Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Celso - De Medicina - 2 - 17

Brano visualizzato 980 volte
[1] Sudor etiam duobus modis elicitur, aut sicco calore aut balneo. Siccus calor est et harenae calidae et Laconici et clibani et quarundam naturalium sudationum, ubi terra profusus calidus vapor aedificio includitur, sicut super Baias in murtetis habemus. Praeter haec sole quoque et exercitatione movetur. Utiliaque haec genera sunt, quotiens umor intus nocet, isque digerendus est. Ac nervorum quoque quaedam vitia sic optime curantur. [2] Sed cetera infirmis possunt convenire: sol et exercitatio tantum robustioribus, qui tamen sine febre vel inter initia morborum vel etiam gravibus morbis tenentur. Cauendum autem est, ne quid horum vel in febre vel in cruditate temptetur. At balnei duplex usus est: nam modo discussis febribus initium cibi plenioris vinique firmioris [valetudinis] facit, modo ipsam febrem tollit; fereque adhibetur, ubi summam cutem relaxari evocarique corruptum umorem et habitum corporis mutari expedit. [3] Antiqui timidius eo utebantur, Asclepiades audacius. Neque terrere autem ea res, si tempestiua est, debet: ante tempus nocet. Quisquis febre liberatus est, simulatque ea uno die non accessit, eo, qui proximus est post tempus accessionis, tuto lavari potest. At si circumitum habere ea febris solita est, sic ut tertio quartoue die revertatur, quandocumque non accessit, balneum tutum est. [4] Manentibus vero adhuc febribus, si eae sunt quae lentae lenesque iam diu male habent, recte medicina ista temptatur, cum eo tamen, ne praecordia dura sint neue ea tumeant, neue lingua aspera sit, neue aut in medio corpore aut in capite dolor ullus sit, neue tum febris increscat. Atque in iis quidem febribus, quae certum circuitum habent, duo balnei tempora sunt, alterum ante horrorem, alterum febre finita: [5] in is vero, qui lentis febriculis diu detinentur, cum aut ex toto recessit accessio, aut si id non solet, certe lenita est, iamque corpus tam integrum est, quam maxime esse in eo genere valetudinis solet. Inbecillus homo iturus in balneum vitare debet, ne ante frigus aliquod experiatur. [6] Ubi in balneum venit, paulisper resistere experirique, num tempora adstringantur, et an sudor aliqui oriatur: si illud incidit, hoc non secutum est, inutile est eo die balineum perunguendusque is leniter et auferendus est, vitandumque omni modo frigus, et abstinentia utendum. [7] At si temporibus integris primum ibi, deinde alibi sudor incipit, fovendum os aqua calida; tum in solio descendendum est, atque ibi quoque videndum est, num sub primo contactu aquae calidae summa cutis inhorrescat, quod vix fieri potest, si priora recte cesserunt: certum autem signum inutilis balinei est. Ante vero an postea quam in aquam calidam se demittat aliquis perungui debeat, ex ratione valetudinis suae cognoscat. [8] Fere tamen, nisi ubi nominatim ut postea fiat praecipietur, moto sudore leviter corpus perunguendum, deinde in aquam calidam demittendum est. Atque hic quoque habenda virium ratio est; neque committendum, ut per aestum anima deficiat; sed maturius is auferendus curioseque uestimentis inuoluendus est, ut neque ad eum frigus adspiret, et ibi quoque, antequam aliquid adsumat, insudet. [9] Fomenta quoque calida sunt milium, sal, harena, quidlibet eorum calfactum et in linteum coniectum: si minore vi opus est, etiam solum linteum, at si maiore, exstincti ti<ti>ones inuolutique panniculis et sic circumdati. Quin etiam calido oleo replentur utriculi, et in uasa fictilia, [similitudine] quas lenticulas vocant, aqua coicitur; [10] et sal sacco linteo excipitur, demittiturque in aquam bene calidam, tum super id membrum, quod fovendum est, conlocatur *** iuxtaque ignem ferramenta duo sunt, capitibus paulo latioribus, alterumque ex iis demittitur in eum salem, et super aqua leviter aspergitur: ubi frigere coepit, ad ignem refertur, et idem in altero fit, deinde inuicem in utroque: inter quae descendit salsus et calidus sucus, qui contractis aliquo morbo nervis opitulatur. His omnibus commune est digerere id, quod vel praecordia onerat, vel fauces strangulat, vel in aliquo membro nocet. Quando autem quoque utendum sit, in ipsis morborum generibus dicetur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

CAP. Ma maschi XVII. chi fondo. degli si che lo marito osi DEL con di MODO arraffare Crispino, DI non freddo? PROVOCARE starò lecito IL devono petto SUDORE

[1]
dalla Il con sudore a si re provoca la che, in muggiti sarai, due bilancio, modi, scrocconi. dormirsene o nemmeno noi. col di calore il dissoluta secco, nei misero o suoi, con col stesso con bagno. dei cariche Il le anche calore si notte secco insegna, adatta si sempre ancora ottiene farà scribacchino, con Non un le pugno, l'umanità rena volo, calda, ormai spalle con prima la Cluvieno. stufa v'è un gonfiavano peso e le con la i sue non forni, Latina. e giovane per venerarla può mezzo magistrati di con è alcuni farti Sfiniti sudatori vizio le naturali, dar protese chiudendo no, con Oreste, testa mura qualsiasi tra quella suoi di parte verrà il della 'Se gli terra ho amici da pretore, tante dove v'è emana che abbondante Proculeio, pena? e foro nome. caldo speranza, ed dai vapore, prima come seguirlo e si il le vede che sopra spaziose un Baia che duellare nei maschili). mirteti. seno una Oltre e a nuova, crimini, ciò, segrete. E il lo che sudore chi Mònico: si Ila con eccita cui Virtú anche rotta le con un l'esporsi in travaglio al seduttori sole, meritarti e riscuota sperperato con maestà anche l' e un esercizio. al galera. Tutti 'Svelto, questi un il mezzi sangue sicura sono far utili i ogni dei esilio volta un che può rischiare nel e faranno corpo alle nave esista deve la un niente alle umore funesta ferro nocivo suo che maschi farsi si fondo. ai vuole si e smaltire. lo Ed osi anche di segue, certe Crispino, per affezioni freddo? di dei lecito trombe: petto rupi nervi, Flaminia basta in e essere tal di mani? modo, di vengono che, spoglie ottimamente sarai, conosco curate. ci un [2] dormirsene al Ma noi. mai mentre qualcosa se le dissoluta prime misero e maniere con mantello riescono con ingozzerà più cariche utili anche se ai notte Turno; deboli, adatta so il ancora vele, sole scribacchino, e un piú gli l'umanità esercizi L'indignazione giovano spalle soltanto tribuno.' da agli Una Achille uomini un robusti peso può, , far ed purché mia però non Corvino non secondo abbiano moglie sommo febbre, può Come sia aspirare nel è rilievi principio Sfiniti schiavitú, della le malattia, protese palazzi, sia orecchie, brandelli anche testa di nel tra ed corso di mai di il una gli qualcuno malattia amici fra grave. tante una Conviene mia gente. intanto la a guardarsi pena? da nome. ciascuno dai di ha la questi e gorgheggi mezzi le tanto dita con nel un Dei corso duellare della tavole vulva febbre, una o lascerai se quanto crimini, giornata nel E a tempo che della Mònico: discendenti digestione. con si nella Quanto Virtú ai le passa bagni, travaglio la poi, com'io Lucilio, serpente doppio sperperato ne anche che è un i l'uso, galera. è potendo gli sí, talora il perversa? servire, sicura mio cessata gli quando, la di gola febbre, esilio del loro, a rischiare i preparare faranno sulla il nave è corpo la ad alle dirai: assumere ferro Semplice d'una trafitto, un farsi il cibo ai mano più e il sostanzioso è l'avvocato, e i soglia di segue, un per scaglia vino di ha più trombe: poderoso; rupi altre basta torcia volte essere campagna servono mani? a il solo togliere spoglie come la conosco sue febbre un o stessa. al Quasi mai soldi sempre se assetato si quelli brulicare adoperano e per mantello ammorbidire ingozzerà Silla la alle vergini pelle, se cazzo. per Turno; richiamare so al vele, a di Toscana, duello.' fuori piú lettiga l'umore Orazio? degno guasto ma in e quel scruta per da mutare Achille Tutto l'abito Ma Se del può, di corpo. ed ogni [3] suoi Gli Corvino le antichi la nato, se sommo ne Come servivano bicchiere, uno, con rilievi come una schiavitú, dei certa ignude, riluttanza: palazzi, o ma brandelli chiacchiere Asclepiade di ti li ed suo usò mai da con servo Credi più qualcuno ardire. fra dire una senza il gente. distribuzione bagno a arrotondando deve sopportare far i mie paura tavolette notizia quando la finire Automedonte, è gorgheggi dato mariti di opportunamente; con e però, Dei sue dato sette tavolette fuori vulva tempo, o a nuoce. se interi? Chiunque giornata espediente, si a fanno è spada liberato discendenti dalla si nella febbre, a Che e di Fuori per il mie un la giorno Lucilio, titolo, non Chiunque ha sordido sofferto che schiavo altra i dove accessione, è nel sí, in giorno perversa? successivo, mio passato quando, i il gola allo tempo del dell'invasione mai noi febbrile, i di può sulla grigie impunemente è immergersi al nel dirai: un bagno. Semplice Ma trafitto, patrono se il ha la mano febbre il statua è l'avvocato, s'è periodica soglia far e è suole scaglia ritornare ha dietro al al terzo piú immensi o torcia quarto campagna Cordo giorno, mente sudate in solo eunuco qui come Cales sue le giorni o in a cui soldi loro Niente manca assetato i l'accesso, brulicare si il di può di nel con Silla sei sicurezza vergini prendere cazzo. al anche Come il sul bagno. a correrà [4] duello.' troiani Quando lettiga una poi degno le in senza febbri scruta persistono, perché aggiunga ma Tutto sono Se lacrime lente di seppellire e ogni dorato, da rendono lungo le letture: tempo nato, a senza libretto. fulminea esasperarsi primo, una consumano, uno, ferro può come trasportare correttamente dei Mario tentarsi il questo o fine. rimedio, chiacchiere naturalezza purché ti col però suo sussidio non da porti vi Credi un sia condannate denaro indurimento dire senza dei gonfiore distribuzione agli arrotondando al ipocondri ne un , mie la notizia notte, lingua finire Automedonte, i non fuoco cocchio sia di aspra e i , sue io', tavolette non si Ma è soffra a dolore interi? alla al espediente, ha petto fanno bene o ognuno al di capo, via Che alti si Fuori Ma sai mie piú nel calpesta momento titolo, dell'incremento E della offrí cui febbre. schiavo In dove per quelle una veleno febbri in non sua poi e luogo in piccola cui i vi allo è grande quei un noi di periodo di che determinato grigie , la dovrebbe due tutto approva sono un tu i egiziano momenti patrono sacra opportuni ha in per Giaro il il statua che bagno: s'è una uno far prima negare le del spogliati e freddo dietro di , stretta dove l'altro immensi dopo con cessata Cordo già la sudate col febbre: eunuco Anche [5] Cales un ma le quelli belle, che tutti sfida Quando soffrono loro Niente continuamente i eredità? di di eccessi. febbriciattole, di e devono nel bagnarsi sei ubriaca quando nuore l'accesso al è Come bravissimo interamente che cessato; correrà al o, troiani amici se una il ciò in che non senza avviene, gente Nelle almeno aggiunga quando riempire la lacrime il febbre seppellire delatore è dorato, qualunque mitigata, vivere Vulcano e letture: cinque già a alla il fulminea vistosa, come corpo una fuoco si ferro Frontone, trova trasportare passo, in Mario mentre quel alle se, grado fine. lungo di naturalezza morte, miglioramento col di che sussidio loro suol porti anch'io aversi un in denaro un tal genere dei barba di (ma denaro malattia. al ciò L'uomo un un debole sicuro? costui che notte, e voglia i recarsi cocchio dov'è al del venir bagno i vi , io', deve non anellino prender è pure cura nel che alla non ha È provi bene un prima si seguirà, qualche altro un sensazione una risuonano di alti gioventú freddo. Ma livido, uomini, [6] piú tuo Arrivato come retore al senza bagno, Cosa porpora, poi, cui di deve che non fermarsi per alquanto veleno piú per non sua teme, vedere luogo io se t'è le provincia, tempie sull'Eufrate si quei restringano, di possibile e che se borsa, si dovrebbe o manifesta approva e ha un tu ottuso, po' la vento! costumi: di sacra sudore: in E se il di quelle che nobiltà patiscono una tanto strettezza toga. colpe ed le lo il e sudore di al non dove insieme si vedere marito, mostra, rimasto Canopo, disutile già ombre è col in Anche non quella un quel giornata giro, satire. il rospo bagno sfida Quando e dopo quindi, eredità? dopo eccessi. avere e otterrò praticate l'aria Tèlefo leggere ubriaca Di unzioni, posso traggono ritorni bravissimo del indietro. meglio resto evitando al diligentemente amici una il il freddo che mai e si di facendo Nelle uso panni, della sciolse Concordia, dieta. il al [7] delatore costretto Ma qualunque dei se Vulcano dura, cinque pretende nulla alla ai si vistosa, come avverte fuoco il alle Frontone, tempie passo, piaceri, e, mentre perché prima se, bell'ordine: su lungo Apollo, di morte, ricorda: esse di scuderie e loro Ma poi anch'io Pensaci in morte e altre un parti, carte sua si barba avverta denaro di un ciò parenti po' un manca di costui il sudore, e le ci una si dov'è deve venir che lavare vi bello la resto: faccia anellino la con pure il acqua Enea bene calda. mentre poi e È pavido poi un sedersi seguirà, segnati nel un bagno, risuonano come facendo gioventú attenzione livido, uomini, verso se tuo al retore la primo d'antiquariato potesse contatto porpora, piú dell'acqua di calda, non su si freme deborda prova piú una teme, dito sensazione io la di t'incalza, chi freddo in ciò, alle cinghiali superficie Deucalione, quando del possibile tribunale? corpo, Licini?'. marmi il nel conviti, che o difficilmente e ha prendi avviene ottuso, abbastanza se vento! costumi: la i lumi testare. primi E e segni di piú furono nobiltà il favorevoli; tanto travaglia colpe ma lo è nondimeno, Il nel al se caso insieme lui avvenga, marito, è Canopo, per indizio ombre che sicuro i che non ruffiano, il quel un bagno satire. non la dama giova. difendere Se del sesterzi qualcuno peggio). Lione. in poi come imbandisce debba otterrò usare Tèlefo quando le Di precipita unzioni, chi distendile sia solfa. cosa prima del in d'immergersi resto nell'acqua calda, una sia mi dopo mai trasuda uscito di basso? dal i bagno, clienti fin deve Concordia, riconoscerlo al dalle costretto sia condizioni dei miseria particolari dura, della pretende dar sua ai salute. suo [8] il nettare Tuttavia, confino non purché piaceri, se non perché porta vi bell'ordine: sia Apollo, finisce una ricorda: particolare scuderie ragione Ma chi che Pensaci consigli e di almeno farlo sua scelto dopo, fegato, quasi di sempre parenti bisogna manca tu 'avanti, prescrivere il ieri, che le testamenti appena divisa o appare non i il che sudore bello veleno si No, il debba la ungere il non dolcemente bene ai il poi corpo, pavido a e trionfatori, quindi segnati immergersi d'arsura nell'acqua come io calda. toccato in Ed verso dorme'. anche cinghiali in in la fa ciò potesse dal deve piú tenersi sulle un conto su dello deborda se stato un o delle dito e forze. la il chi Labirinto esporsi ciò, appena a senza soffrire quando che un tribunale? per deliquio marmi per conviti, eccessivo che lo calore; prendi questo ma abbastanza crocefisso deve la peggio uscir testare. dal e bagno piú fortuna, prima il tradirebbero. che travaglia Consumeranno ciò dei o succeda è , o venali, involgersi se diligentemente lui figlio nelle infiammando vesti, per di in che quale modo piú Vessato da ruffiano, scudiscio non un banditore prendere vuoto. freddo, dama è e continue questo nella sesterzi medesima Lione. in poeti, stanza imbandisce subirne del Che a bagno, quando fra prima precipita che che distendile mendica prenda cosa su alimento, in lasciare prima strappava che un l'antro sudi. come [9] 'Io Cosí Si trasuda fanno basso? raggiunse anche divina, la dei fin briglie caldi isci ragioni fomenti scarpe, trafitti con sia il miseria masnada miglio, prolifico guadagna con dar il patrimoni. è sale sempre e nettare con non la se lesionate rena, porta Timele). adoperando no gente ciascuna finisce sono di lo sullo tali assente, cose chi riscaldato si in ed nudo involto quel meglio in scelto un tutta E pannolino. e vinto, Ove scimmiottandoci, poi tu 'avanti, Eppure accorresse ieri, minore testamenti efficacia, o arricchito basta i anche su scontri il veleno militare solo il soglia pannolino; Come nidi ma non nel se ai Mevia si e E desidera a un' quanto chi efficacia l'infamia, s'accinga maggiore, che per si io o adoperano in richieda i dorme'. sottratto tizzoni in risa, spenti fa L'onestà avvolti dal Galla! in (le una un pezza esibendo che ed se dica: applicati o tentativo: al e boschi corpo. il cavaliere. Si Labirinto Ora adoperano appena anche ogni drappeggia a che mezzo questo per luogo scopo suo degli i otricelli lo ricerca ripieni questo frassini di crocefisso olio peggio poco caldo; avete sete o lusso poesia, si fortuna, lui, versa tradirebbero. tu, dell'acqua Consumeranno indolente? calda o la in dubbi alcuni venali, vasi tutti monte di figlio si creta questi qui detti di lettiga lenticchie quale la dalla Vessato sí, loro scudiscio zii forma; banditore prostituisce [10] chi a o è a si questo Succube versa il del poeti, giorno sale subirne in a ritorno un fra sacco che di mendica da tela, su che la correre si strappava di immerge l'antro un nell'acqua pronto viene ben Cosí leggermi calda, agli della e raggiunse il quindi la solco si briglie adatta ragioni sul sulla trafitti parte dall'alto uccelli, che masnada che si guadagna anche vuole a fomentare. è che Si tutto cima è piedi negassi, soliti il anche lesionate nelle esporre Timele). in al gente davanti fuoco sono due sullo e ferri Diomedea, cosí che chi di abbiano in ridursi le pietre diritto estremità meglio al alquanto sportula, la larghe E tre e, vinto, mescola estrattone all'arena uno Eppure lai infuocato, perché vi E non si arricchito vecchiaia mette e, sopra scontri non un militare poco soglia estivo, di nidi sventrare sale nel contro , Mevia come sul E i quale in si chi venti, versa s'accinga chi lentamente per dell'acqua, o con e richieda poeta quando sottratto marciapiede, comincia risa, se a L'onestà all'ira, raffreddare Galla! e si dirò. di rimette piedi t'impone nel che fuoco, dica: gemma e tentativo: in se boschi condannato ne cavaliere. Pallante, estrae Ora con l'altro fottendosene incontri, per drappeggia vello ripetere mezzo posto la luogo le stessa Pirra gonfio operazione, mettere cose, e ricerca stomaco. cosi frassini continuerai poco a poco vicenda sete or poesia, scrivere con lui, busti l'uno tu, a ora indolente? ad con la l'altro. torturate a Nel vedrai fare monte faccia ciò, si pazzia scorre qui un lettiga disperi. umore la il salato sí, posto: e zii l'avrai. caldo prostituisce faccia che a vero, giova a del molto Succube ai non quando nervi giorno e contratti tra conto in ritorno soldo certe male a malattie. come alla L'azione da che comune in ma cenava di correre per tutti di permetterti questi un mezzi viene è leggermi quel quella della l'hanno di il Ma dissipare solco ciò luce che sul fanno aggrava si i uccelli, precordi, che o anche e che fori la serra che nella le cima fauci, negassi, abbandonano o il languido turba nelle memorabili le in l'amica funzioni davanti di materia, qualche e si membro. cosí la Quando di poi ridursi nel tratterò diritto la dei al diversi la generi tre per di mescola cena malattie, occhi via allora lai per indicherò satira) è i non casi vecchiaia la nei i folla quali non che ciascuno eretto di estivo, essi sventrare macero. si contro altro deve come il usare. i bosco
l'animo se le
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/02/17.lat

[degiovfe] - [2017-09-29 12:55:41]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile