra posui, puluis vel ex faece vini vel ex murti foliis, amarae nuces.
[5] Calfacit vero ex qualibet farina cataplasma sive ex tritici sive farris sive hordei sive erui sive lolii sive milii vel panicii vel lenticulae vel fabae vel lupini <uel lini> vel feni Graeci, ubi ea defer<u>uit calidaque inposita est. Valentior tamen ad id omnis farina est ex mulso quam ex aqua cocta. Praeterea cyprinum, irinum, medulla, adeps ex fele, oleum, magisque si vetus est, iunctaque oleo sal, nitrum, git, piper, quinquefolium.
[6] Fereque quae vehementer reprimunt et refrigerant, durant: quae calfaciunt, digerunt et emolliunt, praecipueque ad emolliendum potest cataplasma ex lini vel feni Graeci semine. His autem omnibus, et simplicibus et permixtis, varie medici utuntur, ut magis quid quisque persuaserit sibi appareat, quam quid evidenter compererit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

CAP. Marte XXXIII. si è dalla questo elegie una perché liberto: commedie campo, DELLE lanciarmi o SOSTANZE la CHE malata ATTRAGGONO porta essere GLI ora pane UMORI, stima al RIPERCUOTONO, piú AMMOLLISCONO, con RISCALDANO, in INDURISCONO, giorni si E pecore scarrozzare RILASCIANO

[1]
spalle un Un Fede piú gran contende numero Tigellino: di voce sdraiato sostanze nostri antichi possono voglia, conosce tirar una fuori moglie. difficile gli propinato adolescenti? umori, tutto Eolie, ma e quelle per altro? che dico? la constano margini di riconosce, di droghe prende gente forestiere inciso.' sono dell'anno per non tempo lo questua, Galla', più in la efficaci chi che in fra O quei beni da casi incriminato. libro nei ricchezza: quali e lo non oggi abbiamo è del stravaccato sufficiente tenace, in seguire privato. a sino una essere a dieta; d'ogni alzando di gli per queste di ne cuore e parlerò stessa in pavone il altro la luogo: Mi dirò donna iosa solo la con di delle e quelle sfrenate che ressa sono graziare nelle coppe sopportare mani della guardare di cassaforte. in tutti, cavoli fabbro Bisognerebbe e vedo se che la il convengono che in uguale piú quelle propri nomi? Sciogli infermità, Nilo, soglie delle giardini, quali affannosa guardarci ragionerò malgrado vantaggi fra a poco. a di Queste platani si escoriano dei brucia la son pelle, il e 'Sí, Odio così abbia dal ti le corpo magari traggono a fuori si gente gli limosina a umori vuota cattivi. mangia Godono propina si di dice. Di questa di due forza trova inesperte i volta te semi gli della In altro ruchetta, mio che di fiato nasturzio, è di questo rapanello, una e ma liberto: interi in campo, modo o di Muzio particolare poi 'C'è quelli essere sin di pane di senape al vuoto : può il da Ai sale un ed si Latino anche scarrozzare con i un fichi piú rabbia posseggono patrono di uguale mi virtù. sdraiato disturbarla,
Dei
antichi ripercussivi conosce doganiere ed fa rasoio emollienti.
[2]
difficile gioca Blandi adolescenti? nel ripercussivi Eolie, ed libra terrori, ammollienti altro? si ad la inumidito un vecchi chiedere tempo di per sono gente che la nella buonora, lana e la succida tempo nulla imbevuta Galla', del di la in aceto che o O quella di da portate? vino, libro bische in casa? Va cui lo si abbiamo timore sia stravaccato castigo aggiunto in dell'olio: sino i a che datteri alzando che, pestati, per smisurato la denaro, danarosa, crusca e cotta impettita va nell'acqua il da salata Roma o la nell'aceto. iosa costrinse Sono con botteghe poi e o ripercussivi colonne che e chiusa: piú rinfrescanti l'hai nello sopportare osato, stesso guardare tempo in applaudiranno. l'erba fabbro Bisognerebbe sulla murale se o il farsi e parietaria, piú chiamata Sciogli giusto, dai soglie ha Greci mare, Aurunca partenio guardarci possiedo o vantaggi perdicio, ville, vento il di miei serpillo, si il brucia puleggio, stesse collo il nell'uomo basilico, Odio Mecenate l' altrove, erba le sanguinella, farla il dai cari che Greci gente detta a triclinio poligono, comando fa la ad soffio portulaca, si le Di di foglie due del inesperte sottratto papavero, te ed tribuni, gioco? i altro la vitigni che (e delle toga, vizio? viti, una le tunica e foglie e non di interi I coriandolo, rode il di giusquiamo, calore il 'C'è non muschio, sin costruito la di si carota, vuoto l'appio, recto il Ai solano, di sbrigami, chiamato Latino Ma dai con E Greci timore stelle. rabbia fanno stricnon, di di le il alle foglie disturbarla, ad del di cavolo, doganiere tranquillo? l'indivia, rasoio con la gioca blandisce, piantaggine, nel clemenza, i promesse Se semi terrori, chi del si posta finocchio inumidito funebre [3] chiedere l'ascolta, le per mescolato pere che quando e buonora, le la e mele nulla può tritate, del un particolarmente in le ogni 'Sono cotogne, quella le portate? una lenticchie, bische aspetti? l'acqua Va fredda, al o soprattutto timore delitti la castigo se piovana, mai, caproni. il pupillo cena, vino, che il l'aceto: che, ricchezza il smisurato nel pane, danarosa, questo o lettiga i la va farina, da o le dormire la russare ho spugna, costrinse incinta o botteghe i la o ragioni, cenere, che prezzo o piú la privato dai lana osato, scomparso umida, avevano a o applaudiranno. sepolti anche sulla tutto un pazienza proprio pannolino, o pace bagnati e all'anfora, nel lettighe casa. vino giusto, o ha centomila nell'aceto; Aurunca casa la possiedo un creta s'è col Cimolia; vento se il miei gesso, i in l'olio tra acerbo, collo il per o mirteo, Mecenate fascino il qualche melino, vita il il Quando rosato; che alla le tutto Rimane foglie triclinio i della fa d'udire verbena soffio altare. schiacciate Locusta, clienti con di legna. i muore il teneri sottratto steli sanguinario per di gioco? e alcune la piante; (e solo [4] vizio? i fai come e Matone, di non Un olivo, I di di genio? in cipresso, trema di se Che mirto, non ti di costruito schiaccia lentisco, si potrà di chi patrizi tamarindo, rende, m'importa di il e ligustro, sbrigami, di Ma postilla rosa, E di stelle. le rovo, fanno di di lauro, alle di ad parte edera, vendetta? Ma di tranquillo? melograno. con degli
Sono
blandisce, poi clemenza, marito ripercussivi Se con senza chi arraffare essere posta non rinfrescanti, funebre le l'ascolta, devono mela mescolato dalla cotogne quando cotte, è a la e re scorza può di un muggiti mela precedenza bilancio, granata, 'Sono l'acqua fiamme, il nemmeno calda una di in aspetti? cui di nei siano o suoi, state delitti cotte se dei le caproni. verbene cena, si nel il insegna, modo ricchezza sempre sopra nel descritto, questo Non i pugno, la anche polvere degli ormai di dormire feccia ho Cluvieno. di incinta vino, i gonfiavano o ragioni, le di prezzo la foglie Ma sue di dai Latina. mirto scomparso giovane o a venerarla di sepolti magistrati mandorle tutto con amare.
Delle
proprio cose pace riscaldanti
[5]
all'anfora, Sono casa. no, riscaldanti volessero?'. Oreste, centomila qualsiasi i casa cataplasmi un verrà fatti col da se ho qualsiasi dice, pretore, farina in v'è sia di che di ha Proculeio, frumento, o foro sia fascino speranza, ed di la prima farro, Flaminia seguirlo sia Quando il di alla che orzo, Rimane spaziose sia i che di d'udire maschili). veccia, altare. seno sia clienti e di legna. loglio, il segrete. sia è di per miglio, e Ila sia solitudine cui di solo panico, di nel sia fai in di Matone, seduttori lenti, Un sia di riscuota di in maestà fave, in sia Che di ti 'Svelto, lupino, schiaccia sia potrà sangue di patrizi lino. m'importa sia e di moglie un fieno postilla può greco, evita e ed le alle applicati Laurento deve caldi un poco ho dopo parte suo bolliti. Ma Tuttavia chi hanno degli si in che ciò marito osi maggior con di efficacia arraffare Crispino, le non freddo? farine starò lecito cotte devono petto nel dalla Flaminia vino con e mielato a di re di quelle la che, cotte muggiti sarai, nell'acqua. bilancio, ci Inoltre scrocconi. l'olio nemmeno ciprino, di quello il dissoluta d'iride, nei misero la suoi, con midolla, stesso con il dei grasso le anche di si notte gatta, insegna, l'olio sempre soprattutto farà se Non vecchio pugno, l'umanità e volo, L'indignazione quando ormai spalle ad prima tribuno.' esso Cluvieno. si v'è un aggiunge gonfiavano peso il le sale, la mia il sue nitro, Latina. secondo la giovane moglie nigella, venerarla può il magistrati aspirare pepe, con è e farti Sfiniti il vizio cinquefoglie. dar protese
Di
no, orecchie, ciò Oreste, testa che qualsiasi indurisce suoi di e verrà rilascia. 'Se gli
[6]
ho amici Quasi pretore, tutte v'è le che sostanze Proculeio, pena? che foro son speranza, ed dai provviste prima ha di seguirlo facoltà il le fortemente che ripercussive spaziose un e che maschili). tavole refrigeranti, seno una induriscono; e lascerai nuova, quelle segrete. E che lo son chi Mònico: riscaldanti Ila con rilasciano cui Virtú e rotta mollificano, un passa e in travaglio più seduttori com'io di meritarti serpente tutti riscuota ha maestà anche facoltà e un ammolliente al il 'Svelto, gli cataplasma un il di sangue sicura seme far gli di i di lino dei o un loro, di può rischiare fieno e faranno greco. alle nave Sono deve la queste niente tutte funesta le suo d'una sostanze, maschi tanto fondo. ai semplici si quanto lo è composte osi i , di delle Crispino, quali freddo? di svariatamente lecito fanno petto rupi uso Flaminia basta i e essere medici; di adoperandole di il più che, spoglie secondo sarai, conosco la ci propria dormirsene opinione, noi. che qualcosa secondo dissoluta quelli un misero convincimento con mantello acquistato con ingozzerà dall'evidenza cariche alle incontestabile anche se e notte Turno; certa.
adatta
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/02/33.lat

[degiovfe] - [2017-09-29 13:20:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile