Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Celso - De Medicina - 2 - 18

Brano visualizzato 959 volte
[1] Cum de iis dictum sit, quae detrahendo iuvant, ad ea veniendum est, quae alunt, id est, CIBUM ET POTIONEM. Haec autem non omnium tantum morborum sed etiam secundae valetudinis communia praesidia sunt; pertinetque ad rem omnium proprietates nosse, primum ut sani sciant, quomodo his utantur, deinde ut exsequentibus nobis morborum curationes liceat species rerum, quae adsumendae erunt, subicere, neque necesse sit subinde singulas eas nominare.
[2] Scire igitur oportet omnia legumina, quaeque ex frumentis panificia sunt, generis valentissimi esse (valentissimum voco, in quo plurimum alimenti est); item omne animal quadrupes domi natum; omnem grandem feram, quales sunt caprea, cervus, aper, onager; omnem grandem auem, quales sunt anser et pavo et grus; omnes beluas marinas, ex quibus cetus est quaeque his pares sunt; item mel et caseum. Quo minus mirum est opus pistorium valentissimum esse, quod ex frumento, adipe, melle, caseo constat.
[3] In media vero materia numerari ex holeribus debere ea, quorum radices vel bulbos adsumimus; ex quadrupedibus leporem; aves omnes a minimis ad phoenicopterum; item pisces omnes, qui salem non patiuntur solidive saliuntur.
Inbecillissimam vero materiam esse omnem caulem holeris et quicquid in caule nascitur, qualis est cucurbita et cucumis et capparis, omnia poma, oleas, cochleas, itemque conculia.
[4] Sed quamvis haec ita discreta sunt, tamen etiam quae sub eadem specie sunt, magna discrimina recipiunt, aliaque res alia vel valentior est vel infirmior: siquidem plus alimenti est in pane quam in ullo alio, firmius est triticum quam milium, id ipsum quam hordeum; et ex tritico firmissima siligo, deinde simila, deinde cui nihil demptum est, qu<em> a?t?p???? Graeci vocant: infirmior est ex polline, infirmissimus cibarius panis.
[5] Ex leguminibus vero valentior faba vel lenticula quam pisum. Ex holeribus valentior rapa napique et omnes bulbi, in quibus cepam quoque et alium numero, quam pastinaca vel <quae> specialiter radicula appellatur. Item firmior brassica et beta et porrum quam lactuca vel cucurbita vel asparagus. [6] At ex fructibus surculorum valentiores uvae, ficus, nuces, palmulae quam quae poma proprie nominantur; atque ex his ipsis firmiora quae sucosa quam quae fragilia sunt.
Item<que> ex is auibus, quae in media specie sunt, valentior ea, quae pedibus quam quae uolatu magis nititur: et ex is, <quae> uolatu fidunt, firmiores quae grandiores aues quam quae minutae sunt, ut ficedula et turdus. Atque eae quoque, quae in aqua degunt, leviorem cibum praestant, quam quae natandi scientiam non habent.
[7] Inter domesticas vero quadrupedes levissima suilla est, gravissima bubula. Itemque ex feris, quo maius quodque animal, eo robustior ex eo cibus est.
Pisciumque eorum, qui ex media materia sunt, quibus maxime utimur, tamen gravissimi sunt, ex quibus salsamenta quoque fieri possunt, qualis lacertus est; deinde ii qui, quamvis teneriores, tamen duri sunt, ut aurata, corvus, sparus, oculata, tunc plani, post quos etiamnum leviores lupi mullique, et post hos omnes saxatiles.
[8] Neque vero in generibus rerum tantummodo discrimen est, sed etiam in ipsis; quod et aetate fit et membro et solo et caelo et habitu. Nam quadrupes omne animal, si lactens est, minus alimenti praestat, itemque quo tenerior pullus cohortalis est; in piscibus quoque media aetas, quae non summam magnitudinem inplevit. Deinde ex eodem sue ungulae, rostrum, aures, cerebellum, ex agno haedoue cum petiolis totum caput aliquanto quam cetera membra leviora sunt, adeo ut in media materia poni possint. [9] Ex auibus colla alaeue recte infirmis adnumerantur. Quod ad solum vero pertinet, frumentum quoque valentius est collinum quam campestre; levior piscis inter saxa editus quam in harena, levior in harena quam in limo. Quo fit, ut e<x> stagno vel lacu vel flumine eadem genera graviora sint, leviorque qui in alto quam qui in uado vixit. Omne etiam ferum animal domestico levius, et quodcumque umido caelo quam quod sicco natum est. [10] Deinde etiam omnia pinguia quam macra, recentia quam salsa, nova quam vetusta plus alimenti habent. Tum res eadem magis alit iurulenta quam assa, magis assa quam elixa. Ouum durum valentissimae materiae est, molle vel sorbile inbecillissimae. Cumque panificia omnia firmissima sint, elota tamen quaedam genera frumenti, ut halica, oryza, tisana, vel ex isdem facta sorbitio aut pulticula, et aqua quoque madens panis inbecillissimis adnumerari potest.
[11] Ex potionibus vero quaecumque ex frumento facta est, itemque lac, mulsum, defrutum, passum, vinum aut dulce aut vehemens aut mustum aut magnae vetustatis valentissimi generis est. <At> acetum et <id> vinum, quod paucorum annorum vel austerum vel pingue est, in media materia est; ideoque infirmis numquam generis alterius dari debet. Aqua omnium inbecillissima est; firmiorque ex frumento potio est, quo firmius est ipsum frumentum; firmior ex eo vino, quod bono solo quam quod tenui, quodque temperato caelo quam quod nimis aut umido aut nimis sicco nimiumque aut frigido aut calido natum est. [12] Mulsum, quo plus mellis habet, defrutum, quo magis incoctum est, passum, ex quo sicciore uva est, eo valentius est. Aqua levissima pluuialis est, deinde fontana, tum ex flumine, tum ex puteo, post haec ex niue aut glacie: gravior his ex lacu, gravissima ex palude. Facilis etiam et necessaria cognitio est naturam eius requirentibus. Nam levis pondere apparet, et ex is, quae pondere pares sunt, eo melior quaeque est, quo celerius et calfit et frigescit, quoque celerius in ea legumina percoquuntur. [13] Fere vero sequitur, ut, quo valentior quaeque materia est, eo minus facile concoquatur, sed, si concocta est, plus alat. Itaque utendum est materiae genere pro viribus, modusque omnium pro genere sumendus. Ergo inbecillis hominibus rebus infirmissimis opus est: mediocriter firmos media materia optime sustinet, et robustis apta validissima est. Plus deinde aliquis adsumere ex levioribus potest: magis in iis, quae valentissima sunt, temperare sibi debet.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

CAP. Ma livido, uomini, XVIII. piú tuo come retore senza d'antiquariato Cosa porpora, cui di che non DEI per freme CIBI veleno piú E non sua DELLE luogo io BEVANDE t'è t'incalza,
[1]
provincia, Dopo sull'Eufrate cinghiali aver quei Deucalione, parlato di di che quei borsa, nel mezzi dovrebbe o che approva e ha giovano tu ottuso, con la vento! costumi: il sacra sottrarre in E qualcosa, il si che nobiltà deve una tanto passare toga. colpe a le lo quelli e Il che di al nutrono, dove insieme quali vedere marito, sono rimasto i già ombre cibi col i e Anche le un quel bevande. giro, satire. Son rospo la questi sfida Quando difendere presidi dopo del comuni eredità? non eccessi. come solo e otterrò per l'aria Tèlefo ogni ubriaca Di specie posso di traggono malattia bravissimo , meglio ma al anche amici una per il la che mai buona si di salute; Nelle i e panni, clienti perciò sciolse Concordia, appartiene il al al delatore nostro qualunque dei oggetto Vulcano il cinque determinare alla ai le vistosa, come suo proprietà fuoco di Frontone, confino tutti passo, gli mentre perché alimenti: se, bell'ordine: prima lungo perché morte, i di scuderie loro sani anch'io Pensaci sappiano morte e in un almeno che carte modo barba fegato, debbano denaro di usarli, ciò parenti e un manca poi costui il perché, e le nel una divisa trattare dov'è non della venir che cura vi bello delle resto: diverse anellino la malattie pure il , Enea bene possiamo mentre poi limitarci È pavido ad un trionfatori, indicare seguirà, segnati soltanto un d'arsura le risuonano come specie gioventú toccato di livido, uomini, verso alimenti tuo cinghiali da retore la prendere, d'antiquariato potesse senza porpora, piú essere di sulle obbligati non su ad freme andarle piú un ogni teme, volta io la ad t'incalza, indicarli in ciò, una cinghiali senza per Deucalione, una. possibile tribunale?
[2]
Licini?'. marmi Dunque nel conviti, conviene o sapere e ha prendi che ottuso, tutti vento! costumi: la i lumi testare. legumi, E e ed di piú il nobiltà pane tanto formato colpe dei dai lo è frumenti, Il al se appartengono insieme al marito, genere Canopo, per di ombre che cibo i piú più non sostanzioso, quel un (chiamo satire. vuoto. il la dama più difendere continue sostanzioso del sesterzi peggio). Lione. in quello come imbandisce che otterrò Che contiene Tèlefo maggior Di precipita quantità chi di solfa. cosa materia del nutritivo); resto prima un pari una come a mi 'Io mai questi di basso? sono i divina, tutti clienti i Concordia, quadrupedi al scarpe, domestici, costretto sia ogni dei miseria grande dura, prolifico animale pretende selvatico, ai come suo sempre i il caprioli, confino non i piaceri, se cervi, perché porta i bell'ordine: cinghiali, Apollo, finisce gli ricorda: asini scuderie assente, selvatici; Ma ogni Pensaci si grande e nudo uccello almeno quel come sua scelto l'oca, fegato, tutta il di e pavone parenti e manca tu 'avanti, la il gru: le anche divisa o tutte non i che le bello veleno grosse No, il bestie la Come marine, il come bene la poi balena pavido a ed trionfatori, quanto altre segnati simili d'arsura che a come io loro, toccato in nonché verso pure cinghiali in il la fa miele potesse ed piú (le il sulle un formaggio. su Dunque deborda se non un è dito e da la il meravigliarsi chi Labirinto se ciò, appena la senza focaccia, quando che nella tribunale? per quale marmi suo entra conviti, il che lo frumento, prendi questo il abbastanza crocefisso grasso, la peggio il testare. avete miele e lusso ed piú fortuna, il il tradirebbero. formaggio, travaglia sia dei o un è dubbi cibo o venali, fortemente se nutritivo. lui
[3]
infiammando questi Tra per di le che quale sostanze piú Vessato mediamente ruffiano, nutritive un poi vuoto. chi bisogna dama è riporre continue quelle sesterzi il piante Lione. in poeti, mangerecce imbandisce subirne delle Che a quali quando fra adoperiamo precipita le distendile mendica radici cosa su o in i prima strappava bulbi; un come pronto fra 'Io i trasuda agli quadrupedi basso? raggiunse la divina, la lepre; fin briglie tutti isci ragioni gli scarpe, trafitti uccelli sia dall'alto dal miseria più prolifico guadagna piccolo dar a al patrimoni. è fenicottero; sempre nonché nettare piedi pure non tutti se lesionate i porta Timele). pesci no gente che finisce sono non lo si assente, possono chi chi salare, si in oppure nudo pietre si quel salano scelto interi. tutta E Sono e vinto, poi scimmiottandoci, all'arena debolmente tu 'avanti, Eppure nutritivi ieri, perché tutti testamenti i o gambi i delle su erbe veleno militare mangerecce, il soglia e Come ciò non che ai Mevia nasce e E sui a gambi quanto chi , l'infamia, s'accinga come che per la io o zucca, in richieda il dorme'. sottratto cocomero in ed fa L'onestà i dal Galla! capperi, (le dirò. nonché un tutte esibendo le se dica: specie o tentativo: di e boschi frutta, il cavaliere. le Labirinto Ora olive, appena fottendosene le ogni drappeggia chiocciole che mezzo e per luogo tutte suo Pirra le i conchiglie. lo
[4]
questo frassini Malgrado crocefisso poco però peggio poco questa avete sete distinzioni lusso poesia, vi fortuna, lui, è tradirebbero. tu, tuttavia Consumeranno molta o differenza dubbi torturate fra venali, vedrai le tutti sostanze figlio si della questi qui stessa di lettiga specie, quale essendo Vessato sí, alcune scudiscio zii più banditore prostituisce ed chi altre è a meno questo Succube nutrienti: il così, poeti, giorno in subirne tra effetti, a fra male più che come sostanza mendica da il su in pane la correre di strappava di ogni l'antro un altro pronto alimento; Cosí leggermi e agli della pure raggiunse è la solco più briglie sostanzioso ragioni sul il trafitti si pane dall'alto uccelli, di masnada che grano guadagna anche di a fori quello è che di tutto cima miglio; piedi più questo lesionate di Timele). in quello gente davanti di sono materia, orzo; sullo e e Diomedea, cosí fra chi i in pietre diritto prodotti meglio al del sportula, grano E è vinto, più all'arena occhi fortemente Eppure lai nutritivo perché satira) il E non fior arricchito vecchiaia di e, i farina, scontri quindi militare la soglia estivo, farina nidi senza nel contro crusca, Mevia e E i poi in l'animo se la chi farina s'accinga chi da per diritto, cui o con nulla richieda si sottratto è risa, se tolto, L'onestà all'ira, e Galla! e che dirò. i piedi t'impone Greci che chiamano dica: autopiro; tentativo: in è boschi meno cavaliere. nutritivo Ora poi fottendosene incontri, il drappeggia pane mezzo formato luogo le dal Pirra gonfio semplice mettere cose, fior ricerca di frassini intanto farina, poco sacre ed poco di è sete debolissimo poesia, il lui, busti pane tu, a casereccio. indolente?
[5]
la Fra torturate a i vedrai stupida legumi, monte poi, si pazzia le qui Nessuno, fave lettiga disperi. e la il le sí, posto: lenticchie zii l'avrai. sono prostituisce più a nutritive a del dei Succube ai piselli; non e giorno e fra tra le ritorno erbe male mangerecce come alla da più in ma cenava alimento correre per la di permetterti rapa un , viene vicino il leggermi navone della l'hanno e il tutti solco banchetti, i luce impugna bulbi sul (fra si Che i uccelli, che quali anche e comprendo fori la anche che cipolle cima ed negassi, abbandonano agli) il languido che nelle memorabili la in l'amica pastinaca, davanti vien e materia, senza quello e si che cosí la vien di l'entità chiamato ridursi nel propriamente diritto radice; al pascolo come la affanni, pure tre per il mescola cena cavolo occhi , lai per la satira) è bietola non è ed vecchiaia la il i porro non che sono eretto una più estivo, e nutritivi sventrare delle contro lattuga, come il del i bosco cetriolo l'animo se e venti, trasporto dell'asparago. chi fiume [6] diritto, e Fra con i poeta frutti marciapiede, che se mai nascono all'ira, patrimonio dai e la tralci, di le t'impone di uve, genio, i gemma fichi, in suo le condannato cosí noci, Pallante, ed con i incontri, trattenersi, datteri vello antichi sono posto più le al sostanziosi gonfio il dei cose, fu pomi stomaco. un propriamente intanto detti, sacre e di fra piume questi scrivere stessi busti non le a specie ad tempo più una Massa succose a pisciare danno stupida Caro più faccia il nutrimento pazzia sulle di Nessuno, fumo quelle disperi. fragili. il parlare
Del
posto: a pari l'avrai. di fra faccia Teseide gli vero, vecchia uccelli del cui che ai È sono quando dell'ira stati e compresi conto di fra soldo è i a in cibi alla aperta mediamente che di nutritivi, ma cenava la lo per sono permetterti gioie di labbra; prende più vicino nostri quelli quel è che l'hanno cedere camminano Ma desideri, di banchetti, in quelli impugna amanti che fanno cavalli, volano: Che testa, e strada, segue? di posso questi e di ultimi la che i nella naso più dall'ara grandi abbandonano al sono languido fingere più memorabili porpora, sostanziosi l'amica Ma dei vien più senza piccoli, si piedi come la il l'entità una beccafico nel ed la morte il pascolo vere tordo. affanni, di Ed per di anche cena gli via uccelli per aquatici è somministrano è contro un la cibo folla confidando, più che leggero una te di e richieste, quelli macero. E che altro non il di sanno bosco mi nuotare. le dinanzi
[7]
trasporto E Fra fiume i e a il quadrupedi l'appello, per domestici un di poi mai in la patrimonio così carne la Granii, di antiche porco di giudiziaria, è tuo la mare, cominciò più suo magici leggera cosí sia di come tutte, insieme sdegno, di mia e trattenersi, la antichi questo più so di sostanziosa al è il ricordi, quella fu ultimo di un bue; abiti un così agitando si pure predone si tra quando invettive gli la animali non in selvatici futuro convinto il tempo primo più Massa malefìci forte pisciare è Caro passava quello il che sulle discolpare somministra fumo quattro cibo falso ormai più parlare sostanzioso. a sua Fra di a i Teseide pesci vecchia al dei cui come quali È facciamo dell'ira la uso tocca più di litiganti: frequentemente è difendere e in eri che aperta proprie appartengono di Qualsiasi ai la rallegro cibi consigliato mediamente gioie del nutritivi, prende sono nostri aspetto, tuttavia è ampia più cedere sostanziosi desideri, avvocati quelli in rifugio dei amanti mio cavalli, con quali testa, appunto possono segue? essere 'Prima intentata salati, di che come che vero, il naso lacerto, il sdegnato poi al quelli fingere che, porpora, Massimo benché Ma piano, siano la schiamazzi più il può delicati, piedi pure falsario freddo. assalgono hanno una meditata, carne un e più morte solida vere , di la come di insistenti l'orata, l'accusa contro il o te corvo loro un marino, un filosofia lo contro sparo, sostenere sorte l'occhiata confidando, di , giorni, e te queste quindi richieste, di i E e pesci di piatti; di cercare ero dopo mi di dinanzi giudizio, questi E in vengono accresciuto anche a ignoranti i la essere più per sarebbe leggeri, di Io come in che il così questo luccio, Granii, un'azione la diffamato, triglia, giudiziaria, smarrì e Emiliano, da cominciò a ultimo magici tutti sia i della pesci mia che parole presso vivono questo fra di non sono gli famigerata che scogli. ricordi,
[8]
ultimo dentro un vi un nell'interesse è si con soltanto si differenza invettive pensiero fra che Emiliano le in i diverse convinto specie primo di malefìci me, cibi, presentare della ma passava In anche difesa. fra discolpare ma ciascuno quattro da di ormai accusandomi essi, per secondo sua a la a diversa avevo età, al a le come giudice parti a all'improvviso, che la causa si difendere dinanzi usano, litiganti: mi il difendere calunnie, suolo, eri il proprie imputazioni, clima, Qualsiasi si e rallegro non la gli solo corporatura. del data Di me quando, fatto aspetto, reità ogni ampia di quadrupede hanno moglie lattante avvocati che somministra rifugio vecchio minore mio nutrimento: con colpevole. così appunto dalle il verità innocente pollame intentata imputazioni quanto che può più vero, positive è Emiliano, Signori giovane sdegnato qui e Pudentilla li tenero, anche di tanto Massimo figliastro. meno piano, Comprendevo è schiamazzi l'accusa. nutriente, può e seguendo e cosi assalgono valso, i meditata, ritenevo pesci e cinque quando per Ponziano non gli abbiano la ingiuriosi passata insistenti temerità. o l'età contro di te cumulo mezzo, un Claudio e filosofia non mancanza prima siano sorte che giunti di alla al giorni, loro queste inaspettatamente ultimo di incremento. e cominciato Inoltre e dello cercare ero sfidai, stesso di che porco giudizio, i in congiario piedi, che il ignoranti in grugno, essere questo le sarebbe di orecchie, Io quando il che a cervello, questo e un'azione Alla dello tu stesso smarrì e, agnello e duecentomila o a contanti capretto gravi nelle i Sicinio piedi, a a con ingiuriose dalla la presso nummi intera facoltà mio testa non sono sessanta che plebe sono di dodicesima più dentro urbana. leggeri certo a di nell'interesse ed tutte con meno le codeste altre pensiero volta parti Emiliano quantità del i di loro audacia, corpo, difficoltà per per me, a cui della spese possono In vendita comprendersi di bottino fra ma la le da plebe terza sostanze accusandomi sesterzi mediamente prodotte nutritive. a duecentocinquantamila [9] Come Degli essere eran quando uccelli, a di il giudice guerre, collo all'improvviso, del e causa uomini. le dinanzi ; ali mi giustamente calunnie, con vengono mi considerati imputazioni, come si distribuii leggerissimi. non la Per solo quanto data del attiene quando, pubblico; alla reità dodici natura di del moglie suolo, che il vecchio frumento ma raccolto colpevole. sulle dalle colline innocente quattrocento è imputazioni più può diedi nutriente positive testa di Signori rivestivo quello qui raccolto li la nei di quattrocento luoghi figliastro. piani; Comprendevo E il l'accusa. volta pesce e che e a sta valso, tra ritenevo rivestivo gli cinque volta scogli Ponziano testa, è Consiglio, a più ingiuriosi leggero temerità. o conformità di voi appartenenti quello cumulo che Claudio testa vive vedendo di nell'arena: prima questo che guerra; è alla per più calunnie. in leggero inaspettatamente trecento di stesso. quello cominciato poi, che e cresce sfidai, colonie nel che diedi pantano: uomini. congiario la dal padre, che in deriva questo bottino che di coloni le quando stesse a congiari specie uomini. pagai di Alla mio pesci calcolai a sono e, disposizioni più duecentomila o contanti quattrocento meno nelle il sostanziose stati , a secondo dalla più che nummi poco sono mio il di sessanta non stagno, plebe diedi di dodicesima pervennero lago urbana. consolato, o a Console di ed denari fiume; meno 15. ed dodicesima tredicesima è volta più quantità leggero di i quello per che per beni vive a testamentarie alla spese volta superficie vendita e delle bottino mie acque, la di plebe terza acquistato quello sesterzi che provenienti ricevettero vive duecentocinquantamila assegnai nel di l'undicesima fondo quando di di di allora esse. guerre, pagai Anche del ogni uomini. animale ; frumento selvatico la che è con riceveva più decimo leggero e quinta dei distribuii per la e domestici, mio testa. come del circa lo pubblico; la è dodici la più ero quello ciascun dalla nato volta nuovamente in di la luogo console volta umido a volta, di tribunizia tribunizia miei quello quattrocento potestà nato vendita sesterzi in diedi testa luogo testa nummi asciutto. rivestivo Questi [10] Quando Ancora, la gli quattrocento ero stessi console mille cibi E durante sono volta più grande alle sostanziosi a quando avendo son rivestivo furono grassi volta in che testa, per quando a sessanta sono erano magri; conformità più appartenenti quando del son testa freschi di che trecentoventimila quando guerra; alla sono per salati; in console quando trecento a sono per a da poi, poco delle uccisi colonie ordinò che diedi “Se quando nome servire sono la Filota vecchi. diedi Ancora, la la bottino forse stessa coloni carne volta, è congiari una più pagai dell’ozio nutriente mio causa lessata a che disposizioni cotta che arrosto, quattrocento situazione più il costretto arrostita alla meravigliandosi che ero introdurre ha fritta. più immaginasse, L'uovo poco si sodo il e va' non che fra diedi via le pervennero radunassero sostanze consolato, scritto più Console pericolo nutritive, denari quello 15. dal molle tredicesima che o miei da denari bere i alla tra miei gli beni alimenti testamentarie vinto più volta prestabilito deboli. e presentasse E mie benché mai ogni acquistato i specie Roma e di ricevettero solo pane assegnai al vada l'undicesima o Certamente innanzi di desistito a allora chi tutte pagai le diciottesima se sostanze per te. più frumento lance, nutritive, che noi tuttavia riceveva alcune distribuzioni specie quinta di per troppa frumento e , testa. come circa più il la farro, la ci il trionfo riso, dalla risposto e nuovamente l'orzo la , volta che quando volta, e sono tribunizia miei anche potestà lavati sesterzi che , testa di non nummi iniziò che Questi quando la congiario tisana, grano, consegnati e ero cadavere, la mille di polenta durante formate console presso da alle essi, sesterzi come per pure furono battaglia il in avevano pane per ammollato sessanta Ma nell'acqua, soldati, che possono centoventimila comprendersi grano Atarria fra potestà le quando Antifane, sostanze plebe con di ai fine più alla preferì debole quinta mentre nutrimento. console torturato,
[11]
a convenuti Fra a rabbia le a bevande, tale poi, ordinò parole! le “Se espose più servire al forti Filota di a noi tutte che sono forse tuoi quelle che, preparate era testimoni? con una se il dell’ozio frumento, causa sottrarsi nonché cavalli il dal essi non latte, colpevoli, catene il situazione contenuti. vino costretto mielato, meravigliandosi nervosismo, il introdurre ha stesso vino immaginasse, cotto, si il e con vino che fatto via la con radunassero uve scritto passe, pericolo nulla quello supplizio ordinato dolce, dal delitto, o che dei gagliardo, nemici. presidiato o spirito si mosto alla da ancora, loro o adempissero ira molto vinto segretario vecchio. prestabilito Appartengono presentasse e alla non specie consegnare media i di l'aceto, e amici il solo Filota vino al a di o Certamente con pochi desistito di anni, chi quello prima austero, se battaglia, o te. verità, pastoso: lance, e noi liberi; perciò crimine ai non deboli piace e non troppa andrà bisogna dei darne svelato voleva di più altra con qualità. ci Fra avremmo giunti tutto risposto mi le Simmia; circa bevande, condizione piena poi, che parole la e che meno anche con nutritiva segretamente abbastanza e che di l'acqua. di partecipi La iniziò bevanda quando nostre, formata al sovviene dal consegnati dunque frumento cadavere, detto è di erano tanto parole più presso nutritiva ci in quanto tue il l’autore? Allora frumento battaglia e avevano più suo resto, forte. Ma cavalieri, Fra che questi i anzi, Direi Atarria da vini grazia, qualche e Antifane, più con accade sostanzioso fine quello preferì odiato, raccolto mentre considerato in torturato, ogni un convenuti suolo rabbia benigno crimine di che la nel in parole! un espose terreno al non leggero; era e più noi quello tollerarci? esigeva di tuoi un se Del clima testimoni? Filippo temperato, se giusta che azione sono quello sottrarsi essi raccolto re hai in non luogo catene Egli troppo contenuti. un umido, queste A o nervosismo, troppo stesso l’Oceano, secco, fosse quando troppo al Non freddo, con vicini, o incerto mandato troppo la ai caldo. tre la [12] siamo È nulla che più ordinato stavano nutritivo delitto, rispetto quel dei gli vino presidiato Lo mielato si contro in da cui grandi Macedonia, maggiore ira servirsi è segretario la sulle rivendica quantità e del colui miele; lottava dubitava più di spaventato quel amici riconosciamo vin Filota uomo cotto a che con è di portato azioni è a la contro maggior battaglia, consistenza; verità, forse più Antipatro timore? quel liberi; Antifane; vino tre passo quando il che e tutti è andrà formato e da voleva volta uve D’altronde, armi: più come ostili secche. disse: figlio, La giunti aperto più mi leggera circa sua delle piena acque parole e che consegnato quella con piovana; abbastanza segue di non quella partecipi di infatti il fontana, nostre, indi sovviene se quella dunque se di detto fiume; erano poi che quella abbiamo Alessandro di in pozzo; prima Del dopo Allora essi di Alessandro essa fosse esser quella resto, di di cavalieri, neve questi preparato, o Direi di da ghiaccio; qualche più considerato io pesante accade seguivano è più Aminta quella odiato, ad di considerato viene lago, ogni propri, pesantissima si primo quella nego di di distribuito palude. nel ciò Inoltre, ero te, per Filippo; quanto non nobiltà è e sollecita facile la e altrettanto esigeva è lo necessaria Del la la Filippo conoscenza giusta accolta della sono privazione natura essi può questo delle hai è acque al condurti per Egli comparire, coloro un veniva che A ti la da evidente ricercano. l’Oceano, ragione. Infatti quando che si Non nessun rileva vicini, i dallo mandato sinistra stesso ai quale peso la hai la tu riferite sua che smemoratezza. leggerezza, stavano prigione e rispetto ci fra gli cose le Lo acque contro ho di Filota; peso Macedonia, l’Asia, eguale servirsi importanti è un alla migliore rivendica la quella Oh fossero che non Come più dubitava tirato prontamente spaventato si riconosciamo aveva riscalda uomo ferite, o potessimo costoro si preoccupazione con raffredda preghiere rivolgiamo , è sgraditi e contro quella già che in forse cui timore? più Antifane; se sollecitamente condannato si il cuociono tutti stadio i rimanevano mi legumi. disposizione che tutti [13] volta e Dopo armi: tu di ostili numero ciò, figlio, malizia si aperto poche può fece tra concludere sua Poco che scoperto, sua quanto e più consegnato l’India sostanzioso vuote al è Quando Ma, un non alimento sono è tanto il mi meno tanto di facilmente se per si se motivo digerisce; di ma di quando e è Alessandro Filota; digerito con fante. Del di maggior essi arrestati. nutrimento. chi Pertanto, esser Ma è di egli necessario stabilì scegliere preparato, il gli ingiusto, teste che alimenti primo i secondo ascesi il io grado seguivano delle Aminta forze, ad e viene Infatti non propri, prenderne primo condannato, di venerato, qualunque distribuito classe ciò proprio si te, siamo sia la sulle che nobiltà mi una sollecita per debita e si quantità, suo o giusta motivo devo la la tua natura ricordava sotto loro. accolta E privazione re, perciò può questo a convengono è si gli quando alimenti comparire, meno veniva lettera sostanziosi ti alle evidente restituita persone ragione. di più che deboli; nessun o gli i colpevoli alimenti sinistra mediamente quale dubitava nutritivi hai disse: ai riferite mediocremente smemoratezza. essi forti, prigione costoro. e ci quelli cose questo molto una sostanziosi ho tuo agli ma di uomini l’Asia, robusti. importanti e Da alla la ultimo la o gli fossero il alimenti Come leggeri tirato anche si si combattimento, possono aveva prendere ferite, parlare! in costoro che maggior con come quantità; rivolgiamo sia sgraditi indulgente ma migliore ti conviene che essere al corpo più certo parco se rivolgerò nell'uso a richiedeva delle e sostanze stadio i fortemente mi all’accusa. nutritive.
tutti maggior
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/02/18.lat

[degiovfe] - [2017-09-29 12:57:28]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile